Skip to main content

Full text of "Liber de homine [in italiano] Libro del perché"

See other formats


Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



MEA intcrefì: m agnificc ac gencrofe Milcs Tobannes et bcntn:o T iis 
ut in omit^ bis quib^ mese fuffjciutuires meucjf pótingeniu tuaefè|> 
ftudeà mgmficètiaj oblgetia mibi beneficia a te collata di e nocìucg 
c5placere,Tuaìpterea uirtutes acbenignitastcj omejuiru difcretio 
ms capace ituù am) ré Ipellut me ad tibippetuo feru;édu$ etia^ icli 
nat Tu2e ifup digniflimse jpfapiae et bentiuolns àtiquu nome et e ga 
populu bononièfé ìgéti a menta ac bumaìtas nò p aiua:cj i èp extitit 
quoslibSc ad te dibgèdu? alliciuc.Quidlógiusrepeta.nus bis nup 
diebj uidimus quanto ftudio c|to labore cjtaqj cantate \ populu tuu$ 
bononièfe^ fame admodu laboràtè ufus es.Nam fi tua no aftuifi6c 
bumaitas cjuot paupes uiri fame pnffétcjuae feditòes 8c tumultus c| 
ue fcàdala i bac urbe f ames base adducWa erat.Tu gelator pacis tu 
benignus tu mifericors.Tu pius.tuqj bumaniffimus exiftis,0 feli 
ciatcporacj te tuleruntfcelix patria :cju2ealuit:foclixpopuks: cui te 
frui cctigit. His itaqj cómotus rebj qnoddà meo iudic-o digniff.mù 
opus 8c uanu 8c magno labore ac lucubratòe ccpofitu^ t,bAroiniq ? 
tuo dedicare ccftitui no paru g materia & reru uanctate delegate is 
ac emoluméti ailaturù tibi aibitratus:cureru naturaliu^ caufas bir c 
ii* diliger lueftigatas 6C edudas i maternu leimonè e latino traduxi 
opus iccirco magis comune ratus ,Qu d cnì ìocùdius {Quid dtleda 
bilius ?Qpidpftantius ? Quid ue magis bi mano mtellecìui fat.s i a 
cìèsc] reru caufas cognofeere fermone panter claro fiC aptotidatte 
frante uirgìlio Marone i Gcorgico Carmine cu ìquit. f celix g potuit 
rcrù cognofeere caufas. Antiope* elj nofhi pbiloicpbia acOcm reru^ 
naturahu^ fciètia^ tetris fermonib? àbiguifcp fcnptuns cebbat Lgo 
aùtleronimus de manfredistutomne bumanu^ genus pofleteai 
telligere nectà dignareru cognitione fraudaretur elaboraui eorLm 
fétetias dilucidàdo acinpublicu efTudèdo tuo magnificètiae pcipue 
copulfus amore .Et eafdèp quefita & refpofionef exaraui:cjuod ti 
bi 6c omnib? legètib^ delec^ abiliffimù fore aibitor fimulq? defideio 
Et fi ppetuù fuerit boc opus :ut deù Maximu oramus efficiat nò ni 
bil etià apud futura pofteritaté ad gloria^ noTs tui ppetuàda$ labor 
nofter afferSCtquod etiànobis defunftis p ea q te ^pfecjuor afedòe 
optatiffimu^ eiieniet.tuqf foeliciter Vale Miles generofiffimctuà 
qj felice ac ,pfpera$ fortej fata còferuent. j? : 




L1BER DcHOMINEtCVIVSSGt 
LIBRI DVO.PRIMVS LIBER DE 
CONSER VATIOne SANlTATIs 
CAPiTVLVM PRIMVMDECa 
VS1S Se NATVRIS OMNIV^Eo 
RVM QuAE SVMVNTVR IN 
CIBCQu^SLTA.LXX. QuAESI 
TVM PRIMVM,^ 

ERCHE ilfopcrcbio nelle 
cofe eh uiuemo fa in noi infir 
mita.acarte ,i* 
PERCHE ilfuperfluo mangiare e* 
bere diftempera ìlcorpo bumano - a 
carte *i$ 
PERCHE nel inuerno Ce mangiano 
cibi più groffi che nela ft ade ♦ a . ca . i ♦ 
PERCHE bannodiuifolmedicitut 
te cofe calide frigi et bumide e fice per 
cjuatro gradi, a. carte ,ii, 
PERCHE lecofedolzefojopilatiue 
* a carte: *ii 
PERCHE Iecofc un cìuofe idueono 
pigritiae graueza cF capo etogliono 
loapetito.ac .ii* 
PERCHE Iecofc accctofe e accute fa 
no uecbieza nanci tempo, a c , li. 
PERCHE Iecofc falfe nuoceno alo 
ftomaco e agi io chi, a c. .5. 
PERCHE ilpane del frumento de ef 
fcr fatocum fale e. fermato e: cuj uno 
pocbod' furfure.a c .ri. 
PERCHE pefamanebo ilpane fala 
to ebe il non fatato, a ca .in 
PERCHE ilpane che altuto efenza 
furfure non e«fano: come anche cui e 
lo eh e . tuto difurf ure ♦ a c • ii . 

P E R C HE ilp an e trop o leu ato nò , e « 
fà.ac ÌJ* 
PERCHE fi et lauareprla ilpane di 




febrieti nelacj e poi fare di qllo ilfuo 
mineftro*ac • £ 

PERCbe Iapafta quanto epiu doma 
t a tanto e più fan a, a c 
PERcHE nonefanoilfrumento co 
tonelacjua.a e 4iii. 
PERCHE ilpane del frumento epiu 
còueniète ebe de altro grano, a .crii*. 
PERcHE ilpane delafpelta gioua ali 
graffi Se ali idropici* a c »j» 
PER ebe ilpane caldo no efano.ac«j 
PER eh ilpane fredo e più bianco cb 
ilcaido eLmilméte lobo àtiquo cbel 
nouo.a. c ,iii* 
PERcb nuoce afuportare fame a c.j 
PERcb liuecbi cu^ minore nocumen 
to fanno abftinentia ebe lcaltre etzcY 
a carte, iiii* 
PER cbniene fame* a,c.iiii 
PERcb laf ame nuoce alicolerici e go> 
ua a li fi egmati ci» a.c«iiii, 
PERcb liputti e lidecrepiti magiano 

Più fpeflo ebe lealtre etact a.c.iiiw 
ER cb alcbuni cibi fono conueniéti 
8c alcbuni difconuenienti alicorpi bu 
mani. acini. 
PERcbe Iacarne del porco euifeofa e 
bumida*ac v» 
PERcbe li ucelli fonno di poco nutrì 
mento e di facile digeftione. ac *y 
PERcbe ale uolte uno cibo ebe e cari 
no di fua natura gioua e fa prò , ac.y 
PERcbe li cibi ljgieri da padire noce 
no ali lauoraturi e acbi porta gram fa 
tica e giou a li cibi groffi : e ali corpi di 
licntiilcontrario.ac *v 
PERcbe ilpollo giouene e migliore 
ebe lagalina.ac „v 
PERcbe ilgallo uecbio comoueilcor 
pò e non ilgallo giouene. ac .v 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



PER et) e migliore lag alina affata nel 
uentre de lagniello ouere del capreto 
a carte .yi 
EERCHE lacarne delgallouecbio e 
xoffa e quella delgallo giouene e bià 
eba acarte ,vi 
PER che lo animale quanto più inue 
cbiatàto baia lacarne più dura, ca, vi 
PERcbe lagnello de lacìe e ìllaudabi 
le ma de uno anno e molto mcgliore 
e ìlcapreto e ilu. cello e molti altri ani 
li eìlcontrario.ac .vi 
PERcb lacarne del capriolo tra lecar 
ne de lianimalifilueftri eia migliore 
e maxime etfédo gioueneto e de lacìe 
acarte .vi 
PERCHE lagnello quando e uecbio 
non e fano ehendo foa carne molto 
più ficca che quando e de uno anno 
acarte .vi 
PERCHE lrpaflera etilcolombo ue 
cbionon fonno aceptabili j utrimen 
to anoi m a dfpone ìlcorpo affai alafe 
bre acarte .vi 
PERCHE ìlcapone e migliore cbel 
gallo, acarte .vi 
PERCHE laquaglia inprima e di fre 
da e ficca ceplexióe epoi e de deca et 
bumida acarte *vi 
PERCHE lagnielli ebe nafeono nel 
le regioni cald fono megliori efr quii 
li ebe nafeono nelle regione frede , 
acarte v ii 
Percbeli animali uolatiliiqualibano 
lacarne roffa o negra fono ìllaudabi 
le anoi. acarte .vii 
Percbe molatili ebe babitano neifiu 
mi e tra palludi fonno molto catiui e 
mal f ani e maxime quilli ebe bano ca 
tiuo odore acarte . yjì 



PErcbe lacarne e no ciua alla febre e 
aebi e molto repieno, ac ,vn 
Percf> lacarne macra emigliore e più 
n u tri ti u a cb e 1 agr a 11 a . s . c ; y li 

Percbe lacarne ucrgelata e meglliore 
e de più laudabile notamente ebene 
funa alta carne o mecra o graffa , vii 
Percbe lacarnedel capreto e migliore 
freda ebe calda e quella dcllagnello e 
meglioretalda ebe freda. ac «vii 
PRCHE e molto pm catiuo el pane 
quando non fe digienffc ebe lacarne 
quado firn lmète no fe p?d;fle. ac .vii 
PERCHE lecofe eliffate fono più bu 
mide nelle parte extrinieebe 4 c nelle 
intrinfeebepiu fe^cee ilcctrario e ne 
laroftite ebe fono più bumide dentro 
«fiecbedifuora.ac «vii 
PER ebe legarne mal cotte fonno più 
dure ebe bem cotte. ac .vili 
PERcbe lacarne mal coda da più ru 
tr.mèto eh quella ebe e pm eocitaedo 
ella fe digierifTe.ac .yiii 
PER ebe ìlporcbo de ]:-c r ìe non e rr ol 
to laudabile anci e molto dprobibire 
albuomo*ac ,viii 
PERCHE lacarne del porco falata 
e di poco nutrimento e dmatura fica 
effendoilporco molto bumido come 
eftato diclo. ac »ViH 
SErCHE ìlporcbo faluatico epiula 
u Jabilc e di migliore nutnmèto nutrì 
cbel porco domeftico* a e viiù 
SErCHE ipef i picoli d* una fpctic fò 
migliore eb ipefci grandi . a c. viti 
SERCHE elpefc ebe b; pmfeaie e. 
piti laudabile a c: vili. 
SERCHE latencaelanguilafonro 
ciue ac. viii, 
SERcbe i mele e migliore coefto che 



crudo ,ac •vili 

PJE^cb ; i!m2lc ebe fa poca fcbìuma 
quando fe cuoce e rrrgliore.ac «yiii 
PERCHE nuoce il mangiar e diuerfi 
cibi in una menfa.a.c, xviii 
PERCHE mangiando de più cibi fé 
de proponere quello ebe e cP più faci 
le cLgeir,ione eprepono quello ebe e 

Pmgraue*a.c* xviii 
E R ebe non f e de molto prolungar 
Smangiar fuo nela menfa zoe ftare af 
fai mangiando atauo!a,a. c. xviii 
PERCHE fono alcbunibuomini ai 
quali nuoce cibi delicati elegieri: E 
praui gli giouaiEt alcbuni altri fono 
di contraria natura a c* xviii 
PERCHE fono alcbuni cb recbiect 
no nanci mangiare alcbuna cofa ftiti 
cba.ac, xviii 
PERcbe nanciilcibo grotto non e fa 
no apigliare alcuna cofa labile e lubri 
cia.c. xyiiii 
PERcbe le fruefte ficebefono miglio 
re ebe Ierecente*a*c« xyiiii 
PERcHE non nuoce lifructi recenti 
aquei ebe f afaticano a . c* xviiii* 
ERCHE nooce acolui ebe era ufo di 
mangiare affai mangiando poco.E fi 
milmente nuoce acbi era ufo di magi 
are poco magiando affai* a. c. xix* 
PERcb nuoce amangiare lacìe cum 
cofeaecetofe.a.c xyiiii, 
PERcbe giou a amangiare dopo ripa 
fto eofe ftiticbe, a c* xvim\ 
C APITVLVM SECVNDVM cV 
CAVSTS IN HOMINE CIRCA 
EA QuAE B1BVNTVR QuAEfi 
TA Lvi. PRIMVM QuESITVM 
PERCHE ìluino nuoce aliputti 
caligiouanie conu eniente bcuu 



to cujm efura *ac ,xviiìi 
PERCHE lbuomo ebrio trema del 
fredo e doueria effer ilcontrario effen 
do ilumo caldo. a*c* xviiii» 
PERCHE iluinoemolto nociuoal 
m ale del acoft a a , c ♦ xx 
PERcB piutoftoin ebriailuino tem 
perato cum u^ poco daqua cb e ìluino 

furoa.c. xx 
ERcb laebrieta ebe procede dal ui 
no adaquato c pegiore dacurare cb la 
ebrietà del umo puro. a. c. xx» 
PERcbe ìlcaulo cura lab ebrietà indù 
ta dal uino »ac *xx 
PERcb ìluino molto adaquato indù 
ce più uomito cbel uino mediocreme 
te daquato.a.c. xx 
PERCB liebrii cb bcueno uino poffé 
te non adaquato caci no in molte infir 
mita.a.c. xxr 
PErcbe ìputti non bano tanta fete co 
me igiouani. ac ,xxi 
PErCHE a lbomo ebrio apare ogni 
cofa mouerfe incircuito, a. c» xxi 
PErCHE albomo ebno una cofa gli 

farcmoltea.c. xxi 
erebe lebrio difeerne meglio Ieaquc 
falate ouerc amare o qualcbe altra co 
fa acuta o di mal fapore.ac 4xxii 
PErcbe leb rio e imponente alcebito 
agitare ilf per ma. a .e, xxii 
PErCHE fe alcuno e facto ebrio per 
moltitudine de uino a . c. xxii 
PErHE fe alcbuno f atto ebrio lafira 
p beuere tropo uino teperato a ti xxii 
PErcbe quei ebe faf aticano alcòtinio 
pono beuere molto più uino. ac, xxiii 
PErCHE ìluino diuerfifica icoftumi 
deglibomini . a c xxiii 
PErCHE limelèconicip elbeuere tro 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



no fi g< i mone ila entre . a. c* xxiii 
PHRCbebeuando molta quantità et 
uinoilcopo doueta più (litico a c.xx^ 
P£rCH3 coloro che fono extenuati 
aleuolte moreno per beuere d' molto 
nino antiebo e pofEente a carte* xxiii 
PERCHE ali ebrii lacrimano cotinu 
amente gliocbi a carte ♦ xxiii. 
PErCHE nei fortemente ebrii nò ui 
ene fortino a carte» xxiii 
PErCHE ilpoco ebrio fa più paccie 
che qlo ebe e fortemète ebno a c. xxiii 
PERcHe gHebrii molto falegrano p 
ilcaldodeffolc a carte* xxiiu. 
PErCHE lalinguadelebriofcapuza 
e non può pferire del piare a.cxxmi 
PERCfcleligue Cuccili parlano me 
g 1 io e più expeditamente quando foj 
inebriati a c. xxnn 
PERCHE iputiegioueni quando f e 
inebriano più urinano ebe liuecbi eb 
tn a carte. xxnn. 
PERCHE lo!io conferire alaebrieta 
a carte xxiiii 
PErCHeilfpermacTgliebriirare uol 
té genera, a carte xxùii. 
PER cb foportare lafete delanocìe fo 
pra dorm endoli zoua molte a c xxiiii 
PERCHE afoprabibere atal fette et 
lanose cb procecF nei f ani da cibi tol 
ti lafira non gioua a c. xxiiii 
PERcHE non fide beuere dopo ma 
fiare ne uino ne aqua a car. xxv 
PERcHeiluino moctratamente tolto 
incita e -coito a c« xxv 
PERCHE e meglio adaquareiluino 
per f ci bore ì anci ebe febeua a c.xxy 
PEReHe iluino dolce fa fete ac.xxv 
PErCb iluino dolce nuoce alfigato c 
gioua alpulmone a c* xxy * 



PErcb e meglio quando Ibomo man 
za beuere poebo e fpefle ebe abeuere 
inunauoita.a carte. xxy 
PErcbe non fe de beuere fopra aifruc 
tia carte. xxv. 
PErcb iluino dolce ingrana a ca, xxy 
P Ercb eluino nouo $oe ìlmufto noce 
alfigato a. c. xxy 
PErcbe eluino uecbio e più caldo, e* 
più dell i catiuo e più poifente ebeluij 
nuouo acarte «xxy 
PErcbe e più laudabile iluino cb no 
c tropo nuouo ne tropo uecbio . a ♦ car 
te. xxv* 
PEcbe iluino uecbio cura loappetito 
canino a*c* xxy 
PErcbe laqua corrente cb corre fopra 
illuto non fetido e megliore e più lau 
JUbile cb quela cb corre fopra lepetre 
acarte xxy. 
PErcbe laqua ebe difeorperta dalfol 
e uenti e megliore ebe quella ebe e co 
pertaacarte ♦xxy. 
PErcbe fono megliore leaque ebeco 
reno uerfo loriente cb quelle correno 
uerfo locidente*a*C xxyi 
PErcbe laq cb corre amezo di. e pe$o 
re cbqlla core alfeptentrion a.c*xxyi 
PErcbe laqua emigliore cocìa ebe cru 
de.ac. xxyi 
PErcbe non fede rompere ìlgrano di 
lorzo quando fe f a delaqua de eflb Or 
gioac. ■ xxyi 

PErcb laqua pluuiana e più putref ati 
bile ebe Iealtre aque.ac* xxyi 
PEfcbe leaque delpozzo fon illauda 
bile o uer de uie cbiuf e a c . xxyi 
PErcbe laqua ebe tofto f e rif calda e. 
tofto f erinf x ed a e più 1 audabile : cb lo 



PErcB c molto ancB più catiae laq cB 
patTano £ minerà ouie de piombo c& 
quelle del pozzo *a ca* xxyj 
PERCHE tra tute leaque fon più ca 
tiue leaque de paludi a c, xxyiì 
PHrcbelacjua del pozo quanto più fe 
trabe tanto deuèta m'g'iorc a cxxyii 
PErcbc laque delle lacune che ftano 
ferme e fon del coperte fon molto gra 
ne e cattiue.a ca. xxvii 
CAPiTVLVM TErtiumdecaufis: 
qu» funt in bomine circa fomnum 8c 
u.giliam qusefita.xii.quaefitnj primu 
PcrCHE ìltropo fomno e tro 
po uegliare nuoce a c* xxvii 
PErcbe ìltropo fomno bumeta e litro 
p j ucgbiare deficca»a xxvii 
i'Ercbe nel fomno non fepurga £ uri 
na e fterco come neluegliare a c ♦xxvii 
PErcbealcb 

uni dormèdo urinano de 
cg:ri{Tino non fentendofi a*c. xxvii 
P Ercbe non fi de dormire incontincj 
ti dopo ìlmangiare ,a c* xxvii 
PERCHE dà* dormire prim a fopra 
allato dextro e poi fopra ìlf.niftro . a • 

SSS\ t xxli 
rtiKcb cbi ailfigatocaldoeiiaoma 
CO fredo nò cr* dormire fopra ilato dri 
to.a.o xxyiii 
PERcb cb: ba fluxo del corpo de dor 
mire fopra illato drito. a, cart. xxviii. 
PERCHE ìlgiafere cum leparte del 
corporetracteepiu fano che dormire 
d ftefo.a carte xxviii 
PERcbe e buono aftarefopra iluen 
tre et e molto cattiuo giacere fopra la 
febina acarte xxyiii, 
PERCHE non fe dorme bene uolgi 
*ndofi alla luce. acarte •xxyiii, 
PERCbe ftàdo fopra illato dritopxu 



toftofe dorme acarte sxxyiiì 
CAP1TVLV? quarta cP caufis ibole 
circa exercitm^ (^c(ita.xxy,q Uc f it u* 
primum 

ERcbe lo exertitio ctbitamete 
fato cóferua lafanita ac. xxyiii 
CERCHE fi de fare exercitio adegui 
no e non doppo ìlcibo. acarte .xxvni 
PERCb fe de fare exertitio aduzuno 

dc'Au xxviji * 
PErCHE aileprofi idropici apopleti 

ci & aquehcbebanno fredo liftoma 

cogioualofxcrcitioa.car. xxvini 

PERcbe gioua ad txercitarfe nelocbi 

o in ued re cofe minute xxyiii 

P ErC HE c a m m an do p er u alli più f a 
fatica lbomo facendo ipafli Icgbi c& 

Per luocbi montuofi acarte ♦ xxyiiu, 
ERcbe nei forti exercitii iluer tre in 
ferioretraglialtri membri folo fede 
macraac. xxymi 
PERCHE pugioua allelaxitudine 
e fatigatióe di forti exertitii laun&iòe 
facìadeoliomiftocumlaquacbe un 
elione faefta cum olio folo a*c.xxyiiii 
PErCHE lexercjtio forte alleuolte ge 
ner a rogni a , acarte , xxviin . 

PErHE e più faticofo menare libraio 
uodo per lalìere acarte. xxyini. 
PErcbe qua'do noi coremo ueloccmi 
te : apare ebe laiere fia un ueto - a c xxx 
PERcb ilfuperfluo execitio rifredda 
ìlcorpo. acarte 

ERCHE ognialtro membro daluen 
treifora fricato et exer citato feingraf 
fa, acarte ^ Q 
PERCHE quando nellexertitio fite 
mo laxitud.e dtbiamo r pofarc da tal 
exercitio. a carte. ^o. 
PERcbj quandi Ibuomo corre cade 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



piutoftocbcjdouadi paffo.a.c* jo* 
PERcbe quando noi afcedemo ce do 
le legenocbieelegambe,a car jo. 
PEK.cn quàdonoicaminemoper la 
uia ignota non f apendo de ebequan 
tua fefia app are p.u lunga che fe laco 
nofeemo .a e. ?o. 
PERCHE agili ebe fono faticati g 
cxercitio non Tigli de dare mangiare 
incontinenti dopo loexertitio, c .30 ♦ 
ERCHE e più difficile ileorrere ebe 
landare di p affo .acarte 
PERcbe quiefédo foto ir aggi 31 fole 
più fe ref calda ilcorpo cb mouédofi 

Percbe ipaffibreui nelexercitio doue 
ilcorpoi ferma un pobeo e. poi urti 
poco ua fon molto faticofi e (bacano 

Ibomoa^c P 
PRCHE ìlcorfo ueloce fa debile e/t 
fermo leparte ebe fono circa lateft a a 
carte. 

PERcbe lbuomo adebilitato permol 
to exertitio apare bauere lauoce fotti! 
acarte» P.* 
PECCHE lbomo ebe a molta fupf lu 
ita nel corpo per grand* exercitio fefu 
foca alle uolte 'J 1 ' 
PERCHE ilrepofo alcuni ingr affa. e 
a^uni inmacra, catte p* 
CAP1TVLVM quintum decaufis 
cuiae futin bomine circa euacuatòe$ 8c 
repledtonem quxfitaxcii.quefitu pri 
mum. * 

ERCHE leeuacuationefugf 
f lue e repleclione diftemperano lino 
ftro corpose, p} 
PERcbcomandanoimedtci cbelbo 
mo *confe*uarelafanita fedebia pur 



gare ftelaprma uera a ca* $11 
PERcbenociuo apurgarfe nela e£ta 
de odo e grand. Aimo caldo . cerne ne 
liuerno quando e grandiffimo fredo 

acarte* V^* 
PErcbe limedici nanci ebe dagano la 
purgatane dano alcuni f irò pi .ac.jj, 
PERcb comandano limedici ebefop 
ralamedicina incontinenti fe dorma 

acarte» ? 1U * 
Percb quando incomenza adoperar 

lamedicinafedtbemouere lbuomo 
legieramente. a e. 

Percbe f e da laqua dorzo o uer brodo 
macro cum zucaro rollo dopo laoper 
ationedela medicina f& 
PER ebeotdinano limedici co lafira 
ebe feguita lapurgatione o .uer la ma 
tina fedente le debba fare uno argu 

2liì 

mento, ac 

PEcbenonfi de mangiare doppo lo 
per atione delamedicina ne npoffare 
infino atanto ebe non uegnia uno po 
co difete acarte -xxxnù 
PErcb ìlcorpo cF> a iluentre inferiore 
macro con diff iculta fubftiene purga 
tione per leparte defota. a ca. jiiiw 
PErCHE cbi ba ilcolo lungo e fottìi 
cum lefpale eleuate:5C ilpeCÌo ftrefto 
p mffuno modo fe et purgare £ lep ar 
tedTopra.ac 

PErcbbifogniando purgatone nella 
eftate meglio e apurgare per leparte 
difopra ebe per leparte difotto e neli 
uerno e il contrario- a c. pnii 
PErcbe quando lbuomo urina affai 
lanocìe ua poco del corposa ca, jiufl 
PErcb fudano più leparte fuperiore 
ebe le parte inferiore a e* jiiii 
PErCHE leparte bagnate nelacqua 




calcia mentre ebe fe bagnano non po 
noludare.a c. pni 
PERCbe ilfudoredelcapononefe 
tidoacarte* più 
PErCHE non fuda cuffi lbuomo lui 
uerno come laeftade.a c «aititi. 
PErcb colore ebe fe exercitano forte 
f e finpoGfano P oco e da poi àcora 
p ,u fe exerot3no più fudano nel fecò 
do exercitio ebe nel primo.a c* jy. 
PErCHE fuda quei ebe fono afueti 
de fudare che quei ebe nò fó ufo defu 
dareaca* xxxy 
PERCHE glbuominicbe ftanonel 
fole più fudano ueftiti ebe nudi, a ca 
te xxxy 
PERcHE lbuomo fuda più nela f a^a 
8C aebo più nella fronte . a c* ?y 
PERcbe quando lbuomo fuda felfe 
fnca cuj uno pano metendoffi poi af 
fudare più fuda ebe fel non fe netaffe 
PErCHe più fe fuda nele parte pofte 
riore delafcbina cb nele parte anteri 
ore del pecìo. a c* $V 
PERCHe quadolbomofuda felfe 
ri nf refe a oda aqua o da uento gliuie 
ne f afbidio nel ftomaco,a ca. 
PERCHE fuda più lbomo circa lep 
te del capo e de piedi ebe circa lealtre 

Parte* a car. ?v 
ERCHE lbuomo fuda più quando 
f afatica ebe quando fe npofla $v 
PERcbe Im edici quando uoleno far 
fudare uno: Prima difpongono ileor 
po cum un picolo caldo. a ca. $vi* 
PERCbe non fuda nela fazaglbuo 
mini ebe fono molto rubicundi ac ?vi 
PSRcb gìbuomini ebe fe exercitano 
^ exercitó timorofo doue cafea timor 
de morte gli fuda lipiedi e non lafaza 



a carte ^vi 
P Ercbe molte uolte quando nui fude 
mo o per forte caldo iteriore o extcrio 
refentemo fiedo a c: ^yi 
PErcbe gettando lacquacaldao .uer 
freda iepra il corpo nudo fi fente fre 
do e rigore, a car* ^vì* 
PhRCbnel principio diparociflimi 
dele fcbn lepiu uoite fenteno lnnfir 
mi fredo.a. c yq\ 
PErcb ìfuduri frcdi nele infirmita fò 
peggiori cbeljfuduricaldi.aca» ^vi 
PErcfcfe fuda più quando fe dorme 
cbequandofeucgbia.ac. ^yi, 
PERCHE fuda ibuomo quando mo 
rea.c. ^ v ii 
PERcHelimedi ci quando uoleno fa 
re fudare uno gli dano della aqua eoe 
ta calda o uer delumo abere *a. c.^yii 
PERCHE ilfu dorè facto ingran qti 
ta lanote nel fomno quando fidorme 
fezaniuna altra cafione fignifica quel 
tale bauere tropo cenato lafira ouere 
ebe e tropo ripieno de cattmi bumorì 
a carte* ^yìì 
PErcbe alcbuni bomini fon c? natura 
ft itici: Alcbuni fon lubrici. a car; ^yiì 
PErcbe coloro ebe fono ftitici nel te 
po delagiouetude fono lubrici delco 

[>onelauecbiezaac. 
J Ercbe icibi ebe fono de ueloce nutri 

mento uelocemente fe egerifeoro le 
fuefuperfluita«a.earte ^yiii 
PErcbe nei f!uxi et f angue dale parte 
defota quando poi fereft aura il corpo 
douenta lubrico a<c* ^viii 
PErcbe aleuolte lefezc inteftinale foj 
negre come fargue negro, et more ne 
ouer fangue negro» a. c* ^viu 
PERCHE alcune urine fon groffe e 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



al cb a n e f o n f ottil e ♦ a c / J vìa 

PERcbe laurina aleuolte eturbìda e* 
alle uolte e chiarata c. ?vini 
PER cbelaurina turbida nele febre 
acute f i gnifica dolore di tefta o nel p 
terito onelprefenteo nel aduignire* 
a carte. jvini* 
PERCHE neibuominipeftilentiati 
appareno le urine turbide a car, ^yiiii 
PErche lurina aleuolte efcie chiara e 
poi diuenta turbida et alleuolte efeie 
turbida e poi diuenta chiara et aleuol 
te efeie chiara e rimane chiara et alle 
uolteefcie turbida e rimane turbida 
acarte ♦xxxyiiii. 
PERcr> alcuna urina ha lanubeouer 
ipoftefi de alcuna non lba ?a,c,xxxx. 
PErcHe alcuna urina e bianeba alcu 
rolla o negra o daltro colore a car.xl. 
PErCHE nei fernetxi lapiu parte ap 

P areno leurine biàcfi & aquofe a oxl 
ERcb ìlfredo delaiere guafta o uere 
intorbida laurina a c* xl 
PErcbildegiunooucr fameouer ex 
ercitio o uigilia o uer paflion danimo 
e ileoito e Ubere delaqua uaria lurina 
acarte ,xxxx* 
PERCHE alcuna urina e*fetida:8c 
alcuna non, a car, xli 
PErcb fe urina alleuolte arenule e,p 
de picoline e donde procede quefto* 
a carte xxxxi 
PERCh neiuechìlapreda fi genera 
più tofto nele rene che nela uefica e* 
nei putti più toftonela uefica che ne 
le rene a ,c, xli 
PERche quàdo lhuomoba compido 
de urinare liuiene aleuolte un poco et 
f redo ouer rigore ac ♦ xli 
PERCHE decoloro che uf ano mol 



10 coito gliochi e leach patifeono più 
* detrimento ebe alcbuno altro mèbro 

acarte* xli, 
PErCHE lieunuchi che non ufano il 
coito riceueno lefione nel uedere co 
me quelli che lufano tropo a c xli 
PErCHE tra glialtri animali più feri 
folue e debilita ihuomo per ilcobito a 
carte x ^ 
PErcB lomo getta molot fpma a c xli 
PErche ìlfpermabiancbo efpumofo 
a,c xlii 
PERcb più tofto compifle Iicohito li 
disunì che linpieni de cibo . xlii 
PErCHE laf rigidità di piedi non con 
ferifife acolui che uole ufare iicohito, 
anciliprobibitfe ac. xlii 
PErche quilli che hano lauefica pien 
na de urina non potfono tofto còpire 

iicohito a car, «fi 
PERoiputn e lepute quando come 
zano ad ufare iicohito licorpi loro re 
cPno fetore cioè ilfuo fudore doue pri 
ma nanci alcobìto ilfuo fudore non fa 
pea de rio, xlii 
PErche glbuomini non poffono fare 
ileoito nel aqua come ilpefce e li elle 
phanti.a car. xlii, 
PERcbebafato lanatura ali elefanti 

11 tefticulifopra del a fchina efimilmé 
te alli rizzila car, xlii 
PERcF) qdo li elepbati uoleno ufare 
iicohito entrano nelaquuaac xliii 
Perche manco e peggio f e fa iicohito 
dalbuomo nel aqua calda eh nelafre 
daac. xlj 
Perche elcohito e cofa deleclabiliflìa 

acarte* x h 
PERche gratando larogna ceffa ilfca 
dorè a car* xlin 




PER cbelbomo fopra tuti gl'altri ani 
mali più f e moue aicoito e più fpeffo : 
e da ogni tempo» a car. xxxxiii 
PERCbe lafcminabapiudelecftatoe 
nel cobito cbelmafcbio a car, xliii ♦ 
Perch lef anciulle depoco inanci che 
fiano in etade de meitruare molto de 
fiderano ìlcoito e fono molto in conti 
nentc.acar, xlj 
PERCHe fe drira Iauirga nel coito e 
fmilméteqdo Ibuomo urina a c. xl^ 
PErcb ìlmafcbio nela eftade può ma 
co nel coito ma laf emina più a c xliiii 
PERCHE ipuci cbc ancbora non po 
no fpermatizare banno dilecftatione 
nel co.to be^ cbe non gietino fperma 
acarte* xliiii 
ERCHE feuergognalbuomo adire 
ildefidcrio del cobito a car xliiii 
PERcbeilcoito refreda ilcorpo cjuan 
do e fupcrfluo e più iluentre cE> laltre 
parti, acarte :xliiii 
PErCHE ìlcoitoaleuoltegiouaeale 
uoltenuoce.a ca xliiii » 

PErcbifcoito nuoce fortemente acbi 
baueflfe fame ac* ,xlv. 
PErcbe ilcoìto moderato cbc e facflo 
aldebito tempo allegieniTe ìleorpo e 
induce fonno «acarte .xlv 
PERcbilcobito nuoce ali febricanti 
c leprofiefcabiofi*acar* xlv 
PERcbe ilcoìto tonferiffe e gìoua ad 
? ! cunemfirmita flegmaticc a ca ♦ xlv 
PERCHe ilcobito nuoce alepodag 
ree aturte lcaltre infirmrta delegion 
ture ,c*di nerui,a ca. «xlv. 
PRCHE ailuxuriofi cadeno icapelli 
clepalpebreedouentanotofto calui 
Porte, xlv* 

PERcbe limeléconiciadufti fono hi 



xuriofi e molto defid erano ilcboito e 
non limelenconici naturali, a. c, xlv 
PERcbfolo Ibomo traglialtri anima 
linondouenta barbuto fenon cjuan 
do comenja adufare ilcoito.a,c, xlvi 
PERcbe alcuni bcmini eh pnm a era 
no fen^a capili o nero nebaueano po 
cbi o ilcoìto poi fe generano capali 
in etti. acarte .xlyw 
PErCHe glbuominipilofi fono mol 
to luxunofi c quanto fono fono più 
piloxi iono p.u Juxunoxi.a c. xlyi. 
PHrcfr laf emina patiffe meftruo ogni 
mefe e ìlmafcbio non acarte .xìyi, 
PERCHE lafemma quanto e più ro 
buftattanto più tempo dcla foa uita 
dura ilmeitruo. acarte «xlvi 
PERCHe laf emina lanci ali duoctei 
o uer tredeci ani no mefcrua,a c.xlvii 
CAPlTVLVMfextGde caufis qu* 
funt in bomine circa aerem circundà 
tem.(^a?fita.xlviÌKquefitu primum 
ERCHE quando lanno c pio 
uiofo e molto bumido e peftil 
entiale a carte, xlyii 
PErcbequando laparc molte rane pi 
cole di colore cinericio difopra lafcbi 
na e ebebano lafaza roffa altcpo del 
caldo incctinenti dopo Ippiogia e ua 
noialtado p luoebi pulueroii e fiebi 
efegno di peftilentia acarte ,xlvii. 
PErcb più fe inferma nela eftate cbe 
nelinuerno;a, carte xlvii 
PER Cbe fegenerapiuinfirmitanel 
la prim a uera e nel autumno eh in nif 
fono ltro tempo, acarte ,xlvii. 
PERcbe cbi cbiareuoltefeinferma : 
cbjareuoltefcampa. acarte. xlviii, 
PERcb Te nelinuerno e fiedo fenza 
piogia elapnma uera epiouefao uer 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



bumida nela^rate poibaboda cFmol 
te f ebre e altri mali, acarte ♦xlviiì* 
P Et cbe effondo linuerno caldo etbu 
mido e lapna ucra freda cufica babo 
da de molte ifirmita nelaprima uera c 
nella eftate acarte ♦ xlviii* 

P diro effendo laftate fredo e ficco e 
lautumno aldo e bumido »poinelin 
uerno figenera dolor de capoecatar 
ri e altri mah acarte ♦xlviii. 
PErcbogm complexion diftcmpera 
taftapiu fana neltèpo cotrario afua 
natura e pegio nelcèpo Cimile c xlyiii 
PERCHE ìlpermutare delaque nel 
magiare o bere genera infirmita e nò 
co(Ti amutar aere alocbi uicini c xlyiiii 
PERcHelamutatione delaque acbi e 
difpofto agenerare pedocbnne fa ge 
nerare molti acarte .xlviiii- 
PErcbe effendo lo"uerno f redo e fico 
e alaprimaueracalda ebumida oue 
te piouofa e 1 adate molto fica lautuj 
no ep ; eno de infirmita. a c. xlix 
PERcHe eflfendo Iaefhtc calda e pio 
uefa ef milmentelautumno loinuer 
no poi douenta pieno de infirm ta . a 
carte. xlviiii 
PErcb lapeftilentia e morbo contagi 
ofo efimilmente larogna elfluxo e il 
male del tifico a ca* xlxiiii 
PErcb comandano lunedici tcbenel 
aere pcftif ero non debba lbomo ufar 
troppo cxercitio acarte .1. 
PERCbe laiere altera più icorpi nof 
tri cbe qllo cbe noi mangiemo o beue 
mo a carte, xxxxx 
PErcbe laiere cbne circunda continu 
amètc dfica icorpi noftri e doueria ef 
fcr aleuolte ilcÒtrnrio effedo lacre bui 
do molto in alcuni tempi* a d xbc. 



PERCHE quando tra uenti mendio 
naligrauano icòpi noftri e filiftano 
pigri amouerfi a , c x!x 
PErcbe liuenti fettètronali generano 
toffemaldicoftaefquinantiaa c, li. 
PErCb nela eftate fefa ìlcolore di cor 
pi gialo eminuifle laurina a car» li« 
PhiCHE laiere molto fredo augume 
ta laurina e minuiffe laegeftióe ac, li. 
PERCHE nelinuerno apare molta 
bipoftafio uernube nelunna e poca 
nella eftate acarte. .li, 
PERCHE lautumno e fredo e fecco 
elaprimauera calda et bumida temg 
ata acarte .In 
PERcHe eldi delautuno«e inequale 
in lefue bore percbe mo e caldo : mo 
e freddo acarte Aiu 
PERcbe ep ucomendabilelaeredc 
uno luocbo cbe dunaltro acarte .Ili. 
PERCHE un luocbo nceue più lape 
ftilentia cbe unaltro acarte Ali. 
PERCHE! alcune regione laeftate e 
più longa delinuerno :6c in alcune al 
tre e ^contrario a ca: Ali. 
PERcb in alcune regione fon doiin 
uerni doi eftate doi autumni e dcr pri 
meuereacarte Lk 
PERCHE lecitade e altri luocbi cbe 
fonno circa itropici^oe del cancro o 
capricorno fonno più calde cbe niflu 
no altro luocbo acarte <lii« 
PERCHE e magiore caldo delmefe 
de luglio cbe de giugno acarte .liii. 
PErcbe ìluocbi caui ebaffi comeleua 
le fon più caldi cbe limonti e liluocbi 
alti a carte liiii 
PErcb liluocbiouercitadecbe fono 
pofti uerfo fetentrione:& bano limo 
ti afettétrione e ciaf coperti dal megi© 



di fono caldi molti a ea» liiii. 
PErCfr lecitade che fono dif coperte 
daleuante e coperte da ponente da a! 
cuni monti fono più calde che quelle 
cd fono coperte daleuante e dd coper 
da ponente a carte liiii 
PtìRcbe lecitade ebe fonno difeopte 
daleuante e da fettètrione e cojDte da 
mego di e daoccidete:fon piutempa 
te cbeniffune altre acarte •lini. 
PbRcB lecitade eh lonouicine alma 
re:ilquale mare fiauerfo fettentrionc 
tal citadefon fredde ebumide efe hi 
no limare uerfo meg.o di: fono calde 
e bum de acarte Aiiii. 
PERCb lecitade ebe fono uicinealli 
m3ri de leuante fono più bumide eh 
lecitade: che fono uicine alh mari de 
ponente acarte . Imi . 

PErcbe iluento meridionale e caldo 
e bumido acarte * liiii. 

Pireo liuenti feptentrionali fono fre 
di e fiebi et allcuolte fon caldi avellili 
PERCHE liuèti orientali ebe uengo 
nelfine delanocftc e nel principio de! 
di fonno più futtili e manebo bumidì 
acarte 9 ]fòf- 
PERCb nei luocbi babitabili ebe foj 
exceffiuamente caldi g^buomini fono 
tim:diedipocbauita,aca. lv. 
PERcbe icolerici fono depiulonga 
ulta ebe lif legnatici a ca. lv* 
Percbeg'buomini ebenafeono nelle 
regione fortemente calde fono negri 
e nelle frede biancbi. .lyù 
PErcbe nei luocbi più bumidi babita 
bili non g^ie tropo grand inucrno ne 
tropo grande eftade a c. Ivi. 
PER eh nei luocbi alti e montuofi ba 
Citabili glbuomini fon f ani erobufti 



aear# l yi \ 
Percbe g'buomìni ebe babitano nele 
parte fettetnonale fredt bano licoftu 
mi lupini a car. Jyj, 
PERcbe glbuomini ebe babitano ne 
le parte fettentrionale non incorrerò 
mal caduco e lefue piagbe tofto fef an 
nano a carte l v j 
PErCHE glbuomini fettcntrionalià 
no hcorpi ftitid e le loro femine non 
b; no abondantia cPmeftruo a ca.Iyii 
PErcbfono più fané lecitade ebe fon 
no dif coperte daloriente e coperte da 
loccidente ebe quelle ebe fono ccper 
te dal oriente e difeoperte dal occiden 
tea.c ] VI i, 
CAPITVLVM Septimumd'caufis 
in bomine qu* funt circa paflic es ani 
m*.qu*fitaxxiiKqùefitum pn'mum 
PErebelepatfionedelanimofon cafó 
de indure diuerfi accidèti e mfirmita 
nei corpi noftn e alebunepaflìon dai 
mo conferuano lafnita acarte .lvii* 
PER eh latnftitia e iltimore rifredda 
no ìlcorpo alle parte difora e rifcalda 
no leparte interiore acarte, .lvii* 
PErCHE ìlt.more e triflitia moueno 
hfpiriti alle parte dentro :e lira ,elale 
grcza moueno lifpinti ale parte de fo 
raac * lvii 
FErcbnelbomoquadoba uergògna 
douetaprimalafaza pallida e poi rof 
f a fcàbiàdofi de deuarii colori. civili 
PERCHE nel timore trema lbuomo 
acarte ' J Vlil - 
PErCHE alcbuni per gran paura de 
qualcbe punitane bano Cete .civili* 
PERCbe nei timorofi dunagram pa 
urafe moue i!copo:8c aleuokefemo 
ue urinala car. lviii. 



PERCHe aquei ebe tanno paura tre 
mano Iauoce elemano e illabro infc 
fiore delabocba e no ìlfugiore olviii 
Parche fimelmente trema illabro di 
lotto aquei che fortemente fonno crii 
zati .acarte Ayiii* 
PERcbenelirato non triemalauocei 
nelemane come nel timorofo ma pur 
trema ìlabro difotto Itutti dui .c» Iviiì 
PErcb neglibomini adirati uien fete: 
come nei timorofi acarte «lvni. 
PErcB fugge nel timore ilcaldo natii 
rale efpinti daicuore e daleparte fujgi 
ore allep arte if erio r e deluetre , c . lvni 
PERcHecrcfcelaudacia nellbuomo 
irato c nel timorofo ileotrario c lviiii • 
PERCHE neitimorofificontrbaeli 
tefticuli acarte .lvmi. 
PErcb nel timore forte molte uolte fi 
fpermati^a acarte .lviiii. 
PECCHE nella triftitia et anxieta e 
nel forte dolore lbomo grida e lame 
tafi e nel timore grande Ibuomo tace 
acarte .JyittW 
PERcb contiene Ibuomo ilfpirito e il 
fiato neldolore;enelaàxieta.a carte 

.lviiii 

PErcb nela p aura grande fe pella lbo 
mo; lviiii 
PERcbs nel timore doue Ibuomo te 
me dela morte uengonolicapili canu 
di come accade nelibuomini ebe fon 
no Iprexone liquali afpeclano lamor 
teaca* lviiii 
PERCbe nella bianebeza di capilii 
già dicìa per lapaura più fe imbiacbif 
felicapilli nella cima e luocbi remoti 
dallacute cb neli luocbi uicini e doue 
ria effere il contrario a car* lviiii 
PERCHe una grande alegreza ama. 



za Ibuomo. culli come una grande tri 
ftitìaepaura a ca- lx 
PER ebe rotfifegliocbi aglbuominii 
tati e leorecbie aglbomini ebe fe uer 

Pogn ano a ca ♦ 
RCHE laimaginat'one de Ibuomo 
o-uer cogitatone ferma alcuna egritu 
dine fa molte uolte uenirequela a car 

te lx * 
LIBER Secundusdecaufis in borni 
ne circa cópodtione eius*CAPlTV 
L VM pnmum de caufis qua* flint cir 
cica pillos Se circa pb!ionomia?:qu;c 
fum.tur ab eis cuia:fita*xxxvi«quefitu 

primum ♦ 

PErcbe ileapo traglialtri me 
bri e pilofifto nelbomo c<lxù 
PERCbe nelle cicatrice e luocbi del 
corpo bruf ati no nafeono pelli , c .Ixi 
P circo alcbuni bomini fono f enza p e 
liouernebanopocbififimi a.c. Ixi 
PBRcb in alcuni fi genera lacalultie 
Éfcinalconinon.a carte lxii 
PErcb procede più torto lacaluitie ne 
le parte anteriore cb nela parte pofte 
rioreaca, !*8* 
PErcb non cadeno ipelli delle ciglie 
ne fe genera caluitie in quei luocbi co 
me fa nelaparte anteriore dicìa calua 
ria acarte «Jxii' 
PErcbe neli etiopi o. uer buomim ne 
grinonuiene caluitie aca. Ixii 
PErdi neli euniebi f emine e putì no 
aduiene caluitie :ma neglbuomini fa 
A* fi a c. 

PErcbe queitebe ufano tropo ìlcoito 
tofto douentano calui acarte MU 
PERcbe fono alcbuni bomini ebefo 
no fenza czpMiM"^ freqentando 
ilcoito douentano capillati a , c ♦lxii ♦ 



PER cbe lbuomo cbe e caluo de natu 
ralecaluitienonpuo recuperare più 
icapilli. acarte .lxui. 
PE^CHe alcuni animali bruti fé mu 
tano d* peli come ilcane ìlbue a c lx.ii 
PERCHE cadeno lefronde nelinuer 
no e non nella eft ate acarte ♦lxiii, 
PERCHE felfe caftra lbuomo dapoi 
cbe e barbuto gli cade ipeli dellabar 
ba^ma no diuéta caluo acarte .bau* 
PHrcb lafemma nonba barba :ne an 
cbe e troppo calida acarte * lxiiii ♦ 
PERCHE lbomo caftrato e lafemi 
nabanno ìlcaldo naturale più debile 
cbe no effèdo caftrati acarte ♦lxiiii . 
PERCHE in Iberno prima fi gcner3 
licapilli eleciglie e repalpebre c lxiiii 
P ErCHE non fi genera labarba nela 
f -onte e nei pomob delafa^a c .lxiiii. 
PERCbeipeli delle ciglie crefeono 
piuneiuecbi cbe nei gioucni c .lxv» 
PfirCHe tra tutti gli ammali lbuomo 
douenta caluo acarte «lxv. 
PERcbleparte dellafcbina nclgliani 
mali brutti fono piupiiofe acarte - lxv 
PSRcbe alcbuni bomini bano lipeli 
del corpo negri alcbuni biancbi alcu 
ni daltro colore acarte «lxv* 
PERcb nei conualefcenti ebe banno 
bauutalongainfirmita douentano bi 
ancbi loro peli e quando fono reftau 
rati diuetano negri acarte «lxv» 
PERcHe cbi porta ileapo dif coperto 
c maxime alfole douentano biancbi 
loro capilli acarte »Ixvi. 
PERCHE quei cbe portano ileapo 
loro coperto douentano più tofto ca 
fiuti acarte «bevi. 
PERCHE ilfumo del fulfure imbian 
eba icapilli acarte .bevi. 



PErcbefolo'bomo fraglialtrì anima 
L eilcauallo douctano canuti »c.lxi< 
PErcb più tofto douenta canuto lbo 
mo nei capo cb nellaltre j>te,c.lxi, 
PERCbe douctano prima letempie 
cbe lealtrc parte del espo *c. ,lxvi. 
PErcb in alcbuni buomini fono Iica 
pilli et ef pi e in alcbuni piani c .lxvi. 
FErcbe Lcapilh nfcaldano ileapo 
acarte ♦lxvii . 

PERcb icapilli piani e molli e fegno 
cbe lbuomo e timorofo e licrifpi c fe 
gno debuomo audace .c. .lxvii. 
PERcbeglib uomini cbe banno peli 
fopra lafcbma fono audaci . c. lxvii. 
PERCHE quando lbuomo e molto 
pilofo nel uentre e molto luxuriofo 
acarte .lxvii. 
PERCHE quando lbuomo epilofo 
fopra lefpalle e ilcollo fignifica d'ine 
tia e obftinatonc nel mal fare c lxxiù 
PERCb quando lbomo e pilofo nel 
pe&o e nel uentre figno e cbe e poco 
fauioacar. lxvii 
C APIT VL VM fecundum de caufis 
in bomine quaj funt circa caput quefi 
ta nouem quef ìtum primum . 

ErcB ileapo n e lbuomo e fitua 
o nele parte fuperiore del cor 

Poaca. lxvii 
Ercb iteapo picolW necefita e cati 
no e ilaudabile apffo et tu ti lunedici 
e pbilofopbi a car, lxvii 
PErcbe lbuomo cbe ba ileapo picco 
lo e irofo e retiene lira & e. timido* a. 
carte. Ixyììì* 
PERcb ileapo grande aleuolte e di 
buona natura aleuolte no . e. ♦lxviii. 
PErCHe lanaturabafatolecomiflu 



re o future nel odo del capo a c, bevili 
PERCHE lafemina e più imprucU 
tepa^acbenone ilmafcbio Axyiii , 
PErcbe la figura del capo nò de effer 
intuteo rotonda acarte «bevili* 
PErCHE q landolafronte delbomo 
e gracF figmfica lomo decimare aftul 
titiaacarte ♦ixyiii» 
PERcbe ilcollogroffo epiulaudabi 
le cbel collo fattile acarte ,lxyiij\ 
CAPIT VL VM tertium de caufis :q 
funt in bomine circa ocu^os et eorum 
£tes.Quefita liii, quefituj primum 

PErCHE lanattiraba favolo 
cbio defredda etbumida com 
plcxione acarte . lxviin* 

Piìi^Cbe quelbuomo cbebagliocbi 
grandi e pigro dinatura c .lxviiii 
Percbe ucdeno meglio gliocbi <pfon 
di cbe gliocbi eminenti acarte lxviiii 
PErcb gliocbi ^profondi e concriui - 
fignificaolomo efler traditore lxviiii 
PiiRCHe lomo cbe ba gliocbi difora 
tropo eminenti emuerecundo loqua 
ce e matto acarte Ixyiiiì 
PER Cbe lomo ebeba lapupilla del 
ocbio molto negra e timido c lxviiii 
PErcb alcbumocbifonobiacbi alcbu 
ni nigri8c alcuni d altro colore lxviiii 
PERCb lictiopi^oebomini nign ba 
no gliocbi nigri acarte lxx 
PErck liputti nella fua ìfantia bano 
gliocbi biancbi acarte Ixxi 
Ì^ErCb gliocbi de glbuomini conua 
Ief centi cbe efeono de infirmita trano 
abian ebo e poi improceflo ritornano 
negri come erano prima a car* lxxì. 
PERcb glbuomini e licauali fe diuer 
fificano più nei colori de gliocbi cbe 



glaltri animali a c. lxxì 
PER CHe locbio biàcbo ued* meglio 
alof curo cbe alcbiaro e locbio negro 
ilcontrario ac. Ixxi 
PERcbe quando locbio guarda trop 
po nel fole o uer una cofa tropo luci 
da fedebilitailuedere,a ca lxxii 
PÉRcbe locbio fimilmente f e debilit 
a nel obfcuro aduegna cbe non tanto 
quanto nel tropo lucido a ca* lxxii 
PErcb quei cbe fono ftatinel obfcur 
ro non poffono poi guardare ne lume 
acarte Lxxii* 
PERco alcbunibuominiuedeno me 
glio dalunge cbe d apreflfo 8c alcbum 
meglio dapreilo cbe dalungi* Ixxii 
PErcb quando l'iuecbi uoleno ben ue 
dere una cofafe laremoueno dalocbi 
o e pare cbe dapreilo non lapotfano 
ben uedere a ca» l* x $ 
PERcbe liuecbi molte uoltenonpo 
nolegierc unalittera allume deliaca 
della e poi lalcgeno allume deldi a cài 
te Ixxiii . 

PErcbe fe debilita più locbio auecTre 
lelitere minute cbe legrolle a ca*lxxii 
PER cbe fon alcuni ocbi ebe uedeno 
male acarte lxxùi. 
PERcB quando gliocbi dnnp bomo 
fono molto mobili e guardano fjflo: 
tal bomo e inganatore e ladro c Ixxiii 
PErcbe molte uoltc gliocbi cbe fono 
altutto fenza mouimento fignificano 
lbuomo caldo di natura e malitiofo 
acarte Inorili 
PErCb g ! iocbi cbe fc affomigliano J 
colore agliocbidela capra figmfica lo 
mo cflfermato a ca. Ixxiii 
PERCHe colini cbe nelgnardare fe 
fumiglia al guardare delaf emina e lu 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



xmiofo e inuerecondo acarte lxxiiii 
PRCHE collui che ba gliocbi gradi 
e tremuli e pigro e inamorato 5 f emi 
ne acarte lxxiiii 
PErcb colui eh ba gliocbi piccoli e de 
nari colori tremuli e iuere/cudo e ama 
tore de f emine a car* lxxiiii 
PErcbe colini che ba gliocbi roffi co 
me una braxa e peflimo acarte lxxiiii* 
PErcbe collui che ba ìlfuo guardo fi 
mile aquello duno putto e tutta lafua 
complexione e gliocbi aparc ebe ride 
no e lieto e di longa uita acarte lxxiiii 
PErcbe quando lapupilla delocbio e 
molto grande fignifica quel bomo ef 
fer pigro e di groflo igegno c .lxxiiii, 
PErcb collui cb b3 gliocbi de uarii co 
luri cum liquali fiamefcolato colore 
giallo fignifica tal bomo bauere pelli 
mi coftumi acarte * lxxiiii. 

PERcHH quando apareno molte ma 
cui e circa lapupillade locbio fignifi 
cmo lbomo effer cattiuo acarte lxxiiii 
PERCb collui ebe b a locbio picolo 
fora eminente come delgambaro: fe 
gnoedeftultitiaecbtalbomo e aua 
ro e ebe feguita tutti lifuoi defiderii 
acarte lxxiiii 
PERcb gliocbi pico li ebe fon mo T to 
mobili e lepalpebre p alpitano fignifi 
cano lbomo effer peffimo e. .xxv. 
PERCbe collui ebeba lepupille del 
gliocbi ebe nel circuito diquelle appa 
re una fimilitudine difuoco fegno e 
cStalbuomo e inuido loquace e timi 
do acarte *lxxv. 
PERCHE gliocbi ebe Tonno fimili a 
gliocbi deleuacbefignifica Smencia 
«paciaacar. lxxv* 
PERCHE Iapuppillanegra:laqual€ 



baun certo co;ore come fuffe de aura 
ta fgnificalomo cattiuo e bomicida 
acarte. ^ XX Y* 
PErCHE gliocbi ebe tenderò alm 
giuxo come del bue i igmfica Ibuorr.o 
pazo e fuciliere cadeie i ebrietà lxxy 
PErcbg'iocb. migliori ebe pollino e( 
fer funno qui 111 ebe fono incolore ti a 
ilbiancbo e negro acarte Ixxv, 
PERCHE cbi ha multitudine de pilli 
nelle ciglie e dimolta cogitatiòe e tri 
ftitia etba bruto parlare acarte Ixxv* 
PERcHe colui ebba cig^ie lunghe e* 
arrogante e fenz a uergogna a c.lxxv 
PERcb uede meglio lbuumo uno ob 
iecfto feràdo megic gliocbi o uer cb;u 
dèdo uno e tenendo laltro aperto co 
me fano quilii cbefagitaro.a e lxxy 
PERCbe ibuomo Cieco e de piufotil 
leitele<fto che lomo che ucct a c. lxxvi 
PERcb quilL ebuedeno male fcriue 
no littere picole & appare inconueni 
ente a. e: lxxvi 
PErcb qmlli che uedeno male ferran 
rio alquanto gliocbi quado uogliono 
uedere una cofa a ca. lxxvi 
PErcB ilforte exercitio nuoce aluede 
re acarte , lxxvi 

PErcbe odo fe guarda uerfo illume 
dcllalucerna o uerfo ìlfole feuede me 
glio mettendo lamano dinaci dalocbi 
che fenz a» acarte lxxvi. 
PErcbe lamano e lipidi bano differé 
t adalaparte dextra alaparte finiftra 
acarte Ixxvii. 
PERCbilnoftro uedere miglior nei 
co^riuerdi che nei bianchi e negri 
PERCbe ilfumo morde più gliocbi 
e nuoce aquelli acarte .lxxvi 
PErCHe locbio mai non ha freddo 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



acarte lxxviì 
PERCHE lafrontepiana cbenò ba 
crcfpe fignifica lbomo litgiofo lxxvii 
PERCHE lelacrime de colui cbepia 
gc fo no calde e lelacrime decolui cbe 
ba gra^ dolore fono frede a ca» lxxvii 
PERCHE lafronte crefpa o uer rugo 
fainfino ameggio collega fignifica 
Ibuomo cfferirafibile.a ca* lxxvii 
PERco lafronte fupercbeimente ru 
gofafignifica lbomo eflfer inuerecun 
doacar: lxxvii 
C APIT VL VM quartum de caufis cj 
funt in bomine circa os 8c eius partes 
quacf ita ; xxii. quaefitum . primum , 

ERCHE colui cbebalaboca 
grande e audace guolofo . c lxxvm 
rErcb cbi ba lelabragroffe e pazo d* 
intellecìo e pigro» a c lxxvii 
PErcbe collui cbc no può troppo be 
neftringerelelabratno etroop fano 
delcorpo acarte .lxxviii. 
PErCHElidèti temenoe feteno più 
ìlfredo cbeilcaldo acarte .lxxviii. 
PERCbe cbi ba lidèti debili e minu 
ti erari e dibreueuita acarte .lxxviii. 
PERCHE coluicbaliditi canini 12 
gbìefermiegulofor&eaudace a car 
te lxxviii 
PERCbe lbuomo e defimil coftumi 
comefcanfomiglialafuafaja joc cbi 
a lafaza fimile alcbrio fede inebriar e 
acarte, lxxviii* 
PErcbcoluicbalemaxille grolle de 
carne e di grotta natura e intelleclo a 
carte lxxviii 
PERcb cbi afubtile faza e de molti 
pèfierite molto cogitabudo c.lxxviii» 
PErco colui cbi 1 afaza lunga e inucre 



cudo a carte lxxviii» 
PfiRcbs cbibafazapicola ecatituo 
caldo e adulatore a ca* lxxviii 
PErCbe cbi ba laf acia diforme e bru 
ta non può edere buono fenon rare 
uolteao lxxviii. 
PERcbe cbi a lafaza rotunda e di po 
cointeliecìo ac* Ixxyui 
PERCHE lafacia rofla fignifica cali 
dita de complexione e labiancbeza fi 
g nfica frigidità a car* lxxviii 
PRcb colui cb ailcolore come una 
fìama de fuoco einftabile e funbun 
doacar. lxxviiii 
PfirCHe lafaza et colore roffo cbiaro 
f ignifica lomo effer uergognofo a car 
tc lxxviiii. 
PER CHe ilcolore gialo e ìluerde e il 
negro dclafaja dgnifica lbomo effer 
iracundo a ca bcxwini 
CAPITVLVMquintumd' caufis c| 
funtinbomine circa auresqucfita xii, 
quefitum primum ♦ 

ERcbfe rompe leorecbie ?co 
lore cb nodano nel mare lxxviiii 
PERCb leorecbieferompeno man 
co aquei cb nodano n cimare fe prima 
ifudeno ctlolio nelorccbie a c. lxxvii" 
PErcB 1 abruttura delle orecbie e ama 
raaca. Uxvmx 
PER ebe laorecbia ftaneba fe confoli 
da più tofto quando fufle perforata 
ladrita a . carte trinili 
PERCHe limuttielpiudeluoltefon 
fordi o uer odono male. lxxviiii 
PErcb quando lbomo tiene Iamano 
alorecbia apara uno mollino e cB fbu 
fina e foni dentro a c lxxviiii 
PERCbe ilgran fuonoucruocegua 



(la aleuolte foaudito e ilfuono molto 
picolo nonfe ode a ca. lxxx 
PEr ebe molte uolte feféte u^ tinnido 
o uer fono in modo duno mollino ne 
laorecbia a car, R lxxx 

PErCb quando lacqua e intraefta de 
tro della orecbia laqual non può u fei 
refuora afuper ifunderli delolio nel 
la orecbia fa più torto e meglio ufeire 
dicìa aqua acar. lxxx 
PErcb nonfeoct tropo bene quando 
fe fbadacbia a ca. lxxx 
PERGb Ibuomo eh ba lorecbie gra 
de e mato ma e de lunga uita a c.lxxx 
PErCHe Ibuomo ebe ba letempie in 
fiate e leuene e leartarie d* quelle gra 
fe eirafibile a ca* lxxx 
CAP1TVLVM fextumdecaufisin 
bominequae funt circa nares quefita 
xjiii*quefitum primum. 

ERCHE lbomocbeba le ex 
tremita del nafo fotile e boma 
amalelite a ca» lxuu 
PErcb colai ebba elnafo grand* egra 
fo ebomo di poca fapientia a ca Jxxx 
PERCHE Ibuomo cbebabbufidel 
nafo largbi e luxuriofo 8c irafibile a, 
carte. lxxx 
PErCb fe infunde lafaza daqua acbi 
patiffeilf luxo del f angue del nafo a* 
carte lxxx 
PERCHe Ibuomo tra glialtri anima 
li molto ftranuta a ca* lxxxi, 
PErcbeelpiu delle uolte feftranuda 
doe uolte luna drieto alatra eno una 
noltao più ebedoue uolte a. ca, lxxxi 
PERCHE fe ftranuta meglio guardi 
do nel fole a ca» lxxxi. 
PErcbe afregare locbio fa ceflare dal 



ftrenutare a car . lxxxi . 

PErcbe penfano glibomini ebe kfter 
nutacione fia uno augurio de qualcrV 
cofa ebe babia auigmre acarte lxxxi . 
PERcb albuomo quando ba ftemu 
tato mene alcbuni igriflori acar.lxxx 
PErCbe liueibicum dificulta fter 
nutano acarte , lxxxi» 

PErcb liiurdielpiudelleuolte parla 
no nel nafo acare .Ixxxk 
PErcbnófifternutadormédo lxxxi- 
PERCHE Ibuomo bapegiore odo 
rato ebe tutti glaltri animali .Ixxxii. 
CAP1TVLVM fepnmum de caufis 
in bomine:quxfunt circa bracbia et 
manusQuaehta xxiii qfitu^ primum 
PErCHE quando lebra^a fon 
logbecbelemano tocano legi 
nocbie fignificano futtilita de animo 
acarte .1xxxìj\ 
PRCHE lbo mocbeba Iebra?a mol 
to corte e timido e amatore delmale. 
acarte .lxxxiw 
PErcbe lem ano mo lliffim e e fu ttil e fi 
gnifianomoltafapicntiae buono in 
intelletto acarte Jxxxii. 
PERCHE lem ano molto corte figni 
fjcao fluititi a e lemano molto lógbe 
fignificanolbomo effer tirano Ixxxii 
PErcbe lanatura bafacìo alcbune li. 
nee et alcbunì figni principali nella 
manoenò neglialtri rmbn «Ixxxiii» 
PErcbe fono quatro lelinee principa 
leegradedcfcritte nelamano Ixxxiiì 
PERcb lauita de Ibuomo e più longa 
cjdo 1 alinea delcore e lega egroffa eti 
debita diftantia dalla linea del fc'gato 
acarte lxxxiiì 
PErcb quadoferitroua tra lalinea di 
cuore e lalinea del capo dui pun&i fa 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




CÌi come una litetra o iudicano Iicìro 
mantici ebe tal buomo de perdere tut 
ti dui ghocbi acarte r • lxxxìii ; 

PERcDrareuoItefe ritrouatal puóìi 
nella mano acarte «luuuin. 
PERcbe quando dalla linea delcucr 
nafeono alcbune linee picbole : che 
uano uerfo ilmonte del pollice telafè 
fo et lamano fignifica fortuna e nono 
re.acar. .lxxxiiii 
PERCbe effédo lalinea delcore grof 
fa elugba ben proportionata alahnea 
delfigato eflendo lalinea delcapo fut 
tilc e piccola fignif;ca lbuomo umerc 
affai :ma ellerpazo edipocbo itelletc 
to acarte , lxxxìiii. 

PERCt> quando lalinea delcapo al 
fuo fine uerfo larafcetta Ce inforca e 
non continua ildritto fignifica lbuo 
mo efler in dui flati acarte lxxxiiii. 
PfiRCHe quando lalinea dclfigato 
e luga e grolla e cótinua e roffa : figni 

fica lonsa uita e buona complexione 

D i 
acarte lxxxmi. 

P^rCbe quando lalinea dclfigato e 

difeontinua e breue cum molta roffe 

za nelaparte ebe e uerfo lalinea delca 

po tfignifica infirmita nelcapo : laqua 

le procede dal figato acarte .lxxxiiii. 

perche quando iltriangulo della 

mano e beneproportionato delle die 

te tre linee lignifica buon a complexì 

one ebuonolntellccìo e longba uita 

acarte .lxxxv. 

PErCHe quando langulo doue fe co 

giongc lalinea dellauita cum lalinea 

del figato e acuto tfignifica acuita de 

mgegniof e lalinea delauita totalme 

te feperata dal alinea delfigato leeev 

PERcbe effédo lalinea menfale drit 



ra'groffa elongbatf gnificabona uir 
tu e d i pofit orie del corpo . leeev • 
PERCHE quando lalinea menfale 
entra loindice e lodito dimeg.o :figni 
fica pcrculTicne nel capo : delaquale 
feguita morte acarte .lxxxv» 
PERCHE quando lalinea mèfale fe 
alongba uerfo ìlmonte delidicefigni 
fica lbuomo effer bomicida crudele e 
tiaditor acarte *lxxxv. 
PERcbe quàdo lalinea menfa lefc al 
longba dalindice e uaflene uerfo 1 a li 
nea delcapo o uero fe congionge cu^ 
quela fignifica lbomo adulatore e me 
dace edeceptoret ebe dabone parole 
e fa ìlcontrano acarte -lxxx\i. 
PErcbe quando nel fine della linea 
menfaleglifono più linee: eh fe rami 
ficano come uno ramo daibore Signi 
fica mnltitudine de nimici e fecundo 
lamultitudme de tal linea fignifica tà 
ti nimici acarte Ixxxvi 
PtiRCbquandobmenfa delamano 
ebe e tra lalinea delcapo et cfla lir ea 
menfale e ftriclatfigmfica lbuomo cf 
fer auaro e quando e largba molto :fi 
gnifica lbomo effer prodigo Ma qdo 
e mediocre : fignifica lbuomo efferli 
berale acarte .lxxxvi* 
PErCHE quando lamenfa della ma 
no e larga nel def cenfo zoe uerfo ildi 
to picolo e ftricT-a nel afeenfo zoe uer 
fo loindice fignif ica lbomo efler prò 
digo nela principiouita et auaro nela 
fine a carte lxxxvi. 
CAPlTVLVMocftauumc?caun S c| 
funt in bomine circa pedes Se greffus 
quefita .yi. quef ìtum . 

ERCHE lipiedi cSfonomoI 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



i 



i 



to carnofi Se banno lacarne dura figni 
fica lbuomo cffer di groffo itcl le Jto a 
carte, Ixxxyi 
PErcb lbuomo cBbalipiedi picboli 
e beli e fornicatore e iocofo c.ixxxyn 
PERCHE lbuomo cbiba ìlcalcaneo 
futile e timido e cbe a ìlcalcaneo grof 
cf o e forte e audace ♦ a c ♦ lxxxvii 
PeRco lomoco a lecauiebie di i piedi 
e legambe groffe e buomo groffo e in 
uerecundo a cart xxxyii 
PErcbe quando loffa delecoffe fono 
più aperte et bino magiorefpatiofita 
e duVintiattali bornmi fono audaci e 
forti a carte ,leeeyii, 
PErcb lbuomo cbe fa lipaffi grandi e 
tardi e fpatiofo e benigno lxxxvii. 
CAPITVLVMnonum decaufis q 
funt circa collum Se fpinam quaefita 
xii , qu acfitum primum ♦ 

ERCbe lbuomo cfcbailcollo 
corto e c alido e ingignofo a c.lxxxyii 
PErcb lb nomo cbe ba ilcollo lungo 
efuttileeftollidoeloquace e timido 
ac f*e .Ieeevii. 
PERCb lbuomo cbbailcollo groffo- 
forte eduro eiracudo e feflino nei 
fatifuoi.ac lxxxvii. 
PErcbe lbuomo cbe balecofte forte, 
e molto carnofe e molto furiofo epa 
zoaca, lxxxvii, 
PERCbe lafubtilita delle cofte figni 
fica debilita de cuore . lxxxviii 
PERcbe lalargbeja dela febina figni 
fica fortezacP corpo arrogantia eirra 
cundia acarte .lxxxviii, 
PERcb- lafcbina mediocre et equale 
e fegno buono nelbuomo . lxxxviii , 
PERCbe quando lbuomo ba lafcbi 



Da curua o uer piegata e buomo cf ma 
licoftumi aca, lxxxviii 
PErcb lbuomo cB ba lcfpale largbe 
e di buono intellccìo lxxxv ^ 

PERCb lbomo cb ba lefpale lungbe 
cleuate e lutile particip a deftultitia a 
carte lxxxviii 
PERCbe lagrandeza deluentre figni 
ficababundantia delibidine lxxxviii 
PErcb lafubtilita del còpo fignif ;ca 
molta aftutia a ca » lxxxviii 
CAPITVLVM decimujdccaufisq 
funt in bòmihc circa uocem 8c loque 
lam quefita,xxxy>quefitum primum 

ERCHe 1 auoce in alcuni e. 
grande Se inalcuni epiociolatln alcu 
ni altri c fubtile a c. lxxxviii 
PER cbe lauoce di putì e dcle femine 
e fubtile e acuta e quella deligioueni 
euerbuominifacli e groffa lxxxviii 
PErcb lauoce de colore ebufano ileoi 
to e groffa doue prima era Tortile a ci 
te Ixxxyiiii » 

ERcb lauoce del tauro e più fotile cr> 
quella della uaca e nelbuo perfedo 
cbe nel uidelo a ca. ♦ Ixxxviiii 
PERCbe quando lbuomo Ce caflra 
doueta lauoce fua più fottile . Ixxxviiii 
PERCHE altempo delinuerno lauo 
Ce e più groffa cbe altempo dela ftade 
a carte Ixxxviiii 
PErCHe colore cbe piangono elico 
triftati fi lauoce fottile e acuta e color 
eh ridono fano lauoce groffa Ixxxviiii 
PErcbe liuecbi decrepti e conualefcè 
knnno lauoce futile e acuta. Ixxxviiii, 
PERCB quando uno buomo debile 
tio!e gridare forte nonfe octquafila 
fua uoce a C3U Ixxxviiii 




PfirCF? Ibuomo ebe balagram uoce 
c caldo de natura a c lxxxviiii 
PErcb meglio (e ode de nocìe eh cF di 
a carte lxxxviiii 
P£ ^CHS laquafreda fafuonopiu 
forile cafeando giofo ebe non falac 
qua calda a ca lxxxviiii 
PfiRcbjS in quelli ebe ufano d e mol 
te uigilie e ebe dormeno poebot lauo 
ce e più afpera acarte «lxxxx. 
PErcbe ilfalegitato nel fuoco fuon a 
acarte * Ixxxx: 
PE&Cbe dopo mangiare lauoce più 
afpera a. ca» lxxxx 
ERCHSfono più balbutenti iputti 
cbeglbuominifafhacar. lxxxx 
PHRCHefe ritroua anebe dellibuo 
minifacti ebe fono balbutenti, leeee 
PBRcHS libalbutientinon poffono 
parlare piano acarte ,lxxxx. 
P£Rcr> in quelli ebe fexercitano for 
temente e in litimorofi triema lauoce 
acarte ♦lxxxx. 
PErcb lb'iomofa più mainere de uo 
ce ebe nifluno altroanimale* c«lxxxx. 
PErCb alcbuni aimali parlano dear 
ticulataméte e alcbuni non ,c* lxxxx* 
PERCHe ode meglio coloro ebe ten 
gono ilfiato e quefto noi uedemo nei 
cacciatori :cbe comandano douere te 
nere ilfiato quando uoleno udire fut 
tilmente o ucello o altra faluaticina 
acarte «lxxxxi, 
PErcbe cbi butta un poco de f ale nel 
gram fuoebo fuona manco cbfelfuf 
fe gittatonel fuoco minore a o lxxxxi 
PErCHE lalinguain ogni animale e 
priua de pinguedine o uer de grafferà 
a carte lxxxxi 
PErcbefoIo lo mo tra gli altri animali 



douentamuto a ca» lxxxxi 
PErcb meglio fe ode un Tuono f uora 
decafa eftendo in cafa ebe eflendo fo 
ra de cafa e uegnédo ìlfuonc ouer*uo 
ce de cafa a ca. lxxxxi 
PERcbe ìlporo gioua alla uoce lxxxxi 
PErcbe fe ode meglio una uoce o uer 
un Tuono defuxo ingioxocbc d.giufo 
infuxoaca. lxxxxi 
PERcbe lauoce paffa per cofe folide 
e denfe e lacof a ebe feuede nò lipuo 
paffaretcomc e laluce acarte .lxxxxi ♦ 
PErCbe non Te ode nellaqua ma fe 
uedeaca lxxxxii 
PERcfe colui ebeba lauoce grande & 
alta e audace ac* lxxxxii, 
PErcb ibomo ebe b a laloquella uelo 
ce e fedina e àt poebo intelle&o 8c ira 
Cibile e de praui coftumi a c lxxxxii 
PERcb cbi ba lauoce grolla e nò gra 
de efebiauo del fuo uentre cioè non e 
baomo cbcCi afatica mafolo curade 
fi medesimo a carte lxxxxii 
PERCHE lbomo cB ba lauoce afga 
e inuido e tene male nel cuore lxxxxii 
E^CHE lbuomo ebeba lauoce fua 
ue amodo de dona e fegno dipocba 
fapientia e intelletto acarte , lxxxxii. 
CP1TVLVM, XI.de cauf is : qu x fut 
inboìe circa pulmone, cor ♦epar.fp le 
nem et fel. Quaefita.x.quefitu primu 
PErcB bafaclolanatura in al 
ebuni animali elpulmone e in 
alcbuni non acarte • lxxxxii * 

PErcbe alcbuni animali refiatano et 
alcbuni non efmclmete alcbuni ban 
no uoce et alcbuni non acarte lxxxxii 
PErCHE alcbuni animali e fimilme 
tebuomini poflono più longotem 
po ritenere ilfiato nclaqua o uero p 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



altra cagione fu locatili a • c .Ixxxxiii . 
PErCHeilpulmone delfàciulio qdo 
e neluentre delamatrc e roffo e quan 
dio e n af ciuto e bia ebo . c . lxxxxiii « 
PERcbe nafeie ìlgraflo et una certa 
aqua circa ilcuore:e(Iendo de calda e- 
ficca coplexionstperbo che lagraffez 
za et aquafe genera da freddo e non 
da caldo, acarte .lxxxxiii. 
PER.C& nelfebrienteilpolfodouen 
ta alleuoite grande e alleuoite fpeffo 
e ueloce più cbaltempo della fanita 
a carte .Ixxxxiii. 
PERcb bafacftolan atura ilfigato. la 
milza e ilfelle nellianim ali, c. lxxxxiii 
CAPITVLVM.Xii.de caufis:qu* 
funt in bomine circa ftomacbum fiti^ 
6C famem quefita .yi.quefitu; prima 

ERCbe incontinenti come jo 
rao a mangiato ceffa lafam e, lxxxxiiii 
PERCHE lecofe accetofe inducono 
fame a» car. lxxxxiiii 
PERcbe ilftomaco fredo 3 coplexoe 
meglio apetiflce cbel ftomaco caldo 
ma manebo padiflfe a car . lxxxxiiii. 
PR CHE alleuoite uiene uno appetì 
to canino ebe quanto lbuomo più ma 
già: tato più uoria magiare .e .lxxxxiiii 
PErcb alcbuni animali tebe ftano alle 
uolte nelle cauernenelinuerno nò ba 
»o fame ne fete unde non mangiano 



tìebeueno tutto linuerno c. lxxxxiiii. 
PERCb coloro ebe bano latebre ino 
bino elpiu delleuolte appetito acarte 

.lxxxxiiii 

PErcbe liputti bano manebo fete ebe 
bgioueni e ebeliueebi acarte Ixxxxy. 
PErcbliuecbi bino più fete ebe ligio 
ueni acar e , Ixxxxy, 

PERcbe qnandol buomo mangia gli 
uiene fete .a. car. lxxxxiiii 
PERCbe aleuolte per infpiratione et 
laierc fredo cornee, arefiatare fopra 
del acqua freda feguita fete lxxxxiiii . 
PErcbe lacieto ca$a lafete lxxxxiiii. 
C AP1T VL V M . Xiii . 8c ultim urti de 
caufis i bome q f ut circa mèbragcne 
rationis quefita.iiii.quefitum primu 
eRcB tagliato leueneebefon 
dopo letempie douéta lanima 
fterile.a carte* 

PERCbe ponedo cofe narcotiche e 
ftupefatiue fopra litefticuli douenta 
lanima fterile aca. lxxxxiiii 
PErcb liruftici quado uogliono fe ge 
neraunmafcbioligano iltefticulo fta 
co del mentono e quando uogliono 
femina ligano ildnto a car: lxxxxyi 
PERCHE alcbuni putì o putte feaf 
fumigliano alpadrefic alcbuni alama 
dre 8c appare ebe ogni feto fedoueria 
affomigliare alpadreeno ala madre. 
a.C* lxxxxyi 
FINIS QuAESITORVM.^ 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



ERCHEEL SOPERCHIO NE LECOSE Che 
noi uiuemo:5clo idebito mò del uiuenoftro :idu 
ce inoi egritudìe • Et fono le code ne ce (lai e anrà 
uita. Prima elcibo e poto. Seconda e fomno 8c ui 
gilia, Terza exercitio & quiete. Quarta cuacuatio 
nc8c repletione. Qulta lepadion dellanimo.Sex 
ta e laire : ebe ne circonda ♦ Se quefte cofe adunche fono te 
peratetSc debitamente approximate aicorpinoftri cóferuala 
equalita8c temperanza deghelementi: ebe fono innoitEtfe 
fono diftemperate &C exceffiue 8c non cum modo aproximàte 
diftemperano icorpi noftri :Et laf anitanò e altro cb tèperame 
to iSC equalitaii complexione in noi :Per laquale tucìe noftre opera 
tion debitamente ^pcedeno: Et per contrario la egritudine e diftem 
|>amsnto3C in equalita:perlaquale innoi effe operatiòe man ebano 
SC indebitamente procedeno, Adoncbe ìlfuperrluo magiare e be 
ueretuegliareo dormire exercitio o ripofot euacuation o repletion: 
ousrfuperflue pallione de animoto uer laire diftemperato: tu&eq 
fte cofe di fuperebio diftemperano lanoftra complexion: ÒCperbo 
fanno egritudine j 

PERCHE iltropo cibo o poto fu pfluo diftempera ìlcorpo noftro* 
Vello chz noi mangiamo dt beuemo e in cinque modi . et 
uero c»purocibo Se nutrimento :o uero puro ueneno :o ue 
ro pura medicina : o uer cibo medicinale: o uer medicina 
uenenofa. El cibo ebe puro nutrimento e colli uinto 8c trafrnuta 
to dal corpo noftro ebe non tranfmuta il corpo: anzi fi conuerte in 
fubftantia noftra:8c dequefto cbi ne piglia troppo: la natura nolo 
può digcftire*Vnde generafi dimolte fup fluita leqle ale uoltefuf 
focio ilcaldo nàleSC feguita morte fubilanea:Dicbe molti peltrop 
po mangiare 8c beucre fono ftatrouati morti per fuffocatione. Alle 
uolte non poffendo la natura regulare tale fupfluitatfe putreffano 
dr. ebe nafee un caldo putredinale ebe diftempera il caldo 8c la com 
p!exion noftra naturale* Quello co e puro ueneno tranfmuta fi 
ileorpo noftrotcbe non e tranfmutato da effo: anzi per fuafubftan 
tia totale Se forma fpecifica come inimico occide8c mortifica il cai 
do naturale :cbomo e il napello:8c non e dubbio ebe quefto diftem 
pera il corpo noftro ♦ Quello ebe epura medicina trafrnuta 6c e 
trafrnuta 8c e tranfmutato dal corpo bumano :ma ala fine ilcaldo na 



curale uince quello non contorteti dolo go in fubftantia del corpo: 
cibine eilreubarbaro turbiti :Sc agbarico:3c emanifefto chi pighaf 
fe troppo di tale medicine o uer defunge alterarla molto òc diitem 
pe.anail corpo, laltro ebe e cibo medicinale e quello cft tranfmu 
ta 3C e tranfmutato dal corpo noftro ficbe fe tranfmuta nelia iubftà 
tia del corpo :& quello e cibo alteratiuo o p candita o frigidità o bui 
d;tao decita ebome e la carne del colombo per calidita & ficcita, 11 
pei ce p frigidità Se bumidita. Cbi adoneba di tal cibi ne mangiaiTe 
1 uberemo i e altercria o atroppo caldo « o atroppo freddo o abumido 
ÒC lecco i3C colli fe deftèperariailcorpo fuo ♦ Elqui n to cbee.Me 
dicina uenenofa tranfmuta il corpo noftro 5c e tranfmutato da cflo : 
ma finalmente uince Se mortifica elcorpo non tranfmutandoii ì fua 
f ubftantia» Adoncbe ogni cibo 6c poto fuperfluo in qualità o qua 
t;ta o uero in fubftantia altera & diftempera noftri corpi j 
PER. GHIE nellinuerno fi mangia cibi grotti & de più nutnmèto :8c 
nella eftade elcontrario. 

EL CALDO naturale nellinuerno fuggiendo il freddo extenore fe 
xii erra alle parte dentro :5C unifelli: Vnde e più forte: Percbe ogni 
uirtu unita e più forte cbadmifa.Liuerno adjcbe fe padiffe meglio» 
Ma nella eftade elcaldo naturale ufcitie fuora alfuo fimele & diui 
deli partèdjfe da iluocbi della digeftione: Vnde fe rifolue ÒCepiu 
dibile bifogna adoncbe mangiar cibi leggieri j 

PERCHE bàno lordici diuifo ogni cofa calda fredabumida & fec 
ca per quattro gradi:3c dicono ebe alcbuna e calda inpnmo grado: 
alcbuna in fecondo : alcbuna interzo : 5c alcbun a in quarto grado : 8c 
coli dipingono le cofe fredde tbumide Se fecebe j 
EL MEDICO nó coficTralecofefenòquàtobabbianoad alterare. 
dC tranfmutare ìlcorpo bumano :5c percbe in quattro modi faltcra il 
corpo noftro dal caldo fredo bumido o fecebo :pero banno difticlo 
tal cofe in quattro gradi, llprimo grado e quando tal cofa alterai! 
corpo fi remiffo cbel non f ente. Il fecondo grado e quando altera fi 
cbel fente :ma non li nuoce . Ilterzo grado e quando altera fi cbel fen 
te6c nuocelli:ma non mortifica. Ilquarto grado e quado altera fi cfrl 
fente Se nuoce:8c mortificalo :5c quefto e medicina uenenofa. 
PERCHE le cofe dolce generano opilatione j 

LANATVRAdimembri molto ama le cofe dolce & delecìafiief 
fetVndc tirano quelle dal ftomaco nanzi ebe lefiano digefte:8c ef 
f *ndo uifeofe Se grolle 6c idigefte opilano leuene doue ua il nutrmè 
to aimembrn 

PERCHE le cofe untuofe inducono pìgritia & grauezza di tefta 5c 



tollelo appetito j 

T VC Td cofe cb nodano nella boceba del ftomaco fati ano : ptrch 
(appetito fi fa nella boceba del ftomacbo: Se la digeftióe nelfòdo: 
Im^olaC3fauntuofanodidonel ftomaco tollelo appetito ♦ An 
ebe o^ni cofa ebe fta fopra alfundo del ftomaco fupnodàdo ìfino 
alla boceba molto euapora alcapo. Adòqua la cofa ucìuofa e molto 
euaporabile ala tefta: Vnde fa grauezza di capoSc pigritia : maxie 
effendo molto bumida Se uiCcofa» 

PERCHE lecofe acetofe Se acute fanno uecbìeza nanzi tèpo j 
OGNI COSA ebe confuma lbumido fubftantiale del corpo in cref 
pa lapelleundeinuecbia ebe uecbizzanon e altro ebe confump 
tion de bumido naturale del corpo :per laquale fincrefpa lapelle. 
Et perebe le cofe acetofe Se acute molto deficcano. impero molti in 
uecbiano -Cbi non uuole adoneba inuecbiare troppo tofto fuggi» 
lo acetofo Se acuto . 

PERCHE le cofe falfe nuoce alftomaco & agliocbu 
L ACOSA falfaperfua acuita e molto penetratiua 6c dcHccatiua. 
Vnde penetra nella fubftantia del ftomaco Se defeca labumidita 
fuafubftat;ficade cb molto fe debilita, Se fimilmente penetra fu a 
gliocbi Se conf ama fua bumidita : Vnde minuiffe laucduta ♦ 
PER^CHEilpanedelformento adefferfano de eflerfalato 8cben 
fermentato 9C ebon uno poebo de f urfurc . 

ELFR VMENTO e bumido SC molto uifeofo tperlaquale uifeofita 
c molto oppillatiuo:bifogna adonebe rimuouere quefta uifeofita 
Se bumidita oppillatiua da effo:Elfale deficca 8e fot-glia qlla burnì 
dita gro(ta,El fermento fimilmente rarifica Se affotigliatSe fa ebe 
la pafta non fta tanto am atfad a : Impero el pan azzimo e molto no 
ciuoduri(Iimodapadire8emoltooppilIatiuotLa furfura e molto 
feccadefuanaturatSCeabfterfiuaSe mondificatiua undegfua ab 
fterfione 3c deficcatione fa elpane più facile da padiretSc più tofto 
lo fa defeendere f uora del ftomaco j 

PERCHE e più leggiero elpan f alato cV pexo ebe nonfalato :8c do 
txeria effere il contrario per lopexo del fale. 

LAHVMIDlTAdelpaneequellacbelfapiu grauetSc quanto c 
pm deficcata tanto elpane rimane più liggiero dipexotEt percb el 
fiV drficca molto Ibumidita del pane Se molto più ebe no e ilpexo 
d^nTofale-lmperbopefamancbo. 

PERCHE ilpane intutto de furfuratSc in tutto fiore de farina no 
eTano* * T 

OGNI EXTREMO e cattiuo 8c cotrario alla natura noftratclmez 



zo fi de tenirc La furfura e deficcatìua abfterfiua et quafi de nullo 
nutnmèto:Elfiore della fariaeil contrario :uifcofo: et oppillatiuo 
et e dimolto nutrimèto^fel fepcteflfe digerere: ma per fua uifeofita 
e molto i digeftibile, Vnde mefcolado luno ebo laltro- Vno acqui 
ft a beneficio da laltro ;La furfura fa beneficio de digeftione nela 
farina et lafanna fa beneficio di dar nutrimento alla rurfura j 
PERCHE ìlpan troppo leuato o fermentato non e fano . 
EL FERMENTO cbomeeftato decìo induce nel pane una fpon 
gofita Se fa che non fta coffi amatfato :8c quefto fa per una certa cai 
lidita che elio ha in ( et perlaquale rifcalda lapafta 6c confuma Jte 
di quella uifcofita:& ebome e natura delcaldo rarificale fallo lpo 
giolo: Ma quando gli ne troppo marcifle elpane mediante elcaldo 
putredmalecbee-inquello :& poi di quel pane {ingenera bumori 
putridi nel corpo» 

PERCHE comandano Imedici ebe acboloro ebe banno la febre il 
pane fi debbia lauare nellaqua:8c poi di tal pane fene f aza da man 
giare a tal infirmi o per uia di mineftro o p uia di fuppa nel uir.o, 
ELFERMENTO e cofa putredmale ebe molto nuoce alla febre g 
elcaldo putredinale ebe ietto: La mtentione adonebe del medico 
ediremouere quelle pòrti fermentali ebe rimafte fono nel pane 5C 
quefto fa tenendolo nellaqua:Imperbo ebe quelle fi uengono adX 
foluere nelaqua laquale getata uia rimane elpane netto dal f eimen 
to :Et cuffi tutte lcuiuande nelcquali cafea fermento puro fono mol 
toputredmaleòc molto difponeno ìlcorpo a putredine, 
PERCHE lapafta qto più e menata 8c dòma tato ilpane e migliore 
QuANTO laqua fekorpora meglio con lafarina 8c cbolfermèto* 
Et quanto lauifcofita della farina & amaflfamento più fe tollettàto 
remane il pane più fpongofo & leggiero. Eldomare adonebe 6c ri 
menare lapafta incorpora bene laqua 8c la farina ÒCel fermento SC 
fa rifoluere di molta bumidita delaqua: Se come e natura del moto 
rarificando induce fpongofita j 

PERCHE e molto cattiuo elfrumento cotto ne laqua ; 
PERCHE e molto opillatiuo 8c uifeofo & duro da padire ebome e 
ftato decto . 

PERCHE ilpan del frumento e più conueniente aicorpi bumarii 
ebe pan de altro grano . 

LHVMìDO uifccfo 8C conglutinatiuo molto e conueniente alnutri 
mento del noftro corpo maxime partecipando dellanatura aerea: 
Elpan de tormento ba una natura aerea 8c conglutihatiua fopra tu 
ttiglialtri grani* LORZOnon ba natura culli temperatane ui 



fcofobumido cu3i conglutinariuo Se aereo ebome elfrumentoma 
tenie; a frigidità :Imperbo non fonno di tanto nutrimento kibi fac 
ti dorzo:cbome e quelli del frumko: Malorzo feguita elfrumè 
to ibonta 5c e {opra glialtn grani:8c e fredo de uentofo ♦ Elmiglio 
anche manebo nutrica che lorzo. Lefaueàcbo màcbo:e uniuer 
Talmente ciafeuno altro grano delquale fe confice elpanc:e màcbo 
conueniente e nutritiuo che quello del frumento . 
FESCHE IL pane della fpelta conf eriffe ai corpi graffite aquelli 
che hanno ydropifia. 

NATVRAe della fpelta tra el caldo e f redo temperata e ba uirtu 
moltodeficcatiuaedifcacciarecattiui bumori coniumandoli e ani 
cbilandoli .Nel corpo graffo adonebe lagraffa confuma e nel ydro 

ico lbumore aquolo deficca» 
^ EPXHE ìlpan f redo fe de mangiar e non caldo * 
LANATVRAbaexofoein abbominatione elfangue cb fe gene 
ra del pan caldo oebe effo genera fangue corrupto:bipan caldo ba 
ifummquali con lbumido ebe non e ancora euaporato ion cadone 
del corrompere elfangue.Elpan caldo adonebe none conuenien 
te nutrimento bencbel fuo odore molto fia confortatmo del ftoma 
co noftro \ 

PERCHE il pan fredo e più biancbocbel pan caldo: e lolio anti 
ebo cbelnuouo £ 

L AQ^ VA e cafione de negreza ebome apare nel carbon ebe perfi 
no ebe tuefta la bumidita non e confumpta e reduefta in c:ncre e mol 
to negro :Ma la cinere e bianeba perebe e priuata dogni bumidita 
aquofatPercbe adonebe nelpan caldo continue euaporano ifumi 
caldi ebe diporta feebo alcbun bumidi uapori iquali denigrano la 
fuperficie exteriore del pane unde apare negro :Ma quando e rifre 
dato non euaporapiu quella bumiditatanzi quanto ilpane e più du 
jo e ficco douenta piubianebotperebe quanto e di più di lbumidi 
ta e più confupta 6c euaporatatCoffi nellolio nouo e me( celata mol 
ta bumidita aquof a e in proceffo uenne ad euaporare tal bumidita: 
e remane lolio più bianebo de aparentia» 
PERCHE e nociuo a fupportare fame. 

ELSTOMACO uacuo neltèpo della fame fente una tediofa fenf 
fationedecbelanatara manda per fuccurrere aquel dolere corrofi 
no de molti bumori putridi e catiui:Supportare adonebe fame e ca 
fioncdeimpircloftomaco de bumori catiui: Et anebe nelafame 
elcaldo naturale confuma e rifolue la bumidita fubftàtifica del fto 
macodecbemoltoeffofedebiita* 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



P ER CHE iluecbio pm facilmente e fcnza gran nccumEtc f L ppor 
ta farne più cbenifluna altra etade. 

UOl fono inocumenti principali ebe feguitano dalla fame, Vno e 
f acil cófumption de lbumido fubftàtifico :e Ialtro e la dolorofa e tri 
ft a fendanone del ftomaco :Cbi adonebe e più inf eftado da quefti 
doi nocumenti ebon maggior difticulta tollerala fame: e cbi man 
cboeoppreffodatalnocumètocbonminor difficulta etTa fuppor 
ta :Elfancmllo adonebe che crefee ba il caldo naturale molto foi te 
elbumidonaturalemoltofotile.Vndemoltopiufe rifTolue dello 
bumido fuo nel bora della fame atanto per tanto ebe I nefluna altra 
etade :E anebo lauirtu fcnfitiua fua e molto forte ebe fète ebon grà 
paffione el nocuménto della fametper laquale fi rifolue molto il cai 
do e ilipirito fuo naturale . Ettogliandoli elfuo nutrimento fe jpbi 
biffe dal fuo augumento :!mpero el putto e più offefo dala fame eh 
neduno de altra etade* Elgiouene ebe ba perf ecfto fuo augumen 
to auegna cBl fuo caldo naturale fia tanto forte quanto elcaldo ci 1 
pur o :p ir elfuo bumido naturale e più groffot Vnde non finflolue 
coffi tolto ebome lbumido naturale del putto. Non e sdenebe tato 
nocumento nel giouene per la fame quanto e nel putto eadulefce 
tetEuniucrialmente quanto Ibomo e più ^ppinquo alprincipio del 
la fua origine quanto aquefto ebon maggior difticulta tollera lafa 
me per efiere ìliuo bumido naturale più fottile e reflolubile , El 
uecbio ebe non e decrepito :ma incontinenti fuccede algioucre: ba 
ilcaldo naturale molto remeCTo : e lbumido naturale molto ingrofTa 
to de ebe non fe redo lue cufli facilmente efTo bumido eacbo lauir 
tufenfitiua e minorata enonfentc cufli perfecìsmerte ebeme pria 
Vnde non receue tanto detrimento quato la etade precedete ♦ Et 
etia dio eh baia età et crepita :Percf> lbuomo eferepito auegna ebab 
bia lbuìdo nàie molto più groffe e lo caldo nàie molto più cibile e 
Iaultu fèfibile e molto più impfecfta cb tutte laltre etadp cedete: ni 
ete dimèo elcaldo fuo nàie e molto uic'o alla extìtflioe ci eh ogni pò 
ebo S finiftro e i còmodo induce gran nocumento nelbuomo etere 
pito . Adoncba ogni piccola fame dbl fupporta feria cafione de exti 
guere elcaldo fuo naturale. La etade adoncb cbdelaprima uecbi 
ezza eh fuccede ala giouentu :e antecede la decrepita etade ebo mi 
ebo nocumèto tolcra la fame atato o tato cB nelTua dlle altre etade* 
P^R-CHE patine lbuomo fame* 

ELCALDO naturale continue confuma e deficca lbumido de no 
(trimembri offendo adonebe inoftri membri inanniti e confnmpti 
tirando afe còfuma lbumidita delleuene:e le uenne inànitc tirare 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



dal figato e elfigato dalftomaco E ne lbora cbl ftomaco e inanità 
e coniumpto ha ordinato ìlfummo creatore in noi eh lamilza màdi 
ahtomaco lbumore melenconico ilquale e acctofo e induce una do 
lorofaetrifta fenfatiane comprimendo Ibumidita fubftantiale de 
etto ftomaco :oC e ebome uno dolore corrofmo unde incita clftoma 
co adcfiderio del cbo :e quefto e fame- 

p£:c_CH^ lafame molto nuoce ali colerici e gioua alliflegm arici» 
NE-I COLERICI defeende nelbora dellafame alftomaebo lacole 
ia: Vnde non mangiando molte facende effa colera e quando man 
ciano poi fe corrumpe e putrefa ìlcibo per in flammatione di cuci 
la: E molti anebe colerici cadeno infincopi ebome morti per la fa 
me: ! mpero ebe la colera accefa molto riffolue lbtimido fubftantia 
le e elfpinto e caldo naturale del ftomaco :e de tutti li inebri* Ma 
li legmaticibìnorlegma e bumidita affai nel ftomaco e 1 tutti lime 
bnebepertoierantiadefame fe confuma Imperbo ebe lappetito 
di flegmatici e mendofo la più parte e non uero . 
PfiRCHE iputtie iiecrcpitimàgiano piufpeffo ebe le altre etade* 
ELP VTTO ba il calore forte ebe molto confuma e riffolue Ibumi 
do fuo fubftantificotelqualebumidu e molto reffolubile p fua fub 
tilita: Vndc bifogna reftaurare fpeffo k Percbe anebo elputto e in 
aug imento e più fe nftaura ebe fe rifolue : Impbo bifogna Cibare el 
putto fpeffe uolte ilgiorno* Eldecrepito tnelquale ilcaldo natura 
le e quafi extinclo ba bifogno deffere refociliado fpeffo e conforta 
dodalcibo altamente fe extingueria elfuo poebo calore naturale* 
Ma altramète fi de cibare elputto fpeffo e eldecrc pito : Imperbo 
cbel putto de pigliare affai cibo per uolta e fpeffo bauendo elcaldo 
naturile forte. Et eldecrepito d* pigliar poebo per uolta c fpeffo effe 
do elfuo calore molto debile. Percbe f e pigliaffe troppo cibo j> uol 
tafuffocariaffe quello poco dicaldo ebome una poca fiamma pone 
doli troppo olio fe extingueria j 

PERCHE alcuni cibifonboni e laudabili alcorpo noftro: alcbuni 
cattiuite inlaudabilij 

ELCIBO non e buono nutrimento ne fe lauda fenon per quattro ra 
fione. Prima cbel fia facile digeftibile non troppo uifeofo e groffo 
Seconda ebe babbia infe poca fuperfluita* Tertia ebe non fia aebo 
tanto fortile de fubftantia c ^ c uelocemente dali membri fi euapori 
in fumo. Quarta ebe babbia familiarità e conuenientia còelcorpo 
ebe fe nutrica. Adoncbe tutti quelli cibi ebe banno quefte quattro 
proprietà e conditione fon molti laudabili e conuenieti aicorpino 
ftri.Vnde alcuni abifeuitup erano percbe fono difficili dapadire 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



perfuatropobumiditauifcofatauegna cbe Gabbiano bona famili 
arita e conuenientia con el corpo noftro cbomc e la carne porcna. 
Alcbuni altri cbife uituperano:pcrcbe auegna cbe fiano facili da 
padire generano affai fu |>riuita cbome e ìlpei'cee alcbune beibe . 
Alcuni altri danno tanto futile nutrimento al colpo cbe prefto eua 
porano in fumo cbome Tonno alcuni ucceli piccoli. Impero non fo 
no troppo laudabili al nutrimento noftro. Alcuni fonno cbe non 
tanno conueniézane familiarità con elcorpo noftro cbomc eilfè: 
c lapagliatcb e conueniente nutrimento dalcuni animali bruti: Ma 
alla fubft ariti a delbuomofono altutto d;fproportionati: E non e 
cofa ne cibo cbe più fia conforme alnutrimento delbomo : quanto 
e la carne bumanaie non fuffela abbomìnatione cbe lanatura ba 
aquella ♦ 

PER.CHE lacarne porcina e molto uifcofa e bumida . 
OGN 1 A>HM ALE de cbe fpetiefefia quanto e di maggiore cxerci 
tionellefferefuo tanto ba mancbo fuperfluita:e quanto fta più qui 
eto e ociofo tanto più fupfluita regna in lui: Imperbo cbe lexerc.tio 
eia faticba molto confuma le bumidita delcorpo ♦ Adonque 
elporcbo perebe e di poebo exercitio e mouimento ima ft a còtinue 
nelluto ripoffatoilmperbo e dimolta fuperfluita:Sc fua carne e mol 
to dura da padire: Vnde genera affai fuperfluita. Vero e cbe ba grà 
conuenienza e conformità con lafubftatia del corpo noftro: c p lu 
cbé ciafcuno altro animale fuora cbe effo buemo tlmpeibo quido 
e digefta e d f angue laudabile e buono nutrimento . 
PER.CHE li uccelli picoli fono cP nutriméto futile e facile teuepcra 
bi!i:Ma fonno di facile digeft:one e di poca fuperfiuita j 
OG.MI animale aereo cbe ba affai exercitio e mouimento e dipoeba 
fuperfluita e uifeofita: Vnde ba fua fubftantia fubtile e r2ra: Imco 
e facile da padire . Elnutrimento fuo e aereo e facile eusporabile 
e dipoeba fuperfluita e quefto firitroua nelli ucelleti picoli cbe fon 
no di tal natura. 

PER.CHE VNfO cibo cpttiuo: e inlaudabile alcuolte non nuoce 
adalcbunù 

LAVDASSE elciboindoi modi per effentia e p accadete: Vnde fta 
cb?uno cibo ì fi fi a cattiuo:eper accidente fiabono:E quefto eitnj 
modi primo perlappetito e defiderio grande cbbaiJftomaco aquel 
lo: Vnde ft a cbe per grade appetito cf) ba ad uno cibo cattiuo fi cor 
regia lamalitia di tal cibo :c genera bon nutrimento doueedi natii 
Ti di quel cibo generare lo cattiuo. E quefto fie perebe lanatura am 
pleclra la cofa diletteuole e tutta fe uniffe e rinforza adabrazarlaJm 



perbo e più forte alafua operatione e faffi migliore d.'gcftiòe n ci ci 
bo dileJteuole eba nel cibo che non diletta a tanto per tanto : àebo 
po;tocbelfia peggiore . El fecondo modo e per una certa uirtu 
occulta ebe enella natura diquel cibo perlaquale e conueniente fi 
aqueftoindiuiduo ebenon adunaltro. Queftonon efenon perdi 
uerfe nature occulte tlequale e nella natura ditale cibo e dicolui cbl 
piglia:cb3me noi uedemo ebe uno cibo e bono ad uno e contrario 
alaltro . Elterzo modo e per grande appetito e per conformità di 
natura del cibo e dicjuello ebe fi de cibare ebomefi truoua in alcuni 
cbelecipolefon perfetto nutrimento : e inai ebuni fono cibi abbo 
xninabile e quafi uenenofo ♦ Non e adonebe gran mcrauiglia fe 
uno cibo cattiuo di fua natura e conueniente aqualcbuno ouer per 
grande appetito ebe babbia quel tale aquefto cibo o uer per occulta 
natura ebe regna tra lordoi . 

PERCHi lacarne liggiera e de altri cibi facili da padire ebome e 
ìleapretto e ilpullo e altri cibi delicati non fono conuen ièti acbi fafa 
tica : ma chi grofli Se e il contrario in cboloro ebe f ano poco exerc 
tio . 

ELGRAND2 exercitio molto riffolue lafubftantia del corpo : e 
ogni cibocB e difacile digeftione e facile reffolubile e putrefafi per 
ilcaldo accefo«Elcibo groflo non fe riffolue fa cilmentetn e anebedi 
fua natura e infiammabile • Li bomini adonebe ebe fafaticanoba 
no bifogno di notrimento groffo ebe facilmente per laf atieba non 
fe nffolua neancb fe putref azza: Impero elcibo leggiero e delicato 
e contrario afuo exercitio. Ma icorpi delicati ebe non ufono gram 
faticbabanno ilcaldo remiffo per lo ripollo e no poffono digerere 
graui c.bitBifogna adonebe cb ufino cibi delicati che generano fa 
gue futile tPercbe ufando cibi grofTi fe generariano nelor corpi mol 
te o^ilationi ♦ 

PERCHE il pullo e migliore carne e ilfuo brodo cb lagallina £ 
ELPVLLO ebenòbaufato ileobito cum gallina e più temperato t 
ebe lagallina laqualle e molto più caldaie fegno dicio ebe per cali 
dita genera le oue tDoue adonebe noi uolemo temperare gli bumo 
ri e glie molto megliore ilbrodo e la fubftantia delpullo : Ma doue 
nui uo^liamo riftaurare e dare nutrmento elbrodo clafubftantia 
d-lla gallina eptu conueniente* Impero aquelli ebanno febre8c 
neileprofiperebe tempera molto loro bumori8c elfangue ilpullo 
e connenientete non lagallina ♦ 

PERCHE ilgallo uecbio e non giouane moue ìleorpo j 

NEL GALLO per uecbiczza (igenera una qualità introfa cB atra 



Early European Books, Copyright© 20 1 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



de abflergc e netta perlaquale fi mouc ileorpo te quefta non fi retro 
ua nel gaho zouane, 

PERCHE trale galline affate e megliore lagallina arroftida nel uè 
tre del capretto o uere agnello ; 

LH v'MiDiTA naturale della gallina e molto buona e gìouatiua l 
Conferuaffe adonebe fua bumidita affandola nel uentre del capret 
toouer agnello :cbe affandola afuapofta diperdetfee riffolue mol 
to diquella » 

PECCHE ìlgallouecbio ba lacarne roffa:e ilgallo giouaneouer 
gallina ha lacarne biancba ♦ 

QJ/ANTO lacarne dellanimale e piupriuatade lbumido fubfti 
tifico Se e di fua natura e complexione più ficca tanto più mabea di 
bianchezza e piglia elcolorrcffo :Equefto aduiene in tutti gliani 
mali che banno fua complexion ficcatlmpbo ebe la bumidita fa la 
carne d?ll animale bianca: Vnde lacarne della capra del becco c di 
bue : perche fonno animali de complexion ficca Impero e roffa e 
lapmguedinee ileerebro e altre fimile cofe fonno bianche per effer 
fua complexion bumida ♦ Adoncbe ilgallo uecbio o uer gallina 
hi lacarne roffi per effer priuata molto delfuo fubftantiale burnì 
do che quanto lo animale più inuecbiattanto ilcaldo naturale con 
fuma più IhumiditatE quefta ralìonefepuo extendere adogni ani 
m alegiouane te uecbio ♦ 

PECCHE LO animale quanto più inuecbia ttanto ha lacarne più 
dura • 

• LHVMIDO falacofamolle congìonto con ilcaldo temperato* El 
ficco hfa dura maximamente acompagniata con ìlfreddo » Ognc 
animale adoncbe quanto pi» fe inuecbia: tanto più maneba la bui 
d ta e ilcaldo naturale :e crefeie laficcita e ilfredo nemico dela natu 
raJm obo la fua carne tato più induriffe , 

PERCHE lagnello cFlatte e illaudabile ma cT uno ano emolto me 
gliore (ftilcapretto e uittello e molto altri animali e ilcontrano . 
OGNI ANIMALE molto bumido di natura quanto e piugiouane 
tanto abunda più de bumidita:e quanto più fe inuecbia: tanto pm 
f e dcficca ilfuo bumido fuperfluo:E ìlcontrario degli animali che 
fonno de complexion ficca o uer temperata quanto alnotrimèto del 
corpo noftro. Lagniello e molto bumido e uifcofodi fua natura 
Imoerho e inconueniente quando, e latente per molta fupfluita 
che adgionge quella etade a fua natura e quando procede nella età 
fi uiene deficcando dalcaldo naturale quel bumido fupfluo: eque 
fto enellafuagiouentude che epaffato uno anno; Imgbo la etade 



«Iella pueritìain ogni animale c bumida e l:g : oucr tuie e 
de eilcdo lagaiello de uno anno o circa la ctudc che e ficca rendette 
quella burnita f u£rlua e fa quella carne c(Icr più tcpei ata : Ma 
neglianimah ebe fonno di natura ficca quado lonno nella e tede SI 
la giouentude iacarne loro e molto più iicca:3c e molto d<fccmpcia 
ta:e quando fono lacflenti in etade primiera fono più temperati : Pe 
rbo co letade co e bjrnid a remette lalor diftemperanza iicca: La 
capra adonebe elbue cb di natura e ficca per quefta rafione fen mi 
giore nella etade deliache ebein nefluna altra etade:e lagneilo e il 
contrario ebome eftato dicrote qfta regulaitendafli ì ogni animale 
de bumida oucr ficca complexione * 

PERCHE Iacarne del capriolo tra le carne deglianìmali filucftri 
eia migliore 5c maxime eflendo giouanetto e dalatte. 
EL CAPRIOLO e din atura ficca e per ìlfuo exercitar cctinuo e fai 
tare e di poeba fupcrfluita:& e migliore quando e da lacìe : peicbe 
c(T*do f ua natura ficca e freda remeteffi quella liceità 6c e più tepera 
taicbome eftato detto difopra ♦ 

PERCHE lagniello quando e uecebio non efano eCC^do fua carne 
molto più ficca cB quando e duno anno* 

REG VL A E uniuerf ale di medici cb ogni animale uecbìo e di pò 
co nutrimento e duro da padire:Lo agnello adonebe fatto uecebio 
bencbefia di natura più ficca ebe quando era duno anno : niente 
dimeno edirnanebo caldo fpirito e f angue :intanto ebe non e con 
ueniete alla natura noftra. 

PERCHE lapafaraeilcolòbouecbio n5 fono acceptabili nutrirne ( 
to anoi ma difpone ileorpo affai afebre . 

OGM r ANIMALE ebe molto ufa ileokito e di calda natura e di co 
plexion ficca ,Impbo cbel caldo incita elcobito eilcobito molto de 
ficca: Vnde tali animali non fono dimolta uitatlmpero generano 
faneme caldo ficco e adufto preparato afebre : E fe pur tal animale 
fede mangiare mangiaci quando fono piccoletti nanti ebe CQminzi 
no elcobito * 

PER CHE ilcapone e migliore cM gallo . 

LAC ASIOME e (lata già dicla lbumidita del pullo e molto natura 
le anoi tQumto adonebe più feriferua nel pullo tanto e molto mi 
aliore^Epercbcperilcobito molto fe deficca fuabumid.ta ebome 
encl^iILoeferircruanelcaponetlmperboemolto mrgliore e più 
fubftantialeaicorpinoftri Iacarne del capone cb quella del gallo . 
PERCHE laqua^liaquanJo inprima paffa leaqnee uicne anoi e 
di natura ficca e freda zoemelenconica: e quando fepartedanoie 



di n atura f reda e bumida zOe flegmatìca. 

ELNVTRiMENTO mutalauitaelacomplexion dogni anlale: 
perche noi femo di quella f ubftantia e complexione eh e ilnutrimè 
to eh noi pigliamo .Diuerfifi caffè adonebe molte uolte lacomplexi 
on dellanimale per diuerfita de cibi : Ancbo dmerfificaffe lacomple 
xione deglianim ali p diuerfita di luogbi o uer ragione « Adorcft 
quando Squagliamene da noi e di natura ficca tlmpbo cbl fuo nu 
trimento e (tato molto poebo: Vnde e molto macra e dcfu'C3ta:An 
cbouienedaluogbificcbitEcjdofepartedanoi e ingraffata & bai 
f e recolta molta bumid.ta per lo fuperfluo nutrimento ebe non glie 
mancato ♦ 

PERCHE lagnielli ebenafeono nelle regioni calcP fò megliori cB 
qlli ebe nafeono nelle regioni frede* 

TEMPER ASSE fua natura ebe e f reda e bumida per ilcaldo ctlla 
regione e augumenta fua malitia per ilfreddo di quella te cufi ogni 
animale cb? dicomplexion fredda ebumida e migliore nei luogbi 
caldi e ficci e laminale ebe e dicomplexion molto calda e ficca e me 
gliore nei luogbi f redi e bumidi :e glianimali temperati fono megli 
ori nelle regioni temperate: E quefta regula fe de intendere etism 
dio negliammali per nfpecfto del tempo delanno ♦ Li animali caldi 
fono laudabili linuerno e non la cftade: E lianimali fredi la eftade 
e non linuerno.e glianimali di temperata natura laprima uera : o 
uer lo autumno» 

PERCHE glianimaliuolatiliiqualibanno lacarneroffao negra fo 
no illaudabili anoi ♦ 

TALI ANIMALI fono di natura molto calda e ficca :equefto figni 
fica la roffezza o negrezza di fua carne tperebe lbumidita :e frigidi 
tafoncafione d, bianchezza Vnde tal carne genera far.gue molto 
roffo cmelenconico : ebome loftruzzo grua te fimili animali ♦ 
ERCHE molatili ebe babitano nei fiumi e tra palludi fon molto 
cattiuùe mal fanite maxime quelli ebanno cattiuo odore* 
TALI ANIMALI fon dimolta fuperfluita uifeofe eflegmaticetper 
ebefuanatura edinutriméto aquofotma quelli ebano cattiuo odo 
re banno molte fuperfluita infe putridete corrupte lequale i nui ge 
«erano fimilmente fangue putrido e corrupto • 
PARCHE Iacarne e nociua alla febre e acbi e molto repieno* 
L AC AR.NE e dimolto notrimento:e genera fangue aflaitFa adon 
cberepletiomlmperbonuoce acbie molto repicno: augumenta e ti 
am ilcildo febrilemultiplieandoilfanguete cufi nuoce alla febre i 
Imperbofonpiuconuenienti aqu e i ebano la febre . Glianimaliuo 



latili piccoli e temperati ebe altri anim ali tereflri po ebe fono di pò 
eba fuo luita'.e poebo notrimentote facili dapadire. 
PE.<04£ lacarne macra e migliore e più nutrititi a ebe 1 agraffa * 
L AC A i^NEgratf a e frigidate un&uofa*: e genera flegma affai e tol 
le lo appetitola lacarne macra e caldaie genera migliore fanguc 
cb la^affa: Imperio da più notrmento ♦ 

PECCHE lacarne uergellata e megliore e de più laudabile notrì 
mento eh neffuna altra carne o macra o graffa * 
L ACÀRNE uergellata e de più temperato notrimento : Impo ebe 
e comporta dellacarne macra ebe e calda:e della carne grafia ebe e 
f rigida:Come adonebe lacarne macra fa fague caldo e ficco zce col 
lenco:E lacarne graffa fa fangue frigido :e bumido:ziaeflegmatico 
coffi lacarne uergellata genera fangue temperato tlmgbo cbel frigi 
doebumido della grafia tepata: ìlcaldo e ficco della carne macra 
deebe refulta un fangue tem£ ato . 

PECCHE lacarne delcapretto e meglior freda cb caJdate qlladel 
lagnello e meglior calda cb freda. 

ELCAPRETTO ba ife unodore rincreffeuole dibecco ilquale più 
ferifuegliaperilcaldo : Vnde eflendo lafua carnecalda uf ciffe un 
uaporedeeffacbefadebeccbotcbeeffendofreda ceffaquel uapo 
re: Ma lagnello euifeofo e flegmaticotlmf bo lo odore et Ila fuacar 
ne e fimilmenteflegmatico e uifeofo : Vnde per ilcaldo non fi fentc 
eufli ebome per ìlfreddo : T mpbo cbel caldo affotiglia quel fumo eh 
niefe della Tua carnete nfcaldalo Itato cbnòfadiquel riegmauifeo 
fo del quale e Tua natura . 

PERCHE e molto più cattiuo elpane quando non fi digeriffe cb la 
carne. qdo fimilmete non fepadiffe ♦ 

ELPANE ba una bumidita uifeofa e tenace laqualenon fe digere 
d > co nucrtiffe inflegma bumido e uifeofo affai . Lacarne ba bumi 
dita più temperata e conforme ala natura bumana t Vnde non fi di 
g-rendo conucrtiffi ibumori màcbo ribelli alla natura eba ilflegma 
tico uifeofo ebe fi genera dalpan indigefto . 

PERCHE lecofe eliffate fono più bumide nelle parte extrinfeeete 
n eie intrinfece più ficee :8c elcontrario e ne laroftite ebe fon più bu 
midedentrote ficee difuora* 

Nf5 LECOSE affate lbumido de leparti exteriore fe riffo!ue:8c eua 
pori: e cbiudeffi leporrofita di quelle :p modo ebe Ibumidita ebe e 
dentro non può euaporar fuoratlmpbo le parli dentro rimangono 
butnide e quelle difuora ficee. Ma nelle cofe elìffate apreffelepor 
fofita e lbumido interiore fe riffo!ue:8c euapora alle parte exteriore 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Impo le parti dentro remar gono più ficee de proprio bumido c<jl 
le d-fuora fono più bumide, 

PERCHE lecarne malcotte fon più dure ebe ben code ♦ 
LACARNE malcoda e bumida de bumidita uifcofa ebe continua 
eligalefuepartiinfieme:lmpbofono effe parti più indiflolubille : 
Ma quanto fe cuoce meglio lbumita uifcofa e continuatila et le par 
ti :tanto più f a fottiglia e fe nffolue e rimangono leparti più difeon 
tinue e perbo e più tenera ♦ E cuffi come lacarne mal coda e dura 
nel tocare Scuffi e dura nel digerire perche quello ebe face a ilcaldo 
delfuoco acuocerla fott gliàdo fuabumidita:bifogna ebe ciò faccia 
ilcaldo naturale delftomaco : E quefta e lacafione ebe lacarne mal 
coda non fe de dare aftomacbi debili e aquelli ebe poebo f afaticao 
ma aftomacbi forti :e aquelli cb ufano molto exercitio* 
PERCHE LAcarne mal coda dapiunutrimèto cb quella cB e più 
coda qdo effa fe digeriffe « 

Q_V anto la cof a ba in fe più bumido fubftantiale :c conglutìnatiuo 
tanto da più nutrimento alcorpo, Lacarne ebe non e coda bailfuo 
bumido fuft antiale dmpbo fe padire fe poteffe f aria di grand.ffimo 
nutnm-to :Ma ìlftomaco noftro qfto nò padifle fi p abbormatione 
fi per debilita de uirtu digeftiuafel non fuffe nutrito dalprincipio 
delfo nafeiere* Bifogna adonebe ebe la fecuceba : e quanto più 
ila alfuoco:tanto più ìlfuo bumido fubftantiale fcnColueJefe cò 
fumatdecbenon da tanto nutrimento» 

PERCHE ILcorpo da lade non e molto laudabile anzi e molto da 
^pbibire albuomo, 

ELPORCO e molto bumido adonebe come e flato dido quanto c 
piuzouine tanto più crefee fua bumidita : Vndefua carne e uento 
fabumida cb nuoce aldolore collico ealmal de gotte , 
PERCHE lacarne del porco falata e di poco nutrmento : e dinatu 
ra f.cca eflendo ilporco molto bumido ebome efta dido. 
ELSALE molto confuma ogni bumidita de ebe tal coflb priuata di 
fuo bumido da poco nutrimento : Impbo cbel nutrimento non ine 
ne fenon per Ibumido conglutin atiuo e uifeofo di cibo :pui cbel ft Q 
mico ìlpoffa digerire, Lacarne adonebe falata de qualuncbe anìale 
e di poco nutrimento p lacafione ebefta dida: e quel poebo denu 
trìmento ebe de effa fi genera e ficco e molto inepto e in congruo al 
1an atura ooftra ♦ 

PERCHE ILPORcofaluatieo epiu laudabilec di miglior notri 
mento cbel porco domeftico » 

LANATVRAdel porco e bumida affai e quanto più tal bumidita 



f euiene atemperare tanto e meg'ioretE porco dcmcftico fla tkhlu 
fo con molco npofo fèza alcbuno excrcitio ncllutto e Logbi bumi 
duTucte quelle cofe acrefcono allafua bumidita:Mailporco felua 
tico e di maggior cxercitio efta più allapcrtain luoghi ffc errò iene 
adonqj fua natura efler più tem Data: 6c e difficile a padire ma c di 
buon notnmento qdo e digefta : Vnde qfta fia regula uniuerfale a 
tioler cognofcere quando uno animale e conueniente o difconueni 
ente anone confequentemente a cognofcere fua natura :noi dobbi 
amo riguardare atiei cofe: cioè dicbe complexion elfefia elluoco do 
uè eglibabita:elnotrimentodecbefipafcelaetade ilaquale elfetro 
ua lo exercitio Tuo e ìltèpo dellàno . Tutte qfte cofe fono da cóficTra 
re come può edere rnanif efto nei queliti difopra ♦ 
PERCHE Ipefcipicoli de un a fp e tie fon migliore cbelpefci gran 
di ♦ 

ELPESCIE e frigido e bumido di fua natura: qto adoncb e piubu 
midoepeggiore *Lipefci adoncbe grandi banno più bumidita: Im 
fbo fon più nociui »uero e cb fono depiu notnmento : E per quefta 
rafione finconcede alinfirmi febrienti quefti pefci piccoli petiofi £ 
cbe fono dipocba fuperfluita • 

PERCHE elpefcie cbe bapiufquame e più laudabile» 
LESQVAMi figenerano e fono di natura tereftre e ficca t Tmpbo 
qto più fquama e nel pefcie:tanto màco bumidita e inquello iVnS 
lignifica meghore temperanza, 
PERCHE latencbatelanguillafono nociue • 

E-PESCIE cbefapocbo exercitio e poco fi muoue delluto edebu 
in iditafupcrflua e uircofa. Animigli a(fe latencba alporco e languii 
latpercbe fon pefci lutofi cb poco fé moueno dalfango aduegna eh 
latencba fia più lutuofa cblangmlla . Adoncp ogni pefeie lutuofo 
cb babita neleaque turbide e f angofe fon cattiui a corpi noftri e me 

liori fono quelli cb babitano nelleaque corrente o aque cbiare . 

ERCHE ilmelle e miglior co&o cbe crudo . 
ELMELLE e molto uentofo elquale cocidoffelauétofita refpira fu 
ora: Vnde quanto e più coéìo tanto uiene de minore quatitaBc e ma 
co uifeofo e manco dolze:Impero manco euerte ilftcmaco 8c e me 
gliore « 

PERCHE ilmelle cb fa poeba febiuma qdo fe cuoce e megliore. 
L ACOSA quanto più e uetofa tanto fa più febiuma : Segno e ado 
eh eh nò ba tata uifeofita ilmelle cb ba poca febiuma : qtoqllo cbe 
ne fa affai. E accio cblfepotfa cognofcere lanatura ditute le cofe cb 
noimagéo:o beuco g noftro nutrimeto ponerio iprialana diqll* i 




Lpl di grano colfale e co! fermento 
Leuato e coJto niffuno e megliore 
Digefta bene e da forza e uaiore- 
Lazimopan del gran tardo digefta , 
OppiiJa elfigato e fa dolor nel uentre 
Lapietra ne le rene ùmilmente . 
Elpan de orzo ba freda fua natura 
Nutrifce poebo e fa uentofitade 
Stringe J ouentre e fa frigiditade . 

Panico e miglio e ficco e fredo a ogni bomo 
E ciafcuno dilor poco nutrica, 
Reftrenzo ìlcorpo e tolgo ogne mollica 

Ogn altro p ane f ib a la fu a n atur a 

Secondò quel decbi e complexionato 
Culli nutrica come e naturato, 

R ifo e temperato f redo e caldo 

Nutrica ben m a non e buon alfi anco 
Cuocere lì uuol cbolacfta e {litico anco 

Le faue fon temperate e frede 
E fon uentofe e fan doler latefta 
Solute fon:frefcbe fan più molefta 

Color ebe de natura fon uentofi 

Mangiarle faue fé guardi e fe docfti 
Neuuolem mangiar cbolor eh fon roefh* « 

Cice e caldo e uentofo e fa urinare 
Menftruo e fperma f a inquantitade 
E uerde fa molte fuperfluit ade* 

Lalente e freda e fecca e fa colere 

Deficca elcorpo e deftrugge ilfperma 
E nuoce agliocbi affai e molto inferma 

Faxoli ingraffa inf ìa e fan urin a 

Rifcaldan ileorpo eluentre mol e tende 
Fanno mal fomniare e lateft a offende 

Faxol minuti fifon fredi e fecebi 

Son più liggieri cbeglialtri legbumi 
Infiano meno8cban meglior coftume 

Lupini fon groffi e duri e firafredam 
Menftruo fan e fan ben urinare 
C azzam lumbrici e moroida fan largare 

Robigli en di natura frede e ficebe 



Fanno rio Cangile e non molto ntitrifce- 
Ai ucrmi fanno male e impediffe 

Spelta e fegala e dugual complexionc 
Purfon bumide:ma dcdccz ìlcorpo 
Rei burnori cazza e poi (litica ilcorpO 

Melega e ficca difuacomplcxione 
Poco nutnfce chi in corpo lafpinge 
E mangiarla eluentre fe reftringe* 

Lamido e molto duro e uifcofo 
Ebon alpecìo e aglio cbi e alatole 
Soluto e cazza bumor f e incapo foffe 

Lograno coclo molto finutrica 

Co&o collafre e buon da ingraffare 
Leuene riempie e pietra fa formare £ 

Arne nutrica più cbognaltra cofa 
Ingraffa lbuomo e fai forte e ficero 
Rèpielo molto e falò ardito e fiere* 

Carne danimale uecebia e ingraffata 
E quella cb ancor non e partorita 
E riaielanatnra poco aita. 

Carne ebe roffa e macra e fenza graffa 
Più ebe Iagraffa affai fa nutrimento 
Rifcalda più te da piufubflentamento 

Carne grande noflrrana o (aluatica 
Egliefuper3ua :e fa affai bum ori 
Dar non fi de feno ailauoratori 

Lavarne del capretto e temperata 
E fa buonfangue infi non e malitia 
Cbt faf aticba non ne far diuitia 

Lacarne de lagnel e molto f reda 
Humidaeria ancor e reumatica 
E di fua natura e affai flegmatica 

Elcaftron da più forza cbel capretto 
Et e più fuperflua anebe più groff a 
E quanto quel e buono da più poffa 

Carne dicapra e più freda ebe calda 

Mrn cbel eaftron nutrica e men da forza 
Acbi e fredo non u al una feorza 

Carne di bue egroffaemelenconica. 



Genera grò (Io f angue e affai nutrica 
Vtile e molto aquel ebe fafatica 

Carne diceruo egrofla 8C e calda 
Fa grò ilo f angue e fa melen conia 
Buona a I auoratori ad altri e ria 

Lacarne del carnei e calda molto 
E fa melenconia e bumor groffi 
Non fede da rfenon ad buomini groffi 

Carne de capreolo e megliore 

Cbenulla carne che fia faluaticina 
Pocbi bumor fa leggier 8c e ferina 

Laleponna carne e operatiua 

Quinto nullaltra carne e f acondiofa 
Ma pur alquanto e melinceniof a 

Elbeccbo ba grolla carne da ufare 
Più cbel monton eglie uif cofa e ria 
E almangiar fa melinconia 

Carne di porco fie bumida efreda 
Nutrica e larga iluentre e fa bumorr 
E lurina ffcnnge fuoi uapori 

Leporcbe di laefte fon molto bumide 
Nuocen alftomaco bumido e uentofo 
Rie fon alf ianco a legotte nogliofe 

Elfeluatico porco e caldo :c ficco 
E meglio cbal domeftico nutrica 
Non tufi troppo cbi non fafatica 

Lacarne di porco ebe pur mifalta 
Humida e molto :m a feglie f alata 
Nutrica poebo 8c e ficca approuata 

Piecora e calda e più ebebue o capra 
Ma pur e di natura bumida e calda 
Ne non e amangiar utile e falda 

Carne de rizzo Cit calda e deficca 

Conforta elftomaco e fa andar delcorpo 
Vrina cazzia affai for delcorpo 

Lacinie dorfo fie molto uifeofa 
E delfo cibo fa poco nutrire 
E anebe e molto dura da p adire 

Leon ba fu a carne calda egroffa 
Dura alp adire e fa affai tortrone 



E fa dolori affai dogniftagione 

Bufala al padire e carne dura 
Molta fuperfluitade fa e genera 
Pur e men ria perfin che glie calda 

Ogni carne di uaccba e ficca e freda 
Nutrica poco e da poco ualore 
Poco augumenta e ba pocbo calore 

Vituline fon buone e temperate 
Non fono uifeofe ma falutifere 
Tra laltre carne fono più odorifere £ 

L ceruello naufea fa e fie f redo 
Aloftomaco fa abbominatione 
Volfi mangiar innanzi ogni fta'gione 

Lalengua bafua natura temperata 
Comunarnente da buon nutrimento 
Come 1 lacerti fa temperamento 

Medula ilmezzo tien fral fredo e caldo 
Sperma aduce e molto lo purifica 
Loftomaco bumiliac fi mollifica 

Lacarne macra fifa fangue ficco 
Dilei poca fuperfluitade laffa 
Ma meglio affai nutrica ebe 1 agraffa 

Lerinetardafan digeftione 

Non fan buon fangue ne buon nutrimeto 
Non fanno acio niffuno operamento 

Vber a fua natura freda e groffa 
Nutrica affai ma tarde fidigefta 
Alftomaco affocato fa buon efea 

EifigKo e molto calido ebumido 
Ala digcftione e molto duro 
E graue cibo 5c e poco ficuro 

Lamilza fa nutrimento non buono 
Genera fangue negro e tofto fatia 
Buon e alftomaco ma troppo nefpatia 

Elcuor e di natura caldo e duro 
E d-lfcDmaco tarde (e pad. ffe 
Flegm tico fangue fa e poco nutriffe 

Lacoda e calda e alftomaco nuoce 
E fa f aftidio dura o uer tenera 



no 



Colera rotta affai ancor genera 
Pulmone ba la fua natura frigida 

Tardedigeftafi efta a fi ai n eli no co 

E anco finutrica molto poebo 
Mufcoh o uer lacerti cice lepulpe 

Humide fono e fanno fangue 

E fuperfluita fene m angierai 
Lacarne graffa fifa bumido fangue 

E fuperfluitade e mal talento 

E anebo fifa poebo nutrimento 
Vergellatafifa ìlf angue temperato 

Cottica fa ilfangue molto fredo 

E fai uifeofo ficondo cbio credo 
Lipedi fan lof angue affai uifeofo 

E fredo non e pero molto greue 

Anzi enpiutofto dmatura leue 
Dogni animale che fé mangia g lbuomo 

Imembri fon denanzi caldi e leui 

Didrieto fon tutti fredi e grieui 

Acarne cbefia cocìa nella bragia 
Molto nutrica ileorpo e fifa forte 
Dura e alpadirc clfluxo fìnge forte 

Lacarne graffa fritta fa f aftidio 

Dura ap adire ma pur fa nutrimento 
E cocìa in olio fa più operamento 

Lacarne cbefia cocìa nelle teglie 
Poco nutrica e poco da conduto 
Vtile e molto adifcalzarc ilruto 

Paftei nutrica poco 8c e più fano 

Deficca elcorpo e molto loCottiglia 
Emancbo fa cbi lufa efpeffo figlia 

Lacarne ebe fia cocìa nello fpeto 
Nutrica ben e apadire e dura 
Reftringe il corpo acbiba debil natura 

Lacarne coda in aceto aqua e croco 
E freda e abaffa lacolera roffa 
Alfigato caldo fi tol lapoffa 

Lacarne cocìa in acjua e in agrefta 
Lacolera reprime e fi laftrenge 



EI corpo fi re dura e fil reftrenge 
La carne co&a con cofe acctofe 

Ei ana emolto utilete ben nutrica 
Alfio ma co e figato fi radica* 
Lacarne coóìa con lacle e colgrano 
Nutrica ben : e groffo fa rip afto 
Alli macn fie buon e util pafto 
Lacarne codia ebun oua e ebon peuerc 
Ella e calda elcorpo fifa caldo 
Sperma adduce diuerno fa lbuon caldo 
Lacarne codia con lorzo e con lacìe 
Nutrica ben ma e rif afta e grolla 
Aimacri più ebai graffi da poffa 
Vngbnìe danimal graffi e caldi e bumidi 
Siccbe e frede gionture 8c extremitade 
Dure alp adire non fanno fuperfluitade 
E lf angue di natura e caldo e bumido 
A digeftire e duro: e a p adire 
Nenon e anebo molto utile al nutrire 
Ogni dolze fie caldo e temperato 
Colera rofla e f angue e fluxo induce 
Alarga ilpecflo opila e fperma aduce 
Loacetofo e fredo e abaffa ilf angue 
Reftringe ìluentre e ainerui fa malfito 
Flcgicca ileorpo e induce lappetito 
VncT:o fimollo ileorpo e moue iluentre 
E (cazzi a e f calda e fifa bumiditade 
Luxuria fifa e fperma inquantitade 
Lamaro e caldo :8c edeficcatiuo 
Prouoca ilf angue : e fa colera rofla 
Linfipido molto nutrica a poffa 
Lacuto e caldo e fi refcalda molto 

Locorpo infiamma elf angue affai nutrica 
Colera affai conduce e la replica 

Tarna eungradeucel di bòa carne 
E calda temperata 8c eleggiera 
Degli uceli lamegliore e la primiera. 
Ccwiturnice inbontade e lafeconda 
Superfluità fa poco 8C e prouata 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 
Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazional 



E din atura calcia e temperata 

Perdice fa più groflo nutrimento 
E più nutrica eba niunaltro ucello 
Reftringc ìlcorpo e fa leggier oluello 

Carne depulli fie preffo aqueftì altri 
Non quanto coturnice anutneare 
Ma fanno fperma emen luxuriare 

Carne digalli apadir fie dura 

E grolla più ebe non e lagallin a 
Emen nutrica più cbaltre pulirne 

Fafian e dinatura dicapone 

Ma da più nutrimento e più fafetta 
E algufto più piace e più dilecìa 

Columbi ban molto lafua carne calda 
E f ano lo f angue molto f ocofo 
Cbigliuf a molto fera f ebricofo 

Locba ba fua carne bumida e calda 
Elpafto fuo da molta nutntura 
Ma pur nelo padir e molto dura 

Pauone nutrica più ebogn altro ucello 
Duro a padire ma da molto conforto 
Vuoleffer giouene eftar affai morto 

Leanedre f anfuperfluitade 

Fadidio induce e calda e fua carne 
Quanti pulii nutrica ma più tarde 

Lagrua e dura e grofla da padire 
Cbi luf a tropo fifa defccftuofo 
Elfangue fa molto melenconiofo 

Loftruzo eba lafua carne dura e ria 
Ne ambiarla non e dilecfreuole 
E alnutrire e molto fcoueneuole 

Turtura e dura calda e bumida 

R eft ringe il corpo 6c e m olto fìnti cà 
Tempera ìlfluxo e molto lo ratifica 

Turdi e merli e altri ucelli fif atti 
Denatura depulli fon ef 1 f rcun 
Ma pur fon alpadir molto pm duri 

Laqua^lia quando pr'ms d'qua p~ffa 

Freda e ficca e poi graffa bumid a e calda 
Nutricaben ma f aftidia e rif calda 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Patterà ba molto calda lafua carne 
Chi luf a induce ìlcorpo a luxuriare 
E fon molto apte aquella furiare 

Lodola cappelluta ftrenge ìlucntre 
Io dico aroftita ma fella e leffa 
Louentre larga fe entro fera meffa 

Tucìi gliucelli dico difilueftri 

Quanto più hanno roda e uera carne 
Tanto piufcalda e più ria amangiarne 

Ogni ucci di aqua fa fuperfluitade 
Quei ebanno rio fiato e mal odore 
Quella e ria carne e dipoco ualore 

Ogni ucel più tofto fe digefta 

Che carne dequattro pie dalcuna fiera 
Nutrica mcn :ma egliepiu Iiggiera 

Ogni carne ducei e danimalc 

Vuol efler giouenfeuuoi ebefiafana 
Digefta e fcald a ìlcorpo e firefana 

Linteriori dogni animai fon duri 
Saluo dipulli e danedrc en prouate 
Che fa digeftion molto ordinate j 

Lpefcic frefeo fiefredo ebumido 
Alo ftomaco e duro dap adire 
Sangue flegm atico e fefa uenire 
Humido fifa ìlcorpo e fifa fperma 
Alifredi e alfiancbo molto offende 
Lacalda complexion più fedefende 
Pefcie cocto con altre cofcinfieme 
E buon acbiba calda fu a natura 
Pur e uifcof o e f aria nutritur a 
Elpefciecbe uainfieme euainfebiera 

Quel e megliore:e dequel feuuol prederc 
Men fon nociui e men fuol offendere 
Quelo ebafua carne men uifcof a 

E ebe e men grafia e tofto ficorrump e 
Offende manebo ileorpo e men ìlrumpe 
Quelli cbeftaninmal aqua ouer in berba 
O in luogbi fordi e paludi ebe non fò fori 
O bauerli troppo grandi non fonbuoni 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Pefcie f alato fide mangiar podbo 
Senno quando fi prende medicina 
Ne fredo fi de uiare fera e mattina 

Ligambarifluuial en dur digeftione 
Son uaporofi daffai nutrimento 
Ma lomarin ba più fottìi nutrimento 

Ve che digalline o diperdixc 
Son più generatole e più nutriffe 
Quelle de le anedre ben fegmflfe 

Oue daltro ufel non fi de ufare 
Senon in neccflita dimedicina 
Senonperdixeocba anedra e gallina 

Oue doca fan f aftidio e m al odore 
Quelli ebe digallina o di perdicc 
Luxuriafan aligiouen e adantiebi 

Eluitello e temperato e più nutrica 
Elbiancbo e fredo duro Se e uifeofo 
E fa mal f angue 6c e mcn luxunofo 

Lcouc cocte inaqua dure e lede 
Nutrica più ma fon dure apadire 
Lemolle fon più apte dafmaltire 

Letremolante en bone acbie fieuole 
A cbi perduto baueffe molto ilf angue 
Buon allagolapulmon e fan buon fague. 

L laefte e tegato fredo e bumido 
Elcorpo igraffa e bu.de en ft*e poffe 
Buono atifici 6c etbici eban latofle 
Reprime anebo lardore delurina 

Cbi de arfenico e ciò fente tormento 
Giouali affai e fa buon nutrimento 
Elfperma induce e fi tempera ilf angue 
Ma ilpiu groflo ebe fie ìluaccbmo 
Piufottil alpulmon e lafinino 
Quel dellacapra fie mezzo tra doi 
Elpecorino fuperfluo e contato 
Elcammellino e utile alfigato 
Eliache fpeflo non fide mangirre 
Fa pietra nelle rene e mal nutrica 




E anche rena fa nelaueffica 

Laclc cagiato non fa migafcte 

Faftidio induce dacbi lui e nutrito 
E anche mai non fa buon appetito 

Locafo fresco fie fredo e fie grotto 
Fa carne affaifeglie di lacìegaldo 
Et anebo e buon aloftomaco caldo 

Eluecbio cafo e caldo e fete induce 
NutniTe mal e poco poi ilcibo ebuono 
Alaboca del ftomaco fa buon fuono 

Recotta fnfea fie freda e ficca 
Melenconia genera in ogni cafo 
Ma ancora nuoce manco che fa il cafo 

Elferocazzia la colera roffa 

Buon ala fcabia e acbi rogna nuoce 
Et anebo gioua aebi el umo noce» 

Buttro edmatura aflaiucntofo 
Nutrica meglio leperfone uiue 
Cbedaltre cofe che fon inflatiue 

El falce caldo aguzza ppetito 
Sottigha il cibo e lo faftidio ficca 
Al uno nuoce elofperma deficca 

E f ìgbc frefebe fon molto calde 
Enfiano ilcorpo quato Co megliori 
Elcorpo molle e fano molti bumori 

Lefigbe fecebe ben nutrica e fcalda 

Gcneran uermi aldoflo anebo pedocbi 
Elucntre molle fe nanci cibo li tocbi 

Mulfa e calda e alftomaco e ria 
Genera faftidio e colera rofla 
Tol lappetito eluentre molle efgrofla 

Vua dolce fie calda 3c e ucntofa 

Eluentre mollifica elcorpo ingrafi a 
Luxuria commoue e fperma abraffa 

Vuc acerbe fon frigide molto 

Louentre ftringe e ftitico elmantene 
Colera roda e (angue ben ripreme 

Pome codogne fan ftomaco forte 
Pan appetito e anzi cibo ftrengc 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



E dopo ilcibo ftercora fimpinge 
Lepere nanzi elobo ftrenge eluentrc 
Meglio fan 1 acerbe e tolgon fete 
E corno fon d gefte hanno quiete 
Sorbe fon frede eftrengeno louentre 
La uirtu fua e lolor potere 
E colera roda fare ben ripremere 
Lemore dolze en temperate e calde 
Faftidio molto f ano alo ftomaco 
E lacctofo ftrengcno e (liticano 
Le pome di natura en molto frede 
Alftomaco fano uifcofitade 
Et anche fan molta uentof:tade 
Fraule fon calde e molto temperate 
Sichome more e nela fua natura 
Efono cuflfi f afte in fua figura 
Vua parta fie calda e temperata 

Nutrica ben il corpo et e molto utile 
Et anefun a coffa e defutile 
Dattili de fua natura fon caldi c grotti 
Generan groffo f angue e ben nutrica 
Corumpe Sdenti e flegma fi replica 
Perfica e din atura grotta e fred a 
Alftomaco caldo molto fuplilic 
Flegma genera e tarde digeftifle 
El cedro e caldo alquanto fecco ebumido 
Elfuo odore confota aldigerire 
El fugo bibito fa ilucnen fuggire 
Tolle limai appetito dalcgrauide 
Etnanzi pafto elfe demanzare 
E li panni d alle tarme fan feruare 
Armoniagbe fon frede e tumide 
Enfiano il corpo e colera reprime. 
Chi troppo lufa fa f ebre uenire 
Nefpoli fon fredi e fon ficchi 

Conforta il ftomaco e uomito pelle 
Colera comprime e urina repelle* 
Leprugne fono frede eluentre moue 
Lacoleraroflalelareprime 
Lappato ftrenge eaflaileteme 
Oliuc fatate fon caldee ficcbe 



Comefte nanzi ilcibo ilucntre muoue 
Fanno ilflomaco robufto e fil rimouc 
Cerefe fon frede ebumide e folute 
Colera rotta preme acbi ba calore 
Corneprume matur e lanatura lore 
Legiuzole en calde e a padir fon dure 
Nuocen alftomaco efilfan flegmatico 
Alpecfto e toftegioua cbie e reumatico 
Carobe fono calde e temperate 

Strmgen ìlcorpo e altrui pocbo alegra 
Fanno fangue groffo e colera negra 
P ome granate dolze fanno fete 
E fon uentofe e fanno inflatione 
bagola alargan e fan digeftione 
Ma le acetofe fan ilpecfto afpero 
Rifredan ìlcorpo e lofigato 
Reprime iluomito e ilf angue infocato 
Caftagne en calde e ficcbe inprimo grado 
Reftnngen ikorpo e fa buon nutriméto 
Ingra(Ta ìlcorpo appetito fa e uento 
Lenuce de natura fono calde 
Inbocba fan ueflfica e ardore 
Scaldano e alcapo fan dolore 
Mandorle dolce en calde e temperate 
bagola allargan e fon dure apadire 
Apron leuene efperma fan uenire 
Lemandorle amare ficcan Ibumidita 
Confuman bumori groffi e fan urinare 
Leuene elpecìo elpulmon fa largare 
Piftacbe fon calde e molto nobile 
Apron molto leuene oppilate 
En util alfigato e fon prouate 
Auellana fie ficca e molto calda 
Et e aldigerire molto dura 
Delfc orpion e buon a lapunctura 
•Ghiande fon frcde e Cicche dinatura 
Stringen iluentre (trucie in medicina 
Eftrengen ancor molto ben lurina 
Pini fon caldi e acremanti utile 
Alerene e alurina e alpe&o 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Ealauefficaeadardile&o 
Lamelaranzaefredaefie bumida 

Lafcorzaecaldaelfeme e temperata 

Alfigato gioua e alrif calciato 
Cornai fon caldi e ficci de natura 

Strengon il corpo e f anlo retenirc 

E alftomaco fon dure dapadire 

Atuca de fua natura efreda 
Elcaldoftomacofi farinfredare 
Spermafcemaemolto fafòpniare 
Endiuia de fua natura efreda 

Scazza ilcaldo del ftomaco edelhgato 
Sperma riten eutil alopillato 
Lecaule tutte fan colera negra 

Elpecìo alargan e fan mal formare 
Eluentremoueefan defembriare 
Spinaci fon molto temperati 

Alftomaco allagula e alpulmonc 
Al uetre efigato fan buon operatone 
Labieta defuo natura e calda 

E alftomaco fi e mala efilotende 
Louentre larga e molto flegm a tende 
Atnplecefiefredoeancbo bumido 
Eluentre ben nutrica e mollifica 
Izalli elfigato caldo fi ratifica 
Maluaalaltripliceemoltopan 

Mapiulenifleet anche e più fotille 
Infueoperatione nonepiuuille 
Aneto e caldo e alftomaco malo 
Eluentre allarga e anco fa uomire 
Per Tuo natura ellacìe fa uenire 
Petrefemolo fi e caldo e fa urinare 
Ebuonoareneuentofita cazzia 
Ogni male de figaro e af iancbo fcazz 
Appio fe apre ogni opillatione 

Luxuria moue e buon alf etor dibocba 
Cbi mangia fcorpion el punge e tocca 
Portulaca efreda e tole lafcte 

El ucntreftrenge ab affa colera ardente 




E fperma ancbor e nobile alo dente 
Boragine e calda e ancbo e bumida 
Ogni tempo comefta fi letifica 
Bon alagolla el pulmone fe bonifica 
Fcnocbio e buon aifigato e alerene 
Apre leuene e fa la petra rompere 
El dolor de ueflica fa remettere 
Elcoriando frefco fie molto f redo 

Se uuol mangiare pocbo perche forte 
E conlatucacbi non uuollamorte 
Saturegia fie calda e in groffa 
E de fua natura e inflatiua 
Edigeftion tarda molto priua 
Menta e calda e conforta ililomaco 
Pelle ilfaftidio egioua alappetito 
Buon e alla lingua eliache fapollito 
Majorana fie calda et efuttile 
Ad ogni infirmita de capo fredo 
Vtile e molto fecondo cbio uedo 
Bafilicon largo fa il capo dolere 

Mal nutrica e molto al uifo offende 
Sperma elacfle ficca elcuor deftende 
BaGlicon minuto e caldo e acuto 
Si corno aqua rofata e temperato 
Induce fomno alfano e alinfirmato 
Bafilicon garofila e futtile 
Et e defuaue e buon odore 
Vtile e molto al tremor del core 
Lafaluia e calda :5c e buona alatola 
Ai u erm i nuo ce : Se e uti 1 al f igato 
E alatefta corno efta prouato 
Elrofmarino fieficco:8c e caldo 
Di fuoi fiori fi fa buon con fedo 
Cfi ficca glibumor del pulmò e del pecìo 
Ruta e calda 8c e futille e ficca 
Ventofita pelle e inflatione 
E molto conf eriffe alle torrione 
Capo di dipalma e fredo e fie ficco 
El ftomaco deficca e fa robufto 
Reprime el fague bugliente e adufto 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Ruga dinatura calda inflatma 
Fa doler elcapo e fall molefta 
Genera uento e tardi fi digefta 

Mehtìa e calda e lauerga rizza 

Luxuria euacua e fottiglia lbumore 
Vomito pelle Se ebuon alcuore 

Nafturcio e caldo e anebo fie ficco 
Induce appetito e fa mflatione 
Orrende ìlcapo e tarda ladigeftione 

E nulla e calda e ficca e purga ìlftomaco 
Buon e alfigato e fplene oppilato 
E f a lo fp erma affai più temperato 

Corizola nuoce molto alftomaco 
Eluentre muoue elrluxo fa ucnire 
E ebon anguftia anebo fifa uomire 

Acetofa e freda e ficca dmatura 
Eluentre ftringe e tol colera roffa 
E alapeftegioua a tutta poffa 

Porro f ie caldo e ficco e da appetito 
Elcapo fa dolere e mal fomniare 
Cbi dalcaldo e effefo non lo de ufare 

Aleo tol lafete 6c e caldo e ficco 

Eluento tol delcorpo luxuria induce 
E affai caldo nel uentre produce 

Cepola e calda e ficca e fifafete 
Fa appetito e luxuria mouere 
Fa flegma affai e f a ileapo dolere 

Melenzanafifa colera e f angue 
Lamilza elfigato molto alarga 
E ogni oppilation anebe larga 

Naponefieflegmatico eucntofo 
Elpecro larga e fa dimolto fperma 
Lerene eldoflo fcalda e fi referma 
Rapa e uentofa e bumida e c alda 
Nutrica ben 8C e digeftione dura 
Genera fperma e induce luxuria 
Peftinaca e uentofa e dinatura calda 
E anebo molto dura da padire 
Liirina alarga c fperma fa uenirc 
Radice larga elfuo nutrire e groffo 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



E mal agliocbi e adenti e allago 
Purga lerene e laueffica fcola 
Lapetra rompe e Tifa mali rutti 
Aiftomaco zoua e uomito ftrenge 
E doppo ìlcibo fimouc louentre 
R affano dinatura e caldo : e groffo 
Entro lo flromaco molto fa dimora 
Elflegma fende elcibo moue anebora- 
Mellon roffiftfan colcraroffa 

Tollen lafete e fanno molti tumori 
Multa urina fa e affai buon fapore 
Cucumeri e citronelli fon frigidi 

Tollen lafete e fanno molti bumori 
Elcaldo dalftomaco anebo reuoca 
Lazucba ebafua uirtubumida e freda 
E ria alftomaco e lappetito fcazzia 
Alftamaco e alfigato ìlcaldo cazzia 
Limoni fon bumidi e molto fredi 

Son buon alfigato e aleuene oppillate 
Dilorfifa buon firopi deftade 
Lupini de natura fon dea e caldi 
Sono anebe di dura digefHone 
Delfigato e milza apre la oppillatione 
Mortella e f reda e (icc2 elcorpo ftnnge 
Fluxo di fanguc e refìrrmge ilfudore 
Alla toffe e alpulmon e migliore 
Lacamumilla e temperata e calda 
Lagola alarga e fa affai urina 
E alatofle e buona medicina 
Zucbaro e temperato caldo ebumido 
Lagola eluentre bumillia e mollifica 
Collera roffa ab affa : e mortifica 
Elmelle e caldo e fa collera roffa 

Dalcorpo cazzia o monda bumor fredi 
Deftade lode torre liuecebi e fredi 
Elpapauero bianebo ba fredo ilfuo feme 
Buon alla gola elpecìo fa aprire 
E anebe ilfeme fa molto dormire 
Agnocafto e di natura fredo e fecco 
Tol laluxuria e lauentofitade 




Elfperma ficca e mantidi caftita Je 

C appari fon caldi e ficci e fanno fctc 

Purgan ìiitomaco elcorpo fan fm agrata 
Son buon amilza alfigato cppillato 

Litartufi fon frigidi e grotti 

Colera e flcgm a fanno intieri o triti 
Mangiar feuolen caldi infal conditi 

Lifungi fon piti rei cbe litartuffi * 

Alcuna uolta lbuomo affuga e occide 
Humor uifcofi fan caltrui conquide 

Lifpanfifon caldi e fi fon bumidi 
Fan molto fpermae affai refcalda 
E alerene ancor e cofa calda 

Elzeneuero e caldo c ficco infecondo 
Buon alerene e anche aliar anella 
Lapetra rompe e ancbo larlagella £ 

Lpepc cazzia lauentofitade 
DigeftaSc cbò alpccfto e alpulmóe 
Alftoaco c alrlegma a ogni ftagiòe 

Croco molto riffolue ma e ftitico 

Fabuon colore conforta ilcor elftomaco 
Muoue luxuria c urina e fuga ilftomaco 

Elcinamo e caldo e ficco e diflbppilla 
Elfigato e loftomaco ficonforta 
Ogni corrupta coffa fuori porta 

Zenzeuro e buon aloftomaco fredo 
Alarga ìluentre e deficca glibumorì 
Digeftabcn eftringe irei odori 

Garofalo ba calda e ficca fu a natura 
Alftomaco e al figaro da forza 
Elcerebro e memoria fi rinforza 

Elcaruino elftomaco ralegra 

V entofita diffolue e ben digefte 
Vrina alargba a lumbrici da peftc 

Sin ape e calda e lapoftema rompe 
Fende lo^egma pofto nel pallato 
E uccide lombrici con fuo fiato 

Anifi en caldi denatura ficca 
Ventofita riffolue e tol dolore 



73 



Arene e Iaueffica fan meglìore 
Cubebe eri calde edeche e buon alcapo 

Gioua alcatarro: e ref chiara Iauoce 

Apre leuene :e a quelle non nuoce 
Penettibanbumida e calda fua natura 

Vtil e molto a cazziate latofla 

E af ar largbo ìluentrc b anno gran poffa 
Laliquiritia e temperata bumid a e calda 

Alla complexionbumana fafimiglia 

A membri e buona ebe afperita piglia 

Luin comunamente elcorpo fcalda 
Elbiacbo elcbiarofuolfcaldar mèo 
Ma fa urinare più apieno 
Color difoco e amaro 6c e più caldo 
Eldolce elgroffo da più nutrimento 
Elmofto fa più fangue e repiemento 
Eluecbio fcalda più e leuene apre 
Elnutnmento fa ben penetrare 
Fa carne e fangue e fa più relegrarc 
Ancor conforta e molto allegra lbuomo 
Ma cbi diftemperato e troppo ilprende 
Alf jgato e cerebro e nerui offende 
Cbi troppo lufa fa uenir lofpafmo 
E fa afìai tremore eparelefia 
E fa uenir elmal della poplefia 
Temperato zoua alfigato e alfianebo 
E più aebi denatura folle fredo 
Grande e fenza aqua cazza uento e fredo 
Lafaba e grolla e dura dap adire 
Et e uentof a ma fe fi digefte 
Buon e alpulmon e ben quel fereuefte 
Buona e alpe&o alepiagate rene 
Salda leuene acbi dentro lareplica 
Mondifica ileorpo elauedicca 
Laceruofa delmclle e inflatiua 
Ventofa milza e f igato oppili a 
Ma de uua pafla elftom aco refilla 
Def jcbi enfia e cazza uia gliumori 
Dedatari fa bumori molto groDfi 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Lamente offende e glibumor fifa roffi 
Vin facli degran e dorrò non fon buoni 
Fan malibumori e fon apadir dure 
Reftringen elfigato epetra fanno pure 
Aceto e dinatura ficco e rrcdo 

Defmacra ìlcorpo e inerui debiliffe" 
Elfpermaf cerna e colera negra adipiffe 
Olio e temperato caldo e bumido 

Humilia ìlftomaco elcorpo mollifica 
Più caldo e quello cbe più odorifica 

Aqua cóferua nel corpo glibumori 
E penetrare fa elcibo feglie pura 
Calore reprime e lacalda natura 

Laqua b'ggiera e dolce fie migliore 
Turbida fapetra nelercne 
E ancbooppillailpecfto elerene 

Aqua falla purga ilcorpo e poi ìlftrenge 
Scabia fifa uenire e rogna an ebora 
A milza offende quella cbe non corre 

Aqua dineue ìlftomaco fi offende 
E alabocba cbilabe dezuno 
Perbo di beri a figuardi zafebuno 

Pocbo daqua poi ilcibo non e ria 
Acbi e caldo dico dinatura 
Elgraffo fa padire Tua nutritura 

Lafreda e ria aluentre e non tol fete 
A bcuerne pocbo fa colera affai 
Laco&a zoua più fe luferai 

Laqua piuuialc men nuoce e offende 
E anebeprouoca e urina fa uenire 
Tepida moue ilcorpo e fa uomire j 

PERCHE nuoce ilmagtar diuerfi cibi i una 
menfa . 

LANATVRA quando no e unita alla dige 
ftione non digenffe debitamente quando fo 
no diuerfi cibi , Bifogna cbe lanatura diftrì 
buailcaldo naturale fecondo diuerfi gradi $ 
portionati aduerfi cibùlmpbo eh non poffo 



no digerir f e fecondo una medeflima ^pportlone dicaldo . Affabcaf 
feadoncp molto lanaturaienon può perfettamente digerire ciaf cu 
diquci cibi chz non rcmangbi una grani parte ds effi cbi wdigcftì 
e maximamente nei ftomacbi debili « 

PER CHE manzando de più cibi fede preponere quello cfc e dipiu 
facile digeftione :e pofponere quello ebe e più graue ♦ 
QV ANDO ileibo e digefto nelitomaco faccendo dimora inetto fi 
putrefa e corrompe: Mizando adonqj prima ileibo leggiero ctonie 
elfo e digefto lanatura ìlmanda fuora delftomaco e continua la di 
geitione delcibo graue :cbe anebora non e digefto :Ma Tel c.bo gra 
uefeprepo nelle alliggiero effèdo digefto :elleggiero nò ponaufei 
re:Percbel cibo graue non feria anebo digefto eia natura retiene e 
non apre Iaporta delftomaco infmo cfrl cibo ebe e infondo non fia 
digefto .Putref ariaffe adoncb quel cibo liggiero già digefto per nò 
podere penetrare fuora. E perebe una colla putref acfta corrompe 
e putrefa laltra feuerria an ebe a putrefare quellaltro obo cumelq 
le elfemefcoleria ♦ 

PERCHE non fe de molto prolungare ilmangiar fuo nella méfa 
ciò? ft are atfai m angiando atauol a , 

ELNONebuono neconueniente ebe uno cibo fia mezzo d'gcflo 
quando laltrofopra uiene: perebe uno impaza ladgefticn dellal 
tro e cuffi remangono molte parti di quei cibiindigeite: e cuflmon 
fifa buona d«geftione ♦ 

PER CHE fono alcbuni buomini aiquali nuoce cibi delicati eleggi 
eri:Eicibi graui gli zouano :E alcuni altri fon dicontraria natura 
SEMPRE de eflfcrc debita proportione tra ileibo ebe fide digerere 
elftomaco: Vndsilftomaco exceffiuamente caldo acende:E abrufa 
ileibo delicato e futtile elcibo grofto ben digeriiTe : Percbe quel 
tal ftomaco e molto più caldo eh non e la proportione delcibo licgì 
ero adeffer digeftotE per Iafua gran forzafopra quello Ioconueite 
infumo :e bumor adufto *Ma fopra ileibo grolTo non ba tanta poffa 
za te quei ebanno ilftomaco temperato o uernon molto caldo icibi 
grotti non pon digerire, Percbe non glie debita ^pportione nefufti 
ciente caldo fopra quei cibi adeffer digefti. Ma fi iliggieri : lingbo 
atali ftomacbi nuoce ligroffhe zoua lidelicati cibi • 
PERCHE fonno alcb uni cb recbiedeno nazi maziar alcbuna cofa 
(litica e conftretiuat corno e codognata ♦ 

LISTOMACHI dalcbuni fono molto bumidi lafli efluxibi T i :Perla 
qua T e cofa ileibo defeiède tofto e lubrica nanzi ebe fia digefto i E la 
cofa ftitica ferma tal ftomacbi :c corrcgelalor laffitudine • 



PERCHE naziilcibo g-offo non fide pigliare alcbuna cofa labile 
e lubrica: comeeilbrodo e maximamente quando e graffo o altre 
cole uniftuofe • 

ELCiBO labile mollifica ilftomaco per laquallubrificatione falu 
bricare ilcibo che femangia dapoi . Adonq? fa correre ilcibo fuora 
delitomaco e maximamente ìlcibo groffo ebe egrauc. E quando il 
cibo non e ben digefto nelftomaco non fipuo anebo ben digerere 
nelfigato : Vnde generaffi cattiuo f angue ebumori , 
PERCHE le f mete fecebe fon megliore ebe lerecente . 
LEFR VCTE frefebefono didoeipetie alcbune generano fangue 
aquofo cb facilmente feputref a: e corrompe ebome e natura dital 
fangue tebome fono limelloni e leprugne e fimile frutte cb banno 
infi moltabumidita aquofa. Vnde deficcata:e toltatal aquofita di 
quei non generano pei tal faugue aquofo :e putref agibile ♦ Lafecò 
da fpetie defrucìe e cB generano fangue molto crudo e pieno et bu 
morerlegmatico groffo nlqual e oppillatiuo: e iquefto modo fcpu 
trefanno;comefon licedroni. Ma quando fono deficcati refolueffe 
molto quella bumidita uifcofatlmperbo cbi molto ufa lefrucfte fref 
ebe tal corpi fonno molto difpofiti a febre ♦ 

PERCHE non nuoce ìfrucfh recenti aqueicb fafaticano : e fanno 
moito exercitio * 

LAQVOSlTAcBfigenerada ifim&i perlo loro exercitio feriffol 
ue,Eancbolbumorecrudofepadiffc adoneba ifrucìinon fono co 
uenientifenon aquei cb fafaticano ouer altcmpo delgram caldo e 
incolor cb banno gran fete ♦ 

PERCHE nuoce a colui cb era ufo de mangiare affai mangiando 
poebo: E ùmilmente nuoce acbi era ufo de mangiarpoco mangia 
do affai . 

EMPIESSI ileorpo daere e diuento incolui cB mangia affai quàdo 
mene cB poi mangia poco tlmpero cbelaere entra e penetra ailuo 
gbi uacui doue folea eff ere ilcibo : Vnde generaffi dimolta ucntofi 
ta cB nuoce . E incolui cb era affueto amangiar poco mangiado 
affai non fi digeriffe tal cibo e generaffi bumori groffi e crudi cB fa 
no oppilatione . 

PERCHE nuoce amangiar lacìe cum cofe acetofe ouer cumpefeie 
LlMSDICldindia banno prouato cB tal cibi mef colati generano 
lepra percb corrompeno ilfangue. E quefto e per una forma fpcci 
fica, e qualità occulta cB refulta dala permiftionc del latte cu e!pe 
feie o uer cum cofe acetofe :dalaqu al corruptione ^pcede fangue pu 
trido e corrupto ♦ 



PERCHE zona amangiar dopo ilpafto cofL ftiticbc cerne fero co 
dogne curiàdri melegrane o uno poco de cafiO ♦ 
T n/T Te cofe eh itrengeno ìlcbo alfondo delftomaco probìbifeo 
no eh ìlcibo non noda in elftomaco : e cuflfifefa migliore digciìicne 
de cLio:Impcro chi fondo delftomaco e più caldo e forte alla dige 
itione eh leparti delftomaco fupeiion , Aneto efferdo ìlobo giù 
nelfoudo delftomaco non fuma cuiTi alcapo come quando neda in 
ctfo .Sono buone adonque lepredufte cofe dopo ìlcibo perle doira 
gioni za de#e:e anco ìlcafio ra una certa tela iopra delcibo efe non 
lalla fumareuapon alcuni alla tefta» Vnde e diefco f:gillo delftoàco^ 



Ercbe iluino e inconueniente ali putite ali g;ouanì e con 
ueniente beuuto con mifura ♦ 

ELuIo fcalda e bumeta molto fumado alla tefta iIc?po ri 
épie de uapori.Elputo adonqj ciTendo caldo e bumido e pie di 
molte bumidita fuperrlue e preparato e difpofto amoke infamità 
huiniiz cilumo di fua natura nuoce atal informità. Nui uedemorei 
puttigcnerarfemalcaduco apoplefia cicx mal a gozza fpafmi e pa 
relefia e altri mali fimili cb tucìi procedono da grande bumid.ta cB 
e nei capi loro . Vnde iluino accrefeie labuldita dicapi fuoi fuman 
do, E per fua cabdita diffolue multi bumori cogellati e falli correre 
anerui e uentnculi de latefta e in molti altri luogbi decb figener a le 
in firrriita predifte e alcune altre aflai.Ma ilgiduene e denatura cai 
da e ficca e colerica : Va de iluino eflendo bumido uale ^dbumecla 
rcimembri deficcati:e bumilia lamaritudiae dela colera qual regna 
jn e(To e per uriaa e fudore lacazza fuora apprando leuieperfua ca 
lid:ta:e quefto giouamento deluino non può effer nclputto: Impe 
rbo c )non regna colera in lui:ne anco a ifuoi membri deficcati cb 
babbiabifogno de bumectationcElumo adoncj per neflum modo 
può giouare alputto ma nuocerli fi grandemente ♦ 
PERCHE lbuomo ebrio trema delf redo edoueria effere ileòtrario 
effido iluino calido. 

EL VINO e più bumido eh caldo :Impero cb effo e bumido aclual 
mente e ugualmente e caldo :Percb iluino non puofcaldare elcor 
po« Se prima ilcaldo naturai noftro non lo Tortiglia o uer conuerta 
in fumi.Se adoncb iluino e beuuto in gran quantità uìce ilcaldo na 
tarale fien non lo può affottigliare e regere. Vnde remane bumido 
e fredo 'e douenta molto più fredo cB prima, Vnde affimigliatfe la 



carne dentro dellebrìo adunaueftabagnata-daqua frcdarem que 
fio modo iluino induce tremore defredo nel ebrio ♦ E una altra 
uolta feluino beuuto in gram quantitade fufle uito e fattigli ato dal 
caldo naturale in tanto efi molto nfcaldafle anco induria tremore et 
fredo. Impero cbl tropo caldo eftranio corrumpe e remette ilcaldo 
naturale come un gran fuoco confuma ilminore»Adoneb dato ebe 
tal uino fcaldafle tal caldo ancora rinfrcdariailcoipo noftro confu 
mando ilcaldo naturale. Beuuto adoncB iluino in gram quantitate 
per ogni modo fe induce tremore de fredo ♦ 

PERCHE iluino e molto noemo almale delacofta cbiamato pleu 
refi a ♦ 

ELVINO beuuto in gran quantitade rinfreda fe non e aflottigliato 
d^lcaldo naturale: e genera bumidita affai lequali corrèdo alecofte 
augLimentano ileorpo apoftemofo ebee in e(To :E fel febei;e in po 
ca quantitade rifcalda e pone glibumori in maggiore ebulitione,6c 
putredine, Eluino adonqj beuuto da ipleuretici o poco o 2(Iai argu 
menta ìlmorbo loro o uero infamando :e rifcaldàdo o alpecìo mol 
tebumidita putride induccndo, 

PERCHE più tofto in ebria eluino temperato con un poco daqua 
eba iluino puro te doueria effere ìlcontrario percb laqua afmcrza il 
fumo deluino. E non fenza cagione effcato dicfto temperato con un 
poco daqua percb feglipotria mettere tanta aqua cb in tuclo afmor 
zariailfumo deluino. E intendere c^fto qucfito deluino poffete cb 
babbiapoiIanzadeinebriare:e fiano dee o uer tre parti deuino e 
una daqua, 

ELVINO adaquatoemoltopiufottileperlafubtilita dellaqua cb 
non e ilpuro:!mpero e più penetratiuo alcapo.e quato laecfa e più 
euaporatiua alatefla tanto più perturba ìlcerebro percb ebrietà nò 
efenon perturbatane de intellecl:o:e alien atione cb procede d3 fu 
mi uinofi «Laltra cafióe decio cb molto più febeue deluino adaqto 
cb del uino pure ♦ 

PERCHE laebrieta cb procede daluino adaquato e peggiore e più 
difficile dacurare eba laebrieta deluino puro . 

ELVINO adaquato come e flato dicìo e più penetratiuo e penetra 
in più luoghi angufti cb iluino purotlmperbo lanatura non può ca 
riardo cufli ben fuora per leuic delaurina o per altri luogbi deputa 
ti come iluino puro e quefta e laeafione cbl uino aquato fta più nel 
corpo ebe iluino puro : Vnde lafua ebrietà dura più cb quel la dclui 
no puro . Vn a altra cafione de ciò e cbl uino puro più tofto fe di 
gefte cbl uino adaquato percb e pm caldo ebeluino adaquato: & e 



cafione dif arfi digerere fi e altro cibo per fua calidita-Eluino adòc$ 
paro perebe più toilo f e digefte ebe lo adacquato : ImooTua ebrietà 
più toftopaflatSc e più facile da curare* 
PER.CHiiiIcaulocuralacbnetainduaadaluino* 
EL.C AVLE e còpofto di do? nature e fubftàtie: Vna e fubtile ignea, 
e abftcrfiuate quella e più neleparti intcriore delcaulo ♦ Laltra e te 
rea grotta e ftiticate cjfta e più nele parti fupficiali defuora » E olla 
e lacafione chi caule può effer folutiuo c ftitico fecondo diuerfi gra 
di de decozione: Perebe cocendolo poco e non li mutando aqua fi 
ebe quelle parte ignee non fi uengono a rifloluere e molto folutiuo . 
Ma felfe cuoce tanto ebe le d:<fte parte ignee fe riffoluaro mutando 
laqua prima e ftitico: Perebe remangono lep arti grolle e terree ebe 
fono {litiche refolute le ignee e le fubtile ebe fono folutiue: Vnde q 
to pm fe cuoce ìlcaule tanto più douenta ftiticotlm^bo Iimedicidà" 
no quello coflo molte uolte mutando fpeffo laqua ìnbfortifluxi de 
corpi. Diciamo adonqj cBl caule educe leparte groffe del umo ale in 
t^ftmete leparte fubtile ala ucujcaper urinate quello fa mediante 
quelle parti fubtile eintrofe. Vnde ìlumo diuretico te folutiuo: e £ 
fua frigidità infreda leparte fubtile deluinotc ingroflale.E pero ap 
parecbel bifogna cbel caule non fia tropo cocìotPercbc elièdo tro 
po coefto non curaria laebrieta, 

PERCHE ìluino molto adaquato induce più nom>to> cbluinoola 
qua pura e ebe iluino mediocremente adaquato* 
OGNI cofa eh fupernata nelftomaco e ogni cofa fafh'diofa induce 
uomito e quefla e lacafione ebe leeone uncluofe t e alcune bcibe fa 
no uomitare percb perturbano labocca dclftomaco :e laxano o uer 
debilitano lauirtu retentiua de effo^Eluino puro adorcp percb eco 
fortatiuo delftomaco uniendo lep arti : Impero non e faftidiofo cb ì 
duca uomito laqua pura e molto fubtile e dcfcéde tofto daiftomaco 
Vnde non fupernata ne e faftidiofa e pero non fa uomito • El u i 
no conuenientementc temperato tolle lafngidita dalaqua & emol 
to penetratilo : come ellato dicfto tlmpero eUendo fua miftur a con 
ueniente non agita ilflomaco ne induce faflidiotMa iluino aquato 
dimofta aqua di fuperebio non e fubtile in modo cb tofto penetri d- 
eh per lagram quantitade della aqua epfa lacalidita deluìno cb era 
cafione defare penetrare . Anco iluino per la indebita mifura refifte 
alaquatE laqua fa refiftentia aluino * Vn de fanno diuerfi mouimcn 
ti t e agitation e nelftomaco te molto quello perturba tE quello indù 
ce uomito come eftato dicrote qucfto quefito maximamente baue 
fitade nel uino dolce cfà fuperfluamente e adacquato cb elio induce 



più uomito cbe non fa iluino cbe non e dolze gchc e più faftidiofo 
e fa più agitatione nelftomaco« 

PE&CHE LIEbrii cbeb;ucnouino poffentenon adaquato cade 
no in molte infirm ita come eydropefia mal deguzola eparalefia o 
uer tremore detutto ilcorpo . 

INTRE modi feconfuma e debilita ilcaldo noftro naturale* Pri 
ma per exceffo delcaldo cxtraneo cbe confuma quello come e ilcal 
do dcllafebre. Secondo modo fie per confumptione de lbumi 
do fuftàtiale noftro fopra ilquale f e mantiene e fubft età ilcaldo n a 
turale :Vnde confumpto quello bumido confumaffe àcora eflfo cai 
do come apparenella lucerna nelaqual femanca lobo anco manca 
lafiamma:E quefto fanno alcune infirmita longbe cbe confumen 
do ilcorpotelurnido remane quello corpo fredo refpecìo alfolito. 

Elterzo modo e per moltitudine di (upcrfluitaflegmatice cbe te 
gonofuffocato ilcaldo naturale cbe non puorefpirare ♦ Eluino 
adoncbc poffente e purobeuutofuperfluo debilita :& ext'gue ilcal 
do naturale in li decli tre modi, Primo inducendo ilcaldo exceffmo 
6C extraneO:cbe quello confuma. Secondario per quello exceff.uo 
caldo deluino deficca e confuma lumido radicale delcorpo come e 
natura del tropo caldo deficcare lumidote coi f equètemètc fe con 
fuma ilcaldo come e fta dicto . Tertio eluìo e molto bumido e gene 
ra fuoerrluita affai cBper uia defuffecatione opprimeno ilcaldo na 
turale, Eluino adonqj poffente e puro fopra tuefte lealtre cofe più et 
bilita ilcaldo noftro quando indebitamele e beuuto : Vnde fc debi 
lita tucìeleuirtu minerale delcorpo .Deck debilitandoffi lauirtu cfl 
figato non può conuertere debitamente lauirtu delf angue laudabi 
le e quel tal cibo conuerte i aquofita decB figenera ydiopifia.Gcne 
raffe anco molte fuperfluitanela tefta da effo uino. Prima perebe e 
bumido gcncratiuo demolto flcgma catarrofo difua natura :anco cf 
bilitado lauirtu delcerebro fa cbl nutrimento eh fe douena conuer 
tereinfubftantiabonafe còuertein bulditaflegmatica laqle c poi 
cafionc dele infirmita antediefre. 

PECCHE iputti non banno tata fere come igioueni o uer come gli 
buominioerfccffci ♦ 

LIP VTTI fon decalda natura e abumida complexione. Adoncp la 
lor bumidita probibiffe lafete percb Iafete non e altro eh c fderio cF 
cofa liquida e bumida, Abondado adoncp labumidita nei putti no 
ponodefiderare lacofa bumidatlmpero cbl defiderio nonefenon 
ala cofa rb mara. Ma igioueni e buomini de altra età fono dina 
tur a più fi ccic hanno ebifogno depiu bumido. Adócbefono più fi 



tibun di » 

PERCHE albuomo ebrio appare ogni cofa mouerfe IciVcurto te no 
può dritamente difeernere lecofe longinque inebe numero f e fia 
no . 

LOCHIO non uede fenon per certi fpirìti uifibili cb uengono ci ala 
teda ad effo:Iquali fpirìti quando fono cbian de aerei fanno ìluede 
re chiaro e perfpicuote fanno d feernere lacofa ebe feuede fecòdo 
cbellae.Erefonoturbidiinfedidalcunifumifufcbio tenebrofi i 
pazano eluedere-SC appare lacofa altrimète cbfefia. Nel ebrio adò 
ebe lifpiriti uifibilifono miftì de fumi dcluino per lacalidita diqua 
li efli fpirìti uifibilifcmoueno negliocbi arduamente :Impero fan 
no apparere tutte lecofe cb feuedeno mouerfe »E percb locbio e di 
figura rotonda fa apparere tal cofa mouerfe incircuito :E f e locbio 
fufle in altra figura ebrotundatutte cofe cb uedelo ebrio appareria 
no mouerfe demoto fimile aquella figura r Da laltro cato loebrio 
non dif cerne bene lecofe dalonge per quella medeiTima rafionep 
laturbulentiadefpiritiuifuali fada dauapori deluino. Vnde appa 
rendo tutte cofe mouerfe ingiro lecofe dapreffo appareno effere da 
longetpercb tal cofa fe aprelTenta alocbio in modo ctfigura circula 
re laqual e maggior de tutte 1 altre figure. Seadoncp krbriofal 
la circa lecofe cb fono dapreffo tanto maggiormente delecofe cb fo 
no dalonge* 

PERCHE albuomo ebrio una cofa glipare molte come apare c|do 
fe moue una cofa uelocemente cb una appare molte. 
L ACOSA co feuede quanto piufpefTe uolte : e cum maggiore uelo 
cita inprime nel ocbio fu a fimilitudine non può locbio dif cernere 
quella eflfer una. Pero cb lafimilitudin e dela cofa cb feuede ffca p alq 
to tempo nel ocbio :e quefta e lacafione cb quàdo lbuomo ba guar 
dato nel fole o in una altra cofa lucida non può uederebene altro: 
Percb lafpctie e fimilitudine di quella cofa lucida non e ancora refo 
luta da locbio *E comeqllae anicbillata feuede poi meglio cuffi a^p 
pofito lacofa cb femuoue uelocemente e fpeffo a doi contrarii moti 
quando ella e in un f ito inprime fua fpetie nel ocbio :e per ebe mol 
to torto fe muoue ad un altro fito uiene ad imprimere unaltra fpetie 
E cutfi non eflfendo ancora anicbillata laprima ritrouaffe do? fpe 
eie ad uno m ed efiimo tempo nelocbio deebe appareno dae 4 E fimil 
mente fe remanendo laprima fuccedeffono dar altre duna medefia 
eofapergranuelocitae fpiffitudine del mouimeto di quella una co 
fa appariria tre. Percbe adonqj lifpiriti uifibili del ebrio fono in 
continuo mouimcnto ueloce e fpeflo e gliocbi fuoi fimilmente per 



lefumofita calde delirino: Impero una co fa appare effere molte. 
PERCHE lebrio difeerne meglio leaque falate o aque amare o ql 
c6 alerà cofa acuta: e dimalfapore* 

OGNIfentim entro quanto e più prillato delanatura di una cofa tan 
tofente meglio quella :e quanto e più fimilc tanto fento manco co 
me lbuomononiètelacaliditadeuna aqua db fia Cimile ala fuama 
lamaggiorecaliditao minore difcerne. Quanto adonqj lacofaepiu 
contraria in qualità ali entimento :tanto meglio fif ente, Lebrio adó 
ebbauendo lalingua infedta de uapori dolci deuino può molto me 
glio fentire e dii cernere lecof e amare :5c acute cb Ibuomo fobrio cB 
iionba lalinguacuffi priua debumidita acuta ne imbibita deuapo 
ri dolci. 

PERCHE lebrio eimpofente alcobito e agittare elfprema, 
NEL coito agittare lafperma recbiedeffi leparte cF> fono circa lcrene 
effer più calde cB tuc1:e lealtrc parti delcorpo; ecbabondi affai bui 
ditadigefta percB elfperma non efenon fuperfluita dcla terza dige 
ftioneilmpero richiede effere (tata f afta buona digcftione delnutri 
mèto lapna neliTrolcoXafecòda nelfigato e latetzanei mèbri . Dee 
adonebafon lecafione delfpermauna e ìlcaldo naturale ebe e cau 
fa efliciète e laltra e bumidita digefta ebe e caufa materiale , Co 
ciofia cofa adoncp ebe nel ebrio ìlcalore naturale fia debile e còfup 
to e lbumidita non fia digefta per mancameto di effo caldo natura 
le anzi fono inlui molte fuperfluita indigefte de lequali non fi può 
generarefpermà appare per rafione naturale ebe lebrio de effere al 
tuJto impoffente alcoito mancandoli lecafione producìiue de effo 
fperma* 

PERCHE fe alcuno e faeìo ebrio £ moltitudine deuino brufeo fo 
prabibendoli uin dolze ligioua e manco e moleftato dala ebrietà : 
E doueria effere ilcontrario.Percbeiluino dolze fupnata nelftoàco 
e pmtofto euDpora alcapo ♦ 

ELVINO auftero exafperando e corrugando ìlftomaco fa molta di 
mora i qllotVncf effedo caldo euapora alatefta e fa ebrietà, Ma ilui 
no dolce e uifcofotlmpero oppilla e cbiude leuie perlequali ifumi 
deluino auftero e uaporauano fufo alcapo & in quefto modo nò laf 
fa fumare iuapori de quel uino. Anco iluino dolce effendo odorife 
ro induce grauedle nela tefta* Differencia e tra grauezza dicapo 
6C ebrietà, Pero ebe lagrauezza delcapo fef a pernia de cppillatice 
e ! nrbrieta fifa per fumi fubtili e ealdi cb perturbano ifpiriti anima 
lidelateftamefcolandoffccum effi\ Diciamo adonepebi ninoauflre 
più inebria cbal dolze, Ma il dolce più graualateftainducedo oppi 



lationein quella . 

PECCHI t. fe alcuno fatto ebrio Iafira per beuere troppo ubo tepc 
rato cumaqualamattinaquandofeleuapiuglidoleilcapo cbfe fuf 
fe ftato ebno et mno puro ♦ 

ELVINO puro e più grotto cb loadaquatoe-none cuffi penetralo 
nel profundb dC intnnfeco delcapo come e ftato detfo , Eluino ado 
que adaquato penetrando molto nelafubftantia delcerebro diffidi 
mente lanatura manda fuora quelle fumofita lequali remanendo ì 
fino alamattina fanno dolorete quefto non fa iluino puro: Perche 
non effendo cuffipenefratiuo lanatura meglio fe defcarcba deffo. 
Anco iluino puro come e ftato di&o e più digeftibile cbl uino adaq 
to: Impero meglio fe digeftafuefumofita cbe quelle delumo ada 
uato 

ER.CHE quei cb faf aticano alcontinuo pono beuere molto più ui 
no nanzi cb fe in ebriano cbe quei cbe non faf aticano T E pofto cbe 
fe inebriaffenoipiu toftofebberariano dala ebrietà. 
INQ_VELLI cbe ufano dimolto exercitio^e «fatica appreffe Ieuie de 
laurinaperlequalife euacuano fue bumiditafuperflue.E impo effe 
do confipto tal bu^iidlitapoffono beuere più cbe cjlli cbenonfafa 
ticanotneiquali tal bumidita non fono euacuateie coftoro beuen 
do dimolto uino Ieparti uinofe fedifondeno per tutto ilcorpo doue 
era talbumorefuprluo:E p quefta cafionenon afeendeno alatefta 
deebe non fifa cuffitofto ebrietà come in quei cB nonfaf aticano :Iq 
li fonò repieni de bumidita affai e per quefto non pono Ieparti uìo 
fe difundere per ilcorpo loro ma quafi tutte alcapo fi euaporano:E 
per quefta cafione appare cbe quado pur tali buomini cbe fafatica 
no fi inebri affino quella ebrietà feria molto poca per cbe pocbi fu 
mi in tal corpi ponno afeendere fufo alcapo 5c eflendo poca àco to 
fto fe guariffe. 

PECCHE iluino diuerfifica icoftumi deglibuominù Alcuni fa au 
daci cbe prefummeno molto defi e fono agili amouerfe:8c exercita 
retEt alcuni fa timidi 8c infani demente ineptì a mouerfe adalcum 
cxercitio.Conciofia cbe queftifiano duo contrarli effecti ♦ 
ELVINO quanto edifua natura non può oparefenon uro cffcclo 
Mi fe aleuolte produce diuerfi effecfti e con traii: quefto fa p diuerfi 
ra di complexiòe8C etad decoloro cblbeueno come noi uedemo cbl 
fuoco cógellailfale e liquefa lagiara indura illuto:e mollifica lacc 
ra:e quefto non fa fenon p diuerf ita Sila materia inebopa, El 
uino aJonca nela complexion freda come e laflegmatica e melécoi 
ca f a gliuomini audaci :pcb effedo quefte complexion frede & ilui 



210 (calciando tal corpi f anli reuiuifcerc 8c iqueflo modo falli suda 
ci pcb laudacia non efenon nel corpo caldo *t p laudacia noi giù 
dicarno fopra lacalidita cfla complexione.Ma in quelli cb fono dica 
lid a natura cioè collerica o fanguinea iluino induce timidità 6c infa 
nia:Percbl uino troua lamatena daltra natura:Impo chi ca Ido del 
uino debilita ilcaldo naturale detal complexione e confequenteme 
tefilorafredatVnde pcede timidità e pigritia. Et intendere quefto 
quefito deluino fupcbiamente beuuto ♦ 

PERCHE limelinconicip elbcuere tropo fe glimoue iluentre* 
LIMELINCONICIfono dicomplexion ficcatundefe bumctano 
loro uètre per labumidita deluino. e douetano lubrici doue prima 
erano ftiticipcb laficcita fa ilcorpo {litico: e labumidita lofa lubri 
co efluxibile.Anco iluino troua molte buldita indigefte nelcorpo 
ctlmeleconico lequali duino difloluep fua calidita e diffolute lana 
tura lemanda nelinteftini, 

PERCHE beuando molta quantità deuino ilcorpo doueta più {li 
tico cb beuendone poco :e doueria effere ilcontrano cflfendo ìluir o 
tumido :ebumctando douerria mollificare ilucntreenon ftit ca 
re ♦ 

ELVINO beuuto ìngran quantitade non fepuo d gerirenelftoma 
co ne retenerfc tropo in elio : Vnde remanendo indigefto ne pofle 
doffi retenere nelftomaco dalanatura p gran grauezza cb eflo lida 
ua alluoco de laueflica:alqualefono deputate tutte le bumidita in 
digefte delcorpo emenafieco molte altre bumidita :ctcb talibuomi 
ni molto urinano iRemane adoncp ilcorpo (litico po cb lbumidita 
cb douea gire ali inteflini fon menate'p uirtu d'Unno in digefto ala 
ue(Iica:PercB doue e molta urina li e poco feceflo «Ma iluino pocbo 
e digefto dalftomaco : VncFli feretene d'bito tépo :e p afta rafione 
bumeta e mollifica iluetre ♦ 

PERCHE coloro cbfono extenuati alleuoltc moreno p ilbeuered* 
molto uino anticbo e poffente : e qlli cb non fono extenuati doueta 
no p tal beuere macri 8c extenuati , 

ELVIiSIO confuma e cFbilita molto ilcaldo naturale beuuto in mol 
ta qtitad* tcome e (lato di<fto.lcorpi adoncp molto deaerati ebe (o 
no dipoco calore naturale :& banno poco bumido fubftantifico p 
iltropo uino torto feuiene acófumare quel poco dicaldo e buido cb 
fono in loro diebe feguita morte. Ma quei ebe fono graffi confuma 
dotte lbumidofuo radicale :e fubftitifico per lamolta caliditacPIui 
no fe perducono a magrezza e ficcitaJn licorpi adonq} macri forte 
mente induce morte .e neli graffi extenuatione elbeuere di tropo u 1 



no atico e potfete:Percb taluìna e molto più caldo e ctfìccat'o cbal 
non antico* 

PERCHE ali ebrìi lacrimano alcontinuo gliocbi , 
ELV1MO genera molte bumidita fupflue nelcapo: leqligrauado 
lo non può lanatura retenere ma defcargando ilcerebro cB mébro 
nobile lcmanda ad altri luogbi e pcb gliocbi fono più porrof i apte 
leuie aquei:8c anco fono più patibili e didebile compagine :Im po 
talbumiditauannopiutoftoadeffipmodo dilacrime: Eqffcaela 
cafione per 1 aquale gliocbi de liebrii p ogni facilcof a : come e uèto 
fredo o fumo feinducono alacrimare pcb gliocbi loro fono più dif 
pofti alacrimare p lacafion pdi&a. 

PERCHE nei fortemente ebni non uiene fomno : eia non ponno 
dormire ♦ 

ELSOMMO non nuenefenon dafumifuauireffolutida unabumi 
ditate nutrimentale edigeftacb tempatamente e calda come ctebia 
reremo defotta :ef e talbumidita fuiTe molto poca o molta :ma indi 
geftibile non fegenercria fomno :Percb dalapoca bumidita pocbi 
fumi euaporano:daiquali non può tienirefomnote fimilmente da 
la bumidita molto indigcftibile non f erefloluono fumi fufficiéti al 
fomno. E queftae lacafione cb limelinconicip lalor poca kumidita 
dormeno poco:e fimilmente quei cb banno infirmita molto calda 
cbdcfeccando molto labumidita laqurde deficcatione ^pbibiflc ilfo 
no.Cunciofia adoncb cb Ibumido de molto uino fia irdigefto tal 
bumido non e fufficiente ad indure fomno. Vnaltra cafione e pebe 
ilfomno c fortificatione delcaldo naturale neleparti dentro delco* 
polaftado leparti defuora. Epercbiluino fuperfluo d< bilita molto 
ìlcalore naturale :Impo repugna alaiiatura del fono :Pcrcbe cjffce fo 
do? operatione contrarie .Cioè fortificare e debilitare ilcaldo natura 
le. Anco iluino fuperfluo cófumamolto Ibumido digefto ctlcorpo 
come e (iato dicffco:Perlaqualcofa non ponno euaporarefumi fuffi 
cienti afare fomno, 

PERCHE ilpoco ebrio fa più p accie 8c inf anie neli fuoi acfli cbccjl 
lo ebe e fortemente ebrio. 

QUELLO cb altutto e ebrio totalmente manca di iuditio de rafioe 
e de intellecftotPercbe lifentimcnti fuoi fono fuffocati da Ibumidi 
ta deluino mancando adonq? intutto cF giuditio e cF fentimento no 
può eflfere defordinato nele fue operatione e confequètemente no 
pao impazire ne pacizare ma fta aripofarfi. Quel ebe poco e ebrio 
ba alcun iudìcio de intelletto. &ba alcum fentimento :Mataliudi 
ciò e corrupto 8c impedito dalefumofita deluino : impero operàdo 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



alcuna cofa erra Se e inordinato : Vnde infaniffe:e fa dimolte pacic 
PERCHE gliebrii molto falegranoperilcaldo delfole e fimilmètc 
fanno ipefcatorùenaute Se uniuerfalmentequei cbefonno circa il 
mare. 

LIEBRIIbàno bifogno cbluino fepadifca:e j>cb ilfoleperlafua ca 
liditaopa quello: Vnde aiuta lebrio adigerire ìluino* Ancbo le 
brio enfredato p lafugflua bumidita e calidita preternaturale ctlm 
no cb cofumailfuo caldo naturale : come fp effe uolte edic^o Impo 
barino bifogno defcaldarfe e f acèdo quefto ìlfole molto f alegra di 
ftare aquello. E finalmente fanno quei cb ftanno circa limare 
j>cb continuamète dando nelbumido falegrano delfole percb loro 
fcalda 8c uiuifica e lumido delaqua imbibito cFficca neh fuoi corpw 
PERCHE lalingua delebrio cefpita e non può ^pferire delparlare 
articulatamente ma e balbuciente* 

LACARNE dellalingua e molto fpongìofa e come lafpògia (ima 
gnifica5c agrandiffe imbibita nelacofa liquida:cuffi lalingua fe ifia 
dC ampliale per la bumiditamolta deluino «Adonc^ per lagroffeza 
e tumore d> effa lingua con difticulta femuoue: Vnde non può ^pfe 
tire parlare de articulo . Ancb noi jpuamo cb noi non pofliamo par 
lare quandi labocca noftra epiena de qualcb cofa liqdaXalingua 
adonq* delebrio effendo in molta bumiditauiene adeffere impedi 
ta nel fuo parlare . Anco unaltra cafione e cb nela ebrietà tuto ci 
corpo e in errore e mancamento: e cor.fequentemcnte tutta lanima 
patiffe detrimento :lmpero cbel non può patire Iamateria cbel non 
patifcalaformafua unita. Effendo adonqj lanima impedita ncceffa 
rio e impedirà lalingua perebe lanima e ragione riparlare « Vnde 
noiuedemo inlitimidi ebenonpoffono quafi parlare :percb laima 
e alterada Se impedita alterandofi lifpiriti delcore:doue e ìlfódamé 
to de effa anima . 

PERCHE lelinguc di ucelli parlano meglio e più expeditamentc 
quando fono inebriati ebe e ileontrario nclbuomo . 
LELING VE di ucelli non fono cuffi fpongiofe come e lalingua de 
lbuomo impero le bumidita grofle deluino non fe peno cuffi imbe 
u-re neleloro lingue:Ma folo alcune parte fubtiliffime deluino fei 
bibiffeinquelle:dccbc meglio femuoueleloro lingue aqllo ebeglie 
(lato infunato : Vnde iluino non agraua lalingua fenon quando le 
parti grofle de effo uino penetrano nelalingu a. Ancb li ucelli be 
ueno molto po co :decbc non fi può fue lingue molto agrauaxfe:co 
mequella delbuomo ebe molto beue. 

PERCHE iputti 8c igioueni quando fe inebriano più urinano cb li 



4-T7. 



tchi ebru. 



LIGIO VE^Ito ucr patti fon caldi e bumidi p refpeclo deluecb : o t 
Eluìno adoncbe p fua calidita dilì'oluendo loro bumidita: e pcb e 
diuretico lemena alluoco dellauetficca:e confequetementc cfcoro 
fuora per urina. Ma iuecbi fono deci de natura fua:Impo lebumidi 
ta deluino fe imbibeno ne leporofita uacue difuoi corpi e non uan 
no ala ueffica come nei gioueni ebe fon pieni de fcumidi'ta : Dccb il 
uinononretrouando luoco uacuo doueimbiberfe torto efeie p uri 
na. Ancbe ne mecbi non fono tante bumidita cb poffano diflol 
nere ìluino come e nei gioueni. 
PERCHE lolio conferire ala ebrietà. 

OGMIcofa diuretica 8c uifcof a gioua alaebrietatPercbe effendo di 
uretica per fua fubtiiita penetratiua Se ignea men a labumidita 51ui 
no alaue(Tica8c eflendo uifcofa oppili a leuie ebeuanno alateftaic 
non laffa fumare iluino alcapo .come e ftato dicìo difopra dlu'i dol 
ce» Effondo adonqj lobo diuretico etuifeofo nbibifle laebrieta. 

E queftarafionefetruoua intutte lecofe unctuofe dolce 8c ui(co 
fe cb per fuauifcofita oppillando leuie cb uanno alcapo Se mgrotfa 
do ifumi deluino obibifcono ebrietà. 
PERCHE ilfperma degliebrii rare uolte genera , 
ELSPERMA g-neratiuo de efferebumido tenace SCuifcofo aro 
cb p fu a uifcof ita e grotfezz a pofla retenere e f eruare ifpiriti geniti 
ui e calori naturali de eflo fperma piquali quello e generat ilo: Se 
lo fperma adonqj e liquido aquofo e fubtile ilfpirito e caldo natura 
leincontinenti euaoora.Impo non e fufficiente agcnerare.Elf^ma 
adonqj del ebrio ctfendo molto bumido idigeflro Se aquofo per Ibu 
rnidita deluino appare non eflfere conueniente ageneratione* Anco ' 
ilfperma de lebrio e fredo e pnuo delfpirito e calor naturale: pebe 
iluino tropo beuuto rinfreda ìlcorpo come e ftato di ciò :E p qutfto 
tale fperma non può effere generatiuo. 

PERCHE tollerare laf ete delanocìe fopra dormendoli zoua molto 
e tolle quella fette e quefto fmtende n ei fani. 

LASETTEdellanocìe needenei fani da cof e fai a te o acute o altri 
cibi cb fono ftati mangiati lafira:Sopradormendoli adonqj fcrtifi 
caffè ilcaldo naturale atorno ilftomaco e fa digerire quei cibi cb fo 
no cafione diqtiella fette e tolta uia lacafione fi tolle uia lo effecìo , 
PERCHE afoprabibere atal fette della nocte cb ^pcede nei fani da 
cibi tolti lafera non gioua: anzi e molto cattiuo ► 
OGNI cofa cbprob'ibiffeladigeftione detali cibi cb fanno fette. E 
nociua in tal fette.Elbeucre adoneba denocìe diftuibado ladigcfb 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



onc Ipcdifle cB tal cibinofepadifcanotSc auegna eh 'prima quel be 
aere appare alquanto de mitigare lafette niente dimeno poi crefeie 
più pcb fa crefeere lacafione diquella fette augumentando la idige 
ftione diquei cibi ♦ 

PERCHE non fide beueredoppo ilmangiarene uino ne aquatme 
tre chi cibo fepadiffe nelilom aco ♦ 

EL VINO tofto fedigerifle Se e molto penetratilo «Faria adonqj pe 
netrare ilcibo in anzi c&fufle digefto decbfegeneraria oppillatione 
atfai.E laqua fa nodare elcibo nelftomaco : Vnde fepareria ilcibo 
dilfundo doue fef a ladigeftione:Irngo non e dabeuere bugliendo 
ilcibo nelftomaco . 

PERCHE iluino moderatamente tolto incita ileoito. 
ELV1NO e caldo Se uentofo 8c ogni cofa calida òc uentof a* incita li 
bidine percB per fua calidita diffolue lafuabumìdita fjamatica* eg 
fua uentofita fa drizare ilmembro uirile, 

PERCHS e meglio adaquare iluino per fei bore inanzi ebefebeua 
QUANTO laqua e piumefcolata eboluino & Corporata :tanto più 
fiTiorza elfumo dello uino e de trambi doi faffe una natura» E £ cj[ 
fta ragione meglio e adaquare iluino quando fi mette abugliere. 
P2RC H2 iluino dolce fa fette* 

OG ^1 cofa co genera collera:5c e infiammabile fa fette come ei!ui 
no dolce- 

PERCHE iluino dolce nuoce alfigato e gioua alpulmone • 
L APARTE groffa deluino oppillatiua ua alfigato :Im do oppillan 
do nuoce aquello :Ma laparte fotile penetra alpulmone :doue non 
può penetrare laparte grolla: ejp foa fottilitaaprequelleuie e dila 
le e p fua uncftuofita mollifica. 

PERCHE emeglio quado Ibuomo maza beuerepoco efpeffo ebe 
abeuere in una uolta , 

ELBE VERE quanto più incorpora col cibo tanto fa megliordige 
ftionei8c e più facile ilcibo dapadirc. 

PERCHE non fide beuer e fopra ìfrucìi: emaximamente foprali 
meloni. 

ELVIMO emoltopenetratiuo come eftato diclo: efubito penetra 
aleuen e e fieco conduce tal f rudi putrefatibili indigefti* iqualipu 
trefacendo fi generano febre putride affaire per queftarafione non 
fidebeuere fopra cibi generarmi demali bumori.fenon almeno ebe 
fepuo. 

PERCHE iluino do Ice in graffa* 

ELVINO dolce genera f angue groffo lanatur a dimembn conmol 



ta cTe lei! atrio ne eltira afe:e conuertelo in fuo nutrimento! eqfto no 
c neluino brufco cf> limembri non lotirano cuffi uoluntieri e con ta 
ta delecìatione afi:come fanno ìluino dolce * 
PARCHE ìluino nouo cicxilmufto nuoce alfigato. 
ELMVfto non e ancora purgato :ma e grotfouentofo 8c infiatiuo; 
Vnde laparfce groflfa remane neIfigato:<Sc oppilla quello: come e di 
do deluino dolce:Ma quando ba pattato alcum tempo defeenden 
do Icparti grotte alfundo Se remane più purificato :!mjpo nò nuoce 
cutti come ilnuouo . 

PERCHE iluino uecbio epiu caldotepiu deficcatiuo cpiu pofien 
te cM uino nouo. 

ÈLVINO nouo e molto aquofo:e quanto più feinuecbia tanto più 
feconfumaleparti aquofe:eremangonolepartifuepiu necìeda ql 
la aquofkatlmpo remàe lafua fubftàtia più calda c più clficcatiua e 
piti poffete eh prima qdo era cògionto co quella bunaidita aquofa . 
PERCHE e più laudabile eluino db non e tropo nouo ine tropo ue 
cbio, 

ELVIiSIO antico e dipoco notrimento ma molto rìfcald a :e deficc a 
Eluino nouo bè cb fia dimolto notrimeto pur e oppillatiuo :& uèto 
fo, Impero el uino mezzo ditempo tra queftì doi e depiu laudabile 
notrimento ► 

PER-CHEiIuin uecbio curaloappetìto canino* 
EL VIM uecbio effendo molto caldo e deficcatiuo dìgeriffe e redifi 
ca ogni bumore fredote crudo tConciofia adonq? cB loappetito ca 
nino non proceda da altro eba da bumori flegmatici crudi cb foro i 
«ecbiatinellaboca delftomaco :Iquali duino uecbio e puro per Tua 
cilidita tempera e dcfcazziailmp ero tal uino e oppillat;uo da tal in 
firmita curatiuo. 

PERCHE laqua corrente cb core fopra illuto non fetido e meglio 
re e più laudabile cb quella cb corre fopra lepetre ♦ 
L AQV A quanto e più purgata dalepartitereftre:elucìuofe tatofc 
meglioretlmpero adonebe ebe meglio fepurga correndo fopra illu 
to ebe fopra lepetre tPercbe meglio defeende eretièfi dicìe jtegrof 
fc nelluto : cb e nelc pctre : Perquefta rafione e più conueniente tale 
aqua allafalute delbuomo* 

PERCHE laqua ebe e defeoperta dalfole & uenti e megliore cb ql 
la ebe e coperta, 

L AQV A ebe e reuerberata dalfole et uenti purgaffe 8c adottigli alte 
Se e meglio digefta; Vnde acquifta un a proprietà ; e natura nobile 
Impero e più fan a» 



PER-CHEfono meglioreleaque cB correnouerfo lorìcntc cB quel 
le chz correno uerfo loccidente. 

L AQVA che corre contra alfole e contra ifuoirazzi molto fe fotti 
glia e ferefcalda:e perde lafuafreda natura ♦VncF meglio e digefta 
Ma quando uauerfo occidente lirazzi delfole non lapoffono cuffi 
rifcaldaretcome appare de uno ebe uada contra lirazzi delfolc che 
piuferifcalda ebefe andafle alcontrario, Vnde quefta e una regola 
uniuerfale che quanto ilfole dapiu fopra delaqua effa e più bonifi 
cata • 

PECCHE laqua ebe corre amezzo di e peggiore ebe quella cB cor 
re alfeptentrione* 

D ALE parti meridionali tranno uenti pieni de uapori :e de bumidi 
tafuperrlua:Vnde correndo laqua contra tali uèti femefcolano co 
di#e aque quelli uapori & acquiltano lan atura diquelli uèti cB mol 
t3 cattiua-Ma correndo alfeptentrione contra liuenti feptentriona 
h cbefonnodeficcatiuifiuiene abonificare e non fono tanto pieni 
de uapori cattiui come e leantedicle anzifono aque molto nette. 
PE ^CHE laqua co&a e migliore cb laqua cruda- 
LAQVA difua natura e inflatiua:5c uentofa Se acora b a molte pat 
titercftre mefcolate cum efla:Cociando adonq? laqualauètofita eh 
e inquella euapora:eleparti tereflre defeendeno e fi fep erano per 
uirtuctlfuoco come e fua natura di fepare nature diuerfe.Rcmàe 
adóc'ó laqua cocìa maco uentofa percbfono euaporate lepartiuéto 
fetercmanepiufottileeliggieratrercbefeperata dalle parti terre 
ftretegraui. 

PERCHE nonfide rompere ilgr ano delorgio quàdofef a ctlaqua 
cU effo orgio • 

LORGIO e inflatiuo 8c uentofote quefto eilfuo rocumèto: elqua 
leficorrege:e tolfe uia mfùdendo lorgio nelaqua freda per quattro 
boretE poi cociadolonnfmo cB laqua doueta roffa quafi comeuino 
bifogna adòqj eh lorgio prima cb fecuocia tiri afe laquadoue cglie 
infufo & imbibaffi quella aqua nella fuftatia delgrano cb poibugli 
cndo quella aqua eh e imbibita nellorgio cuocelafubftantia dquel 
loteriflfolue lafua uentofita inflatiua* Selorgio adon ch'iti eroba u r 
tu a&racìiua de tirare laqua afe:& imbìberfela*E fenon e^ticro ma 
infranto già c perduta quella uirtuattra(ftiua:Vnde non fefa debi 
ta infuf ione dellorgio nelaqua tlmpero anco poi non f e può fare 3. 
bitadeco&ionete confequentementenon fetollc uia perfecìamen 
te queI!a'iflatione8cuentofita»Eperquefl:amedefimaragione !or 
gio nouo e megliore cbl uecbio »Percb ba lauirtu attracliua più for 



te dacb procede mcgliorc infufìonete confequentèmente megliar 
decozione* 

PERCHE laqua pluuiale e più putref a&ibilc cB Iealtre aque :e nuo 
ce molto allauocee alpecìo * 

LAQyA pluuiale defua fubft antia e molto fottile rpercb e fatta de 
uapon. Impero e più capace de putref acT:ione:PercB quantolacofa 
e depiufottile fubftantia e natura tanto più torto feputrefa :Putref a 
Cendof 1 adonqj uiene agen erare bumidita putrefatta nelcorpo .Et à 
cora eflfcndo ftitica difua natura e conftrecftiua nuoce alpecìo et alla 
canna delpulmone cliccando e conftringendo quelle p arti :Imp a 
glinuoce.Eper queft a ragione ogni cofa acetofa e forte dcficcatiua 
orfende lauoce e tutte leuie delpulmone. Vero e cB cocendo laqua 
pluuiale fetolleuia ogni putrefazione ma pur remane (litica ♦ 
PERCHE leaque delpozzoouerdeuiecbiuf e fono inlaudabile e 
cattiue . 

OGNI aquaebenonfimouete ebenon erifcaldatadalfoleemolto 
tereftre e graue qual fono leaque depozzi. 

PERCHE laqua cB torto firelcalda e tofto ferinfreda e più lauda 
bile:emegliore dclealtre, 

QUANTO laqua e depiufottil e fubft antia tato più tofto receuele 
imprefió de ogni qualità. Quella aqua adoncp ebe più tofto fefcal 
da o fi rifreda e depiu fubtile fuftantia ÒX e più ligiera: E quanto la 
qua e più ligiera e megliore e maco graua ileorpo noftro X E qucfto 
fecognofe m doi modi. Prima pefando leaque infieme fogliando u 
bicbieri de una 8c unaltro biebicro de unaltra:quella cbpefa maco 
e megliore, Secundario togliendo doìpani d'uno medeximo pexo 
& infondendoli ciafcun nela fua aqua:e da poitutti doi fefi ce ano 
molto bene epoifepexano unaltra uolta:e qllo ebe più pexalaqu a 
doue e ftato bagnato e più pefa 8c e maco buona efe laltra . 
PERCHE emolto ancBpiu cattiue leaque cb padano j^minerao- 
uie depiombo cb quelle delpozzo . 

LAQVA piglia lanatura delluoco doue paffa:tale aqua adoncp pi 
glialanaturadelpiombo:Imperoba uirtu exeoriatiuade exeonare 
li inteftini come ba effo piombo :Vnde qui e danotare cb alcbune 
aque padano per laminerà delloro e de largento:e tali aquefómol 
to confortatine delanaturabumana:8c alcune padano j> laminerà 
delramet e queftefono molto utile ad emendare lacorruptione de 
ciaf cuna complexione 8c adebilita dclcorpo fortificatolo. Alcune 
altre padano per laminerà delf erro te quefte fono molto utile arif 
fo!uereladurezadelamilza:8c aiutano molto ìlcoito* Alcune altre 



pattano per minerà deUalume e queftefono molto calde e confìrec 
tmciDicb molto giouano ad ogni tìuxo* Vero e cf>nei corpi difpof 
ti febre fanno ueiiirc. Alcune altre paflano per minerà fulpburea 
efon molto caldee 3ficcatiue,Ogne aqua adòcpreceuc lanatura al 
luoco douepaflCatMaqfte aqfopradi&efó più medicinale cb nutrì 
tiue epmfe ufano abagnare cB abeuere - 
PERCHE tra tutte laque fon pm cattiue leaque depaludi* 
LAQyApalludofafta ferma nella porroiita delfango putrido :e 
deli non femouendo piglia cattiua qualità e naturai douenta pu 
trida, 

PERCHE laqua delpozzo quanto più fetrabe tanto doueta megli 
ore . 

ELTR ARE continuo delaqua delpozzo fa cb laqua non ila tropo 
ferma unde per tale mouimèto non latta pigliare putrefaeftione ne 
altra cattiua natura atale aquatEtimpo laqua delpozzo cb non fe 
adopera e pexima tra lealtre aque delpozzo ♦ 

PECCHE laquedele lacune ebeftano ferme e fó defeop erte fono 
molto graue e cattiue. 

TAL aque nelinuerno ferinfredano per Ianeuetlmpero generano 
flegma aliai inqucl tempo :e nela eftate fe putrefano : e riliolucfeil 
Cottile: e remagonoleparti groffe:Vnde cbibcue detal aquefeglien 
fra lamilzaegeneraffcydropefiaefcbre quartane e fiaticB:e molte 
altrejpeximeìfirmita cu dbilitationc ctlfigato:Nó fedenno adoncB 
beuere tal aque. 



ERCHEiltropofomno:Sc ucgliare fa nocumento ♦ 
ELtropofòno ìprignfTe lanatura e genera buidita aliai nel 
corpo :E tropo uegliare per contrario deficca molto e riilolue, 
PERCHE iltropo fomno bumeta e ìltropo ucgliare deficca ♦ 
NELSOMNO tutte lebumidita del corpo fenferano alte parti den 
tro infiemc cbol caldo naturale :e non fepuo euacuare ne ufcirefuo 
ratlmpero molto bumeta .Ma nel uegliare ilcaldo naturale efeie d > 
fuora:Sc aperte fon leporrofita exteriori:e leuie della urina e dcllii 
teftinitPcrliqualiluogbife cuacuano lebumidita delcorpo. PercB 
adonq? ìlfomno retiene lafuperfluita alle parti dentro de ìluegliare 
lecazzia f uora per uno de quei tre Iuogbi già detti :Impero ìlfomno 
bumeta :6c ìluegliare deficca , 

PERCHE nelfomno non f epurga per urina e fterco come nel ue 



gliare. 

WELSOMMO tutti ferimenti fon ligati e nella ueglia difciolti :no 
f e urina ne fe eg eriffe naturalmente fé prima quelle parte non fente 
no grauezzadela urina o delfterco Perlaquale grauezza lauirtu ex 
puhiua e incitata a mandare fuoratal fupertfuita:Dormèdo adócbe 
percknon fifente tal grauezzalamrtu expulfmanon lecacia fuora* 
Ma nel uegliare e ìlcontrano * 

PERCHE alcuni dormendo urinano 8c egeriffeno non fentendofi 
ALLE uolte in alcbuni fonno leuie della urina e dellinteftini tanto 
largb e e lauirtu retentiua dequelle parti tanto debile e tata moltiru 
dine defuperfluitadefeende aquelle parte cbelbifogna per forza 
fenza aiuto deuirtuexpulfiua de ano fuoraper le dedteuie* 
PERCHE non fide dormire incontinenti dopo ìlmangiarer 
ESSENDO ilcibo dinuouo nelftomaco e dormendo nuocaffe ilcal 
do naturale allcparti del ftomaco efa una gràde ebulitione de quel 
cibo dacbe procede unagràde fumatione alatefta e quelli fumi cB 
afeendeno deuentano bumidita e cattaro cbpoi defeendedo giufo 
adiuerfi membri fanno degrande nocumenti, Adoncp ildormire fu 
bito dopo Smangiare graua latefta e tucfto ìlcorpo g laraxione prc 
dicffca* 

PERGHE fide dormire prima fopra ìllato dextro e poi fopra iliini 
ftrote finalmente riuolgerfi fopra ildricìo* 

ELSTO MACO e fituato inquefto modo elfundo ctlftomaco decli 
na alquato alla partefiniftraie labocca alla parte dextra: Volgendo 
fi prima adòqt allato drito ilfudo delftomaco uiene uerfo ilfuo lato 
drito e deftèdefi fopra ilfegato :Dicb ne feguita doi zouamèti . Ilpri 
m o e ebe fi drizza alquanto ilftomaco: e driciadofi defeede meglio 
ileibo alftomaco.Ilfecondo giouaméto e eh deftendendoffi fopra 
ilfigato confortaci ilcaldo fuo naturale alla digeftione, E dapoi cbl 
cibo e peruenuto alfundo e ebe c confortato ilcaldo naturale 3 effo 
ftomaco :Infpatio de unao uer due bore riuolgerfe allato finiftro 
fa ftare litigato fopra ilfundo ctlftomaco con le fue pennule abraci 
andole come una mano : laquale ebollì fuoi digiti pigliaffe 8c abraz 
zaffe una cofa. Et ancora litigato fef a più uicino allitcftini daiqua 
li ba atirare labumidita cbillofa delcibo . Doi feguitano adócbe gio 
uameti dariuoltarfi fopra lato fmiftro «Primo e cb ilcaldo naturale 
delftomaco più feconforta alla digeftione per eflfere tutto abrazza 
to dalfigato. Elfecondo e ebe meglio penetra ilcìbo ad effo figato. 
Tertioriuolgendofi fopra illato dextro alafine dela digcftione e di 
dormire fuo drizafiilftornaco come e ftato ditto t 8c apreffi meglio 



lafcnccba dclftomaco co difetta acazzìarc fuora qualche fuperffui 
ta'cBfonremafte.E cbinonfufte ufo atal dormire pigli lufanza; & 
ufatfeglipiucBpuopercB quefto eilmodo deconfcruarfanita-. 
PERCHE cbibailfigato caldo :& ìlftomaco fredonon de dormi 
re fopra illato drito :ma fopra ilftaneo ♦ 

QV ANIDO fefta fopra allato drito fedeftende ìlftomaco fopra alfi 
gato come e flato dicto :e premédolo fdorefcaldate tutto quafiilfto 
maco fta discoperto Impero più fe refreda:Ma quando (irta (opra 
illato ftanco litigato fta defopra e cuopre ìlftomaco e nfcaldalo :& 
ìlfigato ft a dif coperto e rinfrefeafi: VncP cbiba fredo ìlftomaco già 
eia fopra ìllato ftanco: E cbila caldo fopra ildrito,E|> incontrario 
chi bailfigato f redo giacia fopra ili ato drito e chi la caldo fopra il 
ftanco « 

PERCHE cbiba fluxo cTlcorpocF dormire fopra illato dritto : e cbi 
lba ftitico de dormire fopra ilftanco * 

QV ANDO fe giafe fopra illato ftanco non defeende ìlcibo alfun 
do culli come defeende quando giafe fopra ildrito enelfluxo dlcor 
po noi cerebemo cbel cibo ftia più nelftomaco eh fia poffibile:e cb 
non icfcernla tofto :Ma nelcorpo ftitico cerebemo tutto ìlcctrario j 
PERCHE e buono aftare fopra iluentrc Se e molto cattiuo agiacere 
colla febina ingmfo e con locorpo fupino. 

GIASENDO con locorpo ingiofo feretiene unito ilcaldo naturale 
ali cp arti deluen tre: Vnde conforta ladigeftiojnefic anco lodifpone 
acactarefuora i Superfluità perii luogbi fuoi.Ma giafèdo rciupino 
ilcaldo naturale difpartc e difuniffe dalluogbo della digeftione e 
bibiffe cb le fuperfluitate non efeano fuoraper lifuoi luogbi anzi 
refcaldando leparti dedrieto mada leprcdicfce fuperfluita ale olio Se 
anerui e giufo per lafcbina deebe refulta molte uolte inf irmita per 
nitioie:come male degozola e paralefia:ÒC altre fimile malitie . 
PERCHE ilgiafere cbolle parti d lcorpo retrade e più fano cb dor 
mire diftefotE quefto e ilconfiglio demedici incóferuare lafanita* 
STANDO leparti retracìclap arte fuperiore deluentre fitira lapar 
te inferiore inf ina amezzo di decìo uentre: percB lacarnofita e pin 
guedineuiene ad unirfe decb tutta laparte delladigeftione fortemè 
te ferefcald a 6c ìlftomaco riscaldato meglio digeri{Te:Ancbe edibo 
fogno fe lad gcftione de effere bona cb ìeuentofita cbfe riflolueno 
dalla digeftione babbiano rcceptaculo doueferctegnano ficb non 
perturbi ladigcftionc e quefto fefaftando leparti contra<Tie*Percbe 
quando ileorpo feretra:Iluentre fcampia comèfa unabpifa: E ipo 
lifereceue huentofita.Maftando diftefo (il erra iluen tre cnon fila 



faluogbouacuo capace di uentofitatPercb le budelle occupano tut 
to illuoco dela concauita deluètre: Vnde nò bauèdo luogbo quelle 
uentofita uengono aperturbare ladigeftione. 
PER.CHE non fedorme bene uolgendofi alla luce comefidorme 
uolgendofi alle tenebre, 

NBLSOMSIObifognarctirarfi alle parti dedentro e laluce fimuo 
ue ìlcaldo e Iofpirito naturale alleparti defuora: VncF e contraria al 
fomno.Mi letenebrereuocano elio caldo efpirito allep arti dentro 
comefaihomno.Ellume adonqj e contrario alfomno:òC efimile al 
la uigilia eletenebrefono contrarie allauigilh e fimile al fomno» 
PERCHE ftando fopra illato dritto più tofto fe dorme e fopra illa 
tD fianco e più dilecteuole dormire» 

NELTEMPO della uigilianoi adoperemo e fatichiamo più lapar 
te dritta cb lafl:anca:Imperobifogna quella repofarfi come quella 
co più fe affatica* Ma pia delecìeuole e ridormire fopra illato ftàco l 
Percb quella parte e più fredaSc ba bifogno de maggior cali dita cb 
ladritalaquale noi refcaldemo dando fopra efla » 



ER.CHE Io exercitio debitamente fatto conferua lafanì 
tade * 

EXER.OTIO e conferuatione dela uita bumana :Percb 
uiuifica ilcalore naturale e (caccia fuora ogni fuperfluita delcor 
po cb rimangono della tercia digeftioncDecb ogni uirtu cF lcorpo 
firalegratPerlaqualcofa lbuomo cbdebitarnite ufa loexercitio nò 
ba mai bifogno dealtra euacuatione . 

PECCHE fi de fare exercitio adezuno:e non dopoilcibo, 
LEXERCITIO e diquattro fpetie:Àlcuno e debile e lento, Alcbu 
no dura poco tempotSc alcuno dura pocco . Lexercitio forte adò 
c&te quello cB dura lungo tempo non fide fare dopoilabo: Percb 
reuocaria ìlcaldo naturale dalluoco ctlla digeftione alleparti defu 
ora e conquaffandolo lofaria putrefare. Ma tale exercitio e còueni 
ente adezuno pero cb reuocando ìlcaldo naturale aleparti extenori 
uiuifica quello :8C euacua molte fuperhluita pleparti cutanee, E 
lexercitio debile e poco e conueniente dopo ilcibo pero cb fa defcè 
dere quello alfundo delftomaco tdoue eilcaldo forte dela digeftio 
ne .Ma non e conueniente aldezuno:Percb tal exercitio dcficca il 
corpotmanon euacua lcfupernuitacfrbifogna ne ancbo uiuificail 
caldo naturale, Loexercitio adoncb innanzi elcibo de effer forte 



e tal cB diuerfificbì Ioanbelifco augumetan dolo fino alfudor c exclu 
/iue .Ma dopo ilcibo laudabile cola e amouerfe lentamente e cB du 
ri pocu infino cbelcibo e difeefo alftomacotE nota ebe fono molte 
dtucrfita de exercitn: Alcuni fonno ambulando e correndo: Alcuni 
fonno fagittando: Alcuni fonno contorzàdo lemane e lebraza : Al 
cuni aicbermiretAlcuniacalualcare: Alcuni afar certi atti della £ 
fona cBfono dcdeftrifia: Alcuni fonno cB ftan do fonno cunnati co 
me ìfanciulli o uer {landò in naue come ipefeaton : E demolti altri 
exercitii c& fono fecondo diuerfi artificii come lexercitio ctfabri cai 
solari e fimili. Anco nota cB ciaf cun membro ba lo fuo exercitio 
come dipiedi landarc delemano lo exercitare Oc alpeclo: 8c allago 
la auociferarete cofi dif correndo in ciafeuno altro membro :8c in ci 
afeuno diquefti exercitii f epuo commecftere errore inpoco o uer in 
affai . 

PERCHE ailebrofi ydropici apopletici 6c aquelh cB banno fredo 
ilftomaco Scindigeftione diquellogioua loexercitio dandarcin na 
ueper mare * 

ACHi fe exercita nel mare prouocaffi uomito deebe molto flegma 
de bumiditafuperSuafeuiene ad euacuare ebe era cafionc delle pre 
di&e infirmila* 

PERCHE gioua ad exercitarfi nelocbio ìuecf re cofe minute e guar 
dare cofe luminof e .E f imilm ente zoua alaudito af coltarc ìfuoni o c 
culti 6c anco afcoltando igrandi . 

L AR ASIONE e ftata dicìa percb ogni membro ba ilfuo exercitio e 
quanto più fi exercita inquello tanto più fef ortifica fua uirtu atale 
exercitio conciofia cB laconfuetudine fie un altra natura. Aftatican 
dofi adonq* locbio e laudato nelle cofe extreme poi meglio fenteno 
lobieifto medioeretSc banno poi megliore operatione. 
PERCHE caminando per ualli più fefatica Ibuomo facendo ipaf 
fi lungbi ebe per luogbi montuofi. Et ileontrario cB facendo paffi 
brcui per li luogbi montuofi più fafatica Ibuomo eh f acedoli lùgbi * 
eperuallefafatica manco. 

DVE cofe affatica Ibuomo nelfuo exercitio* Vna e cB lexercitio fia 
cótinuo fera alcuna quiete e ripofo laltra cB ifuoi membri mai non 
mutano fito inquello exercitio :ma fempreftiano inquello medefi 
mo moto.Etilfegno decio e ebe coloro cB continuamente caualca 
no quando banno fatìgato uno membro diuerfificano il fuo fito e 
fi'contrab? luno e laltro relafl a:Percb mutando fito lanatura deme 
bri feconforta te ftando in uno fito fafatica eferelafla* Quado adò 
ebe fef a ìpaffi lungbi per luogbi pi ani li fef a continuo exercitio fen 



za quiete: e Iafigura demembri Tempre {la in uno meclfimo fito i Im 
pero molto fafatica lbuomo. Ma facèdo p affi breui per luoghi pia 
ni cade alquanta quiete in tal cxercitio :dccfc imembri mutano Cito» 
E per quetta medefima rafione chi fa ipaffi breui per luoghi mòtu 
ofipiufafatica ebebi fa ìpafli lunghi ♦ 

PECCHE nei forti exercitii iluentre inferiore traglialtri membri fo 
lofedemacraSc extenua. 

MOLTA pinguedine e circa 1 eparti inferiore deluentrc laquale fe 
diflolue e liquefa per ìlcaldo fatto dallo exercitio , Tucìc adonqj le 
particbfonno circundate daplguedine più fed:macranoper locxcr 
citio come e iluentre inferiore, 

PERCHE più gioua alle laxitud'ne refatigatione diforti exercitiì 
launcìione faefìade olio mifto cum aqua ebeuncìione facìa deolio 
folo » 

LOLIO difua natura e uncìuofo caldo 8c infiammabile e per fua un 
cìuofita non può pattare bene alleparti intrinfece dclcorpo :e g fua 
candita Se inrìammatione ctficca'.SC indura eh molto più nuoce alla 
fatica dellexcrcitio eh non zouatPercb lexercitio deficca & infiama 
ilcorpoSC atale nocumento gligioua cofa cb penetra rifrefea bume 
ta e mollificatMcfcolando adonebe lobo con laqua: acquili a lobo 
dalaquatucìequeftequattrocofe: Impcrbo pocbopiu gioua ebe 
folo ♦ 

PERCHE loexcrcitio forte alle uolte genera nelcorpo feabie epu 
flule Se alcune defedatone e bugni nele parti cutanee. 
Neil corpi cb forino ripieni deluperfluita affai |> lexercitio fcrcfcal 
d^no tale fuper^uita e buglieno decB padano per leporrofita alle p 
ti defuora e generano fcabie8c altre immunditie.Ma nei corpi mun 
di lexercitio non fana queftotlcorpi adonq? repicni de molte fuper 
fluita non denno fare forte exercitio :ma prima fe denno purgare . 
PERCHE e più f aticofo amenare ilbrazo uacuo per lairetcome fe 
noleflebutare qualcb cofa;cB bauendo qualche cofain mano ebu 
tale uia quella* 

QV ANDO lbuomo ba qualcb cof a in m ano grane e ponderof a c h 
contra refifta allauirtu epoflanza di quello algettareuia quella: ta 
topiufeliuniiTe e fortifica etTapoffazaÒC uirtuteome e naturale do 
gni cofa afortificare 5c unire fuauirtu contra adognifua refiftentia 
Impero noi uedemo ebe quelli ebe faltano portano in mano alcune 
prede 6c alcuni correno meglio qu andò moueno lemane ebe quan 
do non lemoueno«Percbe intali mouimentifefa nna contra rcfiftè 
tia ebe uniffete fortifica lapoffanza delcorpo atali exercitii: VncTp 



queflarafionecbizcttauìa libraccio per laìrebauendo qualche co 
fiinm ano ba lauirtu più fòrte e unita cb non bauendo qualcb cof a 
e pero manco f afatica. 

PERCHE quàdo noi corremo uelocemete appare cb laire fia uno 
uento r 

MENTRE c b noi corremo uelocemente laire fa una refiftentia 6c 
uiolentia contra anoi: Vnde noifiamo percoffi dalaire per larefiftè 
tia cb lui fa annoi. E p tal percofla cb noi fentemo appare cb laire 
femoua elaiere mollo appare uento* 
PARCHE ìlfuperfluo exercitio rinfreda ileorpo. 
OGNI forte exercitiod eficca e nffolue ìlcaldo nàle:ilqle reffoluto 
feguita frigidità delcorpo* Adonqj ogni exercitio inpnncipio rifcal 
da ìlcorpo e continuando :6C effendo molto forte infine ferifreda . 
PERCHE ogni altro membro daluentre mfuora fricato 8c exercita 
to fe ingraffa :Ma iluentre fricato & exercitato fedimacra. 
EL VENTRE e pieno depinguedine impero ogni cof a cb rif calda 
liquefa di&a pinguedine dicb iluentre f edimacra , Ma laltre parti eh 
fonno carnofe per jlmouimento:efricatione non feponno liquefa 
re anci p lexercitio fe rifcaldano impero tirano meglio ìlnutriméto 
aft deb fef ino più graffe e carnofe. Vnde noi uedemo limedici qua 
do uogliono ingranare uno membro comandano cb fuaueméte fe 
frica aciocoilcaldo naturale inquello pigli forza mediante ìlquale 
meglio fetira ilnutnmento. 

PERCHE quando nellexercitio fétemo laxitudine debbiamo ripo 
fare da tal exercitiotepiu non fi debiamo mouere. 
OGNI cofa eh fup equamente cuacua lanatura tolle 8c euacua ilgi 
ouatiuo e quello eh e conueniente allafubftantia de membri fegno 
e adonq? quando Ibuomo per loexercitio fente laxitudine cb la eua 
cuatione comenza allacofa iuuatiua e bona :Pero lanatura cb fefen 
te laffa cerca repoffo.e quefta e percb lexercitio euacua lanatura « 
PERCHE quando Ibuomo corre più tofto cadde ebe quando ua 
dep affo . 

QVANDO Ibuomo core leuailpien anzi cb ferma laltro: emette 
più lunge un pie cb laltro :Impero più tofto cadde ebe andando et 
pa(Io doue ne più leua un pie ne più allunga ìlp affo eh laltro :nc an 
co leua prima un pie nanzi cbl firma laltro . 

PERCHE quando noi afeendemo cedole legenocbia e legambe : 
Ma quando defeendemo ceduole leparti deleanebete delpetene 
cbio- 

QV ANDO noi afeendemo ileorpo femuoue contra fua inclinatio 



ne naturale percB cgrauetelegenocbiafuportano molto pefo e fati 
ca mtranfferire ileorpo fuxo contra fua natura. Ma quando noi de 
fcende.no auegna eh tal moto fia naturale alcorponiète dimeno la 
mmmon laflaintucìo ileorpo defcendere:come e difuanaturama 
ordinatamsnte apoco apoco lomanda giufo cb e contra anatura de 
etfo co:po laqual e cB tofto defeenda, Vnde fubftinendo lamma il 
corpo cr> non defeenda tofto gram pefo uien afupportare leparti fe 
morale cioè leancB. Vnaltra rafione e cB ogni membro cBfepar 
ta dal fuo fito naturale receue dolore fatica e laxitudine.Elfito natu 
rale dtgenocbii e cBfiano piegbati nele parti anteriori :Elfito natu 
rale deleancb e edere kuruato nele parti pofteriore : Conciofia adò 
chzch afeendando legenocbia fe incuruano nelle parti pofteriore 
contra ili uo fico naturale Impero dogliano . Ma quando defccr.de 
nto leanebe feincuruano nele parti pofteriore fimilmente contra il 
fuo (ito naturale decB receueno lefione e nocumento ♦ 
PjJ&CHH quando noi caminemo per lauia ignota nonfapendo & 
co quaatitafefi3 ne appare tal cammino etferepiu lungbo cbfenoi 
cam n.nafemo per una ma cb ce £u(fenota , 

LACASLONEfie cBfapiando quanto e lauia fie fauere ilnumero 
e lam fura determinata diquella cB non fapendolo non fifa determi 
natione ne mifura alcuna percB adonqj lacofa indeterminata e con 
tmuamentc maggiore delacofa determinata , Anco non fapiàdo 
laquancita delauia continuamente penfamo deltermene:e continu 
amente imaginemo deperuenire aquellote non peruenèdoli fegui 
ta una def pationeiDecB appare amodo cB quella fia fèza fine: Ma 
f apiando ììtermine delcammonon ponemo fantafia 8c imaginatio 
ne alcontinuo deperuenire aquello. Ma laimaginatione noftra e ul 
timo fine cB noi Tappiamo» 

FESCHE aquelli cBfonno faticati per exercitio nonfeglidc dare 
m mgiare incontinenti dopo leexeratio ♦ 

NELEXER.CITIO lauirtu e ctf eminata e fparfa per ileorpo «Ma fe 
il cibo bene fide digerere e cuocere e tranfmutarfe in bono notrimé 
to:Impero effendo lauirtu non unita incontinenti dopo locxercitio 
non fide pigliare ilcibo :ma fide ripoffare alquanto infino cbel cai 
do naturale difperfo feunifea circa leparte nutritine deluentre:p 
ebe dando ilcibo incontinenti dopo Iaexercitio non fefaria bona di 
geftione anzi tal cibo fe conuerteria infuperflui e cattiui bumorù 
PER.HHE e più difficile ìlcorrere ebe andare dipaffo ♦ 
QV ANTO ileorpo fimuoue più contro alla natura fuattanto con 
maggior difficulta tollera tal mouimento: emendo adoncg ileorrere 



pia contra alla natura delcorpo che lanciare depaffot Tmpo cbenel 
correre tucìo ìlcorpo feleua in airete fubftiene tutto ilpefoinfeme 
defjmo c quello e contro a Ila natura delacofa graue che e di mouer 
fe almgiofo.Ma colui che ua depafloua repotfato & prdinatamète 
e non i eleua in aire doue babbia tutto ilpefo infi medefimo :ma mo 
ue un pie e leualaitro fopra clquale fe fuftene. 
PECCHE quiefcendo (otto iraggi difole più ferefcaldailcorpo eh 
moucndoflr.e quanto più uelocemente fimuoue trito manco nfcal 
da ilfoletE doueria eflfere ìlcontrano percb denatura delmoto e ari 
fcaldare ♦ 

NON ogni mouimento rcfcaldama alcuno rinfreda come e quello 
cb fefuttla o uer moue lacaldara eh bugile e quando una cofa calda 
fe muoue per laire ferìfreda ♦Similmete ìlcorpo noftro più ferefcal 
da daifole quicf cédotpercb da eflo Tempre ufcife un uapore caldo 
ilquale riscalda laire propinquo afi e laire rifcaldato nfcalda noi in 
fiemi colli razzi delfole iquali meglio in noi (e imprimeno quiefei 
do:Ma quando nm cimouemo nui mutemo quello aieie rifcaldato 
daluapore noftro emouemoci adunaltro eh anco no e rifcaldato: 
Vnde per tale mutatione ce appare uno uento circa noi cH cirinfre 
fca.Ancb quando noi cemouemo ilfole non può imprimere ifuoi 
razzi nele parti delcorpo noftro come quado noi ftiamo ripoffati. 
PERCHE ipaffibreuinelexercitio doue ileorpo fifermaun poco e 
poi un poco uafon molto faticofi eftancano lbuomo. 
OCNI mouimento ebe genera grande inequalita 8c inordinatìone 
molto debilita e ftanca ilcorpotlntal mouimento non fe obferua 
ne equalita ne ordine alcuno ima bora fimoue ìlcorpo bora non fi 
muoue. AncB ogni fubita mutatione cB fa lanatura offeudete debi 
Iita quella tlmpero mouendofi ìlcorpo e fubito quiefcèdo e poi de 
nuouo mouendofi fef a fubita mutatione de uno contrario in laltro 
decb intal andare molto fe ftanca. 

PERCHE ileorfo ueloce fa debile 8c iferme leparti cb fonno circa 
latefta te maximamente gliocbii:e doueria eflere ileontrario pcb il 
mouimento fa defeendere giofo lefuperfluita e purgando leparti fu 
periori riempie le inferiori te pur noi uedemo eh quelli cb corrcno 
uelocemente acaualo glilacrima gliocbii 8c ofrendeli. 
ELMOVIMENTO ueloce cb non e fummamente ueloce purga le 
parti defopratc riempie leparti defotta .Ma ilmouimento cbemol 
to ueloce rifcaldaleuene dlcorpo te fa afeendere molte fumofita al 
capo decb non retrouando exito correno agliocbii eh fo molto por 
rofi e pieni deuene, Vnde efecfuora lacrime. Ancolafpeffa p 



euflione dellocbio facla dalaiereper Jluelocemoto induce lacrime 
perche noi uedemo cBluento percotendo locebio ilturba:e per lo 
percotere cbelfa apre leporrofita de effoocbio lequal aperte efcie 
labumiditarencbiufa in modo delacrime. 

PERCHE lbuomo debilitato per molto exercitio appare bauere la 
uocefottjle. 

LA VOCE delbuomo Abilitato e minore cb dicolui cb e diforte uir 
tu;Impero eh quanto lauirtu epiu fortettanto caciapiu aierefuora 
alla canna delpulmonetE quanto e più debile tanto màco aierecac 
eia. Lauoce grande adoncb prouene damoltitudine daiere màdato 
cladebil uocedalapaucita de effo aicre. Conciofia adonebcebe 
ogni uoce piccola appara fottile e quanto epiu piccola:tanto appa 
re più fottileraf ione e cb lexercitio cb molto dbilita faccedo lauoce 
minore anco fa apparere lauoce più fottile . 

PERCHE lbuomo cB ba molta fuperfluita nelcorpo per gràc? exer 
citio e fatica fe fuffoca aleuolte e more demorte fubitanea « 
ELcaldo liqfa e rifìolueqllefu^rluitain uapori emaxìaméte eflèdo 
talcfuofluita cica lepti ctlpulmòe £ ìlcaldo facto dalexecitiofe ref 
foluéo ifumo ilql tutto ilpccfto ripiui 5c ilpulmòctuct fc^eY lobaéli 
to te qfto e ildocumèto dimedici cb nifluo corpo molto npièo fideb 
bia mettere acamlare ouero adaltro forte exe citio e maxiamète effe 
do repieno circa lep arte fpirituale percB per tal mouimento fecon 
cadano quelle fuperfluita e putref anfi e conuertéfi infumi putridi 
Vndefeguita morte fubitinea come e ftato dicfto o uer febre» 
PERCHE quelli cbfafaticano ildi:b anno più uolte pollutione la 
no&einfornnotcb quelli cbnon f afaticano lidi* 
ELSPERMA e difua natura caldo e IBuomo adonebe eh e caldo e 
bumido denatura abonda molto nel coito :8cba molte pollutioni : 
Impero cr> alcoito 8c alla pollutione dee cofeferecbicdcno :Vna e il 
caldo cB liquef azza lebumidita e f azale correre alli luoghi fpcrma 
tici e queft a concorre come caufa efficiete . Laltra e effa bumidita eh 
concorre come caufa materiale» Adonqj coloro cB fe exercitano 
ildi ferife fidano: Vnde per quel caldo fe liquefa labumidita delcor 
po cBfopra uenendo poi elfomno elcaldo fife aduna circa lerenee 
lebumiditatlequale bauea difciolto ilcaldo delexercitio e rcduclo al 
leuiefprrmatice compiile le expulfione diquelle conuertendole in 
fperma: Vnde ilcaldo facìo nel tempo delexercitio prepara e difpo 
ne I abumidita fperm atica te poi ìlcaldo facìo dalfomno circa lerene 
1 atomniflfe* 

PERCHE ilrepoffo al cuniin graffati alcuni demacra tepur non 



dóucria cfTere cuffitlmpcro codaunacaufa nonpuouenire contea 



ni c 



L ADI VERSITA delle complexiom* ecafione cF tal cctrarii effecìi 
Impero cfi alcuni buomini fonno dicalda complefione:6c alcuni # 
f re date glibuomini caldi fingraffano perlo repofib e perlo exerct.o 
fedcrn aerano tlmpero col caldo loro e forte in padireilcibo;c nòta 
no bifogno de exercitio cf> fortifica fua calidita anzife fcflono exer 
otio ìlcaldo loro molto fe infiammerà e confumaria: E confequen 
temente fedemacreria. Ma ìlcontrario e negLbuomini frididenatu 
ra eh fedemacrano perlo repofTo :e perlo exercitio fe ingranano :'m 
pero cB ilfuo caldo naturale e debile e adormentato ebe per fi folo 
non può digerire ilcibo ne conuertere ìlnotrimito ìnlaudabile fan 
guefe non e aiutato dalexercitio dalqualefifortificbi ereceua uigo 
re* Se adonebe tali buomini fiexercitano ìlfuo caldo naturale fe 
fortifica afarebuonadigeftione^allacjuale^cededemacratione * 



ERCH2 lceuacuationefuperflueerepletione diftem^ 
ano ileorpo nofl.ro* 

LAS VPERFLVA euacuatione purga cuffi ilbuono co 
meilcattiuotVndedeficcalbumido fu bftan tifico :e retto! u e il 
caldo naturale, LafuperHuarcpletione fa fuperebiare molte fu 
perflmta tlequale non polendo lanatura reggere feputref anno :e p 
dicono ileorpo amolte infirmita putride < 

PARCHE comandano imedici eh lbuomo aconferuare lafanita fe 
d-bbia purgare nella prima uera :e nel autumno o uer almanco nel 
la prima uerare pur dicono eh lbuomo fano con gran difficulta tol 
lera medicine purgatiue: Vnde quefte appareno effere due cofe co 
trarie • 

D ETRE man ere fetruouano licorpi bumani . Alcuni fono uerame 
te f ani e quefti non banno bifogno depurgatione perefc non fonno 
ripieni decattiui bumori ma folo banno aconferuare lafanita con d* 
bitoregimentorifguardandoffi dalli defordinn Alcuni altri fon 
no ueramente infirmi :e quefti neramente fonno infermi p troppo 
replctionc difuperflui bumori aiquali molto conuengono leuacua 
tioni o uer fonno infirmi per troppo extenuatione e inanitione :e q 
(li non banno bifogno de purgatione anzi de reftauratiOnete reple 
tione. Alcuni altri fonno mezzi tra quefti dicìi iqualibencfc non fi 
ano infermi niente dimeno banno affai fuperfluita perequali feno 



difpofti facilitiate ad infirmarfe iquali apreferuare dalle mdtmita 
bifogna deffere purgati de tali bumori cb foprabondano. Con 
ciofia adonq* cB nellinuerno tappetiti fonno forti e molto feman 
già fcaduna nclcorpo molte fuperfluita cB poi fopra ucrcndo ilcal 
do delaeftade fc pnm a non fono cuacuate f e putrefanno c buglico 
Vnde figeneranno molte febre intali corpi non purgati tlmpcrc co 
mandano limedici cB icorpi et fonno difordinatamentc umuti nei 
linuerno e cB fonno molto ripieni fepurgbino nella prima ucra aci 
ocB non fe infirmino foprauenendo laftate e fimilmcnte nela efta 
te icorpi fonno debilitati per localdo e refoluti: VncF lanatura mal 
padiffetE da laltro canto femangia molti frutti dccB fegenera mol 
te fupcrrluita adufte cbfcnon fe cuacuano neltempo del autumro 
foprauenendo loinuerno feriferrano dentro dalcorpo e fe ifiamma 
no dccbfigcnera maldecofla & infirmita affai 3cute cB preftamen 
te uccidono» E dicio appare cbl non fide pigliare una medefim a 
pursatione nclaprimauera e nelautumnotPcrcbncla prima uera 
fide^bauere intentione ad euacuare lefuperfluita flegmatice genera 
te nellinuerno e nclautumno bauere intentione apurgare lefupflui 
ta adufte generate nclaeftate. Se adonq? ìlcorpo non e ripieno 
8c e uiuuto rcgulatamentenc dicìi tempi Se e perfettamente faro 
non de uf are alcbuna purgatone perebe euacuana elbuono e ref ol 
ueria lanatura . 

PERCHE e nociuo apurgarfe ne! a cftade quando c gradiamo cai 
do:e culli nellinuerno quando c grandiffimo freddo, 
OGNI medicina mediocre© forte cb cuacua per uia de a tra elione ti 
rando libumon dalle parti intrinfecc delcorpo ailuocbi deputati de 
le cuacuationi infiamma ilcaldo naturale e fil refolue e f il debilita : 
Conciofia adonqj cb nella eftate lanatura fia molto reffoluta e obi 
litata agiongendoli cofa ebe Iariffolue£le:c debilitale più uegneria 
ariceueregran nocumento de inanitione* Nellinuerno aucgna 
cb lanatura fia forte niente dimeno libumori ftanno quieti e conre 
lati e leutectlcorpo fonno cbiuf e per ìlfredo delaierctlmpeio lame 
dicin a non lipuo tirarli ne euacuarlitVndeduecofeferecbiede fela 
medicina de fare buona opcrationc:Vna cb lanatura fia conuenicn 
temente forte efufficicntc adifponere lamedicina ficb per tale cua 
cuatione non feriffolua tropo efla natura:E quefta conditione man 
ca nela eft atc. Laltra e co leuie fiano aperte e cb libumori fiano 
fluxibili e difpofti adufeire e quefta manca nellinuerno, Adon 
cbelaprima uera e lautumno o uer ilternpo cb non e tropo caldo ne 
tropo fredo e idoneo apurgitione , 



PERCHE limed ici nanzi eh diano lapurgationc dazio alcuni fircp 
pi o uero io lebbi. r 
L AC ASIONE ettaro già di#a aciocb lapurgationc fia buon a eco 
uenientemente faefte bifogna libumorieflere difpotti Se obedienti 
alla naturare eh Iibumori cattiui fiano feperati dabuoni acciocbncl 
la euacuationelibumori non fazano rcfiftentia:Percb in tale rcfcf 
tentia molto f eperturba e debilita lanatura:6c accio anco cBnonfe 
euacua ìbuoni bumori infieme con licattiui. Conciofia adonebe 
cb lifiroppi Se iollebbi difpógano libumori:e f azanli obedicnti al 
la medicina e feperano libuoni bumori dalli cattiui: Impero fonno 
molto conuenientì nanzi lamedicina, Vnde cbi fa benfirupare 
fa ben purgare» 

PERCHE comandano imedicicb fopra lamedicina incontinenti 
fedorma un poco ma probibifcano ilfomno quando comenza ad 
operare. 

ELSOMMQ fortifica ilcaldo naturaletilquale fortificato meglio 
refifte alla impreffione deluentre cf> difua natura ba alquanta uen 
tofita:8c anco meglio fottiglia lamedicina :e reducela afumo uapor 
rofotper laquale iottigliatione opera in noi* Dalaltro canto ìlfó 
no reducendo ilcaldo naturale alle parti dentro ficco Ancora mèa 
lafuperi-luita aquei Iuogbi:cH> fonno deputati alle cuacuatione.For 
tificato adonqj ilcaldo naturale e conuerfa lamedicina infumo ua 
porofo :eridoclo libumori alli luogbi cllla cxpuKionc:nò bifora 
più dormire pcrcB ilfomno repugna alla cuacuaaone conciofia ebe 
lauirtu intende caciarefuora predicai bumori :cbfonno aggregati! 
quei luocbi& ilfomno probibiffe tenendoli fermi* Ite^ ìllomno e 
lanatura non fentendo lagrauezza diquei bumori non feconuerte 
acaciarli fuora Jtem potnanó tali bumori and arfene aqualcb mem 
bro interiore pricip ale e f ariano gran nocumento. ltemfe dapoi 
cb lamedicina non e conuerfa infumo uaporofo fedormifle lanatu 
ra anicbilaria lamedicina in modo cb più non adoparia. Et e da 
notare cb fono alcune medicine fi debile cb non gli bifogna dormi 
re fopratEt alcune fonno fiforte cblibifogna affai dormire: 5c al cu 
ne mediocre c fopra deffe bifogn a dormire mezzanamente. Et 
e anco dafaperc efi fecondo ladiuerfita delle nature bifogna limita 
re laquantita deltempo cbfeba adormire fopra lemcdicine: Perck 
cbi ba natura forte ba adormire pocote cbi la debile ba adormire af 
fai: e cbi ba lanatura mediocre mediocremente b a adormire: e quef 

confitte in laconieclura delmedico. 
PERCHE quando incomenza adoperare lamedicina fedebbe ma 



uere leggieramentelbtiomo padegiando* 

OGNi mouimento perturba ilcorpo e mette glibumon incorquaf 
fo facciendoli penetrare ailuocbi delle euacuatione 3c ilrepofo fi li 
aquieta e nonlifa correre: Quando adonqjnoi uolemo cb la medi 
Cina adoperi ordinemo c&l corpo fimouate quando noi uolemo re 
frenare iaoperatione iua ordinemo cbl corpo fimuoua, 
PERCHÈ fe da laqua dorzo o uer brodo magro con zucaro rollo 
dopo laopcratione dellamedicma. 

PE£ dee cofe conuiene quello prima cb necìi e modifichi ilftoma 
co dalibumorinquali ba tirato lamcdicina da elTo, Seconda e cB 
fazza lamedicina defeendere alleparti defotto 6c impero fecbiama 
lauatiuo: V^ndenon de edere cofa gratta percb nodarianelftomaco 
E nota cb glie molte megliore per lauatiuo laqua dorzo cb non 
e ilbrodo macro :Percb oltra cb iaqua dorzo mondif icbi ilftomaco 
baunauirtu rcfrigeratiua:8cbumetatiua per laqualefe corregie la 
impreffione cattiua ebe ba fatto lamedicina nelftomaco e membri 
crcunitanti. Itcm laqua dorzo e molto più abffcerfiua:e mondi 
ficatiua cb non e ilbrodo macro e per quefta ragione ilzucaro rofo 
e più còueiète cbl zucaro fino pebe più abfterduo emcd>ficatiuo . 
PERCHE ordinano lunedici ebe ladra ebe feguita lapurgationc o 
uer lamattina f cguente fedebba fare uno argumento daqua dorgio 
torlo doua:ezucbaroro(Io ♦ 

OGMI medicina bauirtu uencnofa:5C euacuàdo alcuni bumori acu 
ti uene anuocere aglintcftini perfua mala qualità: e dequei tumori 
cB pongono* e mordicano effi inteftini quando padano per quelle 
me:perlaqual cofa molte uolte feguita excoriatiacione di quei» Vn 
de afubuenire epreferuare glinteftini da tal nocumento fe ordina 
ilpref cripto argumento cb ba uirtu derinfrefeare e mitigare ogni pu 
dura e refrenare ogni furore de bumori acuti, Etiando lamedi 
cina laffa alcuni bumori cb molte uolte non podendoli menare re 
mangono nelle uie deglinteftmi e tale argumento lauatiuo liccm 
pide demenare fuora. 

PERCHE non fede mangiare dopo laoperatione cFla medicina ne 
ripofarfe infino atanto cbnon uegnaun poco defetc. 
LASETE dopo laoperatione della medicina e fegno laudabile & e 
fegno cVperf cela purgatione pero eh lamedicina quando induce fe 
tep^rlaeuacuationeefegno cblibumori cbfe doueuano euacuare 
fonno euacuati: e cb lamedicina ba deficcato contale euacuat'one 
labumidita fottile delfromaco dallaquale uene quella fete, Qua 
do adonq? foprauenefete dopo lapurgatione noi douemo reftrìger 



la fe più fupercbiaffe :Sc albora dtbiamo dare ellauatiuo o uer guai 
eh cofa eh (cazzi lamedicina dclcorpo :Ma fe dopo laopatione nò 
uien fete fegno e eh lapurgatione non e compita ma cb lifonno ri 
niafh altri bumori decblamedicina non bapotuto fare impreffiòe 
nclftomaco, Adonqj non bifogna ancora reftringere lafua operati 
onene ancB (cazzare lamedicinafuora delcorpo:m a lattarla opera 
remfino cBnegnaun poco difete:e fe per operation diquella medi 
Cina intal purgatione non ueniffe fete fappi cb quella medicina nò 
ba purgato ebum compimento :ma ba bilfogno quel corpo de altre 
purgatione infino atanto cb per tale purgatione uengba fete* 
PERCHE ìlcorpo eh ba iluentre inferiore magro Se extenuato con 
difficulta fubiticne purgatione per leparte defotto , 
QVANDO lauirtu dellmteftini e delle parte circunftante e forte fe 
fa megliore euacuatione cb quando e debile pero eh tira più glibu 
mori e meglio lifcazza fuora Se aiutalaoperatione della medicina a 
corefiftepiu alla impreffionc uenenofa diquella ♦ Effendo adoncb 
iluentre carnofo e graffo fegno e cb babonda demolto fangue e fpi 
rito e confequentemete eh lauirtu e forte in quello luogbo efe ilue 
tre e extenuato e macro fegno e dipoco fangue e debile uirtu . E 
pertanto ilmedico quando uuole purgare uno per lep arti inferiore 
debe inprima tocare ìluentrete fecondo lafua carncfita O magreza 
debbe con diferetione operare, 

PERCHE cbiba ìlcollo lugote fottile con lefpalle clleuate:5c ilpec 
toftreclo per niffuno modo fidebbe purgare per lejti defopracice 
con uomito* 

TAL corpi fono molto difpoti atifica et alla rocìura dequalcB uena 
delpulmoneo delpecìo : Vnde per laforte agitatione ctlamedicina 
uomitiua nelleparte defopra fepotria facilmente rompere qualcbe 
uena nelpecìo D allaqual roclura procede infimirta detifica* 
PERCHE bifognando purgatione nela eftad* meglio e apurgare |> 
leparti difopra cioè per uomito nei corpi difpofiti cB per leparti infe 
riore e nellinuerno ileontrario, 

NELA cffcatefegenera collera affai : 8c bumori fottilicB difuanatu 
ra Tonno liggierite facilmente afeendeno allepartifuperiore: Vnd* 
facilmète per quelle parti fepurgano: Ma nellinuerno fe generano 
molte fuperfluitaflegmaticetlequali effendo grauc de fua natura cF 
feendeno alleparti defotto: impero fepurgano meglio perquellera 
fiorii» 

PERCHE quando lbuomo urina affai lanose u a poco cUcorpo:8c 
e ileontrario cbi ua affai delcorpo :ua poco per urina , 



INTRI modi f epurga generalmente ileorpo noftro cioè per fudore 
per urina e per egeftionetPurgàdo adonqj aliai per uno diquei mo 
difereftringelapurgationeperglialtri: Vnde purgando lanatura af 
fai per urina derma e manda quello fe baueua apurgareper laltre p 
ti ale uie ctla urina e ùmilmente purgando affai per linteftini purga 
poco per lealtri p arti :e fimilmente fudàdo affai lbuomo feuene ap a 
ucificare la urina: e laegeftione per quefla medefima rafione . 
PERCHS fudano più iep arte fuperiore efile p arte inferiore , 
DO E cafione fcrccbicdono afudoreuna ebumidita e laltra e ìlcal 
do cbfa euaporare quella bumidita alleparti defuora.Percb adeqf 
leparti fupcriore fono più bumide e calde eh leparti inferiori:Impe 
ro più fudano : Vnde nele parti fuperiori e ileapo Se ìlpulmone ebe 
fonno membri molto ripieni de bumidita:8c etiandio e ilcuore ebe 
c membro de molta calidita:Retrouandoffi adonqc lecagioni ^pduc 
tiue deUudore fup erabondantemente decète cofa e cb anco quelle 
parti debbi ano molto fud are . 

PERCHE leparti bagnate nelaqua calda mentre cb febagnano nò 
ponno fudare* 

LAQVAc MaopiUaleuieperlequalilabumidita fudorale douea 
penetrare: V ìAc obturandole probibifle ebe tale bumidita non ue 
gna alleparti exteriore, 

PERCHE ilfudoredelcapo non e fetido :Ma ilfudore Sfotto lebr a 
zzic delle mammile e detefticuli:c della uulua Se ìlfudore cb e dop 
po leorcebie e de ipiedi e fetido ♦ 

ELCAPO e molto porrofo efjgno de ciò e Iamultitudine decapilli 
Vnde per quelle porrofita refpira Ibumido fupec fluO nlquale afeé 
de aquello fico non fitiene rencbiafo nelcapo come f cf a neglialtri 
membri predici :Imp ero cb ilfetore non procede fenon dalla fup 
fluita rincbiufa in unluoco doue non ba refpirationc: Perlaqual co 
fa feuene arifea Id are e bugliere e putrefarfi cb e cafion e c? produre 
f etore.conciofa adoncp cb lealtre parte delcorpo nominate non fi 
ano cufli porrofe 8c aperte come e ileapo ma fonno rencbiufe impe 
role fupcrfluitali feretengono e fonno rencbiufe m modo cbnopó 
no refpirare:e quefta e cafione delfetore diquclleparti* 
PERCHE non fuda cuffilbuomo loinuerno come laeftadete doue 
ria efferc incontrario .Percb nei corpi abondano più fuperfluita lin 
uerno cblaeftade. 

LACASIONSeftatadiclapercbnelfudorefiricbiede non folola 
bumidita fup er'lua 5c ilcaldo cb lafaza euaporare. Ma etiam liriebi 
edeo leporrofita deiacute fiano apertepcr laqualedebbe paflare 



ilfuiore effendo aioncg leporrofita delcorpo cbiufeper Iafrìgldita 
dellaiere nellinuerno 3c aperte nella erta de: Impero non fuda Jbuo 
mo nellinuerno:ben c r> molta bumidita abonda come ctftate don e 
fono poche fuperfluita* AncB nellinuerno lebumidita fonno co 
geliate nei corpi ficb con diffiiculta feponno adottigli are: de euapo 
rare alle parti def uora come fonno nella eftade cB fonno fottile e fo 
Iute e facilmente euaporabili. 

PERCHE coloro cBfe exercitano fortemète fef iripoffano un poco 
e da poi àcora più fe exercitano più fudano nel fecódo exercitio ebe 
nelprimo:Efe continuamente anebe fenza interuallo febaueffmo 
fatigati, 

HA VENDOSS1 exercitato lbuomo alquanto tempo :e poi repoffa 
doffi fe cógrega inquel npofo Ibumidita cb ftata refoluta per loexer 
citio precedente :Decbfoprauenèdo ìlfecondo exercitio quella bui 
dita congregata ufciffe fuora per fudore: Vnde quanto labumidita 
e più congregata nelcorpo tanto più fe fuda foprauenendo ìlcaldo 
Ma fe continuamente lbuomo fe exercita fenza interuallo non fecò 
grega labumidita anci fe deficca per ilcaldo uigorato dalcontinuo 
exercitio :laqual bumidita deficcata manca ilfudore* 
PERCHE più fuda quei eh fonno affueti ctfudare cB li non affueti 
e doueria effer e il contrario tPerocb li i non affueti afudare abondao 
più defuperfluita cbli affueti iquali fepurgano per fudore , 
NELLI affueti affudare leporrofita delcorpo fono aperte molto più 
cb inli non affueti : e per laragione già dicìa defopra quanto leporo 
(ita fonno più aperte tanto meglio efcie labumiditafudorale,E per 
quefta cagione licorpicB fonno de rara compofitione più fudano 
co licorpi duri e dcnfi . 

PERCHE gliuomini cBftanno nelfolepiu fudano u ertiti cb nudi 
e doueria effere ilcontrario:Percbilfole più fcalda linudi ebaliue 

Oriti . 

ELSOLE perfua forte calidita quàdo toeba ileorpo nudo induriffe 
lapelleecbiudelefueporrofita:8CancBdeficca iuapori delcorpo: 
Vnde oltra ilcaldo ebe fa euaporare Ibumidita alleparti extenore 
recbiede affare ilfudore una cofa cb conuerta diefh uapori ì aqua co 
me app are nelle cofe cB fe alembicano cB oltra ìlcado ebe fa euapo 
rare lif umi fuxo ba bifogno dellaiere cb no fia molto caldo acciocb 
tali fumi non fedeficebino ma condenfandoffi fife conuerta \ aqua 
Adonqj nei corpi nudi ìluapore cb uene alle parti def uora fi ctficca 
per ilcaldo delfole ficb non fi può conuertere infudore* Ma neiue 
ftiti Scopertura delle uefle probibiffe cbl fo le non cbiuda leporro 



fita Se ancf> non deficcbi iluapore zh fide conuertere in fudore* 
PERCHE lbuomo fuda più nellafaza 8c anco più nellafronte, 
LAFAZ A ba molto leporrofita aperte percb e di rara compagine : 
8C e molto bumida per edere apreflo alcapo cB e fontana debumicK 
ta laquale defeende e fpargeflì per lep arti della f aza e poi fopraue 
nendoilcaldo trouando leuie aperte conuerte quella bumidita in 
fudore.Conciofia adonqj eh lafronre fia più uicina alcapo eh altre 
parte Impero più receue labumidita dalcapo:e per tanto più fuda, 
PERCHE quando lbuomo fuda felfe abfterge e frica co un pano 
metendofli poi afudare più fuda ebe felnonfe netafle ebondicìo 
panno . 

EL S VDORe caldo qdo uen alle parti defuora fe rifreda e douèta 
come una cofa unctuofa e uifeofa cB ferra leporrofita cutanee :Vn 
de non lafcia laltro f udore ufciretE pero comandano limedici qdo 
linf ermo fe debba fugare cum panno de lino caldo acciocb leporo 
fita coperte dalfudore precedente fe appnno e meglio fuda. 
PERCHE piuf efuda nelle parti pofterion della febina cB nelle p 
ti anteriori delpecfto* 

ELPECTO econcauoecapacede affai fuperfluita per laqualcofa 
lifediftonde labumidita fudorale e poi femanda fuorao perfputo 
o per urina e leparti ctlla febina fonno molto carnofe e bumide dal 
le quale bifogna cB fua bumidita uegnafuora perfudore percb no 
banno concauita alcbunacbe fia capace di tal bumidita ebomeba 
ìlpeclo. 

PERCHE lbuomo quando fuda felfc rinfreda o da aqua o da uéto 
gliuiene nauflfea e faftidio nelftomaco ♦ 

QVELLA bumidita eh era congregata e cB fimoueua alle parti dé* 
fuora per conuertirfe in fudorenon poflendo gire alle parti deftrtf 
ra per ìlfredo circunftantefe retorna alle partidentro de andando 
allabocadelftomaco Iigenera faftidio 8c abbominatione , 
PERCHE fuda più lbuomo circa leparti delcapo e di piedi cB circa 
le altre parti, 

ELCAPOelipiedifÓno membri pieni doffat Vndenon banno Iu 
oco concauo e capace di tal bumidita come banno lialtri membri : 
Imperobifogna eh quella bumidita efea fuora per fu do re, 
PERCHE lbuomo cBf afatica fuda più quando feripofla dopò Iafa 
tica e doueria effere ilcontrario percB laf atica e cagione delfudore : 
QV ANDO lbuomo faf atica impiiTe leuenedecbfe cbiudeno lepor 
rofita cucìanee.Ma quiefeendofe contrabe leuene e remangono l c 
porrofita più aperte perlcquali meglio efcieilfudore Vnaltra ràgio 



ne e fiata di#a defopra cfcpcr lafatica ilcaldo fe uigora e fortifica il 
quale difparge labumidita delcorpo infumi lottili iquali ucr.gono 
alle parti extenore ne fc poflono eonuertere in fudore duràdo quel 
lo gran caldo delexercitio.Ma foprauegnendo ìlrepofo feremette e 
minuifle quel caldo: Impero quelli fumi feconuerteno in aquafudo 
rale cb prima non pofleano per ìlgran caldo: Vnde appare chi tro 
po caldo óCeltroppo poco caldo non fanno fudore mailmediocre 
percb ìltroppo difparge lebumidita 8c iltropo poco non e (uffici en 
te afarle euaporare:6c ìlmediocre unifTe ÓC uapora:e quefte due co 
fe fé recbiedono alfudore . 

PERCHE Imedici quando uoleno fare fudare uno: Prima difpon 
gono ilcorpo con un piccol caldo :e poi augumentando quello cai 
do fanno fudare . 

ELPOCHQ caldo apre leporrofita delcorpo alqualfopra giongen 
do ìlcaldo forte ritrouando quelle porrolita aperte paffa alle parti 
dentro e diflolue lebumidita e fottigliale e falle uenire alle parti de 
fuoraSC inquefto modo meglio fifa fudare* 

PERCHE non fuda nella f azza glibuomini che fonno molto ru 
bicondi. 

ELTROPO caldo deficca labumidita fudorale e difpargela come e 
ftato di<fto:e filaf a infenfibilmente per leporrofita cuclanee pene 
trare e glibuomini molto robicundi abondano demolta calidita ne 
laf azatlmpcro non fudano nel uolto fenon cbiare uolce, 
PERCHE gliuomini eh fe exercitano de exercitio timorofo doue 
cafea timore dimorte glifudano lipiedi e non Iafazza come in laba 
taglia. Se in glialtri exercitii non timorofi più fuda Iafazza e non li 
piedi. 

NELTIMORE feretira elcaldo naturale dalle £ ti exteriori aquelle 
dentro edalle parti fuperiori aquel le defotta : VncF nel timore rema 
gono leparti fuperiore 8c exteriore frigide . E le inferiore e quelle de 
tro calef percB ìlcaldo feuniffe tuclo circa leparti dipeclo e circa ipi 
edi tX in figno dezo e cblaf aza decolui ebba paura douenta pallida 
pero eh e ctpauperato dalcalore naturale e fangue: Vnct appare cB 
laf aza dicoloro eh guereggiano di guera mortaleper quefta rafione 
remane freda e pallida :e doue e fngidata li non può efiere fudore : 
Impero non fuda lafsza loro.Ma ipiedi alliquali* e difeefo ilcaldo 
come e ftato dicfto.Manelli exercitii non timorofi non f e parte ìlcal 
do dalie parti defopra: Vnde remanendo laf aza caldaenon f e ref 
caldado ipiedifuda laf aza e non effi piedi per laragionc predica. 
PARCHE molte uoltcquado noi fudemo o per forte ca-do interi 



ore o exteriorefentemo fredo e fgriiTore o uer rigore 
Qj/ ANDO ìliudoreba molto tempo babundato e lan atura uuole 
quelfudore refrenare retira ìlcaldo e lofpirito alle parti dentro :De 
cb l e p arti exteriore pnuatc diquello caldo fenteno iredoic rigore* 
Anco quando ilfudore procede dalcaldo extenore leporrohta cucta 
neefe appieno :SC ìlcaldo naturale ua alleparti defuora: Vrdelep 
ti interiore rem angono priuate di quel caldo :lmpcro fétenofiedo 
e fgritfore. Quando adonqj ìlfudore procede daicaldo dentro lep 
ti defuorafentenofredotL quando procede dal caldo extenore le 
parti dentro fenteno tal rigore e fredo « 

PERCHE gettando laqua calda o uer freda fopra ileorpo nudo fife 
te fredo e rigore- 

LACAGIONEeftatagiadicìaperocb laqua freda rfpnme ìlcal 
do dalle parti exteriore aquelle dentro :e remane leoti exteriore fi e 
detecum rigore te laqua calda tira ìlcaldo dentro adefuora: Vnd le 
parti intcriore ferefredano , 

PERCHE nel principio dep arocifmi de lefebn le pm uolte i ente 
no li ìfirmi fredo e rigore o uero borripillatione nelle pti exteriorc^ 
LACASIONE diquetto medefimo e quella cb itata dicfta pero cb 
nel principio dclparocifmo fe muoue lbumore cb fa kf cbie alle p 
ti dentro alqualelanatura intendendo oppugnare màda ilcaldo el 
fpirito alle parti mtcnore:lmpero remangono le exteriore frede* 
PERCHE ifudorifredi nelle infirmita fon- peggiori ebe lifudori 
caldi . 

ELSVDORE e euacuationed alcuna fuperfluitap lepti cuclanee : 
Adoncb ìlfudore fredo fignifica cb nelcorpo abonda dcmolte fup 
fluita e tanta cbl caldo naturale non ba potuto umeere ne nfcaldare 
Impero ufeiffe freda ;Ma quando ìlfudore e caldo fegno e cb lafup 
fluita e poca o uer cbl caldo naturale bauinto e fopercbiato quella 
6C impero la nfcaldata dicbufotfe calda per fudoret E per tanto di 
cono limedici cb nelle f ebre acute ilfudore fredo e mortale perebe 
fignifica cbl caldo naturale e umto: e mortificato dalla ifirmita: Et 
eilèdoilmorbobreueuiene eflo caldo naturale mquei pocbi giorni 
adifloluerfe per modo cb non fipuo rileuare .Ma nelle mfirmita lu 
gbe ìlfudore fredo none dineceffita mortale: Pero cb 1 anatura ba 
uendopur affai fpatio adigerire tal bumore porrà molto bene intan 
to tempo rif caldarlo oC uincerlo :E confequèteméte euacuarlo ♦ Aio 
que ilfudore fredo fignifica morte o uer lungeza de mfirmita « 
PERCHE fefuda più quando fe dorme cb quàdo feuegbia e doue 
ria eflfereilcontrario pero cb lep arti defuora remangono frede nel 



fomnoteleporrofitadelcorpo fono più cbmfe che nelkuJgilia , 
NELSOMNO ìlcaldo naturale fe uniflfc e fortifica alle parti cUtro 
come e flato di Jto :e lebumidita cb fonno nelle parte interiore ferif 
folueno e /emandano alle parti defuora :e quando fe ueglia ìlcaldo 
cdifpcrfoc non ba tanta poffanzaacliffoluerccflfa bumiditaper fu 
dorè ♦ E bccb leporrof ita cudanee nel uegliare fiano spte più cb 
nel dormire niente dimeno non fono pero tanto cbmfe quando fe 
dorme cb labumidita fudorale non pofla ufeir fuora adonq? più f a 
alfudore ìlcaldo unito con leporrofita manco aperte cb leporrofita 
mo*to aperte con ìlcaldo difperfo * 

PECCHE fuda lbuomo quando more elfudore procede da dee ca 
fione dalforte caldo cb difìoluc lebumidita: e quello e bon fudore 
procede etiam dio dacaldo molto debile e quafi extm&o come acca 
deneglibuomini cb patif cono gran dolore cb nflolue loro natura 
e neghbuominicb fonno prefTo alla morte:Percb quando ìlcaldo 
e molto debile e paucificato tu&o feunifìe alcuore:come allafua 
fornace :e min era perlaquale unione uiene adifloluere qualcbbui 
dita cb fonno alle parti dentro.lequali efeono fuoriper fudore, An 
co ìlcaldo naturale cb e aprefìo alla fua extincìione fa come lafiam 
ma della lucerna quando e apreflo alla fine cb fa ultimo defua pof 
fanza adefeazarc ilfuo contrario :E ncnpoflcndo ìlcaldo naturale i 
talefforzo defeaciare lainfirmita defcacia quello ebbe pdiTibilc, e 
quella e Iacafionc eh tali buomini nellora dellamoite urinano o uer 
egerifcono . 

PERCHE lunedici quando uoleno fare fudare uno lidarno della 
qua cotta calda o uer deluino abeuere:ef annoio coprire cocedèdo 
li ilfomno . 

L ACOSA cb rifcaldaleparti dentro 8c apprelcuie ebuanno allep 
ti defuora e iuuatiua afar fudare. Vedendo adonqj limedici cb uno 
comenza afudarete cb labumidita fudorale ba già pigliato lauia al 
leparti defuora uoleno aiutare lanatura ancbpiu affare tale expulfi 
one e quello fanno con laqua calda o uer con eluino cb babbiano a 
ebo più amettere in ebullitione lebumìdita cb fonno dentro: e poi 
bauendo uirtu depenetrare alleparti defuora appreno quelle uie e 
fieco menano effa bumidita fudorale co laquale e mefcolata quella 
aqua o uer uino beuuto . 

PERCHE ilfud ore f atto in gran quantità lanocl e nel fomno qui 
dofidormefenza niunaltra cafionefignificaquel tale baueretrop 
po cenato lafira o uer cb e molto ripieno de cattiui bomori cb bàno 
bifogno de euacuatione. 



QV ANDO lbuomo ba troppo mangiato Japoi foprauenencTo ilfo 
no non poflfendo ìlcaldo naturale digerire conucnientcmente tato 
cibo Iapiu parte diquello fe couerte infuperfluita lequali eflb caldo 
dòtro unito Iecacia fuora per (udore, E le ilfudore uiene nel fortino 
non bauendo tropo cenato lbuorno fignifica cb glifono de molte fu 
penìuitatlequali per altro tèpo fifono generate òc ìlcaldo unito nel 
fomno reffolue parte diquelle per fudore. Quando adonq? ìlfu 
dorè abonda nel fomno non fe bauendo troppo cibato ba bifogno 
depurgationc . Vnde bencB ìlcaldo nffolua lep arti fottile niente di 
manco remangono leparti grofle de elle fuperfluita ebe per fudore 
non fipoffono ntlolueretBifognaadoncpp altri luocb; euacuarle» 
PARCHE alcuni buomini fon denatura ftitici: Alcuni fon lubrici; 
LAS VPERFL VITA cbnefcieperlunteftini c&efuperfluita ctlla 
prima digeftione quando non e ben deficcata dalla bumidita delci 
bo ufcitfe liquida: Vnde fa iluentre lubrico :e molle :e quando efe 
perata dalaparte bumida edeficcata rimane feza dura eh ed fficile 
ad ufciret Vnde fa elcorpoftitico* Ma lecafioni cb lafeza alcbuna 
uoltafia liquida. Alcunauolta dura molto, Vna e quando ilftoma 
co non padifcebeneremane ìlcibo indigefto:Dccb elfigatonon ti 
ra a fi ne fuga dicto cibo indigefto:Percbe non e conueniente alui: 
Vnde cuffi liquido e putrefatto ufeifle fuora per linteftini: Lafe 
conda cafionepuo effer cbl ftomaco o uerle inteftini banno debile 
uirtu retentiua: Vnde non poffono retenirc ìltempo neceffario ebe 
tal cibo fe cuoza o uer cbl figato tiri afi laparte liquida . A don qt ilre 
tenirfi poco ìlcibo nelftomaco o uer nelinteftim per debilita della 
fua uirtu retentiua e cafione defare laegeftion e liquida: Vnde e da 
notare cb Iabumidita fupcrebia e cafione de debilitare lauirtu reten 
tiua dimembriima fortifica lauirtu expulfiua:8c e ìlcontrario nella 
ficcita:Percb ilfecco fortifica laretentiua e debilita laexpulfiua cbi 
ba adonc^ ilftomaco :e glinteftini molto bumidi ba iluentre lubrico 
per debilita deuirtu retentiua e fortitudine 8c uirtu expulfiua. La 
terra cafione po effere exeonatione delftomaco o uer dellinteftini 
f afta daqualcB cibo o bumore acuto :Decb andando ìlcibo aquei lu 
o :bi f corticati 8c ulcerati mordica e punge quelle parte : Vnde fente 
do lanatura tale lefione fcazra tal cibo daquei luoghi nanci cbel fe 
digerifea e cbl f igato tiri afe laparte liquidarVnd' efeie laegeftione 
molle» Laquarta cafione e debilita o uero frigidità ci lfigatotper 
laqual non può tirare ne fugare leparti liquide delcibo digefto nel 
ftomaco dalliinteftini. Vnde e dafapere cbl cibo eflèdo digeftonel 
ftomaco lanatura ilgietta giofo per linteftini aiquali glie ìlfigato ac 



colato :e per alcune tiene pìccole cbuengono dallinteftini ad eflo 
figatofuga e tira ad lapartc bumorofa e liquida euiene apoco apo 
co difendendo adeficcarfete finalmète ufafle fuora feza terrcitra 
e ficca adócp Chi ba litigato fredo o uer dbile ba iluètre lubrico p q 
(taratone, Laquinta 5C ultima cafione può eflere cb leuene die 
te miferaicbe cb fono tra litigato e li inteflini fuffeno oppillate per 
laqualc oppillatione non può penetrare labumita de elio Cibo dige 
{lo alfigato :E perlo contrario delle prediche cinqj cafione prouene 
ileorpo {litico: Vnàc cbi ba ìlftomaco elinteftim forti indigerirc e 
retenire ìlcibo debito tempo fenza macula alcuna: 8c ba ilfigato cai 
do e forte indeficcare diifto obo:e cbleuene tramegie noniiano cp 
pillate coftui ba ileorpo molto (litico cofi come colui ebe ba lecafio 
ni contrarie bailcorpo molto liquido ecbibauetfe alcbunc cafioni 
cb feffono ileorpo (litico 5c alcune cbl feflono liquido bifogna com 
penf jre luna con laltra e fare cb lapiu forte uinca» 
PERCHE coloro cb fonno (litici nel tempo della giouentua fono 
lubrici delcorpo nella uecbieza e perilcontrario coloro cb banno il 
corpo lubrico nella giouentu fono (litici nella uecbieza* 
MVTA^JOSSIlecafionialcontrano bifognaanco mutarfilccf 
fe&o fimi lmente alcontrario. Con ciofia adonq* cb eilèdo ìluentre 
{litico ingiouentude per qualcbuna delle cafiom prediche fe mutào 
lediftc cafioni nella uecbiezatcome fe per tropo calidita cF figato o 
per tropo gran airtu atracìiua de effo o uer per tropo uirtu retentiua 
delilomaco e de inteftini fuffe Ibuomo (litico quàdo e giouene lui 
peruenendo poi auecbiezaremettefle ilcaldo dlf.gato lauirtu atrac 
tiua e retentiua dimembri firn anca J Vnd* figenera nelcorpo lubrici 
ta. Similmente fe nel tempo della giouentute fuflfe ileorpo lubrico 
per gran forteza della uirtu expulfiua te per debilita della uirturetè 
tiua:Pero cbl (lomaco e linteftini fuffeno tropo bumidi (oprauene 
do laucebieza fe debilita lauirtu expulfiua continuamente deficcan 
doflfi ileorpo tuiene lauirtu retentiua afortificarfe :e laexpulfiua dbi 
litarfe.PercB adonq* per lodifcorfo dele etade femuta lanaturaela 
uirtu dimembri lepiuuolte alcontrario^Impero femuta ileorpo per 
lamag^iore parte aduegna cb no Tempre nella uecbieza altrimenti 
cb era ingiouentude. 

PERCHE icibi cb fonno de ueloce notrimento uelocemente f e ege 
rifeono lefuefuperfluita , 

QV ANTO ìlcibo e depfu ueloce nutrimento tanto più tofto lana 
tura fcpera ilbuono dal fuperfluo Se eflo fuperfluo confequenteme 
te tanto pm tofto fefeazia fuora e cuflfi per ileontrario effèdo ilcibo 



«letale norrimento tarde fefa fequeftratione delbuono dalfuperfluo 
Vnde ìlcibo eiTere deuelcce notrimento non e altro eh effere to 
fto digerito e cb lanatura tofto fequeftri ìlbuono dal cattino e eh eli 
buono nutnfea ileorpo & ìlcattiuo f cazzi fuoraieperilcontrario e 
da intendere per ìlcibo detardo nutrimento . 

PERCHE neifluxidefanguedalleparti defotta quàdo poi ferefta 
ura ileorpo douenta lubrico , 

QUANTO lauirtu delcorpo epiu 3bilitata:tanto piubumidita fu 
perfluafegenera nelcorpo.Decb procede debilita 3 uirtu retentiua 
& anefe maggior quantità aflaiua per fuperfluita cb in bono nutrì 
mento: Vnde fef a per quelle ileorpo molle* Ancfc per lagranc? 
euacuationedelfangue lauirtu atrattiua delfigato molto fedebilita 
decb non può fciugare lef ezze lequali poi defeendono liquide. 
PERCHE ale uoltelefezeinteftinale fono negre come f angue ne 
grò demorene o uer (angue negro cb fia ftato allaiere affai tempo . 
LANATVRAba fatto ileorpo bumano con quata diligentia e fo 
Lcitudine f ufle allei poffibile :ImfO liba dato tutte leuie e modi ebe 
quello organo corporeo fepurgbi de euacui da ogni fuperfluita 8c i 
mundicie ♦ Vnd* e dafapere efe do? fonno leuie e condotti eba da 
to lanatura albuomotperlequalifebabbia ad euacuare tutte lefup 
fluita ctlcorpo.Alcunifonnocondutticb generalmente euacuano 
d atutto ileorpo e fono cincj d'putati accio: Vno e linteftini: L altro 
e leuie della urin a : Elterzo e leporrof ita cuttanee :E qucfti tri fono 
liprincipali:baglidato lanatura :llquarto cbaleuoltee necceflano 
auèngb a cb non continuamente: e qucfto e alcune uenecb fonno 
terminate allorif icio dellinteftino defotto doue molte uoltc per uia 
de morene lanatura euacua ileorpo gettando fangue negro per quel 
le parti- Elquinto e Colo nelle donne nel tempo cb fonno difpofre 
a f are figliuoli : e qu erto fie p er 1 an atura ogni m efe eu a cu an dof i p er 
fangue menftruo tQuefti adonqj fonno licincp condotti ebe ba f at 
to lanatura apurgare generalmente tutto ileorpo . Dapoi ne ba da 
to alcuni altri cb rifguardano apurgare certi mébri principali o uer 
come principali come alla tefta badato leuie delnafo e leuie delle 
orecbie:SC alquanto quelle degliocbii & ilp allato aciocb ileerebro 
cb e membro doue fegenera più fuperfluita cB altro membro dlcor 
no noftro po(ta bene ditte fuperfluita euacuarc per più luocbi . 
Ancboba datolaboccbaad euacuare alcune bumidita dalftomaco 
mediante ilgargozo:ilquale cbiamanolmedimeri:8c etiam euacua 
dal pulmone e parti fpirituale alcuna bumidita fuperflua iui congre 
gata:e quefto fa per lacanna d lpulmone e cum tofcicAleoreba da 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



to liluocbi fpogiafi cb fonno (otto alle Iefme doue purga molte fu 
mofitaScbuidita da eflo core: AncB fi purga licore p anbelito cioè 
per lacanna delpulrnone tirando laiere fredo e fcaciando laiere cai 
do e molte altre fumofita, Alfigato liba dato ilfiàco dritto e la 
lefinadritadouefebabbia apurgare quando bifognaffe. Dalaltro 
canto fcpuo purgare litigato e per inteftini quanto alafuaparte gib 
bofaepcr urina quanto allafua parte concaua* Ha dato ctia d o 
alli teffciculi leuie della uerga per lequali euacua lafuperfluita fpma 
tica :laquale aduegna cb fia fuperfluita quanto alla conferuatione 
delindiuiduo niente dimeno non cfuperrluita quanto alla cóferua 
tione della fpetie:ln tutti adonqj quefti modi purga lanatura quei 
ti noftri corpi* Diciamo adonqj cb lafezza interinale alleuolte 
e negra come uno fangue negro percb f erompe qualcb appoftema 
tione nelli interiori cioè nelfigato doue era queffca materia aggrega 
tate nanzicbuengba marza fe appre o uer uegnando a marza gene 
ralle una marza negra cb poi ufciiTe intale colore* Anco può £ 
uenire cb leoppillatione delegato fe apprano & ilfangue negro co 
agulato cb facea taleoppillatione ufcille fuoraper delotto. An. 
co bauendo fatto lenatura lamilzaper cuacuare ilfangue dabumo 
ri melenconici e molte uolte aduiene cblauirtu della milza debile 
in mondificare ilfangue datali bumori* Decb fe multiplica tale bu 
more melenconico lanatura aggrauata da e{fo fpefle uolte ìlmanda 
per lep arti def otto ancb per forte incendio e calore fe infiammano 
Iibumori e ilfague nelfigato e nelle uene: Vnde per tale aduftione 
feconuerteafubftantiagroffancgraefetolente: laquale aggrauan 
do lauatura effa lamanda fuora p linteftini- Vnaltra cafione può ef 
fer per troppo frigidità cb congella ilfangue e mortifica ilcaldo na 
turale dicb Iibumori priuati defpirito e caldo douentano negri etof 
fufcbitVndefonnofcacciati dalla natura infieme con lcaltre egefti 
one . 

PERCHE alcune urine fon groiTe 8c alcune fon fottile , 
QV ATRO fonno lecafioni de ciò , Prima e cb leuie fonno op 
pillate per lequali non può pattare f e non bumori diflillati e (ottili 
diquali laurina e collamento :VncF efledo Iibumori groffi bifogna 
laurina diftilarfi gro(Ta:Sc emendo fottile bifogna cb efeafottile. 
L afeconda cafionc e debilita deuirtu expulfiua cb non può fcaciare 
fenon ilfottilc e remane ilgrolTo. Laterza cagione e debilita de 
digeftione cb non fipoffcndo ben p adire ilcibonel ftomacoouer 
nelfigato remangono Iibumori irdigefti e corrupti da iquali ctriua 
e fccolla urina indigefta e fottile, Laquarta cafione elacomplexi 



one delfigato agenerare burnori meIenconici8c aquofit come eia 
comolexion melenconica o uer collerica e per lecafioni oppofite fe 
genera urina grolla* 

PERCHE laurina alleuolte e turbida alle uolte e chiara . 
D VE fon principalmente lecafioni* Prima e debilita deuirtu feque 
ftratiua delfigato e dimembri urinali: Vnde non può diuidire ilfot 
tiledalgroffo:neilgro(To dal fottiletlmpero efeie laurina con lejpti 
groffe . Lafeconda cafione e uebemente ebullitione delli bumo 
ri perlaqualfeguitaunaturbulentiaepermiftione dlle parti grofle 
dela urina cumlefuttile:Et impero per multirudine de affai bumo 
ri e debilita deuirtu dimembri urinali cb non può digererene debi 
tamente fequeftrare leparti dela urina o uer per multitudine di gra 
caldo febrile cb facendo bullire fortemente libumori delcorpo in 
turbida quelli decb laurina per quefta cafione ufeifle turbid a • 
PER.CHE laurina turbida nelefebre acute fignifica dolor ditcfta 
o nel preterito o nel prefente o nel aduegnire . 

LA C ASIONE e già dicìa pero cb nelefebre acute e molte calde fe 
fa molta ebullitione de bumori per laquale afeende multi fumi ala 
reità cb generano dolori in effa: Vnde tal fumi o uer fono af cefi & 
b anno già fatto ildolore o uer tutta uia afeendono Se acìualmète fa 
no ildolore perlo aduegnire ♦ 

P S '^CHE nei buomini peftilentiali appareno le urine turbide , 
LAG ASIONE e anco già dicflatpercb nelli peftilentiali e granfa 
rore dccaldo uencnofo cb intorbida tuJh libumoritE dalaltro can 
to lauirtu uitale e digeftiua o uer naturale e f aefra molto debile in ef 
fi perlaqual non può diuidere ilgroffo dal fottilete per quefte cafio 
ni appareno 1 eurine turbide molte uolte neglibuomini cb fonno f p 
pinqui alla morte :Etian dio in quelli cb banno grandiffimo caldo 
febrilenelinterioritdalquale procede debilita della uirtu naturale* 
PERCHE laurina alleuolte ef eie chiara e poi douenta turbida: 8c 
alleuolte ef eie turbida e poi douenta chiara :Et alleuolte efeie cbia 
ra e remane chiaratEt alle uolte efeie turbida e remane turbida* 
ELCALDO naturale delfigato e quello cb da lau era forma alla uri 
natequella cuoce e cblida lafuafubftantiatSecondo adòqj lad>uer 
fitadelcaloreimpreflo nela urina dalfigaeo e fecondo ladecocìióe 
f acita in effa f e diuerfifica laurina in fuafubftantia quato alfuo ufei 
rete quanto ariferuarla dapoi:SeIa urina adonche efeie fuora nàci 
cbl caldo naturale babbia comèzato ad operare in effa ufcffe albo 
ra turbida e remane turbida :Pero cM caldo naturale e quello cb chi 
anfica laurina fequeftrando leparte groffe dale fottìle o uer debita 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



mentepcrmifcolandoletnon li effendo adoncj impreffo alcuno fe 
gno delcaldo naturale inla urina non ba in fi alcuna regulacbman 
di leparte afoi luocbi ne fittua debitamente quelle infume: Vnde 
bifogna cbcoffi come efcie turbida fimilmentefiremangba* Ma 
fe ìlcaldo naturale ba cominciato già adoperare nela urina :& balla 
già chiarificata dentro pur non liba impreffo forte mete ilfuo ucfti 
io inquella permodo cb non può l^go tempo durare :àzi cerne fu 
ito e urinata fubito euapora fuora inquefìo cafo laurina efcic cbia 
ra e douenta turbida. E fe ìlcaldo ba già perfecìamente operato 
nela urina ficb gli babbia fatto forte impreffione cbnon fcparta fa 
cilmente allora laurina ef eie *e remane cbiara pero cb ìlcaldo natu 
rale ficome e cafion et chiarificare laurinatcuffi e cafion dicenfcruar 
la, Ma nota cb laurina può uf ciré cbiara e remanere cbiara etiaj 
dio perunaltra cafione ciceper forte oppillatione per laqual fo!o le 
parti fottile fenza legrolTe e turbulente : Vnde efcie cbiara e fubtile 
Efe ìlcaldo naturale aaegna eh ancbnon babbia compiuta fua 
operation e nela urina cioè àcbiarificaila :nientc dimeno g^af acìo ta 
!c impreffìone delfuo ueftigio cb remane f eimo in quella : VrcP da 
poi cb e urinata quel caldo impreffo lacbiarifica ♦ 
ERCHS alcuna urinabalanube o uero ypoftefi Se alcuna nò Iba^ 
LAYPOSTESI cb appare nella urina o uernube e una fi perfluita 
grolla cb auanza daladigeftionc dimembri: laqual difcacia da fi cf 
{i membri e remandala ale uic delaurina e cuffi ufeiffe infame cum 
ella urina iAdoncp per tre cafioni laurina nò ba ypoftefi : Vna e cb 
Iimcmbri fono fi debilitati eh nò puono fcacciare dafi tal fuperfiui 
ta :e quefto lepiu parte e fegno mortale -Laltra cafione e oppillatio 
ne delleuenc perlequali ba apaffare tal fuperfluita» Laterza cafi 
onc e gran poffanz a dellauirtu dimembri perlaquale generano po 
ca fuperluitate quella poca fuperfluita eh remane dala fua d)gefti 
one larifìfolueno per leparti cutanee \ brutura* 
PERCHE alcbunaurina ebianca alcbuna roffa o negra o d altro 
colore ♦ 

PER doi modi fe colora la urina-ouer per cafion delfigatoo uer p 
mixtion dequalcbbumore cb abonda nelcorpo: Vnde effendo ilfi 
gato caldo fegen era urina più roffa o uer tinta 8c effendo fredofege 
nera urina aquofa con poca tintura e fenza colore. E fc effo e tetti 
p erato tra caldo e fredo coloraffi laurina a un colore mediocre. 
Dalaltro canto (c abonda colera nel corpo bumano generaffe lauri 
nain colere de zaffranotefe abonda (angue coloraffe decolore rof 
foiefeflegmailfuo colore e aquofo e bianco: efe melenconia lauri 



tia appare dicolore fufco e fubcinericio* Secondo adonq? lamul 
titudine Sglibumon eh efcono con laurina effa piglia ilfuo colore : 
Et anco fecondo lacomplexione de effo figato come e ftato diJto . 
PERCHE nei frenetici lapiu parte appareno leurin e bianche : & 
aquofe e dicono lunedici cb quando appare laurina bianca fèza co 
lore nele f ebre ardente e nele acute fignifica f renetta . 
LACASlONEpuo efferemamfeftaper quello cb già e fopradi&o 
Impero cb f renefia e appoftematione calda dela tefta doue manda 
lanatura gran multitudme def angue fpirito e calore come amèbro 
principale per f uuegnire alfuo nocumento tVnde parte ilcaldo na 
turale dalfigato e dale me dele urine & uaflene alluoco doloroffo 51 
capote per tanto mancando ilcaldo naturale aleparti urinale non fi 
può tingere effa urina decolore alcuno ma remane pnuata dicaldo 
c doeni fpiritotE per quefta cafióe quàdo lunedici uededo le urine 
biancb fenza colore nelefebre ardentiffime doue douenano edere 
molto colorate giudicano eh tutta lamatena dlla mfirmita miieme 
cumilcaldo naturale dimembri nutritiui banno abandonato quilh 
dacb douea procedere latindura dela urina efonno afciefi al epar 
te fuperiore come e Tua natura quando no fonno regulati dalla «ir 

tudelcorpo . .111^ 
PERCHE ilf redo delaiere guaft a o uer inturbida laurina, 
ELCALDO imprcflo nela urina daleparte nutritiue e quello cb te 
ne laurina cbiarificatate leparte grolle debitamente commixte con 
lefuttile ilquale mancando manca effa urina de chiarezza: E pereti 
uno contrario difua natura corrompe laltro :Impero ìltredo ^ elalc 
re corrompendo ilcaldo impreco nela urin a feuiene ad intorbidare 
effa urina te defunire leparti groff e dale futtili lequali coferuaua ql 
caldo corrupto dalf redo* 

PRCHE ildcgiunoouerfameouer exercitio o uigiha o uer pallio 
de animo elcoito 6c ilbeuere delaqua uaria laurina difuo colore • 
LADIVER-S1TA delcolore dela urina adduecafioni fereduce co 
me e ftato decìo cioè alcaldo naturale £ quelle parti & albumore cb 
ficco f emef cola -Lafame adonq* o uerildigiuno infiammando 8c ac 
tendendo ilcaldo naturale tinge laurina dicolore roffo efimilméte 
filcexercitio fuperfluo elauigiìia:8c ìlcoito 6c alcune paffione dani 
mo cbrifcaldano 8c infiammano ileorpotcome e ira. Ma ilbeuere et 
laqua fa laurinabianeba pero cb penetra fenza padirfe aleuie dela 
urinate ficco mefcolandofle ef eie fuora e finalmente fa lamedicina 
cbmouccTmoltibumoritiqualimandapoibnaturainfiemeconla 

orina: Vnde tingono quella fecondo ilfuo proprio colore. 



PERCH3 alcuna urina e fetida 5c a T cuna nom 

Psi OCBDiNJO la urina da bumon corrupti e fetidi bfcgr a eh 

fia fetida e fe procede da bumon benigni o uer cb non fiano putridi 

bara la urina lo odore cB non fera fetido :Impeio lunedici atcbi iu 

d:cauano iopralibumon dclcorpo fecondo ladiuerina delo odore 

de ella urina auengba cbquefto non fi a in ufo * 

PERCHE fe urina ale uulte arenule e prede piccoline e donde f p 

cede quefto. 

LEAxEMVLEfegeneranonele rene o uer ueffica permolta reffo 
lutione e deficcatióe fatta dalcaldo de quelle parti per materia rìeg 
matica retenuta in quelli luocbiteper quefta medefima cacone g 
cede lapreda nelercne o uer ueffica generata : Vn a e moltitudine di 
flegma co procede dafrigidita delftomaco tLafeconda e {indura et* 
leuie urinaletLaterza e gran calidita de effe parti Dccb effèdo mol 
ta qiantita deflegma nelftomaco e p affando alfigato e non poffen 
d affi digcrere per fua multitudinepaffa alle uie deicrene e dela uefi 
ca ieqaaie uie effendo ftrecftete non bauendo Lbero exito rimane 
quel liegma in quei luoebi 5c ìlcaldo forte di que luocbi deficcado 
lo reducelo in cinerefimile aIfabbione:e poi fopraucuedo delaltro 
fleg ti a inuifebia e conglutina molte arenule inficine : àc in quefto 
modo deficcandoffi dalcaldo forte cbiui:fefa una preda :Imperola 
preda ebe f e urina non e altro eba una unione de molte arenule 
inficme in durate e congionte per ilcaldo grande de quelle patti 
Cbi ba adonqj leuie urinale calde cum oppilatione o uero ftredura 
dequella e frigidità òtftomaco e molto capace e difpofito atal ifirmi 
ta cice de male depreda. 

PERCHE nei uecbi lapreda fegenera piutofto nelerene cbncla 
ucfica e nei putti più tofto nella ueffica cbnele rene, 
NEI putì o uer giouieti lauirtu f óte e ad expellè e fcaziare Iafupflui 
ta dalerene ala ueficcatlmpero nei putti o uer gioueni non remago 
no quelle fuperfluita nelle rene cTcb fegenera lapreda ma fono fca 
ciate ala uefica e li fe conuerte in effa :Ma nei uecbi 1 auirtu e debile 
e non può fcaciare effe fuperfluita ala uefica:Impero remagono nel 
le rene te generaffe lapreda in effe :Et impero apreferuarfe dalapre 
da fpeflo bifogna ufare purgandone ♦ 

PERCHE quando lbuomobaccpido de urinare liuiene alleuol 
te un poebo defredo o uer rigore « 

LAIER E fubito ètra nei luoghi doue era o uer paffaua laurina azo 
eh non fedia luoco uactio ilquale lanatura non patiffe»& entrando 
aiere fopra quei luogbifenfibili nelle parti dentro uiene adindu 



re un certo fredo 8c una puncìionetlaquale cerca quelli membri da 
fi fcaca are: Vnde procede timore» 

PRCHE decoloro cBufano molto coito gliocbi e leacB patifcono 
più detrimento cB alcuno altro membro, 

LHAiSCHE moltofemoueno dilatandoci e con ftringendoffi di 
cb linerui Tuoi riceuono atrimento ancB talmouimento dequelle 
parte nfcal dando le e cafione diliquef are e difloluere lafua bumidi 
ta nutnmentale impero patif cono lefione affai :Ma gliocbii patifco 
rio nel coito nocumento psrcb adunano molta bumidita dallatefta 
Come ieparte cb fono circa leancb:cB cogliono molta burmdita e 
poi comprimandoflilamandano fuorapfperma: Vnde negliocbii 
e neleparti fpcrmatice fono due operatione: Vna e accgregaremol 
ta Bumidita:e L altra e acacciarb perfpermanel adtodel coito :6c in 
querte doi operationi molto fe rii caldano lidefti membri e fuo bui 
do nutnmentale fafottiglia c reffolue :8c etiam molto diquello paffa 
in fp erma. Ma lercnì più cb altro membro fèteno laflitud ne nelcoi 
to:OC ineorreno diucrle infirmita. Prima gcbfonnc più uicme alino 
co delcoito. Secondo perch p affando ilfpermaper lerene mena cuj 
effo fi molto delbumido fuftàciale de effe rene:Perlaqual cofa mol 
to fedebihtano nel coito :Gliocb;iador;cp e leanefe e lerene p.u pati 
fcano intile acfto cB altro membro ma lerene ancBpiu, 
P3 3.CHE Iieunucbi cB nò ufano ìlcoito receueno lefione nel uede 
re come quelli cB lo ufano tropo. 

LACASIONE intubi dui e cB lepartifuperiore e cofequentemen 
te gliocbii f e deficcano .Nel tropo coito queflo e mariifcfto come e 
{iato dicrote negli eunuebi ancB e uero:PercB glieurucbi fonr o co 
podi demoltabumidita terrefrre pero cb patif cono male:E tale bui 
dita terreftre per fua grauita e debilita dellauirtu retent ua cb e inlo 
ro de( cèdono alleparti inferiore: e lepartifupiore come Tonno glio 
cbii remangono d eficcate: Vnde tali bomini per quefta cafione bà 
no legambe molto enfiate* Effendo adoncp gliocbii priuati d bu 
midita uègono am ancare fpiriti uifiui cB fon fundati in effa bumidi 
ta dgliocbii Sch h fogna cBl uedre patifea ♦ 

PER.CHEtra glialtri animali più fenffolue e debilita lbuomoper 
ileobito . 

I H VOMO nelcoito getta più fperma p rifpec'to della quantità ctl 
fuocorpo cB glialtri animali :Impero molto feriffolue e debilitai- 
cb ilfperma e uno bumido molto graffo & aereo e fpintuofo difpof 
to adouentare della fubftantia delcorpo : Vnde reffoluto tale bumi 
dofe diffolue ileorpo manif ertamente come priuato delproprio ali 



mento, 

PERCHE lbuomo getta molto fperma . 

D VE fon cafiom de ciò una eh lauirtu et Ibuomo e molto forte indi 
gerire ilfuo nutrimento : Impero digeriffe molto: e confequentemè" 
te feqftra molte fupfluita 8c ìlfpma no e altro eh fupfluita òtlaterza 
digeftione. Lafeconda cafione e che Ibuomo tra glialtri animali 
e de più calda :Sc bumida natura aerea :E quefte due qualità fonno 
neceffarie agenerare fperma cioè lacalidita come caufa efficiente» E 
labumidita come caul a materiale. Lbuomo e adòqj animale molto 
fpermatico per quefte rafione < 
PERCHE ìlfperma e bianco :efpumofo. 

DVE cofefò nelfpma cice aquofita dalaqualelui receue biàcbeza 
e moltitudine difpirito o uer uento dacb procede cb effo e fpumofo 
Percb iluento e laiere mef colato con laqua e cafione de fpuma . 
PERCHE più tofto compiffeìlcobito lidegiuni chz li ripieni de 
cibo • 

NEI degiuni leuieperlequ ali die p affare ilfp erma fon più aperte cb 
nei ripieni : e f aturati: Vnde nei ripieni fon cbiufetale uie:efepro 
bibiffe cb tal bumidita fpermatica non pafli alli luocbi deputati do 
uc fe conuertain fperma , 

PERCHE lafngidita dipiedi nò conferiffe acoluì cb uuoleufare il 
coito ansi il ( pb biffe . 

NELCOHITO bifogna Ieparti interiore 8c inferiore effer calde 
& bumidei Vnde lbumido e caldo fede congregare nele parti inte 
riorefelfcdebbe compire ìlcobito.E p quefta cafione fefa più poi 
lutione nel fomno eh neh uigilia agregandoffi dentro ìlcaldo natu 
rale e lbumido.E quando Ieparti interiore fon calct fenfcaldano le 
parte inferiore c lipiedi:Impero quando fe dorme lipiedi fò più cai 
di Se bumidi cb quando feueglia. Còciofia adonqj eh Infrigidita 
d ep iedi f ign iftebi frigidità delep arti intenore : e delep arti in f eriore 
eB fonno neceffarie alcoito:lequali quando ferefredano nò fe può 
compire ileobito :Impero appare lauerita delquefito. 
PERCHE quilli eh hanno laueffica piena de urina non poffono 
tofto compirre ileoito . 

TR E fonno limeati eleuie dimembro uirileuno e per loqualepaf 
fa launna:Elfecondo perloqualepaffailfperma.Elterzo perloqua 
le padauna certa bumidita fotti le 1 aquale femanda fuora: maxima 
mente quando lbuomo toeba una donna:laquale defidera bauere 
in copula. Conciofia adonq* eh laueffica piena cF urina graua la 
natura decb effafefforza demandare fuora tale urina :Impero fe di 



lata laueffica co comprimete conculca limeati delfperma: Vnctql 
lo non laffapaffarefuora- 

PSICHE ipuiti e lepu&e quando comenzano adufare ileoito li 
corpi loro rendeno fetore cioè ilfuo fudore doue prima nàci alcoito 
ilfuo fudore non fapea de rio . 

OGMIfefore procede da mdigeftione de bumori elodore fuaue e 
dilefteuole procede da effo bumore digefto come appare nele ber 
be e neglianimali: Vndelarofa elauiola rendeno buon odore pcfr 
lielemèti in quelle berbe fon ben proportionati e digcfti e labumidi 
ta aquofa e ftata bene digcfta dalcaldo 6c ìlficco terreftre e flato té 
perato da lbumido acreo : E molte fonno etiam dio berbe ÒC arbori 
cBbanno cattiuo odore efimilmente alcuni animali:E queftono 
cede fenon da indigeftionc de bumori. Perlocoito adonqf lbul 
do aereo digefto fe ritToluc e feparaffe dalbumido aquofo: Vnde re 
mane lbumido groffo e terreftre indigefto : el quale e fetido come e 
ftato ditto ► AncB per ileoito f e rinfreda ìlcorpo e lauirtufe riffol 
ue e debilita decb libumori fefanno molto indigefti:Vnde più feti 
do e ìlfudore efi rende da quelli . 

PECCHE glibuomini non poffono fare ileoito nelaqua comeilpe 
feie e lielepbanti , 

QVELLOcBfe liquefa dalfuoco no fe può più liquefare ne diffol 
ucre nelaqua come appare nel piombo :e nela eira cb per ìlfuoco fe 
liquefanno :e per laqua fe convellano ♦Liquefazandofli adonqua il 
fperma per ìlcaldo non fe può liquefare nelaqua ancipiu tofto feco 
agula:Et effendo limeati fpermatici delbuomo ftrecftì bifogna ebe 
euo fperma fe liquefazzi fe jp quelli de p affare: Impero ba bifogno 
lbuomo de molta fricatione e mouimento cb nYcaldi quelle pti azo 
cblbumiditafpermaticafe liquefazza:8e affottigl i affi :8c affottiglia 
tapaffiperlifuoi meati ftn<fti«Ma ipefci banno limeati apti e largbi 
e lamateriae aparecbiata ad uf ciré: VncF non banno biiogno tanto 
de liquefatone delbumido fpermatico come balbuomo deebe etià 
dio banno bifogno de poca fricatione mafolo glibafta un poebo di 
tocare '.Similmente lielepbanti banno litefticuli fopra lafcbina e|> 
quefto molto tofto mandano fuor a ìlfperm a per la fua grà candita : 
Impero ebeogni animale ebe b a litefticuli fopra lafcbin a ecfmolto 
calda natura :Non può adonqj lafrigidita Slaqua impazare lacalidi 
ta fperm atica de quelli come nellbuomo cB e animale maco caldo ♦ 
PERCHE ba facto lanaturaallielepbanti litefticuli fopra lafcbla 
e ùmilmente alli rizrri. 

LANAT VR Afollicita in tucìe quante lecofe ba facìo quefto neh 



elepbanti e nei rizzi acio eh tale animale preftiflima mente compi 
fca ìicoito come e cimatura di animali ebbanno Ltefticuli fopra la 
febmatei* per Tua c alidi ta molto tofto mandano foora ìKpeima: E 
que.to ha fatto lanatura negli elepbanti cbl mafcb.o nó fteffe tro 
po adotto alla feminateper lafuagrandcza laoftendeffe. E li ri 
zi non fe poteno ben tocarc infieme per leipine. Eifogno fu adon 
que eh tofto fuffino aparecbiati amandare fuora ilfperma. 
PERCHE lielepbanti quando uoleno uf are il cobito entrano nel 
Iacjua . 

Q/ESTO e per eh fi ari ofubftentatid al aqu a acio eh per fua gran 
deza e ponderofita non offendino lafemina, 

PERCHE manco e peggio fefailcoito dalbuomo ne laqua calda 
eh nela freda, 

ELSPlR ITO e lbumido fpermatico fede unire nel coito e per laca 
lidita dllaqua fe diflolue e diffemin a decb non fe può ben compire 
laclo de elio coito • 

PERCHE ìlcoitoecofadilccìabiliffima • 

ELSPER M A p affa per meati & uie molto fenfibile eneri.ofe ìliq 
li fefa una grandiffima dilecflatione peicb ^materia Spermatica fe 
dillolue in uapore uentofo tllquale nr cbiufo in quelli rreatircn 
retrouando cuffi tofto leexito induce una tintili; atione in qi cftiluo 
cbi con certa inuolutione e tortuosità dequei uafi fpeimatici : Vr de 
fe ingenera una maxima deledatione fimile aquella delfc2dore cfl 
la fcabietdoue lbumido della rogna difloluto in uentofita laquale 
fe rincbiude tra carne e pelle : laquale non ba libero exito decb fige 
nera fcadore percb bauendo libero exito non faria alcun fcadore: 
Impero ilfudore eh liberamente ufcifle fuora non fa fcaldore: cufli 
e nel coito come eftato dido Ancb ba f acio quefto lanatura afine 
dela gencrationetballo faclo dileclabihff mo aciocb per turpitudie 
diquel acfto glianimali mancafeno dalla generatione* 
PERCHE grattando larogna cella ilfcadorc. 

LA VENTOSITÀ rincbiufa cb era caf on del fcadore grattando 
f iuiene ad exalare 8c euaporare per leporrofita cutanee cb fe uègo 
no ad aprire per abfterfione de una certa bruttura cbtencua cbiufe 
elle porrofita:Vnde grattando fctolle uia quella bruttura e fe app 
no e f e dilatano quelle dicb tal uentofita ufoffe fuora „ 
PERCHE lbuomo fopra tucliglialtn animali più femoue alcoito 
e più fpeffo t e d a ogni tempo » 

LH VOMO ba mcglior tocare 8c e de maggior fentimento quàto al 
toccare eba neffuno altro animale per effcrpiu fua natura tempera 



tae rncgliorccconCcqucntcmetcpiufcntc ledile&atione cb ognal 
tro animile» Sentendo adonqj maggior delecìatione nel cobito 
co ognaltro animaletlmpero piufe muoue aquello. Ancbo lbu 
omo e molto caldo & tumido in refpeeìo delafua qtita e quefte fò 
no cagione delcoito come e (tato ditto . 

PERCHE lafeminabapiu delecftationenel coito cbal mafcbio* 
ELDVRA più tempo laexito delfperma nele femine eba neimaf 
chi perche leuie e limeati fon più ftrecfh in effe e ancB non fef a cuffi 
forte expulffone de fperma nelefemine come neh mafebii per effer 
lauirtu expulfma più forte del mafebio & ilfperma più caldo : VrcF 
più uelo cernente efeie fuorate confequentemente manco tèpo du 
ra hdilc&atione delbuomo cb della donna. AncB tre cofe fan 
no dilccftation nelcoito in lafemina: Vna e laconfncatione ctlla uir 
ga nei labri dela figba. Laf cconda e ìlreceuer lofperma delbuomo 
Latercia c mixtione delproprio fperma. Ma lbuomo non bafenon 
dee una e laconfricatione delmembro uinle laltra e laemifficr e del 
proprio fperma bauendo adonqj tre dilecìationi nelcoito Se ìlmaf 
cbio folam^nte dx e durando più ladilecìatione de effa f emina ebe 
dslmafcbio non e dubio cb maggior dillecìationc fète efla femma: 
cb lbuomo mafebio. 

PERCHE lef anciulle de poco in nàcicb fiano in etade demcnftru 
are molto dcfiderano ìlcoito e fonno molto incontinente. 
LH VIVlORE fpermatico e meftruale fe comenza in quel tempo ad 
ifpcffare e limembri genitali adingroffare 5c effendo limeati ipma 
tici ftrecfti erincbiufi poca bumidita può pattare per quei luocbima 
fe conuerte in uentofiti laquale fa una tintillatione efeadore I quei 
luocbi tlmpero molto defiderano cb quelle parte fiano confricate |> 
torre uia quello f cadore e quella tintillationete quanto piufe frica 
no ttanto più defiderano effer f ricate percb p quella fricatione mol 
to bumidita fe tira aquelle uie laquale non poffendo uf ciré non effe 
do ancora quelle uie aperte fe conuerte in molta uentofitate quàto 
più crefcieuentofita in quei luocbi: tanto più crefeie ilfcadore e lati 
rillatione tlmpero quanto più fono f ricate tanto più crefeie lacagio 
nedclfuo defiderio alcoito:Vnde fonno infaciabile. Ma laf emina 
cb e de etade c^ butta fperma non e cuffi infatiabile delcoito percb 
labumidita cb fetira aquei luocbi per lafricatione delcoito non f e re 
tiene litmafeeuacuadecb non multiplica continuamente tanta uè 
tofita nele uie fpermaticb quanto fe genera nele fanciule cb ancora 
non gettano fperma . 

PERCHE fe drizzalauirganelcortotfimilmente quando lbuomo 



urina < 

EMPIISSE le porrofita della uirga nel coito de bumidita (pennati 
ca:iC urinando della bumidita della urinate tale bumidita fon pie 
ne cimento clqle fa tumef acfhone nele concauita e porrofita deli te 
fticuli e de la mrga deco fe extende e drizza quelle parti come noi 
uedemo una cofa mole cB empiendone de uento fta dritta e remane 
dura lauentofita adonqj cB rempielimeati della uirga nel coito e ne 
laurinaecafionedefareftare dritta eiTauirga* b perquefta cafi 
one lecofe uentofedrizano ìlmembro uirile: Et ancB di CiO appare 
percB lbuomo quando ba compito ìlcoitofeli difenfia ìlmembro 
genitale. Quello epcrcB quel uento cbfoftenia elio membro cfcie 
f uora inficme cum Ibumidsta fpermatica,E per quefta mectfima ra 
{ione quado ba urinato eflo fe defèfia. 

PERCHE ilmaf cb. o nelacftate può manebo nel cobito e lafcmi 
napiu , 

NfìLCOHlTO bifogna eh litcfticuli fc tirino alle parti defopra:8c 
umuerfalmente tutte quelle parte cBfóno circa quei luoebi bilogna 
congregirfi Se unirli acogliere labumidita fpermatica» Male adòqj 
fepuo ufare ileoito ftando pendenti litefticuli e non contracti e per 
CD n^la effcate più fe riffolue lbumido Se ili pirito diquelle parti per 
lacalidita dellaiere e nellinuerno e ìlcontrario .Impero può manco 
Ibuomo nelcoito laeftade eba nellinuerno.Malafemina non bali 
teffciculi dalleparti defuora ma dentro : Vnde non firiflolueno culli 
pzr ìlcaldo delaeft ite come li tefticuli delmafcbio . Ancbc ilmaf 
cbio e di natura calda e ficca e lafemina e dinatura freda & burnida 
Ilmaf cbio adoncp fe debilita molto foprauenendo ìlcaldo perebe fi 
mileagionto afimile filofa furiare e debilita lauirtu« Ma 1 anatura 
delafemina cB e freda fe conforta per localdo dclaeftate: 8c ilmaf 
cb;o lo inuerno. 

PER. CHE iputti co acorano pono fpmatizare bàno dilecìatiòe nel 
coito b'*có no gettino f gma » 

LACASIO^JE eftatagia dicla cb per fricatione defeende un uéto 
t> lim^mbri fumatici eh fono molto fenfibili alitcfticuli decB fente 
no dile Catione affai come quafi gettaffeno fperma, 
PERCHE non getta fpermailputto nel coito daprima epoilpro 
ceffo lo g,etta quàdo e di maggior tempo ♦ 

LE VIE fperm atice delputto daprimafono ftre&e Se angufte per le 
quali non può pattare bumidita grolla corpulenta:ma folo palla u 
uapore uentofo come e ftafo dido 5c in procedo ditempo fe dillata 
no «Ancora quel uaporeuentofo del quale e ftato dectoin prima e 



molto fottile fieri fe riflblue infenfibilmente nel mouimento delcoi 
to improceflfo di tempo fe ingroflfa e conuertefTi in bumidita cor 
pulenca e fpcrmatica ;laquale efeie poi fuora fenLbilmete doue pri 
ma era un uapore uentolo Se ìnfenfibile . 

PiìRCHii feuergogna Ibuomo de confeffare ildefiderio delcoito: 
e non fi uergogna diConfeflare eldefideno demangiare e dlbcuerc 
c de fimil col e . 

hL-MASQAR.E Se elbeuere fonno cofe neceffarie alauita e latto 
dc^ coito nonenecetfano, Ancb lauergogna confitte nela raf*o 
ne diilintelledo epercb ìlcoito elafua còcup/ccntia fono nommè 
ti defordmati e (opra tutte lealtre paffioni orrufeano ìllume dellani 
ma rationaie:lmpero confettare diuolcre uf are ìlcoito non e altro 
c>> coni e(T ire uolerfe oftafeare ilfuo intelletto e douentarc come ai 
m il brutto e qaefto e una cofa uergognoi a» 

PrZR.CHi ìlcoitorefredailcorpo quando cfuperfluo epiu iluetre 
co laltre parti . 

NELCOriirO fuperfluofe caccia ruora Iabumidita fubftantifica 
dimembri cBefundamento delcalore naturale :Ilquale bumido 
cuacuato anicbilafleilditto caldo de etfi membri. Ancfcilcoitoi 
principio molto ribalda per ilforte mouimento :3c agitatone cbfa 
ileorpo in quel atto: Vnde deficca molto labum^dita dlcorpo come 
e dinatura del tropo caldo adeficare , Deficato adoncp Ibumido del 
corpo perilgran caldo ebe failcoito ucne amicare ilcaldo naturale 
dclqualequel bumido revoluto era pabulo e nutrimento tlmpcrbo 
dicono limedici cbl coito in prima fe rifcalda ilcorpote poi filo re 
freda • Ma ancb più ferefreda ìluentre e leparti circuiate pcb li glie 
una adipe o uer pinguedine cb e dinatura calda 6c bumida: Laqual 
pzv la gran calidita de etto coito e per ìlforte mouimento et quelle p 
ti feliqua e diffolue: Vnderemane ìluentre fredo e ficco. Arcbe da 
laltro canto per quefta medefima rafione ilcoito difolue molto del 
bumido nutrimcntale delfigato e delftomaco e confequentemen 
te molto nuoce aquei membri ebe fonno parte circunftante ad effo 
uentre . 

PERCHH ileoito alle uolte g'oua & alle uolte nuoce. 
ELCOHITO moderato gioua molto alcorpotpercb euacua lafup 
fluita efife genera nei membri: Vnde ilfperma non e altro cb fupcr 
fluita della°quarta digitinone cb fefa nei membri laqual multiplica 
do e non euacuandotfi f acrmente fe putrefa e corrompe e corner 
tr(Ti in materia molto uenenofa eh genera infirmita pernitiofa affai 
Gioua adonqj ìlcoito cb euacua tal fuperHuita .Ma quando ileoito e 



Superfluo 3c immoderato non effendoffipiu fuperfluita dimembn 
da euacuare allora fi euacua 1 abumid.ta fubftàtiale de efli membri 
E percft quella bumidita lubftantiale dimembri fta affai afepararfi 
damaci :Impero co lanatura quanto pm può lanticne ; Per quella ca 
(ione tira p.uibuomo nel igrmoderato coito acompire quel atto 8c 
allora molto fefrorza con mande agitatione detutto ìlcorpo deebe 
ieguita gran refolutione de hxcli Spiriti ( eguita adonqj dallo immo 
eirato coito grande exficcatione e refredamento e finalmente maxi 
ma debilitatone de tutto ilcorpo:Impero dicono lipbilofopbi ebe 
cbi uf a molto ìlcoito urne poebo e tofto inuecbia: h per quefta rafi 
one ìlmafcbio delle paffere manco uiue dcla femina ♦ 
PERCHE ilcoito nuoce fortemete acbibaueffe fame ài etiam dio 
acbi incontinenti baueffe mangiato. 

ELCOHlTO deficca come e ftato ditto ♦Retrouado adóqf ileorpo 
euacuato e famelico ancora più ctficcaria decb fegmtaria grande ex 
tenuatione e debilita delcorpo . E (ìmiìm ente quddo ilobo e nel 
loftomaco fecorrompe ladigcfhone per ìlcoito impero cb diuerte il 
caldo dC ilfpinto da elfo ftomacbo alle parti defuora e ladigeflione 
no fe compiile fenon quando ìlcaldo e unito alleparti delRomaco. 
Elcoito adonq? fedebbe ufare compiuta ladjgcfhone delftomaco e 
delegato elamitacFladigeftione dimembii ziac fepte bore doppo il 
mangiare fecondo lapiu parte. 

PERCHE ìicoito moderato cb e fatto aldcbito tempo alligeriffe il 
corpo 5c induce fomno. 

ELSPERMA quando e aggregato nel corpo o uer IafuperfluitacF 
ladigeflionc dimembn molto aggraua quello decb fatta laeuacuati 
one per ilcoito Te mene tutto ahggerire come accade in ogni debita 
euacuatione cb euacuando ìlfupernuo fifente lbuomo aleggento . 

EtultradicioinducefomnopercBriflolue molti fpiritic lanatu 
ra fianca 8c alquanto reffoluta cerca repoffo te doue per lo mouim£ 
to delcoito era difpcrfa alleparti defuora fe reumffe alleparti Altro 
dopo effo coito donde proced' ilfomno. Anco effendo molto f pma 
congregato euapora da effo alcuni fumi allatefta cb Tonno caldi c 
perfua calidita impcdiffe ìldormire : VncF euacuando quello fg ma 
ce(Ta laditta cuaporatione diquei fumi: 8c in quello modo prouoca 
ìlfomno . 

PERCHE ileoito nuoce alli febricanti e leprofi e feabiefi. 
NEL! febricanti libumori fonno molto difpofti aputrefarfi Iiq ua 
Iiperlo mouimento delcoito facilmente cadeno in putrefattione a 
eh (e augumenta latebre. Nuoce ancb aleprofi e fcabiofi perebe 




ilcolto muoue 8C cxcìta quel bumori alleparti defuora iquali fonno 
putridi in tali corpi: Vndefe augumenta iafcabie e lalepra f 
P£R.CHn£ ìlcoito conferire e gioua ad alcune infirmita flegmati 
ce come c mal caduco 6C uertigene 8c obfcurita de ocbii. 
bi-SPiìRMA cfuperrluita ultima dimèbri eh molto fimue afleg 
m a tlmpero molto fe euacuade eflb flegmaper ilcoito percF> molto 
ctMegmi dauenta fperma in quel adro euacuandoffi adeqj lacafio 
ne de d^a ini irmita uiene agiouare aquelle» 

PEr^CHtt ileoito nuoce allepodagreÒC a tu e le altre i^n fornita de 
lesionturaedinerui. t,: .... r 

ELCOHITO molto nuoce alla tefta percb principalmente e iccon 
do lapiu parte fe decide dalcerebro dech molto fe debilita e perche 
lmeruinafconodalateftaedalanucacrobaorigine dahparte pofte 
nore delcapo '.Impero fe offende e abilita molto nel coito etti ncmi 
Perlaquale debilitatone Te genera molte fuperfluitade in quelli da 
lequale procede laugumento ielapodagra, Anche nel ceno fe 
co iquaffa molto linerui perlaquale còquatfatione fe r ffolue molto 
de ibumido fubitantif ico fuo t Elcoito adonq* molto nuoce ali nerui 
ImperonuoceatucìeleinfirmitageneratejneLtu 
P^CH2 ailuxurioficadeno icapelli elcpalpebre ie douentar.o 
toicocaluiefimilmentecadenoicapeUiela conualefcentia deuno 
eh fia ftato amalato e cutfi nei tifici & epatici o uer conlumpti. 
V si A medefimi cafione e intubi queftì nominati laquale e cUec o 
de nutrimento dalqual prouengono ìfumi deche fe genera ìcapilli 
percSadon«ilcoitorinfredalepartidefopra lcquali poi remango 
tio depauperate defangue e detrito tlmpero non ponno digerere 
ilfuo nutrimento elquale remane indigeno e delfumocb deker.de 
dalui nò e fufficiete materia agcnerare ne pilli ne capilli, E fimilme 
ne conualefcenti doue lauirtu e molto debilitata per lomale paffa 
tononfepuo fare buona digeftione al nutrimento delcorpo decb 
manca ilf umo generatiuo di c apilli. E culli nei tifici & epatici o 
ue ro confumpti prouene mancamento decapilliper debilita dena 
tura e confequentemente per defecìo de nutrimento . 
PER.CHS limelinconici adufti fonno luxunofie molto deiidcra 
no ilcoitoenonimelenconici naturali, 

j M ct E^CONICI aduftifon pieni de molta uentohta per eUereil 
fuo bumido molto infiammato dal excelente caldo ci W loto decfr 
fca.nera molta uètofita revoluta da quel bumido per ilforte caldo 
e done e uentofita li i molta incitatione de libidine e fpeffa expulh 
one de fperma: Vnde lauentofita deferue ade* cofe nel coito una e 



cnfadrizareilmembroXaltracbadiuta acaciare fuora ilfpermac 
farlo più torto ufcire.Ma limelenconici naturali eh fono molto fre 
eli e ficbi non hanno quefto percb lotroppo caldo fi refìolue molta 
ucntof ta nei corpi (uoi anci fu a complexione e contraria alcoito al 
quale rechicele caldo 5c bumido come e ftato d.cto* 
PERCHE folo lbuomo tra glialtri animali non douenta barbuto 
fenon quando cormsnza adufare ìlcoito o uer in quella etade cVdo 
lui lopuo ufare. 

aprincipio delfuo nafeerefon molto bumidic dura tale 
bumidita fuperlua infino ebufano ìlcoito cb poi douentano più ci* 
ficca complexione per ìlcoito cb euacua quelle bumid ta fuperflue 
Vnic prima quella bumidita fuffocaua ìlcaldo naturale: & oppilla 
Uà leporrofita dellacute e non lafTaua pattare ìlfumo eh ba agenera 
re il pel lo ali e parti cutanee :8c anebe ebe quel caldo furto cato non 
poteua elleuare mo'to fumotMa poi quando quelle bumid;ta feco 
menzano ad euacuarc perilcoito elcaldo piufe uigora e può gene 
rare più fumo e defoppillare quei meati cb erano oppillati daquel 
Impero cbipiu torto comenza ad ufare il co ito più torto douenta 
barbuto e cbipiu tarde più tarde: E per quefta medefima raftone le 
f emine non fonno barbute fenon rariiT.me cicr per moka humidì 
ta :e frigidità eh regna inloro cb non latta pattare lipilli e tafua ma 
teria alleparti cucìaneete fe pur alcuna fornirla e barbuta fignifica 
ebe e dinatura molto calda e ficcabauendo refpecfto allanatura de 
leremne . 

PERCHE alcuni buomini cbprima eranofenza capilli oueronc 
baueano pocbi per ìlcoito poi frgenerano capilli molti in erti „ 
LACASIONE eftata già dieìa: Impero cb tali buomini eranomol 
to bum;di e per lagrande bumidita fe probibiffe lageneratione dea 
pilli laqtiale poi deficcandoflfi per ìlcoito Se uigorato ilcaldo natura 
le uapora fùfo alla terta ilfnmo ilquale prima non euaporauatllcoi 
to adonrp alcuni fa calui ÒC alcuni fa capillati fecondo ladiuerfitact 
lecomplexione* 

PERCHE glibuomìnìpillofifono molto Iuxuriofie quanto fono 
più pillofi fon no più Iuxuriofne fimilmente gli ucelli quanto bano 
più pennetanto più fono inclinati alcoito . 

ALA generatone de pilli fe recbiede calidita con una certa burnì 
d ta non fup erriti a cbfia d;gcfta e laqualefupercbi ilcaldo natura 
le e ùmilmente alcoito fe recbiede bumidita digerta e calidita cb fu 
perebia e digerifca quel la percb lafuperfluita della terza digeftione 
laquale poi douenta fperma difua natura e freda e congellata & im 



p ero fedalcaldo naturale prima non fe rif calda e douenti liquida: 
non può correre alliluocbi fpermatici.R ecbiede adonq?cbl caldo 
fupercbi lbumido acio eh Saldandolo lo faccia correre slliluocbi 
douefe conuerta in fperma. Quanto adonq? gbbuomini fonno 
p.upillofiScliucellibannopiupenneitantofignifjca maggior uic 
tona delcaldo naturale fopra labumidita delcorpo : Vndc per ladic 
ta cafione fonno più luxuriofi, E per quefta medefima rafione 
lafemina non fe corrompe cuffifpcdo nel coito come fa Ibuomo p 
cB in edafon molte bumidita lequali elcaldo naturale non può be 
fupercbiare ne digerere ne liquefare ne aco fare correre alli luocbi 
fpcrmatici come può fare ìlcaldo naturale delbuomo . 
P£ R.CHE lafemina patiffe méftruo ogni mefe e ìlmaf cbio non, 
L AFEMIIM A e più f reda di natura cb lbuomo e più debile de com 
plexion: Vnde in etfafigenera dimolte fuperfluita: Impo ghba da 
tolanaturaunmodooCunauiadc purgare tal fuperfluita e quefto 
bifaftoognimefeperuiadefanguemenftruo cbfe euacua perle 
uene cb uanno alla matrice e quefto non accade nel mafcbio ilqua 
le e dep u forte e calda complexionete non fe genera in quello tan 
te fuperfluita cb lanatura non pofla euacuare perfecccfto urina o fu 
dorè» E per quefta caf ione noi uedemo cb lafemma ebe non ba 
alfuo tempo ildebito menftruo incorre in molte mfirmita:e cbi lba 
debitamente uiue molto fan a . 

PERCHE lafemina quanto e più robufta tanto più tempo d alua 
uita dura la menftruationete quanto più e debile aratura tanto du 
ramacotùct noi uedemo i alcune femme durare ìlmenftruo mimo 
a xxxvii.o.xxxvni.anniocin alcune altre infino a .xlvim • anni 8c i 
alcune altre infino, a.xlviii.o uer.be doueria effere ilcontrano per 
cBquato lafemina e più robufta tato fi genera manco fuperfluita t 
Imoero doueria manco tempo méftruare cb lafemina di céplcxion 
debile nelaqualefegenera molto più fuperfluita, 
LANATVRA ba faclo p doi refpe&i méftruare lafemma: Vro 
e ft ato dicìo per euacuare le fuperfluita cb fe generano m effa laltro 
eperfatiffare alla prolete per continuare lageneratione delli amali 
cb fonno perfecli : Vnde fe genera lacreatura delfangue mcnftiuo 
per uirtu del fperma uinle eh coagula 8C imprime tal forma e figlilo 
in quello come UnclloncIacira.Efegno decioecb lafemma non 
può concepire fenon neltepo ebe può menftruare e tato dura iltepo 
d.potere concepire quanto dura iltempo di potere menftruare. 
Conciofiaadoncpcblafeminarobuftafi bapiu f angue 8Ce dipm 
forte natura cb la debile tlmpero dura pm ilfuo tempo depotere co 



cep're. AJoncp duraetiam diopiu iltempofuo dipotere menflrua 
re AncB nelafemina robuffca fuperabonda molto più f angue e 
molto più bumon e lauircu expulfma e molto più forte: Impo ab6 
dando più fagueilmandalanaturaallcparticonfuete della cuacua 
t.oae per prolif .care Se etiam feglie alcuna fuperflua per euacuare. 
Ma neia remìa ctbile fe genera poco fague e pocb: bumori : Impero 
lanaturalotieneperfuofubftegno&bapiu cura dellmdiuiduo ebe 
deilafpetie. Ancora ba più cura de fubifcentarfe cB de euacuarc fu 
p^rjiuicarBencB adonqjnelafemlna debile fegenera più fuperflui 
ta niente dimeno ba continuamente manco menftruo percB ba ma 
co fangue, Vero e cB per quei luoebi efeie altre fuperfiuita più ebe 
nela rubufta come fono certe bumidita biancb e de altri coluri. 
E ben cbel man cbi tolto elmenftruo nelafemina debile e generaci 
molte fuperrlu.ta cum poco fangue:Lanatura impero cerca quanto 
ellapuo deeuacuarleper altro modo ciccoucrper uia delanatura 
defocco come e ftato d.clo dele bumidita biancb o uer daltro colore 
etiatn dato cB non menftruito uer per qualcB altra ma. Ma laf ernia 
c >colo manca de menftruo non e mai tropo fana:percb intucìole 
1 ue i uperrluita non fe ponno euacuarc» 

PER.CHd lafeminainnanci alli duodeciouer tredeci anni non 
menftrua. 

L ANAT VRA ha molto follicitudinc dcllindiuiduo derutricarlo 
nel tempo delafua pueritiatlmpero tuclo ìlfangue e tucìe lebumidi 
ta fpermatice retiene infe per nutricare l.membrnlmpero non man 
da ne fangae ne bumidita fpermatica alli predici luocbi e perque 
fta raf ione lafcmina nelmafcbio fpermatiza nana* aldino tempo j 



ERCHE quadolannoepiouiofoemolto bumidoepe 
ftilentiale o uer babundate demolte infirmita pernitiofe 
LAHVMlDITAecafioneematre de putrefaccene :Ef 
fendo adonqj laiere molto bumido epiouofo fedifpone icorpi 
noftri fecondo laqualita de eflo aieretlmpero fegenera molte bui 
d ea lequali poi fe putrefanno foprauenendo poi ilcaldo de laefta 
te: e genera de uarie infirmita nei corpibumani e per lacontraria ca 
fione lanno ficco e più fano . 

PERCHE quando lappare molte rane piccole decolore cinericio 
dcfopradelafcbinaJecBbannolafazzaro(Taa!tempo delcaldo in 
continentidapoilapioggia:euannofaltandoperlaocbipu!uerulè 



ti 3C aridi e figio Jepiftilentia :E ùmilmente quando lappare ferpe 
ti e Cimili anim ali uenenofi e f igno peftilentiale, 
OG>II anim ale abonda nei luotbi doue e lamateria decB f egenera 
E psrcb ciafcuno diqueftì animali e molto bumido de bumidita ue 
nenofai Impero e figno eh in quel luoco doue appare none dimoi 
ta bumidita uenenofa delaquale figencra tali animali .Licorpi ad3 
que co fonno in talluocbi fe rèpifleno de tal bumidita uenenofa et 
coieguitapeftilentia» 

PER-CHiì più feinf erma lbuomo nela eftate cf> nellinuerno. Ma 
leinfirmita dellinuerno fon più jpnitiofe e mortale ebe quelle de 
laeftate- 

MOLTE fatico e molti in ordinati exercitu con mangiare demolti 
f rufli face mo nela eftate e qfte fono cafiòe et molte ihrmita : E nel 
linuerno e ìlcontrario percB noi non babbiamo frucìi ne anco face 
mo forti exercitncbridolue lauirtu ne ancB e forte ìlcaldo defuora 
cB debiliti lanatura ancipiufe conforta ìlcaldo naturale dentro :Im 
pero non fe putref alabumidita cutfi nellinuerno tcome nela eftade 
percB ilcaldo naturale digerire e fubftenta lanatura 6c ìlcaldo defu 
ora fila putrefa e n(Iolue,Ma quando nellinuerno uengono leinfir 
mita fieno e cB qualcB gran cai' ione e in quel corpo agenerare tale i 
firmita:3C e f egno demolte fuperfluita lequale non poflendo regula 
re lanaturafe putrefanno :Percb adonq? nela eftate per poca cafio 
ne f e genera leinfirmita -.Impero lapiu parte tofto f ecurano & etian 
percb leporrofita delcorpo (onno aperte doue può ufeire lcfupflui 
ta .E percb nellinuerno non fi generano infirmila fenon de qualcB 
grancafioneciaedamolta adunanza de bumidita di effondo lepor 
rofita delcorpo rencbiufe: Impero le infirmila dellmuerno plama 
giore parte fono mortale, 

PER-C HE fegenera più infirmita nela prima uera e nel autuno ebe 
in neffuno altro tempo . 

OGSlmutationefubitadelaiere del caldo a fredooda fredo acal 
do altera licorpi noftri e genera infirmita:Percb adonc^ ne laprima 
uerafemutalaieredefredoalcaldoe nclautumno dalcaldo alfre 
do: T mpero in tal tranfmutatione fi altera licorpi e max mamète ql 
li eh fono repieni decattiui tumori .E qui e danotare cM tempo del 
laprimauera quanto e difua natura e molto fano Ma accidentalmé 
te genera infirmita affai tlmpero eh laiere delaprima uera e caldo te 
peratotmaperc^retroualebumidita coagulate nei corpi p ilfredo 
dellmuerno ditfolue quelle e falle correre e bullire 8c in queftomo 



do genera in 



f irmita> Ma lo autumno difua natura e egritudinale £ 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



molte cafione* Prima percè e molto I equale ncla fua complexi 
one perch ìn'una bora c ire do 3C i unaltra e caldo : c lanatura non fu 
ftiene repentine mutatione cb non fe abiliti molto. L afeconda 
cafione e cb retroua nei corpi ctmolti buon" adulti e o laf ua frigidi 
ta referra dentro quelli decb fegenera morbi pernitiofi. Laterza 
e cb retrouando leporrofita delcorpo auerte ètra laf rigidità fua nel 
profundo delcorpo : e guafta e ctbilita ilcaldo naturale «• Laquar 
ta e per la molta commiftione difrucfh cb e (tata facìa nela eftate t 
Daiquali fono ftati generati molti mali buraori dmpero lo autuno e 
P l èi lore tem P° de tu ciò lanno . 

PARCHE cbi cbiareuoltefe inferma cbiare uolte fcampa. 
QVANiDO e facìa molta congregatone de fuperrluita nel corpo 
cum gran difficultafe curatale egritudine percb lanatura non può 
digerire tanta moltitudine de bumori . Effendo adóqj ftato Ibu 
omo molto tempo fenza infirmita e f acìa molta adunaza de bumo 
ri in quel corpo: Impero e una gran fatica alib erario* Ancbe la 
natura molto fe debilita nele fati cbe in co nfu e te! Molto detrimento 
adoncp padiffe lanatura quando non e affueta alle infirmita cb effe 
do affueta non fe debilita tanto neancb ritruoua ìlcorpo cuffi ripiéo 
defuper luita* 

PERCHE fe nellinuerno e fredo fenza piogia e 1 aprima uera e pi 
Ouofao uerbumida nela eftate poi abon^da demolte febre 8c appo 
ftemj calde docbii cbiamatc obtalmieSc exeoriatione de Iteftini cbi 
amate definterie ♦ 

LAIER.E muta icorpi noftri afua coplexione e natura:Effendo adó 
quelaprimauera molto calda 8cbumida difpone icorpi noftri amol 
ta bumidita decb poi foprauenendo ìlforte caldo dlla eftate buglio 
no quelle bumidita nei corpi per tu<fh limembri e gcneraffe febre o 
uero altre apoftemacione per diuerfe parte delcorpo* Corre cti 
amlio tale bumidita agliocbi e li bugliendo fegenera apoftematio 
neineffi* Corre ancb talbumidita allinteftini cb per ìlcaldodo 
uenta acuta e mordica 5c exeortica quei : E maxim amente gcneraffe 
tal infirmita nei corpi cB fono cF coplexione bumida:e più forteme 
te anefc fe laeftate f uffe piouiofa o uer bumida . 
PERCHE effendo Iinuerno caldo & bumido e laprima uera freda 
e ficca abonda demotte infirmita nela prima uera e nela eftate: Vn 
de alle femine cb parturifeono nela prima uera o uer difpcrdeno o 
ucr cb fanno figlioli de debiliffima complexione e natura 6c in alcu 
ni corpi fegenera obtalmie negliocbi nela eftate 5c in liuecbii catar 
ri cb fubito li fuffocano e nelle femine fluxi ebon exeoriatione del 



ìnteftinì . 

ESSENDO lluerno bumido molto genera molta kumicLta rei cor 
pi Se eilèdo caldo apre le porrofita decB foprauerjèdo poi lapnma 
uera freda e ficca etra la (uà frigidità nei corpi e la bum;dita cb e il: a 
ta generata nellinuerno congeda: V'nde la creatura cb e nel tiètred' 
la donna retrouàdo caldo e bumido ÓC aperte le fue porrofita intra 
do fuoito filo congclla e mortifica o uer molto lo debilita. E ne 
li uecbn eilido molta bumidita generata nellinuerno nei capi loro 
ilfredo ctlla prima uera fiiacógeila e f allaftare ferma e dapoifopra 
ucnendo ìlcaldo delia eftate dàTolue e liquefalla e con impeto core 
do gio.To alle p arti de lanbelito e del core fuffoca & induce morte 
fubitaneatE nei gioueni cBdifua natura banno poca bumidita fege 
nera nellinuerno una bumidita lottile laquale ftando ferma per il 
fredo dellaprima uera foprauenendo ìlcaldo dela eftate corre agli 
ocbii eh fono molto paffibili e pieni de uene. E nele temine: c5 
fonno di natura fu a molto burnide quella bumidita generata nelli 
uerno per ìlcaldo dsla eftate Ianatura licaccia £ lintcftini e pugen 
do quelli induce rluxo con exeoriatione. 

F EK.CHE eftendo laeftate fredo e ficco e lo autumno caldo & bui 
do poi nellinuerno fi genera dolore de capo e cattarn cò tofle cb le 
più uolte fmifle atilica* 

ESSEN1DO lautumno molto bumido fi genera bumidita affai e fo 
prauenendo poi linuerno cb d fua natura e àcbbumido qla buid.ta 
moltiplica o uer adoqj qlla bumidita e tata eh ìlfrcdo et Lucrno nò 
può per fua moltitudine congellarene retegnire nelcapo: Vnct cor 
re giofo alleparti delpecfto e delpulmone: e genera tofle 6c alle uol 
te per fua acuita guafta ilpulmone e genera tifica. Alle uolte corre 
alle maxille e genera una ifirmita chiamata branco» Alle uolte cor 
re per leuie delnafo e genera infirmita chiamata corizza. O uer c^lla 
bumidita non e tanta cbl fredo dellinuerno molto be^ lapuo cógel 
lare e congelandola lafa remanere in latefta e fa graueza e doglia 
de capo . 

PERCHE ogni complexione diftemperata fta più fana neltempo 
contrario afua natura epegio nel tempo fimile. Veibi gratia la me 
lenconica complexione cb e freda e ficca fta meglio nela prima ue 
ra cb e calda & bumida e peggio nelautumno cb e fredo e ficco e la 
complexione collerica cb e calda e ficca fta meglio nellinuerno eh 
e fredo & bumido e peggio nelaeftate cb e calda e ficca e fimilmen 
te lacomplexion f anguinea cb e calda & bumida fta meglio nelaticu 
no cS e fredo e ficco e peggio nela prima uera cb e calda 8c bumida 



E cottila complexioneflegmatica cbc efreda&bum'da (lame 
glio nclacftate cb e caida c ficca e pegg o nelhnuemo c& e frtdo :6c 
tumido ♦ 

Ovj>1I qualità diftemperata agionta allaltra acrefciefua diftempe 
ranza:dallaqualeprocect ogni mancamento elefionenei corpi no 
ftri: come dalia temperanza procede ognifanita eperfe&ione. Se 
adonoj un corpo e diftemperato in fredo Se bumido ioprauenendo 
iltempo ùmilmente fredo & bumido augumenta quella diitemgan 
zatlmpero non può ftar bene in tal tempo Ma foprauenendo ilté 
po caldo e ficco contrario aquella diftemperanza minmfle quella e 
filareduceuerfo latemperanza £ ùmilmente fide intendere in leal 
tre complexionc diftemperate. E per quefta medef:ma rafione 
jlputto ita meglio nellautumno e peggio nella prima uera: Et ligio 
uene (ì: a meglio nellinuerno e peggio nela eftate: elprimo uecb.o 
ft a meglio nela prima uera e peggio nel autumno & ìidecrepito fta 
meglio nella eftate:e peggio neiinuerno. 

PEbLCHE elpermutare dele a;jue nel mangiare o nel beuere gene 
ra infirmita e non e cuiTi amutare aiere aluocbi uicini* 
L AQ^/A effendo nutrimento aicorpi noftri OC «.{lèdo dediuerfe fpe 
tieperladiuerfita dele mineredoue palla bifogna cbl corpo noltro 
mutando aquafe muti aduerfo nutrimento e confcquentemente 
adiuerfe nature :Percb ad ogni mutatione patfle lanatura detrime 
to.Malaiere apoco (patio non receue tanta diuerfita quanto laqua 
Impero non fa tanta mutatione nei corpi e fe lamutatione dclaiere 
f ulte ailuocbi Ionginqui e ùmilmente dele aque più pernitiofa inq 
fio cafo feria lapermutatione de laiere eba delaqua: Percb maggior 
feria quella permutatone e diuerfita cb fananelaiere cb nel aqua e 
quefto infense maggior nocumento aicorpi: VncF fe uno traniferif 
fc dala regioe defebiauonia alla regione detbiopia quello o uermo 
reria o uer grauemente fe infermeria e quefto non accaderia per la 
mutatione delaque defebiauonia alle aque de egipto . llpermuta 
re adonqj laque de una regione uicina allaltra e più nocino cbeil 
mutare aiere* Ma ilpermutare aiere de una regione lorginqua alai 
tra pin nuoce eh ilpermutare deleaque, 

PERCHE lamutationedeleaqueacbie difpofto agenerare pedo 
cbn nefa generare e fuperabondare molti , 

MPEDOCHUfi generano p molta bumidita indigefta e fegno de 
c ; o e cb molto fi generano nel capo cb e bumidiflfimo tra glialtri me 
bri: E fimi'm^nte nei putti ebfono molto più bumidi cb alcuni dal 
traetate, Conciofia adonqj cb ilpermutare deleaque molto per 



turba lanatura iccb feguita indigeftione affai e confequcnremer.te 
fi genera dimolta bumidita indigefta: Impero in tale mutatone da 
que multi'plicano demolti pedocbii. 

PERCHE effendo lo inuerno fredo c ficco e laprima uera calda & 
bumida o uerpiouofa e laeftate molto ficca lo autumno e pernitio 
fo e pieno de mfirmita e generafle fluxi exconatiui e quartane mol 
to Iongbe inquello. 

LASICCITA e lima delcaldo e fortificante più quando e congfon 
to con lo dcco eh quando e congionto con lbum.do . Effendo adon 
cjue laeftate molto ficca e calda fa molta ebullinone nelbumidita 
generata nela prima uera 8c induce in alcune infirmita putredir ale 
a(fai:8c in quelli ebrefiftono aquella ebullitione fe retarda alautu 
no doue fe reftnnge tale bumidita alle parti dentro e gen era moibi 
mortali: VncF fe diete bumidita fe reftnngeno alle parti ctfopra ge 
nera appoftematione circa ìlcapo o circa ilpulmonee circa altri me 
bri efe lefereftringono alle parti defotto driuano lepiu uolte aleuie 
dellmtefhni e genera rluxi exconatiui. R effolueffi ictkmdio nelaefta 
te eh e molto calda labumidita fottile e rimane ìlgroffo terreftre 6c 
adufto decb foprauenendo lautumno fe moltiplica demolti bumo 
vi melenconici adufti nei corpi e confequentemente abonda molte 
quartane • 

PERCHE etfendo laeftate calda e piouofa e fimilmente lautùro 
lo inuerno poi douenta pieno de infirmata, 

ESS ENDO generata molta bumidita nei corpi nela efiate e nel au 
tumno foprauenendo linuerno cb e fredo refferra quelle bumidita 
calde dentro daicorpi: Vnde quelli cbfonno defpeffa compofitióe 
e non banno leporrofita delcorpo tropo aperte non bano quella bu 
nudità troppo fparfa per ileorpo ancife congregaro più tcfto nele 
p arti fuperiore e foprauenendo ilfredo dellinuerno fe comprime e 
fa defeendere diefte bumidita adiueifi luoebi delcorpote genara di 
uerfe infirmita e quelli cb fono di rara coir pof ìtió e baro quella bu 
midita più difpcrfa per ileorpo unde in tali fe genera febre percb re 
ferrandoci denho quella bumidita per tuclo ileorpo feputrefa te 
genera febre* 

PERCHE lapeftilentia e morbo contagiofo efimilmete larognael 

fluxo & ilmale del tifico. 

LAIERE e comune a ciaf omo e circonda icorpi noftri e per anbeli 
to e per leporrofita cucìanee entra alle uìe delcuore Quando aden 
que laiere e infero dalfiato del peftilentiato entra alleparti delcuo 
re alli buomini circunftanti & infice e putrefa 8c amorba ilfpirito ui 



tale e tu/to ilfangue: Vnie procede morbo peftifero. Larogna 
procede da uno bumore falfo: ìlquale corrope ilfangue ilquaie|> 
uenendo alleparti cufhneeper fua acuita corrode e macuialacute. 

Qu^do adocp uno buomo tocca ìlrognofo exala un uapore acu 
to dale porrofita ctlacute rognofa e penetra per leporrofita di colui 
co non e rognofo e corrompe ilfangue efe e proximo alle parti circu 
ffcanti difuora e poi quel fangue corrotto guafta laltro :& in quefto 
modo fe genera f cabie per contagione. Sminuente pigliafli il 
maledi pund.tlmpero cb dalcorpo decolui cbfubftiene tal male ef 
ce fuora per deiotta quando ua delcorpo un uapore accutoeputri 
do tilquale andando poi unaltro aquello neceflario moid ca epun 
g b li inteftini mtrando per leuie defotta e genera exeonat onc m ef 
fi:E quefto e male de pundio uerdifintena, Ancbe felfutfeflu 
xo epatico efeie fimilmente uno uapore per leparti defotta cb intra 
do nelcorpo «dunaltro ba uirtu de commouere ìfague de colui e fai 
Io ufeire fuora . Eltiiico proced* da uno bumore corrofiuo cB cor 
ode 5c exeona ilpulmonc;Dal fputo adonqj del tifico o dalafuabo 
ca uien fuora un uapore fetido 5c acuto cb entra poi per laboca efeo 
lui co conuerfa con quello e corrodefimilmente ìlpulmonc de efTo 
6c in quefto modo genera tifica. E quefto fintede in quelli cbfò 
no contagiofe chbanno uirtu et corru_pe laiere circunftante per ua 
pore putrido o uer acuto cb efcie da tal corpi. 

PtiR.C-Hi£ comandano lunedici ebe nelaiere peftifero non debbe 
Ibuomo ufare tropo exercitio ma più tofto r poflb e fimJmcntede 
fungere ìlcoito fopra tuite lecof e : e cb non de uf are nel fuo m angia 
re e beuere cofe dulce g niffuno modo :ma cb dbbaufare cofe bruf 
ebe Se accetofe ♦ 

TR.E intentioni d f bauer ciafeuno aconfeiuaife nellaierc peftilcnti 
ale. Vna e cb fe tiri manco aiere ebe fi può per lanbelito e v lai 
tre parti percb elTcndo 1 ai ere in f e (fio e penetrando deeflo molta q 
ttta alcuorc tanto più corrumpe ÒC uenena leparti della uita:Percbe 
adonqjilforte exercitiofa tirare molto aiere per lbanelito eperlcal 
tre parti:Impero fi debbe fugere nellaiere peftilentiale tal exercitio 
Lafcconda intentione cbnoi debbiamo bauer nellaiere peftile 
tìale e de non debilitare lanatura ne infiammare Ispiriti e libumorì 
& anch fa penetrare molto aiere alle parti delcuorepcr lafuaforte 
a-^itationetlmpcro altuftofi debbe euitare. Laterza intentione 
apreferuarfe dallaiere peftilentiale e acuftodire hbumori delcorpo 
c >non feputreFazano percb quando 1 bumon fono putrefacci lana 
tura delcorpo nonpuo correggiere lamalatia dellaiere cb entra den 



tro come laf a quando non fono putrefacci i Tucìe lecofe adonq? che 
probibiffenodaputrefachone libumon fon conueniente altempo 
delmorbo: come fon tude lecofe acetofe e brufebe; E tuefte lecofe 
co fono infiammatili e putrefattine fono d a febmarc come forno 
lecòfedulce coeffendo calde infiammano: eoppillando puìrefan 
no libumvjri» 

PERCHE laiere altera più icorpi noftri db quello cb noi magemo 
o beuemo. 

QUESTO e per doc cacone: Vna e cb laiere incontinenti feza me 
zo penetra alcuore per f ua fubtilita ma ìlcibo 6c ilpoto eflkdo grof 
fo de fubftantia bifogna bauere pm tranfmutatione nanci cb de lui 
fe generi cofa cb uada alcuore. Lafeconda c adone e per laiere conti 
nuamente circundàdo tutto ìlcorpo noftro altera quello ma ìlcibo 
de ilpoto non ba tanta continua alteratione in noi 8c in tutte leparti 
noftre come ba eflo aere percb adonqj laiere ìncontinèti tocca ìlcuo 
re e tutto ìlcorpo noftro e continuamente etTédo molto fottile epe 
netratiuo : Impero più altera icorpi noftri cb quello cB noi magemo 
e beuemo. 

PERCHE laiere cb ne circunda continua men ente dcficca icorpì 
noftri e douena eflfere alle uolte ìlcctrario eflendo laiere buido mol 
to in alcuni tempi» 

AD VEGNA cb hiere difua natura fia caldo & bumido e doueria 
bumettare licorpi noftri e molto piti forte quando in alcuni tempi 
fe limefcola altra bumidita aquofa con etfo. Niente d mcnoper la 
uirtu delfole e delaltre ftelle cb fono dficcatiue tlaqual uirtu ìttuitfe 
diete ftelle nel ditto aiere continuamente per qutftofe de ficca icor 
pi noftri irma e lanirtu delle ftelle defi cestina cb e in eflo & a ciò ad 
mtailcaldo noftro naturale ck continuaméte ce fuma lbumido del 
noftro corpo. 

PERCHE quando tra uenti meridionali grauano icorpi noftri e fi 
lifanno pigri amouerfi ingroflano laudito obfcuraro iluedere e ge 
nerano molta grauezza neleapo, 

LIVENTl meridionali Tonno caldi & bumidi unde perfua calidi 
ta apprando leporrofita delcorpo fanno entrare lafua bumidita nel 
leparti dentro decb molte fuprfiuita bumide fe generano nei coipi 
e maximamente nel capo e falla correre adiuerfe parti : Vnde corre 
doalleg onturefalbuomolafToepigro amouerfi e correndo alor 
gano dellaudire ingroffa quello e correndo agliocbii offufea iluede 
re r correndo per tutto ileorpo loaggraua in tutte leparti e qurfto 
adiuta Iobumidita cb genera ditti uéti nei corpi come e ftato cbtto : 



Impero grauano molto icapiperebe generano molte bumidita in 

Ci.il , 

PERCHE liuenti fettentrionali generano tofle e mal dcofta efqui 
nantia ♦ 

EL VE>JTO fettètrionale e f redo e ficco : VncF g fu a frigidità rifer 
ra ìlcald} e lealtrc bumidita cticorpo alle parti dentro e quelle com 
primando maximamente quelle cb fonno nela tefta falle correre al 
le parti della guia e genera fquinantiao uer alle parti dipelo e ge 
nera tofcie^C alle uoite pleurica ciac mal dicofta. E g quefta ca 
fione figenera più tolto altèpo delinuerno elmal dellacofta nelgrà 
didimo tre do percb lbumtdita ÒC ilcaldoie referra alleparti delpeC 
to e delle coftete li genera appoftematione cb nel tempo delcaldo 
lebumidita uengono alle parti defuora:Impero noi uedemo chiare 
uolte nel tempo caldo uegnire pleurefia* Tal ucnti etiamdio ge 
nerano molte uolte raucedine fic afpcritacF uoce effendo ficebnV n 
de molto deficcano lacana dlpulmone doucfefalauoce: Impero ge 
nerano miuna ai Dita ÒC impedillc lauoce. Ale uolte fa correre mol 
ta bumidita aquei luoebi cb prob.bifle illibero tranf ito dellaiere de 
ebe genera raucedine deuoce. Liuenti adonqj mutano lanatura del 
laierete confequentemente decorpu 

PBRGH 1 nella eftatc fefa ìlcolore dicorpi gialo e minuiflfe laura 
hLTROPPO caldo t;ra ilf angue 8c ìlfpinto alleparti esteriori e ql 
lo rido lue in fudore decbfe adurifle e conuerteffi incolore gialo co 
me e ìlcolore della colera alla quale fe tranfmuta per ìltropo caldo 
Vnd'e felcaldo dellaiere futfe temperato: e non exceffiuo fanailco 
lore delcorpo rubicundo :come e ìlcolore delfangue: come fa ìlcal 
do della prima ueratlmpero cblfangue folamente tira alleparti de 
fuor a e quello non reffolue ma multiplicàdo tira ilfangue e filonf 
folue:E per quefta cafione 1 aiere caldo tèperato rubifica6c ilcaldo 
exceffiuo citrina lacute. Faccende adonq? e prouocando molto 
(udore ilcaldo exceffiuo minorale laurina percb quello cb doueaa 
dare alle parti urinale ferie ua alleparti cutanee ♦ 
PERCHE laiere molto fredo augumenta lunnae minuiffe laege 
ftionc ♦ 

POCHE fuperfluita fereflolueno v ìlfudore nellinuerno o nero aie 
re fredo percb f e conftringono leporrofita delcorpo: Vnde quello 
cbfidebbe euacuare per fudoreua alle uie delaurina deebe effafe 
multiplica. Dalaltro canto f e diminuire la egeftione |>cb limuf 
coli ebe moueno quelle parti fe conftringeno e non fi dilatano: Vn 
de non fono obedienti acacciare fuoralafece ebe nelIinteftmi.E £ 



quefta ragione lo inteftino drito per laf rigidità dellaiere e inobediè 
te alla emiùjone delfterco per effo fredo deck remanendo nellmte 
ftini ledile fece fe diffblue una gran parte in liquore urinale : V rd* 
per quella cagione fe multiplica la urina e fe muiuiilc laegeftione o 
uer iterebo. 

PERCHE neliuerno appare molta bypoftafi o uer nube nela urla 
epoca nelaeftate. 

Lacafione dequefto e cola bypoftafe cb appare nela urina e una fu 
perrluita eh fe euacua da membri fpermatici e radicali: Vnde eden 
do laiere molto caldo fe riffolueperfudoreladic'ta fuperfìuita ilmp 
ho nò fe euacua per lauia dela urina:ma nellinuerno moltiplica die 
ta bypoftafe per eflere cbiufe leporroiita delcorpo, 
PERCHE loautuno e fredo e ficco e laprima uera calda & burnì 
da temoerata Se appare cb douenano eflere de una medtfima nani 
percb ilfole e in una medefima diftàtia a noi nella prima uera e nel 
autumno * 

ESSSND3 lo inuerno fredo 8c bumido fredo perla abfentia ctlfo 
lealli capinoftri alle parti meridionali bumido per liuapon molti 
ebefono ne laiere: e fe poffono refloluere e fuccedèdo laprimauera 
nel qual tempo ìlfole fe auicina anoi; et induce una calictitanc rnol 
to freda:ma temperata retroua laiere molto bumido: Vnd' per tale 
calici ta temperata riffolue alquanto dequel bumido fupeihiiO : e re 
ducelo ad uno bumido fuaue e temperato decb remane fua natura 
calda Se bumida temperata. Dapoi fuccedndo laefìrate molto fa 
propinquano anoi liraggi et Ifole e rifcaldano molto : e ctfjccaro la 
iere decb laeftate e calda e ficca. Retrouando adoncp lautumno la 
icrc caldo e ficco :epartèd odi ìlfole da noi fc remette diclo caldo cb 
era nella eftate: Vnde appare anoi fredo per refpccìo de lufato: 8c 
aduegna cb lautumno fia cuffi caldo tèperato come laprima uera p 
effer ìlfole in una equaldiftantia anoi niente dimeno fentimo lapri 
ma uera effer calda e lautumno effer fredo: Percbenela prima uera 
noi patiamo dalaiere fredo alcaldo:e nel autumno paffamo dalcal 
do alf redo :E quefto e fondamento naturale cbl caldo temperato 
apreffo delfredo exceffiuo appare caldo 8c apreffo delcaldo exceffi 
uo appare fredo :bencb adenebe lautumno e laprima uera fiano de 
una medefimacomplexione quanto ad alcune boredcldi, Niei te 
dimeno per ladiuerfita cb ntrouano icorpi noflrri ne laiere appare et 
diuerfi natura* Laprima uera e bumida percbefucccde altcmpo 
bumido: e lautumno e ficco percb fuceecF altempo ficco: e per cfta 
caGone lautumno e laprima uera fono decontrana natura . 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



PERCH3 ildidellautumnoein equale ileborefuecb e mo caldo 
trio frcdo. 

LAIERE (icco cfr e priuo ctuapori e molto futtile re? e molto dLfpo 
fto areceuere lacalidita et Idi e lafrigidita ctla notte come accad ^to 
Iacof 3 c rara e diubtile fubftàtia cb tofto receue ìlfredo 5c ilcaldo :e 
pqueftarafionc ìltèpo cflaprima ucra appare eqle nel tèpo àlelue 
bore pcb laiere Tuo e p u défo e folto cfbumidita cb nó lalla receue 
re culli tofto lequalita:leqlefeìprimeno i eflfo. Adóqj ogniuèto fre 
do o oldo o conftellatioe cB regna di(opra:e fimilmete ìlfole effen 
do djfopra ctlat^rra o uer |> fua abfètia ctfotto e fufficiète facilmète 
trafmatare laiere dellautuno adiuerfe e contrarie nature cb nó puri 
ano culli fare nellaiere delaprima uera p lacaCone già ditta* 
PERCHE più comédabile laiere et uno Iuoco;cbct uno altro. 
LAIERE ficero puro e netto e bono efào aicorpinoftn e laiere ne 
bulofo groflfo e pieno ctuapori cattiui e ìlcontrano.Liluocbi adócb 
p alludofi o uer diualle o uero luocbi nebulofi fono molto nociui e 
di laudabili e liluocbi doue e laiere cbiaro e netto fono molto fani e 
qfto ficognofce fe laiere e laudabile e buono p queftì fegni eia? cbl 
n5 ftrenge lanbelito quàdo fetira afi e cbl nò da caliginofo agliocbi 
e fazabuono audire ecb lauocenò f azaraucae fmalméte cb fiabe 
refpirabile OC euètabile.Quel aiere adonqj ebba tutte quefte coditi 
one ebuono:e cbi mica diquelle e cattiuo- 

PERCH3 un luoco receue più lapeftilètia cblaltro: 8c ùaltropìu 
laretiene Se e più difficile afanare» 

LAIERE Cottile più tofto receue ogni Ipreffiòe e f acilmete hpde la 
icre groflfo e ileòtrario piglia tardi e nò laflfa pfto.Tucìi quei luocbi 
adòqj enfono nelaiere futtile pigliano tofto lacòtagiò e alla pefte : 
ma tofto lalaflào.E liluocbi ebbàno laiere groflfo tardi famoibano 
ma lugo tipo laritiene. E laiere futtile fecognofee dal groflfo <|do 
fe fcalda tofto p laleuata ctlfole e cuflfi tofto fennfredap ìltram^ta 
re de e ilcontrario nelaiere groflfo, 

PERCHE in alcune regione laeftate epiu Ioga dlinuerno:8c in al 
cune altre eilcontrario. 

ELSOLE p ìlfuo giro nel zodiaco e cafione ctlamutatiòc diquattro 
tempi diano. Quando adòc^ ilfole fe auicina aicapi de una regione 
fa laeftate aquella: e quàdo feremouefa inuerno: Vndc quàdo ilfo 
le ft a più tèpo fopra icapi d'una regiòe cb abfète tato fi augumenta 
più laeftate fopra linucrno e quato fta più remoto tanto più fe augii 
mèta lo inuerno fopra laeftate . In alcuni luocbi adòqj eh fono uerfo 
ilpolo ilfole fta più tèpo remoto daicapi fuoi eba ,pp*quo d* cb loin 



uerno e molto più lago cb laeftate 5C in alcuni altri luocbi ilfolc fta 
più tipo ,pp»q ,J ° aicapiloro eba remoto: Vnde laeftate apffoloro e 
p,u lunga ebe linuerno. E per queftarafiòei alcuni luocbi efep 
inuerno percB ìlfole non fa^pxima mai a gran diftantia aquelli:3c in 
alcuni altri lo inuerno e equale alla eftate :percb ìlfole fta tanto jppi 
quo quanto remoto . 

PERCHE i alcune regiòe fono doi iuerni doi eftate doi autumni e 
dx prime uere. 

LAJASIONE diqueftoeftatagiadiclacbl foleecafioe ditucftecj 
fteuariationiperilgirofuo:Vnd*ilfolefaeftateqdo paffap fui ca 
pi duna regione cb fia polT.bile :e fa memo quado e più remoto ebe 
fia poilibile e laprim a uera quado fe parte dal pucìo più remoto do 
ue li arbori 6c altre piante comenzano auerdegiare òc e autumno <| 
dofepartedalpu<fto più ^ppinquo aicapi loro e comèzaffe auicinare 
alpunc'to più remoto decn cafeano lefcronde daliarbori. In alcu 
ne doncp regione ìlfole p alla dee uolte Uno g fuxo icapi fuoi : Vnd* 
fa dae eftatete fimilmète doe uolte f eremoue e dee uolte fap^pp'qua 
alorotE 0 quefta radone fa doi autuni doe prime uere e doi inuerni 
Vero e cb ciafcuno tipo dllàno dura uno mefe e megio P fiata ado 
que dx eftate durano tre mefite doi autuni tre altri: e f jmìlmète doi 
inuerni e doe prime uere* 

PERCHE lecitade 8c altri luogbi cb fono circa itropici cioè daican 
ero o capricorno fono più calde eba nefluno altro luoco » 
TRE fono lccaiione per lequaliuien gran caldo più m unoluoebo 
eba in uno altro : Vna e la ^ppiquita delfoie aicapi fuoi i.Lafecorda e 
cBddirecìo porge iui liragi fuoi e non per obliquo Laterza e ebe fa 
xa gran dimora fopra dcliaterra: e fopra icapi loro. Quando adòqj 
tu&e quefte tre cafione fono unite I uno luoco fano uebemèttffimo 
caldo :ficB p quefto non fipuo b abitare intale regione: come fon ql 
le cbfóno fituate fotto ìltropico meridionale cb quado ilfolc e inca 
pricorno delmefe dedefembre qdo fianoi ìuerno albora i quelli lu 
ocbi e maggior caldo cb fia poflibile eflere fopra laterra:percb ilfo 
le e in luoco ^pi.nqfTimo allaterra e paffa per icapi fuoi mudandoli 
iragifuoi Sdircelo: e fa iui gran dimora. E qdo folo fuffeno doe 
diquefte cafione fana gran caldo mano tato come accacF nei luocbi 
cb fon pofti fotto ilnoftro tropico fettètrionale cb quando ìlfole e t 
cancro del mefe d'zugno aduegna cb fiapiuremoto dalaterra cb fia 
portibiletniente dimeno gitta liragi fuoi cFdirecfto iui e falli gran di 
mora: Vnd' folo due cafione licorreno afarli gran caldo: Decb apa 
re cb fotto ìltropico meridionale e maggior caldo delmefe dedfem 
bre ebe nó e fotto ilnoftro tropico fettentrionale delmefe di zugr.o 



1 



perco li concorre tutte tre cidòe afare caldo equino concorre fenò* 
dxóc in alcuni altri luocbi concorre folo una cafioe cioè cbl fole paf 
fafopraicapiemidadedire&oiragifuoi Mapercb non fa troppo 
dimora non può fare migra caldo; VncP edafape cbpiu opera afa 
re caldo ladimora delfole iugo tipo fopra una regione o li aj:ffo cbe 
niffuna dillealtre cafione did:e:ln liluocbi adòq* che fono trali doi 
tropicifono manco caldi cbanei luocbi c& fon fotto ìtropici: PercF> 
aduengba cBlfole pailidue uolte lino fopra icapi loro miète dimèo 
n > fa tata dimora come fotto itropici: VncF quado falcgbapiu ìluo 
chi dali tropici uerfo lo equinoziale eia? uerfo ilmegio dellaterra tà 
to e minore caldo 8c uapiu altemjpametotlmpo ditte bene, Auicèa 
òC e ia(ua fentètia uera chiotto lo equinotiale cioè nel megio dilater 
ta e lapiu tèpata b ibitatióe co in neiluno altro luogbo: ht alcuni li 
pongono effere ìlparadifo terreftre doue non e ne caldo ne fredo : 
ma uno ai ere tempatittimo-E quefto e o effere equale lidi e lanoc 
te 1 quel luoco cB tato tipo ft a ilfole fopra della terra ornato ft a defot 
to :E quito refcalda ìlfole lidi tanto nnfrefea lanocfte: Vnd* no può 
in breue tèpo ilfole molto refcaldare laierene lanose molto rafre 
daremanmieu aieretegato.E leregioe cì>fó fuor a d tropici edlzo 
diaco quato fono più remote da ìdeifli tropici e più ^ppiqi aipolli ta 
tD fino mico calde e quefto e pcB ilfole più feremoue daicapi loro 
VndP p queft i caf ione fono alcuni luocbi ebe fonno appretto ipoli 
iquali fono inbabitabili v gran fredo nel tempo delfuo duerno «Ma 
nel tipo cbl fole fa ( ppiqua aloro cioè quàdo ilfole e nel fuo tropico 
bino uno aiere molto più tépato nel caldo cB lenoftre regióe: e lai 
tre cb fono più .ppincp aldicfto trop co e più remote dalpo lo.Adon 
qu~ fono moìtopiu calde leregione noftre cbfono fuora dizodiaco 
nella eftate e più fredenellinuerno cb li luocbi fotto pofti allequi 
nocftialetPercB aduegna cbl fole fpargia anoi liragi obliqui:8c aqi 
luocbi deleqnoftiale liragi dritti altcmpo della eftate niente dimèo 
più adopalagri dimora cb fa ilfole fopra dellaterra con un pocod' 
obliquità ctragi cB non può ladirittura diragi con affai manco mora 
Diciamo adoqf cbe fono alcuni luocbi cBfono in b abitabili p tropo 
jra? fredo altépo dello inuerno: E quefti fó ìluocbi pofti fotto ipol 
i o li apffo . a xxiii, gradi cioè riducedo alfpacio dllaterradoa milia 
xii.milia apffo alpollot Eqfto ep lagra diftatia t ql tèpo d lfole dal 
loro e nel a eftate fua cB molto poco dura pur fepotria quei luocbi 
babitare:E laeftate fua non e tropo calda percb aduegna cblfole 
ftia f emp fopra deìaterra apffo loro infino cbl fole fta nel figr o tro 
picalé o li aoreffo niente dimeno effendo molto remoto ilfole dalo 
to non può fare gran caldo effèdo etiadio loaiere diquei luocbi mol 



E 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



to pieno de uapori fredi olo lugo inuerno p affato nò fepuo d eligie 
ro fortemente refcaldare. Sonno alcuni altri luoghi co fono in 
babitabili p logran caldo altempo della effcate loro e queftì fonno 
iluocbipoit-ifotto ìtropici perle caf ione diete: Ma nel inuerno loro 
ben feponno babitare perco albora laiere fuo e affai tem joato e non 
bino mai gra^ £redo:Ma ìlfuo inuerno e come laprimauera anoù 

Sono alcuni altri Iuocbi cb iepóno babitare e dmuerno e detta 
te aduegnacb nela eftatefia gran caldi:enel inuerno flagra^ fredi 
e que(h fono ìluocbi polli tra litropici e ladiftantia dipolli cbnófi 
può babitare cb fono incielo circa quaranta tre gradi acfr correfpon 
de ilfpatio dellatcrra tre milia fettecento Tettata doi miglia o uer cir 
ca & inqueftì luoebi liaccade d^uerfita affai nel inuerno e nella cfta 
te pcb q uto fono più ^ppmqui aitropici:e più remoti da ipolli tato 
bano nella eftate maggiore caldo e nel inuerno maggiore f redo : E 
p ilcontrario quei luoebi cb fono più remoti da ìtropici e più £ pin 
qui a ìpolli bàno manco caldo nela eftatete più fredo nel inuerno ♦ 

Quarto fono altri luoebi cbfuno pofli tra ìtropici nel zodiaco 
cb fonno circa a quaranta uno grado aiquali correfponde fp atio de 
laterra tre mi'ia cinquecento ocìanta fette rn glia: e dequeftì luoebi 
fòno alcuni cbfono piujppinq aitropici é fòlio molto caldi pcb el 
fole fa più dimora (opra loro quando fereuolge fopra icapi loro :Et 
alcuni fono co fono più remoti :e quefli bano màco caldo nela lisa 
eftate pcB ilfole fa manco dimora e fono alcuni luoebi eh fono eéjl 
mente dittanti daitropici e queftì fono poftì nel mezo delaterra fot 
to lcequinoftiale o li apretfo e fono molto temperati come flato die 
to geb elfole fta manco fopra deloro cb neffuno altro luoco: Vnd* e 
quiuidafapere eh acoloro ebe babitano iui in ciafcun tempo della 
no lanocìe e equale aldi :Impo fa laiere temperato come e quello et 
laprima uera apreffo anoi:E quanto più fòno remoti dalmegto dia 
terra uerfo ìtropici o ipolli tanto più crefeie ìldifopralanocle nella 
fu a ertatele lanose fopra ìlgiorno nel fuo inuerno*Imj>o non può 
effer luoco cb per ogni tempo dellàno fia continuamente téperato: 
comeequellocbeenelmegiodellaterrafotto lo equinoziale: eq 
fta e lauera fètentia de Auicenna ♦ Dicano lialtri quel ebe fi uogliào 
Ma e qui etiadio danotarc ebe aduegna cbel fole effendo nei puncìi 
equinoziali cF ariete e delibra Ce ba alquanto magiore caldo inquei 
luoebi ebe fòno fotto lo equinoziale ebe quando ilfole e nei tropi 
ci perebe ilfole e più apreffo aquei quel tempo niente d.màco f a^po 
ea diftèpanza nellaiere fenon uerfo lbora della nona ebe nele altre 

laiereremane tempato * 
PERCHE e maggiore caldo delmefe de luglio eba et zugno: e do 



uena efferc ilcontrario percbe delmefe defoglio lidi fono pm breui 
chi de zugno Se anebe ìlfole e più remoto daicapi noftri, 
D VE fono lecafione decio una cbel fole ba ricalcato più tempo I a 
iere e pm tempo ba durato Iafua impreflione delmefe de luglio eba 
delm efede zugno : Vnd* noiuedemo che guato una cofapiu lungo 
adoj^anellaltra come ìlfuoco quato pm o panel aqua tanto più f or 
te errecìo induce» Aduegna adonqf che delmefe dezugno ìlfole fia 
apreffo aicapi noftri e fia più lungo ìlgiorno eba del mefe deluglio 
niente dimeno continuando eliuo riscaldare uien bauere fa&o ma 
giore impresone delcaldo del mefe deluglio ebe dezugno perebe 
ba più tempo rifcaldato laiere come e ftato dicìo . E per queita cafi 
one appare ebe non obftàte ebe lidi Ciano equali delmefe demagio 
e deluglio ebe eglie più caldo deluglio eba demazo* Lafeconda 
cagione e ebe delmefe deluglio elfole ètra in leone nelquale fegno 
ìlfole ba una gra^ portanza ÒC aquifta daquel fegno graj uirtutearif 
caldare eOfendo ineafa fuatdoue delmefe dezugno entra incancro 
e li non ba alcuna dignitade* E per le oppoiite cafione appare 
cbs glie maggiore fredo delmefe cF zènaro eifendo ìlfole in aquario 
eba delmefe dedefembre effendo ìlfole in capricorno non obftante 
cbelfia più remoto danoi delmefe dedefembre eba dizenaro. 
PERCHE liluocbi caui e badi come leualle fS più caldi cb limoti 
e liluocbi alti. 

LIR.AGGI ctlfole più feunifleno nelle ualle 8c in limontifono più 
difpfi e quanto liragi fono più uniti tato fefa maggiore reflexione:e 
confequetemente maggiore caldo :VncFp quefta cafione noi uede 
mo cb in lofpecbió concauo unendoffi fortemete I ir aggi delfole ge 
neraffe fuoco e gra? caldo nelaiere circunftate. 
PERCHE liluocbi o uer cittade cbfono poftiuerfo fettétrione:8c 
bino li moti af ettétrione e dif copti dalmegio di fono caldi molto* 
QVANTO braggi delfole bano maggiore reflexione ad uno luoco 
tato fanno iui maggiore caldo uenendo adóqj ilfole alle parti loro 
neltèpo delcft ate e retrouando quei Iuocbi cb fono difeopti e reuer 
berando in quei monti feuien anfcaldare fortemete quei Iuocbi cb 
fono uicini. AncB talmonte ^pbibifle ilueto fettentrionale aquel 
le terre ilqu ale uento efredo- 

PERCHE le citade cb fono difeopte daleuante e coperte daponen 
te da alcuni moti fono più calde cb quelle cb fono coperte dalcuan 
te e difeopte daponente. 

LACASIONE diciofiecbucnédoilfolefufo daloriente continua 
mite uerfo loccidente a^ximàdotfi per ilfuo giro aquei, Impo quei 
Iuocbi eh fono uicini aquei monti receueno fortemete lareuerberati 



onc ctlfole percB continuamente f eparte e cLlonga ifuoi raggi da ef 
fi monti e ìlraggio quàto e più lugo tanto fa màco reuerberatione. 
PARCHE leottade cb Cono dif coperte daleuante: e da f ette n trio c 
e cootedamegio di e da occidue fon più tipate cbneflune altre* 
Q\/ AN JO ad un luoco fcmefcola ìltredo con ilcaldo equalmète ql 
luocodouentatemoatoquado adóqj una cittadc e d /coperta dale 
uante:e coperta daponente riceue per reuerberatione molto caldo: 
come e ftato dicìo difopra : Et effendo difeoperta da f ettètnone e co 
pt a da megio di riceue ilf redo diuéti fettètnoàli: Mefcokdoffe ado 
ilfredo diqi uèti co ìlcaldogia dicìo fauno aiere tejpato iqi luoebi 
PfifcCHiJ lecitaci cB fono mcine almare Jquale mare fia uerfo fet 
tentnone tal cittacP fon frede:ÒC bum;de:e fe bino limare uerfo me 
gio di fono calde 5C bumide . 

OG NI luoco ebe uicino almare receue bumid.ta da effo mare te do 
uenta bu do dcbfe tal mare e uerfo fettétrione oltra labumidita do 
uenta i redo p li uenti borreali cF> buffano daquelle parte: Impo li 
luoebi uicini fono fredi 5C bumidi ♦ E fe tal mare e ueifo mcgio di 
oltra labumidita douenta caldo £ lacalidita diuenti auftrali cb buf 
f ano daqlle ote,Liluocbi adòcj cb fo li uicini fono caldi & bu di . 
PERCHE lecitade cbfono uicine alli man deleuuteiono più bu et 
cb lecitade cb fono uicine alli mari de ponete. 
LEPARTIonètalefonpiu calde cballeoceid;tali: VncV maggiore 
feguita refolutione e dficcatione dbumidita i lonète cb nel ponete, 
PERCHE ìluèto mendicale e caldo 3c bumido. 
E CALDO percb mene dale parte calcK Se e bumido pcb paffa fo 
pra a molti mari daiquali fereffolue molti uapon e mcicolaile co ef 
fouento equeffco e fecondo lapiu parte dcB pur alle uolte accad'cb 
talueti meridionali fono freditPercb quei luoebi diuerfo megio di 
bino alcuni monti caricati deneuc:8c uenendo tal uenti fcpradicfH 
monti douentano freditma quefto e rare uolte, 
PARCHE liuètifeptétrioah fono fredi e ficbi& alle uolte fò caldi 
SONO f redi vch uègono da luoebi f redi doue nò dailfole. Só 
noficebi pcb padano p moti doue e molta neue e molti gbiazzi cb 
n 3 euapora:Ma pur alle uolte p affa tal uèto fopra aleni dei erti adu 
fti cb fono fenr a aqua uerfo de fettètrione e pigliano tal natura 8c ì 
pero fóno caldi » E o quefto appare cbl uèto non e caldo fredo 
bumido : e ficco exceffiuamète fenon accidentalmete cicr £ refpecfto 
diluocbi doue pafla niente dimeno ogni uento e difua natura caldo 
e ficco :ma non exceffiuo come defotto fedecbiarcra. 
PERCHE liuenti orientali ebeuengono nel fine della no&ecnel 
principio deldifonno più fottili e manco bumidi e finalmente me 



glioritEt e ilcontrario quado ucngono nel fine deldi e nel principio 
dellanoile cB fino più bumidi grofli e peggiori :E p oppofito f ano 
liuenti occidentali cB fono pegiori nelf ine dellanocle e nel pricipio 
deldi e fono megliori nel fine deldi e nel pricipio dellanode* 
QUANDO lanose e appreso dinoi fa giorno in altro luoco: Vnd* 
damegia nocle infino aldi fa giorno nele parti oriétali doue f ilieua 
ilfole piuprefto cB apreffo dinoi:decb uenendo liuenti nel fine del 
lanose e pricipio dldi dalepti oriétali doue già ha nfcaldato ilfole 
e reffoluto molti uapori:Impo tal uiti fono più fottili e maco buidi 
e più tempati pcB aduegna c& fiano caldi per lacalidita diluocbi do 
ue uengono niente dimeno retrouano lepti noftre frede p lanose 
e tempaflefua calidita edouétano tèperati* Etinquefto tempo 
cioè demegia nocete infino aldi e lapnma mitta dellanocìe a Ili occi 
ditali decb uenendo liuenti daquelle parti fono fredific tumidi p 
Janofte cB e 1 quei luocbi:Impo fono pegiori cB liuèti oriétali nella 
fecoda mitta delanocìe apreflo anoi. Ma nella prima mitta cPla noe 
te quado fa noci e anoi fa giorno alli occidétali e noJte alli orientali 
Venendo adoq? liuenti da occidente uengono da luocbi caldi : Vn 
de fono più fotti li e migliori 8C uenendo inquel tipo dale pte one 
tale doue enoflefono più fredi 8c buidi e me buoni cB li occidétali 
PER.CH3 nei luocbi babitabilicb fono excefliuamete caldi glibu 
omini fono timidi e dipoca uita e tofto uiene in quelli Iauecbiez a 8C 
e ilcontrario nei luocbi babitabili cB funo molto fredi cB tal buomi 
ni fono dimagiore audacia e de più luga uita ♦ 
LA VITA fe^plongapertre cafione prima elamoltitudine ctlcaldo 
naturale e defpiriti uitali. Lafeconda e lamoltitudine debumido ra 
dicale e fubftatifico delcorpo. Laterza e debita ^pportione delcaldo 
naturale ad effo bumido radicale, Vnd* lauita noftra e fimile ala lu 
cerna ebe arde come e ftato dicìo defopra .Lafiamma della lucerna 
e come ìlcaldo noftro naturale 6c ilftupino cu lolio e fimile albumi 
do radicale efubftantifico e noiuedemo ebequàdo lafiamma epo 
ca facilmente fe extingue da ogni minima cofa e fimilméte quando 
ilftupino ouer olio fufle poco tofto qlla filma ileòfuaria e cuflfifel 
nò fufle debita pportioe delafiama ad eflo ftupino 6c olio potrìa fi 
nirfe tofto ebe porto ben ebe lafiama fufle grand* e lobo col ftup'o 
f uffe molto niete dimeno p otri a effere molto più lafama ebe tofto 
cofumaria effo ftupino 8c olio non obftate cbel fia molto :o uer tan 
to potria edere ilftupino co olio ebe fuffocaria ladicìafiàma 8c extin 
gueriala. Ilfublime dio ba pofto adoncp ilcaldo naturale noftro 
nel bumido radicale facto dali pricipii dela generatione delpadre e 
delamadre come cbi accendeffe illume nel ftupino» Epcbe lafiam 



ma todocofumariailftupìnofcnonfude lolio cufli ilcaldo natura 
le del corpo f e non fuffe Ibumido nutrimètale cb continuamente fi 
genera dal cibo eh noi pigliemo Jmperbo il creatore decìe ànoi una 
uirtu naturale eh continuaméte reftaurifle quello cb ilcaldo natura 
le continuamente confuma. E quefto e Ibumido nutrimètale che 
fe conuerte in bumido fubftantifico delcorpo:E notaio dico ftupi 
no di olio nela lucerna 6c bumido radicale e fubftàtifico nel corpo 
noftro gebnon ogni bumido efufticiente amantegnire lafiàma 8c 
ilcaldo naturale : ma folo lobumido ebe aereo Se ù&uofo e nò aquo 
Co:c quefta e laquarta cafione cb alonga lauita. Diciamo adòcb 
cb nei luocbi forteméte caldi ilcaldo naturale feriflolue dalcaldo ex 
cefliuo dela regione e lauirtu naturale feriflolue e nò può reftaurare 
coueniéte bumido aimèbri:Impo màca li principiidelauita e maxia 
mète cbel ii&o caldo exceffmo confumalbumido radicale unde to 
fto fuccede lauecbieza in quei luocbi ebe alcuni fono uccbii in . xxx 
anni. E pqftacafiòe tal buominifono timidi pebe quel caldo excef 
fiuo confumàdo ilcaldo naturale rifolue lifpinti uitali del corpo cb 
fon cafone de £ arelbuomo audace, .Ma nei luocbi fredi ilcaldo 
naturale fe fortifica alle parte dentro e ùmilmente lifpinti uitali di 
copo d* co etiadio fe fortifica tutte leuirtu naturale del corpo e cófe 
quètemète fe reftaurano megliore burnì ciò nutrimètale e fubftàtifi 
co acòferuare lauita E dalaltro canto nò fe rifolucmolto Ibumido 
fuo.Impbo tarda lai ua uecbieza e fono d* piulonga uita e fono più 
audaci dacb feguita cb fono forteméte bellicofi come fon lialcman 
ni Se alcbuni paefi cb fono nel feptimo clyma. 

PERCHE licolerici fono d* più Ioga uita eh liflcgmrtici e doueria 
effer ilcòtrario pcb fe n eie regione caler* fon crminore uita glibuomi 
ni eh nele f red* . cuffi glibuomini di calda natura do ueriano elTer d* 
minore uita eh glibuominicF natura freda e qfto appare ancb jcb 
ilflematicoba molto più bumido cb ilcolerico 8c ilcaldo del coleri 
co e molto magiore cbl caldo delflegmatico 3 cb feguita magior re 
folutione e confuptione nel colerico cb nel f legmatjco . 
LACASIONE dicìo e ftatadicìacblecafione dela longitudine ctl 
lauita fon quatro.E bè cbl flegmatico babbia più bumido abfolute 
cb no ba ilcolerico niètedimèobamaco bumido aereo & uncluofo 
ecòueniète alla uita eba ilcolerico :Percb lbumido delflegmatico e 
molto aquofo SC ancbbencbl caldo del collerico più ritto lua lbumi 
do fuo cb ilcaldo delflegmatico mète dimèo anco più reftaura p ef 
fer leuirtu naturale più forte nel collerico cbnel flegmatico.Ne an 
eh e buona fimilitudine cb fef a nele uite deleregione cald' ale f ree? 
e nele uite dele còplexiòe calde £ct"t ilcaldo naturale forte cb e den 



• 

K 



tro coferua lauita e rcftaura . Ma ilcaldo accidetale diuora debilita 
ilcaldo naturaie dètro e cóiuma lbumido fubièàtjfico dimèbri d'cb 
non f ef a buona reft auratioe» Per quelfce cahonc adóqj cb lacom 
plexione tip ata e depiu Ioga uita cb nilluna altra pebba ilfuo bui 
do più nobile e più còuemente & ilcaldo fuo naturale più pport òa 
to attuo buìdo: Dapoi feguita lacòplexióe fàguinea ebbabonda in 
tu iti doipricipu deiauita cice in caldo 6c burnido ma no glie tata £ 
portiòe delcaldo albumido ne anco ìlfuo buìdo e cuffibono come e 
nela coplexióe tìpata*Dapoi feguita lacòplexióe collerica cb babò 
di in uno prìcipio della ulta cioè in caldo e màcanel altro cioè in bui 
do. Quarto dapoifeguita lacòplexióe rlegmatica laquale màcanel 
caldo c b zzò abódi nel bumido nò e go tal buìdo tropo buono ma 
e quefto: Vltimo fuccecFlacòplexiòe melèconicacB macai tutti doi 
Iipricipii deiauita: Vnd* mico urne eba neffua altra còplexióe. 
PERCHE ghbuomini cb nafeono nele regióe fortemente caldeo 
negri e nele f rede bianchi » 

DICE Ariftotele cblfemefecuo ce e brufa nela -matrice delefemx 
in leregioni molto calci* p ìlforte caldo cb regna mi deebe fegenera 
una negrezza nei embrioni e confequètemite aquiffc affé una negre 
za naturale ebe non fepotna mai pm torre durante tale indiuiduo < 
E p ìlcótrario nele regiói frect generale biàcbza pcb due cètra 
rie cafiòe fino doicótrarii effetti: Se adóq* lanegreza dglibomini 
p:ei daltropo caldo etiàdio dal fredo exceffiuo et ^pcectre biàcbza 
PERCHE nei luocbi più bumidibabitabili nò glie tropo gràde in 
uerno ne tropo grande eftate,Manei luocbi ficchi e ilcontrano .♦ 
LAIERE futtilceficcoemolto capace cF ogni ìpffionc e qlita: Im 
po foprauenèdo laeftate receue facilmente ilcaldo^decb tal luocbi 
fonofortemke fredi fecondo Iadiuerfita detempi dlIàno Ma laiere 
bumido e groflo e refiftente alcaldo de alfredo : VncF nòe f acilmen 
te capacedeogniimpreflione etiàdo lbumido col caldo e col fredo 
non fa apparere lacofa tanto calda e tato freda quàtofe quella cofa 
fu Te calda eficcaouero fredac ficca. Vero e cb glibuomini ebba 
bitano in tal luocbi p labuidita cb regna iui ineorreno molte febre 
putredinale e lugbe:cmolte appoftematione e mal caduco e molte 
aUre infirmita eh fogliono generarfe p fupfluo de bumidita e tal bo 
minino ponnofuportaregraj fatica pcn douentano torto laffi effe 
do loro gionture molto debile laqual debilita fa lbumidita fupflua 
cb e inbibita inquello :VncF liluocbi ficchi fono molto più falubn l 
PERCHE nei luocbi alti e montuofi babitabili glibuomim fon fai 
c robufti e uiuéo lógo tipo e nei luocbi uallofi e nf udì e ilcctrario . 
LAIERE e laprincipale cofatrale altre a conferuarelauita noftra e 



linoftri corpi infanitapcbe e quello ebe tèga ìlcaldo noftro natura 
le 6C ìfpiriti ctlcuore g liquali noi mucmo e fé compieno gf ectamè 
tetuctelcopatióenoifcre.Se adonqj laiere e buono e neccio da ogni 
brutura e bej euentabile in luoco agto cb non fia recbiufo e debito 
tép amento alcuore e noftn Ipintnlmgo fa glibuomini robuftì fani 
e conferuatfi lafua uitalùgo tempo come e laiere dimonti b abitabili 
Ma laiere delle uaile e luoebi ghindi e pieno deuapori cb feleuano 
da alcune aque calci* cb lui reforge: Vn<f f acilmètele putrefa e coru 
pe e confequètemente amorba e debilita glibuomini cb ìui babnào 
decbfeeuita molte infirmitagnitiofe:e breuita deuita. 
PERCHE glibuomini ebe babitano nele parte iettetrionale f rede 
bano licoftumi lupini e fpetfo ineorrenofluxo defangue denafo: E 
quelli cb babitano leoti meridionali calde e ìlcontrano » 
GLIH VOMINI cb babitano nele regiòe frede bàno ilcuore Se ilfto 
m aco molto caldo g ìlfredo cb circunfta decb fon feroci e funbudi 
come e animali brutti e mangiano pure affai come lupi e quefto e v 
eh no bino ìlcaldo fuo naturale tègato ma excefliuo: VncMeiue og 
atióe e coftumi nó fono bumane ma beftiali.Et anebo mangiàdo af 
fai f egenera demolto (angue nele uene e non f acèdo(fe refoiuLonc 
daquei corpi g ìlfredo ebe obft a ma continuante ,agiògendolti no 
trimèto e fangue leuene feròpeno deebe f eguitafluxo defangue dal 
nafo e g quefta cafione molti douentano tifici in quei luoebi rcpe 
dote leuene delpe&o g lagraj multitudine delfangue cb feger era i 
efli.Ma glibuomini meridionali banno ilcaldo naturale delcuore e 
delftomaco debile g larefolutione cb fa cónnuamète ìlcaldo extcn 
oretlmgo fono timidi e nó fono feroci. Ma bano coftumi molto re 
muti e mangiado poco generale poebo fague eltèdo lauirtu digtfti 
ua debile eìarefolutione molta decb non f eguitafluxo effangue dal 
nafo 8C altri accidèti come nei fettètrionali e (lato dicìo. 
PECCHE glibuomini cbbabitano nele parte fcttétrionale non! 
còrrèo mal caduco e lefue piaghe tofto fef anano Se e ileontrario rei 
li buomini eh babitano nelle parti meridionali. 
LIHVOMINI fettètrionali fono molto fani Se ilfuo calore naturale 
► molto forteilqualedigeriffee confuma ogni fuperfluita buida dal 



laquale figenera limai caduco e mal degozola e fimili m ali Ma pur 
quàdo figenera tal male in quei corpi e fegno de una forte cafione e 
grande bumidita eh ba fopercbiato laloro forte natura decb fignifì 
ca tal infirmita effere grauiflima.Itej effèdo ilf angue dital buomini 
buono tofto fa fan are 1 eloro piagbe: Vnde quàto licorpifono più i 
puri e pieni defuperfluita tanto multiplica più brutura al luoco cF la 
piaga ffi confequèternete ft a più tèpo atfaldarfe e quefto e uno erro 



re comune di cirugici e forfi cB frano quefto per guadagnare più te 
nendo lo infermo più nele mano ♦Malimeridionalibàno icorpi lo 
ro pieni debumidita Se ìlcalore fuo naturale molto d bile :Elf angue 
fuo e molto impuro :Vnd*p lecafione oppofite acjllo c& eftato die 
to rafioneuolecofa e cB tal bominifpeflo incorrano mal caduco o 
fimile infirmita e eh lepiagbe Tue tardTif anano e £ ladina cafione 
icapi fuoi fono debili e graui in modo cbnon poflono beuerefipo 
co uino cB fùmamite no gli graui , 

PERCHE glibuomini fettcntrioàli bàno licorpi ftitiebi e leloro fe 
mine nò bino abondàtia demenftruoSc ìlfuo laefte e poco: egroffo 
e rare uolte difperdeno : anci lifuoi £ti fono duri e difficili : & e ileo 
trario ne glibuomini e f emine meridionali, 

LE VIE degli interini e dimenftrui o uer delparto feconftrenzéo o 
uer indurano p ìlfredo e per ilcaldo fidillatano emollificano: Imo 
ho nei luoebi fredi fono duri parti dure egeftione e poco fague me 
fimo e quefto e etiad/o pcb inquei corpi fono pocB fupfluita per la 
f orteza delfuo caldo naturale ÒC ìlfuo laJìe e poco e gruflo per ilfre 
do eh opaqfto Se in lepri meridioàli e ilcótrario j> lecafiòe opofite* 
PERCHE fòpiufanelecittadecBfonodifcoptedalonètee copte 
dal occidente cB quelle cb fono copte daloriente e dif copte dal oc 
adente, 

ILSOLEnel principio cFldi fe lieua fopra lacitta orientale difeopta 
e cbiarifica laiere e fallo puro da uapori e continuamente mada i nà 
ci defi alcuni uenti lottili e buoni cb fano laiere etferfano epoifep 
te ìlfole da tal citta dapoi eh e cbiarificato laiere fopra d' quella, Ma 
nele ciltacF ebe fono coperte dal oriente e discoperte dal occidète il 
folenófibeuafopra diquelle fenon circa lafine delgiorno: 8c Impe 
ro non cbiarifica ne fottiglia ilfuo aiere ma lolaffa bumido e groflb 
come era prima e fe ìlfole manda uenti alcuni aquei luoebi limàda 
folamète uerfo d* lanose e da leparti occidétali ebe nò fono cuffi la 
udabili come liuenti ebe uengono nel principio deldi dalle parte 
orientali» 

ERCHE lepafLon delanimo fon cafiòe de indure diuer 
fi aceiièti 8c ìfirlta neicorpi noftri & alcue paffiò danlo fi 
coferuao lafanita e nó doueria efìer cuffi pecbe lanima e una co 
fa in materiale et incorporea, E lacofa incorporea non può tranfmu 
tare lacofa ebe ecoporea, 

LAMAIESTA diuina ba pofto lanima ebe e cofain materiale nei 
corpi agouernare una cofa materiale balli dato uno inftrumeto obe 



diente Se ordinato aquella mediante ilquale lei babbia aregere e go 
uernare ìlcorpo e ^pduca leojpatione debite in elio e quefto fic uno 
corpo aereo de lottile e cbiara fubftàtia e quello e chiamato dapbi 
lofopbi fpirito :il quale e detre maniere uno e fpirito uitale ilqle me 
diante lanirna cóferua lauita nel corpo, L altro e fpirito nutntiuo me 
diate ìlquale etfa nutrice ìlcorpo , Et ìlterzo e Ipirito animale media 
te ìtquaie da ìlfétimeto 8C ileognofeere 8c ìlmoucre alcorpo . E pebe 
lafanita noftra condfte nel tèoamèto cPqueftì fpiriti e lenoftre mfir 
mita ^pcedeno dadifteoameto cfe(Ii:Imoo lepaffioné calammo dif 
temo andò lifpiriti delcorpo inducono ìnfirmita e telandoli cófer 
uanoouero inducono fanita. . Ne obfta cB lanima ìnmaterialee 
queftifpirìtifiào corpi materiali £cfc egli bino una certa ^pprieta e 
qualità occulta e conuenientia con lanim a £ comàdaméto dedio ad 
obedirla e dimouerfe in ciafcu uerfo o luoco doue allei piace: Vndc 
noi uedemo cb lanima moue un brazzo infuxo mediante ìlfpmto 
C B e in effobrazo e moue 1 altro mzofo mediate ìlfpirito cb ci quel 
lo Percb adóqi lepaflione delanimo alle uolte moue in ordinatami 
te lifpiriti delcorpo mo alle parti dètro mo alle £ti defuora tlmpbo 
alterano forte lanoftra complexiòe come più ebbramente apparirà 

quidifotto. ti j e 

PERCHE latriftitia 8C iltimore refredano ìlcorpo alle jpti detuora 
enfcaldano lepti interiore e lalegreza& audacia&ira nfcaldano 
Iepti3£uoraeleptidétrora£redano« 

ALCHVNE paflfiondanimomoueWpiritidelcorpodale jti dru 
ora adétro e quella e dedoe fpetie una cb moue fubito efìi fpiriti alle 
pti interiore e quefta e iltimore .Laltra e cbmoue apoco apoco eqf 
ta e latriftitia: Vnd'remagono le oticFfuorafrede e depauperate de 
fpirito e defàgue e leparti interiore ferefcaldano neltimore : e nella 
triftitia. Alcune altre patfion danimo fono cbmouéo lifpiriti de 
tro alle parti defuora e fono etia$ didue fpctie una cbmouefubito e 
afta e ira e laltra cb moue apocó apoco e quefta e alegreza:ebècfc li 
ra pceda da ebullition defangue circa ìlcuoreSc anebora bécbinpri 
cipio refcaldi dentro niète dimeo in ncetfo ditèpo mada ìlfpirito ata 
le p arti defuora & impoueriffe le interiore . 

PERCHE iltimore e latriftitia moueno lifpiriti alle pti dètro : e lira 
e lalegrezamoucnolifpiriti alle parti defuora. 
LISPIRlTIfemoueno fecondo la aftectioe dellanimo alqualefono 
fotto pofti c percb nel timore e triftitia lafecìione dell animo e defu 
gerelo obiecìo timorofo e trift abile :lmperofugono lifpiriti 1 eparti 
extenore e recbiudetfeno nelle parti interiore apreffo lemed'lcuore 
E perco nel ira e nel allcgrezala affezione dellaninio e de <pfeguire 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



lo obieflo o per uédefla o per fua dele&atione: Impero femoueno 
lifpiriti dalle parti defuora. 

PERCHE nelbuomo quàdo ba uergogna douenta prima lafaza 
pallida: e poi roffa fcambiadoffi deuaru colori. 
NELLA uergogna lifpiriti prima femoueno alle ptidètrot Impoi 
pallidifcono dapoife extendono fuora:VncF in rofifle lepti defuo 
raefono alcune paflio danimo contrarie cb indenne occupano lbu 
omo temoueno lifpiriti acontrarie pti: come quàdo Ibuomobaira 
c trift iti a inf lem e o uer allegreza e timore allora una parte difpiriti 
uino alleparti defuora e laltra ua allepti dentro. 
PERCHE nel timore trema lbuomo. 

ELTREMORE ,pcecF da frigidità e diminutione cPcaldo naturale 
<b non può regere ne fuftenire imébri abandonando adóq? ilcaldo 
naturale ilfpinto nel timore lepti defuora come mébri depauperati 
c fèza regimerò tremano. 

PERCHE alcuni per graj paura dequalcb punitione bano fete: e 
doueria eflfere ilcontrario conciofia cBl timore rinfreda e Lfete ^pcc 
de dacaldo eh deficca e non dalfredo . 

NELTlMDRE ferinfreda lepti exteriore e fupiore e fegno dezo e 
lapallidita dellaf acia e ilrigore o uer tremore delle part; cxtctiore e 
lepti interiore Se inferiore f erefcaldano pereft nel timorofo lifpiriti 
dale parti exteriore e fuperiore fuggano alleparti inferiore ÒC in 
tenore. Percb adoncp ilcaldo fe umffc circa leparti deluentre: Impe 
ro f econfume e diflolue dimolto bumido dequelle pti deebe ^pcede 
fete. E bè cfcl timore induca fredo nelle parti exteriore niente ime 
no nelle parti interiore induce caldo • 

PERCHE nei timorof i duna grà paura femoue ileorpo :Sc alle uol 
te fe mone urina. 

ELC ALDO n aturale con elfangue laflano lepti fuperiore nela pa 
lira 8c uanno alle gti inferiore come e ftato dicfto e f eco dfeendeno 
molte bumìdita anck adunato ilcaldo circa iluentre inferiore e lep 
ti della ueffica d (Tolue molte bumìdita cb fonno in quei luocbi con 
gregate e quelle poi lanatura lemàdap linteftim op lauia dia uria. 
PERCHE aquei ebbàno paura tremàb lauoce e lem ano de ìllabro 
inferiore della boeba e non ìlfupiore. 

T VTTE quefte cofe ^cedeno da debilita e priuatione cTcalore da 
leparti fuperiore e fuga fua alleparte inferiore. Trema lauoce ebui 
ene daW&o per priuatione delcaldo e dlfpirito cb moue laiere ala 
nnna de!pulmone nela uoce.E fimilmente tremano lcmanopql 
li medefima rafione cbl caldo naturale dacb ^cede ilmouimeto d'I 
bracio e molto debilitato per effer andato ilfàgue 8c ilfpirito allep 



ti inferiore pc&Iebraza dependeno dalpecìo .Trema anebe i T labro 
defotto |>cb e più mobile cr> quello difopra e (la più fituato contro 
lanatura effenio pendente infuxo ct>illabro defopra cbpencV ingi 
ofo . Vncf mancando ilcaldo naturale in qlle pti ìllabro difopra no 
fimouepcb e Cimato naturalmcte e lilacerti chi tègononó durano 
fatica alcbuna : Ma il labro defoto ebe non e fituato cufli naturai 
mente ma fta per forza de li lacerti cbel tengono in quello luoco et 
ebe debilitano iui il caldo naturale non bauendo lilacerti uigore et 
fuitenirlo mouede duno mouimento inordinario e trema 
PERCHE fimelmète trema il labro defotto aquei ebe forteméte fo 
no crujati ♦ 

LACASIONE e unamectfima cbftata dieta nei timorofi cbl caldo 
naturale negli irati fuge daleparti de f opra e uaflene alcollo cTcB tre 
ma il labro defoto e nò defopra per quella medefma cafione cb e 
ftata dicTra? 

PERCHE nel irato non trema lauoce ne lemano come nel timore* 
fo ma pur trema illabro defotto in tutti doi« 

ELSANu VE 6C ilfpirito del irato fuge alcuore 8c alle parti dlpec 
to : Impero fefortf ica lauoce e lebraza cb dependeno daipecflo . M3 
nel t;morofo non fe umile ilfangue nel fpinto circa leparti delpec 
to anci fuge deli Se uaffene alle parti inferiore deluentre. 
PERCHE neglibuomini adirati uien fete come nei timorofi e no 
doueria effer per quefto modo conciofia cblira accenda ilcaldo eli- 
ca ilcuore 8c iltimore diminuifca e debiliti ilcaldo de ciTo cuore* 
L ASETE procede per confumptione e def iccatione delbumido ro 
rido e fottile delftomaco o uerper inflammatione e gran calidta in 
ducìa nel ftomaco.Per altro modo adoqj uien fete al irato 8c altimo 
rofo percb al irato uien fete per grande infiammatone dicaldo ag 
gregato inquelle parti.Ma neltimorofo prouie fete percb ilfangue 
fuge dalle parti delftomaco e circunftantetllqualebumettaua quei 
luocbitdecb ^pcede alquàtaficcita e confequentemente fete . 
PERCHE fuge neltimorc ilcaldo naturale & ilfpirito dalcuoree 
dalle parti fuperiore alle parti inferiore deluentre e nel ira fecongre 
gì prima nelle parti delcuore fuggendo leparti fuperiore & infcrio 
re benebe poi laffaleparti interiore e tutto fefpanda alle parti exte 
rio re . 

OG^Ifp affiori danimo primariamente comunica alcuore 8c imprTe 
in quello lafpetie e lafimilitudine del obietto eltimorofo ^pduce fua 
fimilitudinet morofa nel cuore: deebe e conftrecì a lanatura afare 
fugere ilfangue 8c ilfpirito d alcuor e doue e quella fpetie cU obietto 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



timorofo e perdi quanto aquefto comunica leparti ctlcapo alcuorc 
Impero etiaj fuge dalepartiluperiore. Manda adonqj lanaturailfà 
gue caldo Se ilfpirito alle parti defotto nel timore come e ftato die 
to .Ma nel irato lafimilitudine delobiecìo cb fa qualcb ingiuria effe 
d j nel cuore manda lanatura ilfangue 6C ilfpinto aquel luoco co grà 
de ìmpeto SC affalto:come contra iafimilitudine dequello efr gli ha 
f aito la ingiuria e poiiefp arte fubito alleparti fuperiore Se exterio 
xe acercare uendedta della ingiuria facìa:b per quefto appare cb la 
f aza dellirato e più roda in procello difurore eba nel principio :Per 
co nel principio ilfangue e nelle parti interiore delcuore di in fittt 
fo poi ua alle parte exteriore . 

PERCHE crefcie laudacia nel buomo irato e nel timorofo e ìlcon 
trario* 

LACASIONE eftatagiadicftacblcaldo&ilfpirito nel irato feco 
grega alcuore e bugile decB refulta fort.tudine decalore dalqual £ 
cede audacia:E nel timore fedebilita ìlcaldo, Vnde procede ilei tra 
rio. dellaudacia . 

PERCHE nei timorofi fecontrabe litefticuli e doueria effere ìlcon 
trario percB ìlcaldo e adunato circa quelle parti nel buomo ebe ba 
paura come e ftato di<fto. 

ELC ALDO naturale come e ftato dicìo neitimore fuge dalle parti 
exteriore e fuperf iciale ale parti interiore e ficco porta ilfangue et il 
fpirito ; VncP p quefta rafióe bè cb il caldo fia adunato circa le parti 
inferiore de tefticuli niente dimeno e (lèdo retrado allepaiti dentio 
e retr abendo Ibum do de elTi tefticuli uien a contraberli» 
PECCHE nel timore forte molte uolte fefpermatigia- 
DE una medefima cafione cbó quella cb e ftata dida de la urina Se 
egeftione ebe molte uolte moue la natura nel tirr ore per il caldo m 
to in quelle parti ìlquale diGfoluedo molta bumidita fpermatica cb e 
corfa aquelle parti la cazziafuorao quella uia, 

PERCHE nelatriftitia e anxieta e nel forte dolore lbuomo grida e 
lamentafi e nel timore grande lbuomo tace. 

QVEI cb bano dolore e triftitia retégono alquàto il fiato per effere 
adunato il fpirito circa ilcuore nella anxieta e nel dolore circa illuo 
gbo dolorofo : Vnde retenèdo lanatura quelfpinto nelle parti i del 
pedo poi cu 'impeto cuffi aduato lomanda fuorate rcucrberardoio 
alla canadel pulmone fa uoce e clamore : Ma nei t.mòrofi ì.ipiri 
to non e adunato circa leparti del pecìo anzifimoue alle parti in fe 
riore e lauoce non e altro ebe uno mouimento d* fpinto a?reo o uen 
to per le parti fuperiore allaboca:doue nel timore femoue alle par 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



te contrarie Imperbo non può effere clamore ne noce fenon debile 
ne lbuomo timido E £ quefto appare ladirf erentia nela reuoca 
tone dclcaldo alle oti dentro in lapaura e nela tnftitia vch nela pa 
lira e fubitaoC e alle parti inferiore: e nella triftitia ÒC anxietaepau 
latina e fucceifiua:8c e alle oti delcuore» 

PERCHE contiene lbuomo ìlfpirito 8c ilfiato nel dolore: e nella 
anxieta. 

OG^l cofa creat aufa afuactfèxióc qualcb cofa! fuoad;uto:Vnct 
nomedemo cb lan atura ba dato ad alcuni ammali lor.gbic: ad alcu 
julecornaoC alcuni altri inftrumen ti dadefendeife-Nel dolore adò 
que lanatura cerca de ufare qualcb cofa per ad iutare illuoco dolora 
fo: e quello e il calore Se ìifpirito ìlquale lanatura retiene afuccurre 
re a'dolore & anxieta:Imperoferetiene lobanelito fic ìlfpinto intale 
paflfione . 

CERCHE nela paura grande fepella lbuomo • 
ELPELLO naf ce duno fumo terreftre cb lieua ilcalore naturale da 
li membri interiori :llquale uenèdo poi alle parti cucìanee per ìlfre 
do delaiere feconuerte in un corpo lungo e (otti le fecondo laforma 
dellaporrofitadoue efcie. Mancando adonqj tal fumo ìlpello cbfi 
foleua nutrire efermarfe e pigliare augumento daquel fumo come 
cofa cb non baf ermeza:ma abandonato dala natura cade ♦Neltimo 
re adonque debilita ndofli molto ilcaldo naturale debilitandoffi cti 
andio ladigeftione ditutti limembri decb manca tale fumo terrefte 
econfequentemente cadeno lipelli: Ancb ìlpello femantiene e fife 
ferma nela porrofita dellacute mediante un certo bumido uifcofo il 
quale mancando cade effo pello ampliandoci decla porrofita: E P 
co neltimore molto dtalebumtdo fuge infieme col caldo efangue 
alle parti dentro ab an do n an do leporrof ita dou e fon lipelli impero 
cadeno ♦ 

PERCHE nel timore doue lbuomo teme della morte uergonoli 
capii li canudi come accad* negli bomini cb fono imprexione liqua 
le afpeftano lamorte • 

LACAN1TIE depilli non ^cect fenò dalmancare 31 nutrimato cr> 
induce gra ficcita nelle pti cuciane dieb abandonado lbumido ilpel 
lo come cofa deficcata e depaupata ctlfuo buldo doueta biaca doue 
prima douenta daltro colore come appare nella paglia ebe effendo 
piena debumiditate tra 2 ^ uer ^ c c q uan ^° c Sfocata tra albianebo : 
Cunciofia adonque ebe nel timore abandonando lbumido die pte 
cnclanee quei luocbi uiene arimanere lafubftàtia del pello deficata 
euaporando anco molto del fuobumido per nò etìerli più ilcaldo 



fuo naturale cbeteneita quel bumido Imobo douéta bianco per cjl 
lo e maximamète intrando in luocbo de quel bumido laiere cB d a à 
ebora maggiore bianebeza cb dafi nò baueria. E quefta non e . uer a 
canitie.ma e*una biàcbezzalaquale acquift a ilpello per grande de 
ficcationefacìa dalapaura» 

PECCHE nella biàcBza dicapilli già dicla per lapaura piufeinbi 
ancbifle licapelli nela cima e luoebi remoti dalacute cb ne liluocbi 
uicini e doueria effere ilcontrario percb più de receuere impreffiOne 
deficcita dalla cute quella parte eh glie più propinqua; cb lagte cb 
e pm remota. 

LAr^ARTE d-lcapello ebe più dittante dalacute e molto piufic 
ca cb la parte cbglie più propinqua :8c b a anebmanco caldo natura 
le: Impero più tolto manca quel caldo e confequentemente euapo 
railfuo bumido cbl caldo 6c bumido della parte cb e uicina ìlquale 
e molto maggiore :E bencb maggiore imprcffione reccua dalacute 
laparte propinqua niente dimeno ba tanto caldo & bumido cb nò 
lo abandona culli tofto & altucìo come ilcaldo e lbumido dela par 
te remota cb molto poca r 

PERCHE unagrade allegreza amazalbuomotcuffi come una gra 
detriftitia e paura. 

SENZA fpirito c caldo naturale non può (tare lauita nel corpo : e 
j>cb i tale allegrerà efeono fuora lifpiriti alle parte extenore: Per 
bo potria effer tanta allegreza cb tuclilifpirti e caldo naturale del 
corpo abandonado il cuore f aria exalare fuora e cuffi fi extingueria 
la uita: E percbneltimore fugge ilcaldo naturale dal cuore alle par 
ti if eriore. E £ cb poteria effere tanto timore cb tucìo il fpirito e cai 
do del corpo lattando ilcuore e tubile altri parti feuneria ne le par 
ti inferiore del uentre decb remaneria lbuomo morto: E percb ne 
la anxieta il caldo fe aduna circa il cuore e laffa tucìe laltre parti :Po 
triaadóaj effere tanta cb tutto ilcaldo e fpirito laffàdo tucìe laltre 
parti del corpo :E unirialTe alle parti del cuore ctcB feguitaria gràct i 
flammationee deftrucftione de effo caldo e fpirito: Vnde fegui 
teria morte . 

PERCHE rofMe gliocbii aglibuomini irati eleorecbie aglibuomi 
cb fe uergognano* 

LA VERGOGNA f empre e cum un certo timore ilquale appare 
negliocbii e doue e timore deli fugge ilcaldo 8c ilfpirito .Nel uergo 
gnefo adoncp laffa ilcaldo naturale gliocbii doue e timore 8c uaffe 
ne aleorecbie cbfon contrarie alle parte denanci degliocbii: Imgo 
nel uergognofo gliocbii fon baffi : e timidi e fenza roffezza eleore 



cbie douentano robieun de. Ma nel irato fifene manifefta ilfuro 
re fuo negliocbi doue manda lanatura ilcaldo e ìlfpirito acercare uè 
deca cum audacia e non cum paura 6c appare anche più roffeza ne 
gliocbi che nela fazzia delirato perche gliocbi fono molto bianchi» 
Vnde ogni picola roffeza apare grande neghocbi e più fe imuft i a 
aluedere* 

PER.CHE laimaginationedeIbuomoo,uer cogitatione ferma al 
alcbuna egritudine fa molte uolte uenire quella» Vnde lunedici co 
mandano ebe nel tempo della peftilentia :buomo non debbia pen 
fare ad alcbuno buomo amorbato ne bauere paura de moibo Se di 
cono quefta effere lapigiore coffa ebe poffa bauere lbuomo in quel 
lo tempo. 

Lattando laopinione de auicena e de tutti glialtri ebe inquefto non 
fe accodano aluero diciamo fopradicio ebe ogni fpetie e fimilitudi 
nedequaloque cofaparticipa alquanto lanatura di quela Verbi gra 
tia lafp :tis dela cofa calda reprefentandola nela mente de lhuomo 
quando fermamente lui gli confiderà può generare mediante ilfpi 
rito eilfangue ebe lanatura manda aluoco di quela immaginationc 
una certa caliiita nelcorpo bumanolmpero molto gioua aquei eba 
no laìfirmita calda continuamente apenfarc de cofe frede come aq 
gbiaza neue e altre cofetSc acbiba lainfirmitafreda gioua apenfare 
continuamente apenfare dele cofe calde. Cunciofia adóque eh 
penfando lbuomo nella peftilentia bauirtu tale imaginatione nel 
tempo acio difpofto de uenenare e corrompere ilfangue deli bumo 
ri del corpo e potria indure ilmorbo nelle parte dentro fenza mffu 
na altra cafione exteriore. Ancbe doue e tale imaginatione non 
può effere ebe li non gli cada qualche timore e doue e timore molto 
fe debilita lanatura e non e peggiore cofa altempo delmorbo che 
quello che debilita lanatura perche non e cofa che più refifta almor 
bo che effa natura Et e* qui danotare che tute Iealtre paffione de 
lanimocomeodioe.inuidiafereducono aquelle eh fono fopra die 
tetperche inuidia fe reduce atriftitia 8c anfieta e Iodio infi contiene 
doe cofe zoe ira e triftitia * Impero liquefiti de quefte paffìon .o .uer 
delcaltre cum lefue rafione predice E qui finiamo ilprimo libro d' 
quefta opera doue fon fiate ferite lecofe che hanno aconferuare Ca 
nita del corpo debitamente aproximate. 



E R C H E ilcapo etra glialtri membri pilofjffi 
moneibuomo:8c e ilcontrario neglialtri animali* 
E L P E LO comeeftatodicìoprocectdaquatroca 
fion cioè efficiète material (ormale e finale come ciaf 
cuno altro eSec^o. lacafone efficiente del pelo e duplice. Vna e ìlca 
lore naturale del corpo che elleua ilfumo dalbumidita del corpo al 
le parte cuiranee:Laltra e-ilfredo delaiere cbeinfpeffa e coagula 
quel fumo reducendolo allaforma del pello .Lacafione materiale * 
e duplice una remota 8c e lbumidita del corpo laltra e più propine] 
de e ilfumo tereftre che euapora daladicìa bumidita.Lacafione for 
male e la figura del pelo ebe e effer lógo e ritondo Lacafione finale 
fie diuerfa perche lanatura ba facto alcbuni peli per belleza come 
fono lifupercilii elicapili del capo .Alcuni ba facto per tuttela e de 
f enffione deli extrinfeci nocumenti come fono le palpebre 8c ancb 
alquanto licapili del capo fon f afri a quefto fine per def enfare ilca 
po dal fredo e dal caldo.Percbe adonque lbuomo e dittatura drita 
tutti lifumi del corpo afeendeno alcapo come alcamino cF tuto ileo 
po 5c lui peruenendo quei fumi e trouando leporofita del capo afla 
aperte e molte comiffurefe retiene mi quei fumi e perilfredo dclae 
re fe coagula deebe poi foprauenendo unaltro fumo congiongen 
ficumilprimo coagulato & caccia quello fuora della porrofita in 
trandoli lui infino ebe e coagulato e dapoi uifoprauiene unaltro fu 
mo e failfimile e per quefto modo figenera e alonga ilpelo «o.uer 
capillo del corpo , Eflendo ileapo traglialtri membri bumidiffimo e 
capace quafi de tutti li fumi delcorpo tele porrofita elTendo apperte 
come recbiede alageneratione delpelo de rafione de effer pilofiffio 
concorendoli tutte lecafione e quefto ba fato lanatura per decorare 
ileapo e per defenderlo dal caldo e dalfredo e quefto ba facto nel 
b uomo .Ma neglialtri animali laft atura non e dnta Vnde non afeé 
de tanti fumi aicapi loro e poi leparte del capo non fon cuffi porrof 
feneliCon tante comiflfure come nel capo del buomo deebe ilfumo 
non può penetrare Dal altro canto quei fumi ebeuano alle parte 
fupenore in li animali brutti in alcbuni fe tranfmuttanno 



mutano* 

PERCHE cadenolefron<Fnelinuerno:8cnonncllaitate:edoue 
ria effer incontrario :percbe ilcaldo più dtficca Ibumido ebe non fa 
ilfredo» 

ADVEGNA cbcl caldo deficcbi molto lbumido X effe fronde nie 
tedimeno còtìnuamente fene agiunge perefi leporrofita fonno a p 
te 6C ilcaldo naturale delarbore infieme cum lbumido uengono ale 
parte defuorafr cuffireftaura lbumido eberefolue ilcaldo: & ancb 
quelbumidoe*apreffo alprincipio dela fua generatone fiebe non 
e tanto deficcato cbenela eftatepoffa cadere le£rond\ Maneli 
uerno colendo lbumido delafrond* per ilcaldo dela eftate paffato 
molto deficcato 8cfuprauenendo poi ìlfredo congelàdolo forniffe 
defecare ilrefiduo diql bumido :6c no poffendoffi reftaurare tal bu 
mido£ etfercbmfe leporrofita delarboro £ ilfredo etpefler ilcal 
do naturale reclufo nele uifeera dia terra cadeno effe fròct douc alte 
po dela eftate non cadeuano 

PERCHE fclfe caftralbuomodapoicbe.barbutoglicad'ipelide 
la barba ma non douenta caluo . 

IPELI dia barba fe generano dalclado naturale fortificato circa le 
parte delcapo & poi reflecìandofli ildicto caldo dale parte fuperio 
re del capo ale parte inferiore zoe dela farà fieco mena & moue le 
fumofita alemaxille: deleqtiali gen er affi poi ipelli dclabaiba:Et j> 
ebe lbuomo caftrato indebitile molto ilfuo caldo naturale nò bauè 
do tefticulì:Imperbo ilfuo caldo ebe e» circa latefta e debile itato cb 
no puoreflecftere alemaxille 6c cófequètcr nò può menare Icfumo 
f:ta aquelle parte decbemancbalabarba Iquello, Mano deuéta 
caluo percb come etilato dicto ilcaldo fuo naturale e*debile 8CnÒ 
e.fufficicnte adeficcarlaparte anteriore del ccrebro dacB procec? la 
caluitietSC anebe continuamente afcencV molti fumi alla teft a dalli 
quali f egenera caprili* VncV e, qui danotare cblacaluitie &lage 
neratione di peliinlabarba proced* da un calore forte 8c acuto ebe e 
nelle parte dlla tefta aduegna cbelbifogni cbel caldo ebe f alacalui 
tie fia più acuto e deficcatiuo cb ilcaldo efe fa labarba. Et dicìo fegui 
ta co cbi e caluo ba labarba. ma non ♦ e, contra cbi ba labarba nò fe 
guita cbfia caluo, Item nota cb ogni caldo quantunqjremiffb et 
debile e (ufficiente agenerare capilli nel capo ebe ogni caldo e,fuf 
ficiente afare euaporare Iefumofita del corpo alcapo: ma non ogni 
caldo e*iufficiete agenerare capilli nel capo *percb ogni caldoe.fuf 
ficiente agenerare peli nelle altre parte del corpo fenon e. forte e, 
ac tuo Et fecundo ladiuerfita del caldo naturale Idiuerfi membri 31 



c~rpo*i-g -lieta p**a peni in uno iuoco cóin aitio» Diciamo adùqs 
che qtro fono ligr adi del caldo naturale noftro Ilprimo e, molto de 
bile ÒC quello e, lufticiente agenerare lipeli nel capo elepalpebre e 
lipelli delle ciglie.llfecundo grado emipuocbopiu forte & acuto e 
qfta e *furficiète agenerare lipeli cr> fono circa lej>te de tutoilcorpo 
dalla gola ingioio ciò e lipeli cbefonno (otto lebraccia«8c lipcli del 
petenecbio nientedimeno quefto, non f aria (ufficiente alla genera 
tione $ peli dela barb a * llterzo grado e . molto maggiore cB uie 
ne da grane? reflexione alle parte delle maxille:8c quefto genera la 
barba manon e»ancbo (ufficiente cP idure caluitie fe non fe acuifle 
e fortifica più e quefto e ìlquartro grado quàdo tato fe fortifica cbl 
defic cai aparte anteriore del capo efalbuomo elTer caluo, Adunqj 
lbuomo caftrato percbebafolo ilprimo e ilfecundo gi3do e manca 
del terzo e del quarto* lmperbo fe può generare capili nel fuo capo 
c pelli nele altre parte del capo inferiore ma nonpuo effer baibato 
ne anebo eiTer caìuo« 

PERCHE lafemina non babarbane anebo none.calida* 
SIMILE cafione fe afjgna aquela de lbucmo caftrato ebe lafemina 
ba ilprimo elfecundo grado dela cuita del caldo naturale e maneba 
del terzo e del quarto e fe pur aleuolte fe ritroualte qualcbe f emina 
barbuta feri a fegno cf grà caliditate ebe tal f emina barebbe ilterzo 
grado, ma non ilquarto grado ebe induceffe inquella caluitie, 
PER CHE lbuomo caftrato e lafemina banno ilcaldo naturale più 
remiflfo e, debile cbelbuomo ebe non e caftrato 
ELCALDO fe fortifica nelbuomo ebe non e caftrato per reflexìoe 
fuaalitefticuli.Vndelitefticulifonno uno obftaculo douereuerbe 
ra ilcaldo del cuore. ÒC iui uniendoffife reflecle alle p arte defotto et 
poi! elio cuore fe fótifica *Non bauendo adunqj lafemina tefticulì 
exteriori'e fimilmente lbuomo caftrato Illoro caldo naturale no po 
b auere tal reflexione d a elfi tefticulì alcuore et cuffi non fe fortifica 
nela fua min era, ma fpargeffi ale parte iferiore & ileado difperfo 6c 
molto p iu debile cbel unito 

PERCHE ì lbuomo prima fegeneralicapili eleciglie elepalpebre 
& poi inluccello dt tempo fe genera lipeli fotto lebrazaSC nel pete 
necbio:5c dapoi anebe in più proceffo detempo fegenera labarba, 
& poi ultimo douenta caluo : 

ELCALDO naturale nel principio del nafeimento delbuomo e So 
pito 8c fuffocato nela bumidita del corpo ebe albora e molto gran et 
et ebe e molto debile lmperbo non e forte fenon nel primo grado: 
Et improceffo ditempo f euiene addeficcare tale bumidita ebe nò e. 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



mutano* 

PERCHE caJenolcfron<?iiclinuerno:8Ciioniicllaftatctedouc 
ria effer il contrario Jpercbe ilcaldo più deficca Ibumido ebe non fa 
ilfredo* 

AD VEGNA cbel caldo deficcbi molto Ibumido $ effe fronde nie 
tedimeno còtinu amente fene agiunge petcbleporrofita fonno ap 
te SC ilcaldo naturale delarbore infieme cum Ibumido uengono aie 
parte defuorafic cuffi refi aura Ibumido ebe refolue ilcaldo: òc ancb 
quel bumido e*aprcffo alprincipio dela fua generation e fiche non 
e tanto deficcato ebe nela eft ate poff a cadere lef rond\ Ma ne li 
uerno effendo Ibumido dela frond* per ilcaldo dela eftate paffato 
molto deficcato 8c fuprauenendo poi il fredo congelàdolo forniffe 
deficcare ilrefiduo diql bumido :8c nò poflendoffi reftaurare tal bu 
mido£ effercbiufe leporrofita delarboro o ilfredo etpefler ilcal 
do naturale reclufo nele uifeera dia terra cadeno effe fròct doue alte 
po dela eftate non cadeuano 

PERCHE felfe caftralbuomodapoi ebe barbuto glicacfipeli de 
la barba m a non douenta caluo . 

1PELI dia barba fe generano dalclado naturale fortificato circa le 
parte delcapo & poi ref lecìandofli ìldicìo caldo dale parte fuperio 
re del capo ale parte inferiore zoe dela farà d'eco mena & moue le 
fumofita alemaxille: deleqnali generaffipoi ipelli delabatba:Et£ 
ebe lbuomo caftrato indebiliffe molto ilfuo caldo naturale nò bauè 
do tefticulitlmpcrbo ilfuo caldo ebe e, circa latefta e debile Kato cb 
nò può refi eelere alemaxille ÒC cófequèter nò può menare lcfumo 
f:ta aquelle parte decbemancbalabarba Iquello* Mano douèta 
caluo percb come enfiato dicto ilcaldo fuo naturale e*dcbile 8Cnò 
e, (ufficiente adeficcarl aparte anteriore del cerebro dact procecP la 
caluitietSc anebe continuamente afeend* molti f timi alla tefta dalli 
quali f egenera capillu VncF e. qui danotare cblacaluitie &lage 
nerationc di pelimlabarba procecV da un calore forte 8c acuto ebe e 
nelle parte dlla tefta aduegna cbelbifogni cbel caldo ebe f alacalui 
tie fia più acuto e deficcatiuo cb ilcaldo cb fa labarba.Et dicio fegui 
ta cb cbi c caluo ba labarba.ma non ,c, contra cbi ba labarba nò fe 
guita eh fia caluo ♦ Item nota ebogni caldo quantuncp remiffo et 
debile e fufficiente agenerare capilli nel capo ebe ogni caldo è.fuf 
ficiente afare euaporarelefumofita del corpo alcapo: ma non ogni 
caldo e*iufficiete agenerare capilli nel capo *percb ogni caldoe.fuf 
ficiente agenerare peli nelle altre parte del corpo fenon e. forte e. 
ac tuo Et fecundo ladiuerfita del caldo naturale idiuerfi membri 31 



corpo fegenera più pelli in uno Iuoco cB in altro • Diciamo adùcjf 
ebe qtro fono ligr adi del caldo naturale noftro Ilprimo e, molto de 
bileÒC quefto e, fufficiente agenerare lipeli nel capo elepalpebree 
Iipelli delle ciglie*Ilfecundo grado e mi puocbo più forte & acuto e 
gita e, f uff iciète agenerare lip e li eh Tòno circa lej>te de tutoilcorpo 
dalla gola ingiofo ciò e lipeli dbefonnofotto lebraccia«8c lipeli del 
petenecbio nientedimeno quefto, non f aria fufficiente alla genera 
tione cF peli dela barba Jlterzo grado e. molto maggiore ebuie 
ne da grand* reflexione alle parte delle maxille ;ÒC quefto genera la 
sbarba manon e *ancbo fufficiente d* idure caluitie f e non fe acuilìe 
e fortifica più e quefto e ilquartro grado cjuàdo tato fc fortifica cf>l 
defic cai aparte anteriore del capo e falbuomo eflfcr caluo, Aduncg 
lbuomo caftrato percbebafolo ìlprxmo eilfecundo giado emanca 
del terzo e del quarto* lmperbo f e può generare capili nel fuo capo 
e pelli nele altre parte del capo inferiore ma non può effer barbato 
,ne anebo efler caluo* 

PERCHE laf emina non b a barba ne anebo none.calida» 
SIMILE cafione fe afigna aquela de lbucmo caftrato ebe lafemina 
ba ìlprimo elfecundo grado dela cuita del caldo naturale e maneba 
del terzo e del quarto e fe pur aleuolte fe ritrouaffe qualcbe f emina 
barbuta feri a fegno cF grà calidita.e ebe tal feminabarebbe ilterzo 
grado, manon ìlquarto grado cb e induceffe inquella caluitie, 
PER CHE lbuomo caftrato e lafemina banno ilcaldo naturale più 
r-emififo e* debile ebe lbuomo ebenon e caftrato 
ELC ALDO fe fortifica nelbuomo ebe non e caftrato per reflexiòe 
/ua alitefticuli.Vndelitcfticulifonno uno obftaculo douercuerbe 
xa- ilcaldo del cuore*8c iui uniendoffifereflecle alle parte defotto et 
poi lelTo cuore fefótifica «Non bauendo adunqj lafemina tefticuli 
exteriori e fimilmente lbuomo caftrato Illoro caldo naturale nó po 
:b auere tal reflexione d a cffi tefticuli alcuore et culli no n fe fortifica 
nela fua minerà , ma fpargeffi ale parte if eriore 8c ileado difperfo 8c 
: TnoIto più debile cbel unito ^ 

-PERCHE ì lbuomo prima f egenera licapili e lcciglie elcpalpebre 
:& poi infucceflo dt tempo fe genera lipeli fotto lebraza 8c nel pete 
nccbio:5c dapoi anebe in più procedo detempo fegenera labarba, 
6c poi ultimo douenta caluo : 

ELC ALDO naturale nel principio del nafeimento delbuomo e »fo 
pito 6c fuffocato neh bumidita del corpo ebe albora e molto granct 
ict ebe e molto debile lmperbo non e fortefenon nel primo grado: 
Et improcefto ditempo feuicne addeficcare tale bumidita ebe nó e. 



tana anta Se e, ilcaldo naturale più aceti to e forte 8c aequifta ilfccùdo 
grado e impro ceffo ditempo anche più fedeficca tal bumidita ÒC cò ■ 
fequenter piufe acuifle e fortifica effo caldo naturale e cufi aquifta 
ilterzo grado Vltlo dapoi minoràdofi tal buidita e fctificàdofi ìlcal 
donale fc genera ilqrto grado eh iduce tata decita cB induce calui 
tie Et bécbnelauecbiezza f egenera caluitie 5c labàbaqdo ilcaldo 
naturale e molto debile & remifìo j>refpe<fto del caldo ebe , e. ftato 
nellcaltrc etact precedenti. Nientedimeno e, forte nel terzo 8c quar 
to grado già dichWndebene dbel caldo delputoo,ucr infante fia 
più forte infi cbel caldo del uechio pur nietedimcno ilcaldo del put 
e.fuffocato da molta bumidita fiche non può operare fc non laope 
ratione del primo ouer del fecundo grado* Et ilcalore ctl uechio cb 
e. molto più debile perche e congioto cum gram ficcita laquale acui 
fle e fortifica laoperatione dequella enffendo infeco lima del caldo 
Impero fa operatone ilcaldo del uechio del terzo o .uer del quarto 
grado che non può fare ilcaldo delputo benché fia più forte Et 
perqueftamedefima cafione appare che bemchc una fàciulla o*ue . 
re una f emina giouene habbia ilcaldo naturale più intéfo e forte cB 
lbuomo uechio niétedimeno generale barba 8c caluitie nelhuomo 
uechio SC nientedimeno non fi può generare nel a f emina giouene 
per quel medefimo modo e rafione che e ftato n arrato nel precede 
te quefito 

PERCHE non fi genera labarba nela fronte 8c nei pomoli dela fa 
zia più tofto che nel mento 8c nelc maxille cuflfi come de rafionc do 
ueria nafeere £cbe ìifronte e più apreflo dela reflexionc cbefailcal 
do 31 ccrebro: Vnd* doucria reccuerc più fumofita che altro luoco 
dela fazia 8clipomoli dele guanzie hanno leporrofita agte per le 
quale poflono pattare lifumi che afeendeno deche doueriano effer 

pllofK 

LANATVRAnò intécP deformità nela facia et lbuomo. Imperho 
non rcuerbera lafumofita del capo ala fronte perche feria ftato tro 
po Sforme cof a agenerare lipeli nela fronte ma lireuerbera aluoco 
che e più conueniéte afaluare labelleza & quefto e illuoco dele ma 
xille & del mento Joue etiamdio ba f aclo quefto efla natura p fare 
diferetione tramafebio eia f emina. Anche più drita reuerberatiore 
edefuxo dalateftaingiofo almentocba £ obliquo ala fronte & e tia 
nel fronte e uno otto molto grò (Io do u e non può molto penetrare 
le fumofita ♦ VncP per tucìe quefte cafione lafronte cV lhuomonon 
e .cuffi pilof a Et ùmilmente lipomoli dele guancie nò fonno pi 
lofi percB non fonno aldritò SU chcìa reuerberatòne ma alobliquo 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



Et anche eflì pomoli fonno tanto rari & aperti nele porrofita fuc eh 
non fe puono retenere efifi fumi ma exatano fuora Etp qucfto noi 
tiedemo che alcbuni ruttici che non hanno cufi leporrof.ta dipomo 
li aperte fonno pilofiin quei luo chi* 

PERCHE Ipelidele agile crefeono più nei uecbi ebencigioueni, 
ELFVMOd* chefegenera ipeli dcle c gliepaffa per legion ture die 
offa eh fonno iui. E perche effendo Ibucmo giouene quelle giontu 
re fono pm cbiufe e più cógionte g lburmdo ci' quelle parte che abu 
da in quela etacF Impeibo non può efto fumo liberamente penetra 
re per quele gionture Diche nela giouentute non puono eiìer lipeli 
dele ciglie tropo Iongbi Ma nela uecbiezza lbumido diquele gi 
onture e più defecato : VncF lcoffadiquele fon più dittante c confe 
quentemente può più liberamente penetrare elfo fumo alle ciglia 
e perho fi prolonga ipeli d' quei luochi nella uecbiezza ♦ 
PERCHE tra tutti gliammali folo Ibuomo douenta caluo, 
ELCAPOd* lhuomo e de più rara compofitónc 8c e* manco carno 
fofic confequenteméte più facilmente ex/iccabile che ilcapo dogni 
altro anim ale bruto che e , più carnefo e più denfo e pien et humidi 
ta uif cof a de Impero non e facilmente exficcabile Vnde perquefta 
non può incorrere icapi loro caluitie comeilcapo di.bucmo. 
PERCHE leparte della fcbinaneglianimali bruti fon no più pilofe 
ebe 1 eparte delpeclotÒC nelbuomo e ìlcontrario ebe lepaitc pecflora 
le denaci fonno più pìlofe che leparte delafchina dedrietOr 
LANATVRA prudètiffima in ogni fua operatione continuameli 
te minuiflfe leparte che fonno expofite alli nocumenti exteriorid > et 
fenfione più chelapuo e perche lafcbin a delanimale bruto e expofi 
ta più auenti fredi 3c caldi che leparte cPl pedo Imperho ha f atto li 
peli nela fchina adef endere quelle parte da dieftì nocumenti 8c àebo 
ado adiuta che fumo continuamente afcend > ale parte fuperiore le 
quale fonno leparte delafcbin aneli animali bruti. Manelhuo 
mo Taparte anteriore del pedo e di uentre fi e più export a alli nocu 
menti extnnfeci che lap arte pofteriore Imperho manda lanatura le 
fumofita generatiue dipeli alle parte anteriore come aquel Iuoco cr> 
pm ha bifogno di tutela ficd'fenfione E anche leparte pofteriore cfl 
lhuomo non fonno fituate nella parte fuperiore del corpo come fo 
no quelle di animali bruti. Imperho non afcendnocuffilefumofita 
a quelle parte come fanno nei ditti animali . 

PERCHE alchunihuomini hanno lipeli del corpo negri alcbuni 
bianchi 8c alcuni daltro colore* 

SECVNDO ladiuerfitadefumo che e*materia ctlaqualefigenera 



ilpello 8cfecundo Iadiuerfita 31 caldo che h tu a tal fumo alle parte 
cudtanee fe diuerfifica icoloti dipeli ne lbuomo .unde quàto ìlcaldo 
e più forte tanto e più poflfente ad elleuare fumo più groffo & terrei 
te e fufeo Se confequentemente fegenera ilpelo negro .Similmente 
elTendo ilfumo terreftedifuanatura come e,nela complexione ma 
lenconica o *uer adufta generaffe ilpelo ofufco e negro . Vnc? decio 
appare che una generale cafionec? magiorenegreza dipeli e, gran 
de aduftione del fumo: che e»materia dellaquale figencra eftipeli* 
6C fimilm ente per le contrari e cafione ^pueneipeli bianchi :leqle 
fpetialmente fono tre*Prima e qdo lacute e .bianeba ne Ibuomo cb 
daqla fi lieuaun f umo biàcbo generatìo dipelo biàco datocb età* 
da tuto ileòpo fe lieui e fumi e cb cji fufifeno negri e adufti m efcole 
riaffe dicfti fumi cu ìlf umo biàco dellacute e douc ferii nafciuti peli 
altuto negri fegenererinno peli tra ilbiaco :& negro cioè et megio co 
lore* Quando adunq? ilfumo delacute & ilfumo cP tutti gliatn men 
brife concordano in bianchezza fano ipclli molto bianchi 8c qu?n 
do m negra fanno ipelli molto negri e (elfe d^feordano fanno jpcli 
tra bianebo elnegro:mailpiu forte ulce 6c tira più ilpelo slfuo colo 
re» Lafecunda cafione e. exficcatione delafubftantia del pelo o 
uerprouegna dentro o.uerdifuora .percB quando lacofa e, più hu 
mida tanto appare più negra o.ucr uercF e poi effendo deficcata do 
uenta bianeba cufli nel pelo deficcato che Inumidita et ilfumo che 
erano fparti p lafubftantia cV eflo pelo lofaceano obf curo : et negro 
ÒCpoi deficcate rimane ilpelo più tranfparente e chiaro :VncP appa 
re più bianebo Laterza cafione e debilita cFl caldo naturale che 
lieuailfnmo perche eiTcndo debile fegenera molto fJegma tdalqle 
ferifolue e lieua un fumo biacho e aquofo e aereo ilquale ilcaldo p 
debilita non può adurerc ne frperare daquela ditta acuofita ne ae 
rieta deche naf eie ilpelo bì2nco:come accade neglihuomini uechi 
6C in alchunigioueni chehano ileapo molto fredotne iquali Tonno 
ipeli o . uer capili canuti : Vn3 labiancheza Speli cB proccd da qfta 
terza cafione e*uera canitie. 

PERCHE nei conualefcentì channo hauuta lf ga infirmita douen 
tano bianchi illoro peli 8c poi quando fonno reftaurati deuentano 
negri» 

LACASIONE giaeftatadita pcb nei cou alef céti-e, ft afa eff iceata 
lafubftantia diloro peli e Iumidita fua nutrimentale refoluta deche 
per lafecunda cafione fopradicla douentano bianchi m a poi reftau 
rando ditta humidita che inlipeli penetra uapori fumofi liquali lifa 
no offufchi e negri come Iacarta deficcata 8c bianeba e poi bagnata 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



dementa negra* 

PERCHE chi porta ncapodifcoperto&maximeftando alfoledo 
uentano bianchi iloro capili 8c e£ ileontrario cbiliporta coperti fò 
no negm . 

VNA medefima cafione d iquefto e . cum .quella th e (lata dita zoe 
per deficcatione dela bumiditafubftantiale del capillo* Vnct iquei 
c&portano ile apo dif coperto alfole fedeficcano e refoluero lifumi 
cBfonno nelafubftantiacFl capilo cbl fa cenano negro einqueicbl 
portano coperto tal fumo nò fe refolue E per qucfto appare lacafi 
one co ledonneftàno cum licapili fparti alfole zoe £ fare ebe doue 
tano biacbi ♦ 

PERCHE quei esportano il capo loro coperto douetanopiu tofto 
canuti eh quei cbel portano dif coperto . 

LI VAPORI flegmatici zoerefoluti dal flegma putrido quanto più 
fe retengono circa Ieparte dela cute tanto pm tofto fe accelera laca 
nitie e quanto più exbalano & efeono fuora:tanto più f e retarda 
PercB aduncp 'nela copertura d'I capo tali uapori non poflbno cuffi 
ben exb aliare come eflendo ìlcapo dif coperto Impcibo apparelara 
Tione del quefito, 

PERCHE Ilfumo delfupbureinbiancba icapilli* 
ELS VLPH VRE deficca 8c fottiglia ilfumo grotto e opaco ebe era 
fgto p lafubftantia del capi Ilo deb douenta bianebo. 
PERCHE folo Ibuomo fra glialtri aniali e ìlcatiualo douetano ca 
nuti 8c pur doueriano anco glialtri animali douétare canuti fc laca 
nitie ^pcede da debilita del calore naturale p Iaquale fegenera mol 
to flegma -Douetando adunq? glialtri ammali uecbi come Ibuomo 
eilcaualo manca ilfuo calore naturale & confequen temente fe deb 
be generare flegma affai* Per corruptione delqualefi dourebbege 
nerarc Iacanitie, 

LHVOMO e di molto luga uita perrifpecfto degliatri animali:Vn 
de per lugbeza di tempo fi uiene molto admintiire e debilitare ilcal 
do fuo naturale anci eh Iafua uita fe extingua.Imperbo e molto pùi 
debile ìlcaldo n aturale de Ibuomo uecbio atanto per tanto ebe ilcal 
do cFglialtri animali ebe formo cY breue uita .Percbe ilfuo caldo na 
turale non f e pofluto molto forte infi brene tempo dcbilitarfe:ctcr> 
non fegenera tanto flegma intali animali altempo c? laloro uecbie 
za come ne Ibuomo uecbio et confequentemetc non fe putrefa nei 
loro capi flegma :per laqualeputrefationebabbiaffi agencrare cani 
tie e . quella e una cafione* L altra cafion c* cbel caldo 8 Ibuomo 
c molto paffibile e ilfuo offo e molto fottile 6c ba molta quantitate 



del ceruello arifpe&o dela fua quantità del corpo in comperatione 
aglialtri animali decbe. molto piubumido e flegmatico e più tofto 
tal flegma putrefattibile Ma negli altri animali lofio del capo c.du 
ro e.grotfo ài banno poccbo ceruello non molto bumido cbe e«bé 
difcfo e proteso da lotto fuo :Imperbo non f egenera tanto flegma 
ne fiputref a : VncP non fe produce canitie in quei Et per queft a 
cafione appare cbe ben cbel caualo fia d* poca uita ba niétedimeno 
aliai cerebro 6C ìlfuo olio molto debile e raro e p allibile decbe nel 
capo fuo figenera flegma aflai e putrefatte decbe in effo figenera ca 
nitie Et per quefta medefima cafione etiam appare cbebencbe 
loelepbantefiad* lunga uita nientedimeno eflendo loffo di fuo ca 
po duro epocopaflibìle e ilceruello fuo pi colo cum pocabumidita 
bem defefo dal fuo offo imperbo non deuenta canuto « 
PERCHE più tofto douenta canuto in Ibuomo ilcapo cbe in leai 
tre parte» 

L ACASiONE dicio e. cbel capo e più bumido cbe nefuna altra pa 
te e i etto fe congrega più fuperf luita f legmatice- 
PERCHE douentano prima canute leteixpie cbelealtre parte del 
capo :e poi leparte denan ci : & tertio 1 aparte poft criore e quarto & 
ultimo leparte del petenecbio, 

DOVE.epiubumido flegmatico e manco calore naturale iui fege 
nera più tcfto canitie comc.eftato di&oEtpercbc ncle parte tem 
corale emanebo caldo naturale cbe nele parte anteriore 8c etiam 
ledile parte fon più bumide effendoli alcbuni lacerti carnofi eie 
parte anteriore fon molto ficee per rifpecto aquelle: di hanv.o mol 
to più calore e fpirito naturale Oc etiam dide parte temporale fono 
piubumicF cb leparte pofteriorclmperboquele parte più tofto do 
uentano canute» 8c bi cbe laparte anteriore 5 1 capo babbiapux 
caldo n aturale cbe lapoft eriore nientedimeno e molto più bumida 
8 bumidita putrefibile cbe lap arte pofteriore dellaquale lbumido 
fuo e più uifeofo e manebo putref agibile & c(fa etiam manco palli 
bile Vnde più tofto douenta canuta laparte anteriore cbelapcfteri 
ore -E lacafione cbe leparte dlpetenecbio ultimo douentano carni 
te da poi leparte del capo te ftata di&a ne laltro quefito . 
PERCHE in alcbuni buomini fonno Iicapilli crefpi 8c I alcburJ fo 
no licapìlli piani* 

TRE fonno lecafione cbe f ano Iicapilli crefpi prima c calidita e fic 
cita cbe defecando lafubftantia di capillo krefpa & exafpera quel 
lo come appare nela carta membrana demoftrata alfuoco. Lafe 
cunda cafione e .quando Iaporrofita dela cute e tortuof a decbe paf 



(andò ilfumo etilcapfloper quela douenta tortuofo e crifpo. L a 
terza cafione e'quando leporrofita dela cute forino molto fpiffe Se 
ftrettc : Vn3 f egenera elcapilio molto exile e f aerile fiche laparte in 
feriorc non può fuftinere laparte fuperic re de efl'o capillo decb fe 
llc&e e douenta torto e queita cortuofita proccd' nel capo eh e mol 
tofrcdoÒCbumido. Etper Iecafione contrarie procede nei capii 
liplanitic e lenita come apare decorrendo m quelle. 
PERCHE Icapilli refcaldano ìlcapo eflendo dipanatura fredi 
eficci cfimilmente tofto fe accendeno* 

ELCAPlLLO rei calda ileapo accidentalmente Iquanto reuerbera 
eretienc ìlcaldo naturale d'I capo ftretto e unito come fa leuefte cB 
fonno atorno ilcòpo . Tofto fe accendeno e fe refcaldano percB 
formo de fubftantia fottile* 

PER £ HE Ica P iUi piani8c molli fignoccfcc Ibuomo ctimorofo c 
icapilli crefpifigno ecFbuomo audace* 

LAVDAC E procede da complexione calda e ficca come la timidi 
ta da compiendone freda e bumida:E perche lacrcfpitudmc di capi 
li procede per lapiu parte de calidita e ficcita elaplanitie di capilli 
da frigidità e bumidita:Imperbo glbuomini che hanno icapilli ere 
fpi fonno ìlpm deleuolte audaci e collerici te quei ebe libanno pia 
m fonno timidi c de complexione flemmatica, 
PERCHE lbuominì ebe banno peli fopra dela febìna fonno auda 

LlPELIdcla f china procedeno da calidita cTcuore laquale fa euapo 
rare ilfumogeneratiuo di pelli aquelle p arte :lmpei ho prouegnen 
do laudacia dalacalidita del cuore ta Ibuommi fono audaci, E fu**iÌ 
mente fignifica quando Ibuomo e pilofo nel pecìo bencb più auda 
eia lignifichi etfer pilofo nela febina che efler pilofo nel pe#o:per 
ebe non nafie peli nele parte ctdneto fe non p grandiflima calidita 
PERCHE quando Ibuomo e, molto pilfoncl uentre e «molto luxu 
riofo . 

LALVX VRIA procede da calidita # tcfticuli e delle parte genita 
le p laquale calidita fi lieua molti fumi c?cn fe generano nel uentre 
molti-peli VncT lamoltitudine di peilnel uentre fgnifica grane? ca 
hdita nclc partegenitalc laqaale fa Ibuomo edere lìbidinofo : 
PERCHE quando Ibuomo e. pilofo fopra lefpalje e ilcolJo fignifi 
ca dementia e obftinatione nel mal fare, 

LADEMENTIA&obftinatoneprocecfdacomplexionemalama 
lencomca facla decollera adufta,VncV tali buomini melenconici, 
paduftionccF collerafonno dementi cobftinati;E perche lagene 



del ccruello arifpe&odelafua quantitadel corpo in còmperatione 
aglialtri animali dec& e, molto piubumido e flcgmatico e più tofto 
tal flegma putrefacìibile Ma neglialtri animaliloffo del capo e.du 
io e .groffo & banno pocebo ceruello non molto bumido ebe e*be 
dif efo e proteso da lofio fuo tlmperbo non f egenera tanto flegma 
rie fiputref a : Vnd* non fe produce canitie in quei Et per queft a 
cafione appare che ben cbel caualo fia cF poca uita ba niétedimeno 
affai cerebro 8C ilfuo offo molto debile e raro e p allibile deebe nel 
capo fuo figenera flegma affai e putref affé deebe in effo figenera ca 
jiitie Etper quefta medefima cafione etiam appare ebe benebe 
loelepbantefia cF lunga uita nientedimeno eflendo loffo di fuo ca 
po duroepocopaflibife e ilceruello fuo picolo cum pocabumidita 
bem defefo dal fuo offo imperbo non deuenta canuto. 
PER CHE più tofto douenta canuto in Ibuomoilcapo ebe in leal 
tre parte» 

L AC ASIONE dicìo e. cbel capo e più bumido ebe nefuna altra pi 
te e i effo fe congrega più fuperf luita f legmatice. 
PERCHE douentano prima canute letempie cbelealtre parte del 
capote poi leparte denancitòc tertio lapartepofteriore e quarto & 
ultimo leparte del petenecbio. 

DO VE, e piubumido flegmatico e manco calore naturale iui fege 
nera più tcfto canitie comete flato diftoEt perebe nele parte tem 

f>orale e.mancbo caldo naturale ebe nele parte anteriore 8c etiam 
edi&e parte fon pm bumide effcndoli alcbuni lacerti carnofi eie 
parte anteriore fon molto ficee per rifpecìo aquelle: 6cbanro mol 
to più calore e fpirito naturale 6c etiam di&e parte temporale fono 
più bumid* eh leparte pofteriore Jmperboquele parte più tofto do 
ucntano canute» dcbl cbel aparte anteriore et 1 capo babbia più 
caldo naturale ebe lapofteriore nientedimeno e molto più bumida 
cY bumidita putrefibile ebe lap arte pofteriore dellaquale lbumido 
fuo e più uifeofo e manebo putrefattibile 8c effa etiam manco paffi 
bile Vnde più tofto douenta canuta laparte anteriore cbelapofteri 
ore. E lacafione ebe leparte 51 petenecbio ultimo douentano carni 
te da poi leparte del capote ftata dieta ne laltro quefito . 
PERCHE in alcbunibuomini fonnolicapilli crefpi 8claIcbunifo 
no licapilli piani, 

TRE fonno lecafione ebe f ano licapilli crefpi pnm a e candita e fic 
cita ebe defecando lafubftantia eli capillo krefpa & exafpera quel 
locome apparenela cartamembrana demoftrata alfuoco. Lafe 
cunda cafione c. quando laporrofitadela cute e tortuofa deebe paf 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



fando ìlfumo et ilcapilo per quela douenta tortuofo e crifpo. La 
terza cafione e quando 1 eporro fita dela cute forino molto fpiffe 6c 
ftrette:Vnct fegenera clcapillo molto exile e fottilefidbc laparte in 
fcnorenonpuoruftincrelapartefuperiGredeeflo capillo deco Ce 
f lede e douenta torto e queita rortuofita proccd' nel capo cb e mol 
tofredo ÒCbumido. Etper lecafione contrarie procede nei capii 
lipianitie elenita come apare decorrendo m quelle, 
PERCHE Icapilli ref caldano ilcapo eflendo dipanatura fredi 
cucci e fimilmente tofto fé accendeno* 

ELCAPILLO ref calda ileapo accidentalmente Iquanto reuerbera 
e rctiene ilcaldo naturale cPl capo fbetto e unito come fa leucite eh 
fonno atorno ìlcópo . Tofto fe accendeno e fe icfcaldano pcrcB 
forino de fubftantiafottjle. - 

PER £ HE Ica P llli P iani & molli figno e ebe lbuomo e. timorofo e 
icapilli crefpifigno ecf buomo audace» 

LAVDACE procede da complexione calda e ficca come la timidi 
ta da compiendone freda e bumida :E perebe lacrefpitudme di capi 
h procede per lapiu parte de calidita e (itati e laplanitie di capic- 
ela frigidità e bumidita:Imperbo glbuomini ebe banno icapilli ere 
fpi fonno ìlpiu deleuolte audaci e colleriche quei cbelibanno pia 
ni fonno timidi e de complexione flegmatìca. 
PERCHE lbuomini ebe banno peli fopra dela febina fonno auda 
et, 

LIPELI dela febina próccdcnó'da calidita cTcuore laqnaìe fa euapo 
rare ilfumo generatilo di pelli aquelle parte:lmperbo prouegnen 
do laudacia dalacali'dita del cuore ta Ifcuomini fono audaci;E f.mil 
mente fignifica quando lbuomo e pilofo nel pecfto bencb più auda 
eia figntficbi eOer pilofo nela f cbina ebe effer pilofo nel pecfto :per 
ebe non nafte peli nele parte ddrieto fe non £ grandiflima calidita 
PERCHE quando lbuomo e. molto pilfoncluentre e ♦molto luxu 
tiofo. 

LALVXVRIA procededa calidita <? tefticuli e delle parte genita 
le p laquale calidita fi lieua molti fumi cFcft fe generano nel uentre 
morticeli VncT lamoltitudine di peilnel uen tre lignifica grand ca 
Ififita nele partegenitale laqaale fa lbuomo edere libidinofo: 
PERCHE quando lbuomo e, pilofo fopra Iefpalle e ilcollo fignifi 
ca dementia e obftinatione nel mal fare, 

LADEMENTIA&obftinatone procedi dacomplcxionemalama 
Icnconicafacla decollera adufta.Vnd' tali buomini melenconici* 
P aduftión e collera fonno dementi e obftinati:E perebe lagene 



■ 6 



ria e non può effere prudente :E Ibuomo ebe non ba eminentia ne 
laparte anteriore manca de iudicio e intellecìo E cbi nonba alcuna 
eminentia ne denaci ne dedrieto manca de intellecìo e de memoria 
e prò portionalmentelealtre figure retrouandoffi fono difeonueni 
ente alle operatione et effo capo* 

PERCHE quando lafronte cVlbuomo e. grande fignifica Ibuomo 
declinare ad ftultitia , e* lafronte piccola li fignifica bontà de intel 
lecìo. 

NELLA fronte uno offo molto groffo doue non può per lafua grò 
fiti a penetrare ne ben euaporarelefumofita del capo per quel Tuo 
co :Imperbo quanto lofio dela fronte e . magiore tanto più porbibif 
{ e eh laparte anteriore del cerebro non (e mondificbi dale fumof ita 
cB afcédeno pebocupano molta parte dela comiffura denaci: Vnde 
atal buomo lifuolata il ceruelo per turbulentia cb receue lifpiriti de 
quella parte dale did:e fumofita*E per quefta rafione lbuomo ebe a 
lafronte molto canorfa e . de iudicio nò tropo bono perebe nò può 
liberamente refpirare fuora lifumi cF quella parte 4 Et anebe ne 
lafronte grande lifpiriti non ftano quieti bau en do gran luogo ma 
femoueno mo da una parte mo da laltra deebe tal buomini fonno 
cP molta f antafia e fe mutano fpeffo de opinione e propofito . Et 
per locontrario cbiba lafronte picola o uer poca carnofaba piufta 
bilita e fermerà de iudicio poffendoffi meglio mondificarelefumo 
f ita dala parte denanci .E anebe nela fronte picola fta più in ripofo 
liTpirti non mouendoffi agran diftantia da luoco a luoco come face 
ano nela fronte grande» 

PERCHEilcollo gtoffo .e, più laudabile cbel colo fottile. 
VN membro ebeba principio e origine dal altro fc afimiglia aquel 
lo inbonta e malitia de lcfue operatione bauendo aduncp origine il 
collo e lifuoincrni e offa dal cerebro 8c effendo groffo e uigorofe de 
uiuo colore fignifica cbel capo doue ba origine ba 1 auirtu forte ebe 
tira molto fangue e nutrimento adfi e atucìc laltre |>te ebe naf cono 
da quelotEtfimilmente efigno cb lauirtu generattua fu forte nel 
capo agenerare quelle parte Et fopra dicio ebe glifumolta mate 
ria laqual fudebitamente rcgulata dala natura. Anebe quando 
ilcollo e > groffo de uiuo collorefcgno e. ebe linerui ,e .offa fonno 
groffi e eonfequentemente ilfubftentaculo del corpo e «molto 
forte in modo ebe tal corpo fi può mouere facilmente: e ben exerci 
tarfinc mouimenti corporei ebe qdo ilcollo »e*gracìle linerui e lof 
fa ebe fonno fundamento del corpo fonno menuti e debili ad ogni 
exercitio e f atieba Et nota cbefel collo groffo fuffe pallido nò fi 



\ 



gnificaria latiirtu effer fòrte ma fignirìcaria moltitudine <P materia 
ìaquale nò ba poffuto regulare lanatura*E fimilmentefe curri lagro 
feza del collo tulle laparte potleriore del capo mal figurata zoe cK 
non bauefle quel la parte figurata in modo duno.fctte perabacbc 
come etilato diclo non figmficaria fenonba bondantia di materia 
e non forteza di uirtu* 



ERCHElanaturaba fatolocbio 3 fredae^bumida com 
piccione proportionato al elemento de laqua e non acquei del fuoc 
bo delaiere ,o.uer aquel delaterra* 

LOCHIO debe effer cbiaro di natura dyepbana e trasparente felci 
be efferc inftrumento (ufficiente aluedere Jmperbo non puote effe 
re denatura terrefte offufca*AncB brfogna locbio effer di natura cB 
ref cruaffe alquanto lefpecie dele cofe uifibile e ebe in quello fe reti 
gncfleno e non fe defundeffeno e anicbilaffeno lmperbo non può 
te effer di narura aerea ne ignea perebe laiere e ilfocbo nò poffono 
retegnire lefpecie Ci immagine dalcbuna cofatfu bifogno adunqf 
effere locbio de elemento non tropo fottile ebe non poteffe retcne 
re lefpecie uifibilc come c^lfuocbo e 1 aere ne anebe di natura trop 
po grolla, e offufea come, e . latera «Fecelo adonq$ Janatura di com 
plexione aquatica adeio cbel fuffe cbiaro e dinatura alquanto giof 
fo adretencre effe f pecie uifibibe. 

PERCHE quelbuomo ebe bagliocbi grandi e pigro di natura 
Lapigritia procede da complexione freda e bumidatcomefonno li 
flematici e percb gliocbi grandi fignificano babundare multitudle 
di materia flemaclica nel corpo cflendo effi ocbi denatura freda et 
bumìda come e dato ditto :Im cjbocbc tali ocbi fignificano pigritia 
PERCHE uedeno melglio gliocbi profondi e concaui ebe gliocbi- 
defora eminenti 

QVANTO lefpetie uifibile delle cofe uifibile più fe unifeono nel 
ocbio ttanto meglio reprefétano quella e confeqentemente feuede 
no meglio epcbnelocbio cocauo feunifeono tal fpctie uifibile mol 
topiu ebe nel ocbio eminente Impbo ued* meglio et e più laudato 
quanto aluedere locbio prof undo e còcauo ebe locbio ebe e pollo 
defuora* 

PERCHE gliocbi profundi e concaui fignificano lbuomo effere 
traditore e timido» 

LHVOMO calido efecco di natura cmalitiofo eproditore quan 



6 



do tale candita e decita procede da aduftione de collerajpercbe tal 
natura e, molto catiua elTcndo participeuele de bumore melencom 
co e collerico .clan atura de Ibumore melenconico fie de fare timi 
do lbuomo e lanatura de lbumore melenconico generato per aduf 
tione 3 collere fie et fare lbuomo catìuo afare ognimale fe nò teme 
fe .Imperio tal huomo (copre còtinuamenreil male che lui f a:Vn 
dee.proditore e deceptorc perche quefta elanatura del traditore a 
fare male e credere cF non cfler ueduto E perche gliochi profon 
di e piccoli non fonno fe non per paucita de mareria cB fignif ica fo 
pra laficcita del corpo e confequentemente denota tal huomo effer 
di complexione melcnconicate quella profundita ,pcect da calidita 
et* complexione cflendo cTraf ione d* caldo adaprire lignifica adon 
que tale complexione edere menlenconica p gram calidita adufti 
ua deche tali huomini fonno proditori e timidi 
PERCHE quel huomo che ha gliochi de fuor a tropo eminenti e* 
inuerecundo loquace e ftolido. 

EL non hauercuergona e laloquacita e lapazia non procedeno fe 
da catiuo iudicio dele cofe Vnde quando alchuno non ludica bene 
nonnina cof a e,ben*o .male dieta tal e, inuerecundo perche clnon 
conficfra quello che ha aconfiderare.E tal huomo etiam e loquace 
perchcncl fuo parlare non confiderà quello che ha adire E per 
che ha gliochi tropo fuora eminenti aduicnc molte fpecie cF diuéfe 
cofeuifibile per lafua grande eminentia Tmperho non poflono ir.fi 
poco tempo de tante cofe iudicare e confequentemerte parlano di 
quelle fenza bon iudicio Vn altra rafionc dicic e che tal huomo 
nò ha bon iudicio perche ileapo fuo abunda nel anteriore parte del 
capo de grande humidita che inpediiTeiliudicio cF lintclleCÌo VnéT 
effendo gliochi di natura freda e bumida & etfendo gradi 8c emine 
ti fignifica moltitudine de materia freda e bumida nela parte dena 
ci del capo* 

PERCHE Ihuomo che a lapupila de lochio molto negra e*timido 
TIMIDITÀ proceS da frigidità cF complexione come e ftato dicto 
e perchelapupilla negra de lochio fignifica complexione frigida e 
bumida come qui defotto narreremo :Imperbo tal huomo e naturai 
mentetimido. 

PERCHE alcbuniocbi fono bianchi: alcbuni negri OC alchuni da 
Itro colore. . 

LANATVRAha facto lochio d' fette tuniche OC tnbumorwSctte 
tuniche dico fecondo uario nome ma pur fereducorio aquattroreal 
mente diuerfe:Vnde inmaginamoci otto fcutellc didiuerfa magni 



\ 



tu dine c le due più grande chiudano lebocbe fue luna cum laltra e 
le due altre un poco miorefimilmète referrate Ciano itclufe e circo 
date da quelle duemagiore e anebora due altre alquanto minore fi 
ano interclufe e circundate da quefte due magiore e. àebora due al 
tre alquanto minore fiano interclufe e circundate da quefte fecur.d* 
come lefpogliedela cepola : cufli immaginare debiamo efferecom 
pofto locbio delle fue tuniche e difuoibumon E ulto leduc altre 
etia mlorefiano VkluU e circudate daqfte due p còftituire iluedcrc 
nelanlalc Laprla tunieba 3 locbio e chiamata cong iotìa & eh ma 
giorecbifi còti en e tute le altre e tuta lafubftatia cìlocbio fecegioge 
fuor a qlo negro ci apare nelocbio cblinò fé extict e ba ilfuo princi 
pio dal panniculo cb cuopre lofio ctl capo defuora chiamato almo 
catimVncFp quefta tuniebafta ocbio ligato efufpenfo alcraneo 
Lafecunda tunieba fecundo laparte denanci fé cbiama cornea i 
colore cFl corno duna lanterna e nella parte d'drieto fclinctica zoe 
dura e fpifla e bencbbabia dui nome nientedimeno ronefenon 
una circundata dalla prima già dieìa fecundo tutte le Tue parte de 
fuora quella den anzi che e difeoperta dala congiontiua:5c bafua 
origine ebe e Imediate fotto lofio del capo ebe e cbiam ato dura ma 
tre :8c per quefta tunica feliga locbio etiam al craneo come e flato 
dicìo della cògiontiua* La terza tunica cbiamatfe nele parte de 
nanze uua negra perebe fe aftomiglia al grano de luua:6c ne la par 
e poli: erlore fecundina zioc in modo del p anniculo ebe inuolge la 
creatura nel uitre della madre SCnafce dal pannicolo ebe inmedia 
te cuopre la fubftantia del cerebro chiamato pia mater, &per que 
fta tunica fta ligato locbio Se fermo al capo. La quarta tunica f e 
cundo la parte etnanzi fe cbiama aranea perche e ì modo duna tela 
di ragno 8c fecundo la parte pofteriorefe chiama rcttina in modo 
duna rete facìa & bafua origine da dui nemiche fe chiamano ob 
ticitliqualiYeingroffano ne la parte anteriore del capo:6c uno uic 
ne aduno ocbio 3c laltro a laltro & da quelli fe feparano alcbuni fil 
li fottili diqu ali fe teffe quefta tunica 8c etiam dalcbune uene 8c arta 
ne* Vltra <F quefte tuniche lifono tre bumori Elprimo e chiamato 
bumore albuginco fato amodo cT una chiara douo pofto tra latunì 
cbaareneaclaeorncaficb circundalatunicba chiamata nualaqual 
Vueanodainquelbumoretedapoidiquelbumorcglie latella ara 
neatSc dapoifuccecF ilfecundo bumore chiamato cristallino ilqual 
^•laprincipaliiTima parte de locbio pofto precife in mogio come ql 
lonelqualefcpioduceiluedere:6Ce,fahoinmodo dicriftallo luci 
do ìlquale da darita attuto locbio reuerberando ifuoi raggi al albu 



gineo come fanno liragì del fole nelaquaebe inducono unofplen 
dorè in quella Jlterzo bumore cfituato incontinenti daponlcnfta 
lino chiamato uitreo nelquale e«infixo ìlcriftallino come una geni 
maneloro Se. e» coperto ìlcnftallino fecundo unaptedal uitreo :e« 
fccundo Ialtra d/coperto e tra alcolore roCfo Quefte adoncp fonno 
tutte leparti che cóponono lochio Diciamo adoncp eh lauarieta 
deli colori delocbio fi fediuerfifica fecundo lauarieta de lbumore 
criftallino e fecundo lauarieta cV lbumore albugineo eh illuminato 
dal dicto criftallino elterzo fecundo lcdiuerfita delatunicba uuea: 
Quarto 8C, ultimo fecudo ladiuerfita di fpiriti uifibili. VncV qua 
dolbumore criftallino e, di gram quantità òc e. chiaro & e*pofto al 
le parte difuora et locbio apreffo allabugineo falocbio chiaro e bià 
co percb quanto lacofa cB illumina e magiore e. più chiara 8c apref 
folacoffacb e capace cFquel lume tanto fa più fplendore ,e*clarita 
Inquella. E ♦cuffi per ilcótrano quando il criftallino, e. pocho e»nó 
e.piu chiaro e*molto profundato e'diftante dal albugine falocbio 
negro e.offufco. Similmente quando lo albugineo e molto inc| 
tita falocbio non tropo lucido e bianco cufficome quando e. poco 
percb come ilfole fopra una grande acqua non può ^durre gra^ lu 
me ne fplendore tm a fi fopra una poca culli il criftallino no può bé 
illuminare lalbuginco quàdo atropo *m a quàdo e^pocolofa cbia 
ro.e.luminofo.Efimilmente quando lo albugineo e, di fua natura 
chiaro riceue meglio illume dal criftallino e, fa lochio più biancho 
ma quando c*di fua natura fufeo ncn c*capacede lume da quello 
ma remane tcnebrofo e fa locbio negro Quando fimilmètc latu 
niea uuea, e. fortemente negra fa locbio negro:*., quando e manco 
offufea locbio c«maco negro. Vltimo quando locbio abunda 5 mol 
ti fpiriti uifibili e. molto chiaro e» biancho 8c e . ìlcontrario quando 
elna pochi perche ilfpirito e, uno corpo molto fottille e - chiaro e lu 
Ccntet&C ilmenbro db e*priuato de fpirito rimane offufeo e tenebro 
fo Locbio adoncp che ha il criftallino grande e chiaro :elalbugi 
neopoco e chiaro e, pofto apreffo del criftallino e latunica uuea nò 
tropo negra e moltitudine di fpiriti uifibili e.bìàcbiffimo. e,lccbio 
c5 a tutte quefte cofe cetrarie e nigriffimo e. locbio che b alcbune et 
quefte cofe fi 8c alchun eno ba locbio 3 colore mediocre trai negro 
ci biancho l 

PERCHE li eryopi soebuomini negri hanno gliochi negri e doue 
ria eflfer ìlcontrario perche lhumore albugineo in quelli e .molto re 
foluto e paucificato deche p larafione fopra dieta debe effer più ilu 
minato dal criftallino e confequentementedoueria locbio efferpiu 



lucidio etiancotc ilcontrario 1 queli cbbabitano ncle regione rrect 
effendo lalbugineo molto doueriano eflerloro ocbi negri ma pure 
c.loppofito* 

PIV fa alanegreza de locbio latenebrofitadel criftallino:& albugi 
neo f acìa p diminutonc di (pinti uifmi c& non fa lapaucita et* lalbu 
gmeo allabiancbeza *E firn ilm ente più fa alla bianebeza de locbio 
laclarita cF quilli dui bumori cBnon fa lamoltitudine d* lalbugineo 
allanegrezaBcncbeadoncp neglbuomini negri cBb abitano nelle 
regione calagli fia paucita dalbuginco per laqual douenano effer 
biancbi nientedimeno -per il gram caldo di queiluocbi lifpiriti de 
gliocbi lonno molto refoluti ÓC mancati deebe molto, e, offufeato 
jlcriftallino:& albugineo & fonno fatti queftiduoi bumori tene 
brofi per mancamento cF fpinto Imperbo fonnopiu poffente le die 
te caf ione afare in quei locbio negro ebe non può qucla una fola 
afarli biancbi, Etfimilmente bencb neglbuomini dele regione 
frecF abondi lalbugineo per laqualcofa doueriano effere gUocbi 
loro negri: nientedimeno conferuandoffi lifpiriti cF gliobi per ilfre 
do circunftantc uieneno ad effer quei doi bumori cF gliocbi più 
fplendidi e,cbiari«VncF più puote lacbiareza del criftalino 6c al 
bugineo iqueibuomini allabiancbeza <F locbio ebe lamoltitudi 
ne della albugineo alla negreza. AncB gliocbi f e diuerfifica 
noi colore fccundo ilcolore dela cute nclbuomo cb glbuomini 
biàcbi bano gliocbi biancbi e. gli negri banno gliocbi negri* percb 
glibomini eh formo negri banno ìlfanguc fpeffo e,rurbido del 
quale nutricandoli]' gliocbi uiengono apigliare fimile colore alfuo 
nutrimento :Et. e ìlcontrarioneglibuomini biancbi nei quali ilfj 
gue»e,cbiaro:e.fplendido deebe gliocbi cb fc nutricano cY tale 
f ingue uegono adeffer biancbi e.cbiarn 

PERCHE 1 iputiin lafualfantia banno cliocbi biancbi:e fimìlmé 
te pebe ba Ibuomo gliocbi biancbi nella uecbieza e nella megia età 
ba gliocbi più negri* 

LAMAGIORE parte dela cafione del colore cF gliocbi e. ilcolore 
dela tunica uuca fecundo ladiuerfita delaquale molto fe diuerfifica 
ilcolore degliocbincla età cY Ibuomo, E perebe nela età dela ifan 
tia la uuea emoltobuida et bumidita aquofa e idigefta ebered* eia 
rita Ipoiqlla e£a*e, molto cbiara e.màco offufea e, poi Tpro ceffo di 
tempo fe confuma quello bumido e, meglio di^erendoffi uicne are 
mancreilgrofforefolatoilfottile deebe deuenta più negra, Et itcru 
in prò ceffo tanto feuieneadconfum are quel bumido ebe quafi total 
mente remane lafubftantia cFla uuea deficcata e. confequentemen 



te douenta effatunieb a molto manco negra come apare nel a' carta 
bagnata ebe. e. negra:Epoideficcata*e, biancba hquefto proprio 
esimile alcolorc delc fronde ncgaalbon cb inprmci pio fono cbia 
re e tranno albianebo per molta bumidita idigefta ebe abuncta tpoì 
douentano uerct et obfcuro colore uegncndotfi quela kumidita adi 
cerere e refoluendoffi ilfottile 5c ultimamente deficcate douentano 
biancbe. 

PERCHE gliocbi de glbuomini conualefcentì cb efeono fuora et 
ifirmitatrano abianco;Et poi Ipro cedo retornano negri come era 
no prima. 

L AC ASIONE (?zoc. quella medeflima ebe ftata ditta nella bian 
ebeza degliocbi di uecbi percb per laifixmita e. molto ctficcata labu 
nudità Cubftantifica della uuea. et ebe douentabianeba epoireftau 
randoili douenta negra. 

PERCHE glbuomini e licaualife diuerfificano più nei colori cTgli 
ocbì cb tutiglialtri animali ebe Conno cV unafpetie bano gliocbi co 
loratiadun modo, 

LACASIONE di quefto e, alquanto dicftancl altro capìtulo ebe il 
cerebro et lbuomo e ♦ del cau alo* e, molto paiTibilepcr laquale pafl* 
bìlita receue uarieta aflai deb diuerfi buommi e diuerfi cauali bano 
gra diuerfìta nei cerebri loro e ileerebro duno nò e f a&o come ileere 
bro et laltro, Cunciofia adòque cbegliocbi babiano fua origine 
dal cerebro confcquente cofa e. cbfediuerfificano fecundo ladiuer 
fit» d* effo cerebro Impero gliocbi nelbomo e nel caualo receueno 
uarieta e. diueCificatione tdoue neglialtn animali gliocbi fono uni 
formi e. Cimili neglianimali cP ura Cpctie percb ìlfuo cerebro non e 
molto pafibile6c confequètemente non fe diuerCifica ì quilli elcere 
bro come neglbuomini e, nei cauali* 

PERCHE locbio bianco uecF meglio allo f curo cb alcbiaro.e Joc 
bio negro fa ileontrario . 

QGNi forte mouimento dcftruifle&Tpaza elminore: e quefto noi 
uedemo per experientia ebe molla una preda icireuito nelocemete 
no cade quella preda perebe quel moto ucloce ìpedifle ilfuo mout 
mento alingLofo perebe adóqueilfortefplendido moue locbio bia 
co cFueloce moutmento dLfpargendo molto liCoifpiriti uifiuiiqua 
li Conno pur tropo difperfiintalocbio ♦Impero nclaierc molto lu 
eido locbio bianebo non può tropo ben uecfre* Ma nelocbio ne 
grolifpiriti uifiui fon uniti e.lbumido albugineo quafi fepre e.mol 
totVncF no può culti laiereluminofo mouere quello :e fortemente 
diCgregare lifoi fpir£ti uifiui deebe uede meglio tal ocbio nel forte 



lume Et nela tenebra locbio bt anebounife e, congrega Iifoi fpi 
riti uifiui lucidi Imperio e più poffente aluedere e'iocbio negro. il 
filale b a lifoi fpinti obumbràti, c« pur tropo uniti deebe baro bifo 
gno cP lume e*non bano bifogno de congregarfi più ebe fiano lm 
pero nel obfcuro ebe inturbida anche più & uniffe lifoi fpinti non 

Può ben uedere* 
ERCHE quàdo locbio guarda tropo nel foleto.uer una cofa tro 
po lucida fe debilita nel uederete . non doueria effer catti percb lo 
cbionon receue realmente lacofa cbeuedemafolo intentionale e 
fpiritualmente* 

ELTROPO lume fortigna e. refolue molto lifpiriti uifiui cb fono 
inftrumento sorgano del ucdere.Vnde ogni fimile fi ralegra del 
fuo fimile de Va da lui effendo adòque ilfpirito uifiuo lucido di fua 
natura falegra del lumeòc ef eie fuora aquelocome a fuo fimiletlm 
pero lifpiriti uifmi nel lume fe feperano dia parte dentro doue era 
no uniti e fi fpargeno alle parte defuor a deebe molto f e deblitano . 
Et anebeilume di fua natura fottiglia e. refolue lacofa laquale il'u 
mina, Potria adòqj locbio tato guardare lacofa tropo lucida cb tutti 
lifpiriti uifiui fe refolueriano cdouentaria cieebo* 
PERCHE locbio fimil mente fe debilita nel obfcuro aduegna ebe 
non tanto quanto nel tropo lucido come accacF nei carcerati longo 
tempo. 

ELTROPO obfcuro tropo unìfìfe lifpiriti come ìlmolto lucido tro 
po difgregatPotria ad5que tanto lifpiriti de locbio unirfe ebe deffa 
riafe eluedere e. lifpiriti fe anicbilariano. Cuflì come adonque 
come iltropodifgregare diurne et locbio dbilita iluedere cufli iltro 
po unire e, congregare* 

PERCHE quei ebe fònno ftati nel obfcuro non poffono poi guar 
dare ne lume: anci ne fono retrouati molti 3 tali buomini ebe fono 
accecati* 

VNA cafione de zo ♦ e » cb Ianatura nò fubftiene repetine 8c , fubite 
mutatione come fon qfte ebe del tropo obfcuro doue ba f ac'to gra 
mora fubito fe muri allucido,L altra cafione e ♦ ebe quei ebe fono fta 
ti molto tempo nele tenebre bano lifpiriti uifiui molto uniti 8c pau 
cificati ebe poiuegnendo allume molto cbiaro quel poco d' fpirito 
fe refolue e fe anicbilla: VncP molte uolte locbio remane priuato et 
fpiriti 8c confequentemente douenta cieco tlmpero fe 1 ege ebe Dyo 
niofio fyranno baueua f aclo alcbune prexone cbfcuriffime efopra 
quelle fece camere fplendidiffime nele quale f acea mettere quei efi 
erano ftati imprexonati longo tempo azo cb perdefeno iluedere et 



cb multi ebe non erano aftuti in quella mutatione douentauano eie 
cbi Cbiuolc adóqueperfeuerareilfuo uedere nella mutatione elle 
lungbe tenbre Allume Prima fe demutarfi aduno luoco c&nò 
fia tropo lucido e poi fu eccetfiu amente aduno altro cb fia alquanto 
piuluminofo e cufli apoco apoco; fmalmèteperuegna adufarfinel 
lume» 

PERCHE alcuni bomini uedeno meglio daluge ebe dapreflo & al 
ebuni meglio dapreflo ebe dalungi :& alcbuni bene uedeno & dalu 
gi8c dapreflo 

QVANTO ilfpirito de locbio 8c lalbugineo e,ilcriftaIlino turno 
re :Sc latunicba cornea tutte queft e cofe Tonno di fubftantia grolla 
dC molteiqtita titolale ocbio uede meglio dalungi e manco dapf 
fo perebe locbio quanto e, di fubftantia più grolla tanto b a più bi 
fogno di magiore lume cb lotiglia lifpinti foi e libumori e effa tuni 
ca cornea cbfono groflciVnd' quàdolo obietto e.dalaluga più aie 
re cact 6C confequentemente più lume tra quello e locbio deebe eflè 
do più lume Ital diftantia ebe fe Iobiecto fuffepiu uicino feuégono 
più afottigliare ditte cof e: anci tal ocbio non potria uedere lacofa 
dapropinquo perebe non lifaria tanto lume infi poca diftantia ebe 
poteffe aflotigliar tal ocbio. Etfimilmente locbio cb a lofpirito 
uifiuo poco efottile 6c lalbugineo & ilcriftalino poebi e.fottili &la 
tunica cornea de fubtile fubftantia & chiara non può uedere lo obi 
ceto dalalunga ma Ti ben dapropinquo tperebe tal ocbio non babi 
fogno cF tropo lume ebebabia afottigliare lifpiriti :8c ditti bumori 
perebefono aflai forili di fua natura de eflendo di poca quantità li 
uigniriano arefoluere e» anicHillare-Bifogna adóque cbel cada po 
ebolume tramegio detal ocbio e. del obietto ♦ Et locbio ebe ba 
ilfpirito molto forile e.cbìaro 5c fimilmente libumori ditti d f molta 
quantità e fottili e. latunica cornea cbi ara 6c fottìi e uede e ben dalu 
ga 8c dapreflo tperbc per lafua moltitudine dequefte cofe non facil 
mente fubftiene mouimento difficile ne refolutóne molta datropo 
lume e. per ladarita de quelle parte può anebe uedere lobiecìo da 
preflo & cufli tal ocbio uede bene lecofe Iongiquce.^ppinque* 
Ma locbio eba poco fpirito uifiuo e.groffo e -elicti bumori pocbi e. 
grofli e«laditta tunica grofla uede alquanto meglio dalunga ebe da 
preflo aduegna ebe non tanto ued a dalungi, quanto locbio ebe ba 
quelle parte molte e . grotte perebe lagroflcza dele ditte parte cb fo 
no poebe e, grotte recbiede alquanta fottigliatione aduegna ebe no 
tanta quanta fe fufleno molte egroffe imperbobìfogn a mettere lo 
bietto atal ocbio in una certa diftàtia cb fe afottigliano^eonfcque 



temente fe pofla uedere perebe molto dapreflb non fe potriano tan 
to afottigliare ebe fatiffacefl'e aluedere de cjuelo Secudo adeque 
ladmcrfita dela compofionecHocbio nclifpiriti fuoi e tumori & tu 
niebe fe diuefifica eluedere dalungi e dapreflo E quando tutte quei 
te cofe fe acordano infieme ingrolfeza o uer in fubtilita fano locbio 
cxccfl'.uamente uedere dapreflo e quando fe difcordano fanno loc 
bio mediocre tra quefte doe cofe» 

PERCHE liuecbi quando uoleno ben nedere unacofa felarcmo 
ueno dalocbio 6c apare ebe dapreflo non lapoflano ben uedere* 
LACASIONE e.ftata diefta nel quefito precedente perebe ilfpiri 
to uifmo del uecbio e*poco e, groflo eturbulento Vnde babifo 
gno cF fubitigliatione deck rccbiect più lume tra lobiedo :e»locbio 

Impebroremouelacofadoucdapropinquononlapotna bene uc 
dere. 

PERCHE 1 iuecbi molte uolte nonponno leggere una literra allu 

me dela candela:e.poilaleggeno allumedcl du 

VNA medetTimacafionec.cumquelacbeflatadicìacbe eflendo 

ilfpirito uil juo del uecbio groflb ba bifogno dellume fufficicnte af 

fotigliarlo Può efler adòque tanto grofTo ìlfpirito u:f uo i un uecbio 

cbellumedela càdela non, e. f uffici ente te t0.ot gliarlo :ma bifogna 

bno dele lumepiu cbiaro come , e. que Ilo del fole 

PERCHE fe dbilita più locbio auedre lelittere minute eba legrof 

fe:e.doueria efler ileontrario perebe lobiecflo quanto *e, maggiore 

fa maggiore impreflionetVncV doueriapiu debilitare locbio lalitte 

ragroffa ebe 1 aminuta» 

ELSPIRITO mfiuoe^ilprincipaleinftrumento mediante ilquale 
lanatura produce eluedere. Quando adòqnequelo fe rifolue e*mi 
nuiflc fe debilita eluedre :E ♦ quan do f e fortifica cuffi an ebe fe forti 
ficailuedere .Impero nelguardare in littere picole manda lanatura 
molto fpirito alocbio p potere ben uedere lecof e minute douc mol 
to fe affatica Vnct fe rifolue cF molto fpirito ,8c confequentemente 
fe debilita iluederein quelle* Ma guardando lelittere grotte no 
corre tato fpirito alocbio cF eh nò ferie rifolue tata moltitudine qua 
tafacea nel guardare delle minute perebe non dura tanta fatieba 
locbio ♦lmperbo fe debilita più iluedere nele cofe picole ebe nele 
£rancP „ 

PERCHE fonno alcbuniocbi ebuedeno malese. poi foprauenen 
doli qualche apoftema calda chiamata obtalmia uedeno, meglio 
e. più acuto* 

OGNI cofa acuta e.pungitiua mordicca locbio e fallo lacrimare et 



cbfe prnga localo per lelacrime de f umof ita obfcuro cb teneuano 
locbto tencbrofo S>C inpazauano iluederc:Lobtalmia adòque efien 
do appoftema calcio tX acuto mordica locbio e.fi lo purga econfc 
quenteméte lo fa più cbiaro come fa laurina e laqua & uita & ogni 
cofa acuta 

PERCHE quando gliocbi duno buomo forino molto mobili c„ 
guardano f*xo tal bixomo e. ingannatore e*ladro e»caldo de ra 
tura 

DALLA fubtilita cF lingegno procecF ilfurto eJingannare altri, E 
perche lafubtilita d* lingegno procecF da fubtilita cP fpirìti e bum o 
ri 1 a qu al fubtilita procejda caliditad" complexionetlmperbo gfio 
cbi ebe fe moueno ueloci e , cb nel guardare cimigano. Significano 
talebuomo effer di calda complexione perebe dm atura del caldo e 
admouere-Et ilguardare fiffo et tal ocbinon procecV fenon dauna 
grancF cogitatione e.penfiero demalf arczioe*cV ingannare o<difa 
re qualcbe latrocinio, Doe cofefonno adcqucintalocbiuna.e . 
ilmouerfi e.queftafignifica acuita dingegno:e*laltra fieilguarda 
re fiffo e.queftafigmfica cb quella acuitaci* ingegno f e determina 
ad una profunda cogitatione in male, 

PERCHE molte uolte gliocbi cbfono aitato fczamouiméto come 
quafi prec? fignificano lbuomo caldo di naturate mahtiofo . 
QVANDO lbuomo confiderà ad una cof a pone kuirtu feimac. 
tutti lifpiritidrizaalluocodclafantafia ài capo come noi uedcrr.o 
molte uolte cb uno firando fopra penfiero nò uec? laltro cb glie pre 
fentepereb tutta b uirtu fenfitiua e, quafi unita alluoco dcla ferita 
fia 8c abandona gliocbi, E petcb lbuomo mabtiofo continuamente 
penfa nelefuc malitie c.flra quafi Tempre abftrato ncle fue fantafie 
ac|Uelle:Imperbo fc remecfì-e lauirtu uifiua c,confcquentcmcnte gli 
ocbi nonfc moueno, E ben cb queftofia rcro in molti buemini 
nientedimeno no e. uniuerfalmente ucro cb lbuomo cb bagliocbi 
immobilità caldo e.malitiofo peteb tal immobilita può procectre 
da frigidità, & in quefto cafo nofiria lbuomo m alitiofo.m a quefìo 
e*rarc uolte, 

PERCHE gliocbi cBfiaf imitano in colore agliocbidela capra fi 
gnificn no lbuomo effer ftolido:e matto. 

QVANDO uno buomofeafi miglia ad alcbuni animali negliocbi 
cuffi anco balacomplexióe Simile acucllo e cófcquétcmer te prrti 
cip a dccuftumifimili atale animale Cbi adeque fcafimig^ianeg^'o 
cbi alla capra etiam feafimilgia icomplexione & incoftumi epcb la 
capra * e , animale ftolido e -p aza ♦ coffi tal bomo e p azo 



PERCHE colui che nel guardare feaffomìglia alguarda;c delafe 
mina e. liminolo & inuerecundo. 

L AC ASIONE e proxime dicfta cB quando alcuno feaflomiglia ad 
alcuno animale negliocbi fa bifogno cbc fia fimile in complexione 
&in coftumi aquello *Epercbe laf emina e.luxuriofa òeinuerecuda 
Jmperbo tali buomini bano tal coftumi e.natura* 
PERCHE colui cbeba gliocbi grandi e*tremuli emigro &inna 
morato in f emine, s 
TALI ocbifono di molta materia freda e. bumidatVnc? fignifica 
no lacomplexionecF tali buomini effer flegmatica come e ftato die 
to laqual complexione fa lbuomo pigro, Impero tal buomo cfcba 
gliocbi grandi e pigro E gliocbi tremuli figmficano fopra lamo 
re dele femine, perebe lamore e, una paffione cF animo laqual debi 
lita tutto ileorpo ìlcjl Abilitato trema come noi uedemo cbegliamà 
qdo uedno lapfòacb amano tremano .Impero tremano gliocbi ali 
amanti 8c aqail li cB còtinuamente Tonno i amore. 
PERCHE colui ebba gliocbi piceli e.deuario colore e tremuli, e 
inaerecado e, amatore cP f emine 

ELTREMARE d* gilocbifigmfi cano lbuomo effer in amorato co 
me e, ftato did:o e, tali ocbi piccoli fonno fa<fh" p paucita cP materia 
e confequètemente fignificano fopra ficcita d 4 complexione e . laua 
rietacP locbio <pcecP dacalidita cB licua fu agliocbi molti uapori cb 
fano qlla uarietatTmpero gliocbi cB fonno piccoli 8c uarii fignifica 
Ibomo efferc molto collerico e. per lafua collcrcita non confidcia 
quello cb lui fa fe glie bene o male f a ciò . VncF feguita più lapct;to 
efilaraxione.E perbo talbuomo*e» inuerecundo 
PER CHE . lbuomo cb b a gliocbi rodi come una br axa cP f uo co : e. 
peximo e.obftinato* 

TALE grande roffeza cP gliocbi fignifica lbuomo' effer collericiffi 
mo e cP grandiffima calidita dallaqual natura procedeno peffimi co 
(lumi 8c obftinatione 

PERCHE colui cbebailfuo guardo fimìle n quello d' un puto e tu 
ti lafua coplexoie e gliocbi apare cb rideno fie lieto e .di longa uita 
LAALACRITA &uita lunga procede da buona complexione Se 
da buoni bumori cbiariebe tengono lbuomo alegrote perebe ilpu 
to trale altre età e, di buona complexione Jmperbo cbi feaffimiglia 
aquclIo8cbailuolto allegro de uiuere lieto :8c cum lungbeza de 
uita 

PERCHE quando lapupilla dellocbio e f mo Ito gràde fignifica cjl 
buomo efifere pigro 6c digroflb ingegno. 



QV ANTO lbuomo ba lapupilla & locbio magiore tanto ba fua co 
plexione più fredae.bumida:Pcrcbe lapupilla grand* non procect 
fcnon da multitudine del bumore albugmeo tclqual e. aquofo cTcF> 
fignifica ebe perfuperabundantia de aquofita e. generato* E percB 
lacomplexione fuperebiamente flegmatica fa lbuomo pigro e c?bi 
le ingegno Jmperbo taliocbi ebanno lapupilla grand' lignificano 
pianti a e.grofleza de ingegno » 

PERCHE colui ebe ba gliocbi d* uarii colori cum liquali fia mefeo 
to colore gialo lignifica tal buomo bauere peffimi coftumù 
LHVQMO cbeexceffiuamantee.decomplcxione collerica e*dc 
peflimanatura e, de coftumi:Percb come, enfiato dicto lafuperflua 
calidita cum ficcita mifta continuamente adunile :& inproceffo ge 
nera melenconia generata per aduftione di collera e«quefto fapcf 
fima natura e» coftumi Cunciofia adonque ebe gliocbi de uario 
colore e» cum citrino colore mef colato non procede fenon da gram 
caliditae-ficcitailmperbo genera quello ebe e.ftato diclo decatiui 
coftumi» 

PERCHE quando apareno molte macule circa lapupila del ocbio 
lignificano lbuomo cller cattiuo: e, maxime quando Iccbio c«ct ua 
rio colore» 

LA VARIETÀ e? locbio no procede fe no da calidita ebe fa eleua 
rediuerfiuaporifuxo allocbio:Vnde quando più uaricta*e, negli 
ocbi tanto fignifica ciTermagior calidita nel corpo come, e.ftato di 
to difopraEfimilmcnte lemacule cb apparerò ncgliocbi ^pcedeno 
da gran calidita. Vndequàdo quefte doe cofe appareno negliocbi 
zoe macule e «iiaricta cF colore fi gnifica una excel feri tiflim a calidita 
dacbc ,pccd aduftione neli tumori del corpo e*confequentemente 
rnalitia de coftumi come fpeflo e:ftato replicato* 
PER CHE colui ebe ba locbio picolo f uora eminente come fonno 
g 1 iocbi del gambaro f c^r.o e diftultitia : e ebe tal buomo e . auaro : e 
ebe fe gnita taci e Cuoi defiderii e cupidità. 

LASTVLTITIa ^pcede da debilitaci intelletto e ladebilita delin 
telicelo procect da mancamento de cerebro+Epercbe gliocbi piceli 
fignificano paucita et materia dela quale cgeneratotdecbe baucn 
do origine dal cerebro fignifica ctiam mancamento di quello E dal 
tro cato locbio ebe e fuora eminete tofto aprende molte cofe :VncT 
non può di tante cofe fi tofto iudicare anzi fenza dclibcratione ba il 
fuo iudicio e confequentemenre no e difano intelletto :Qt ado adó 
quefecongienge queftedue cofe iifieme zoe*paruita docbi8c erri 
nentia defuora fano lbomo oltra mifura liegero deltellecìo* Et 



percbe lauaritia e cupidità non procede fe non da ftoltitìa e da non 
potere cognofeere ildrito dalrouerfo Similmente ilfigun* dcle fuc 
cupidità e defiderii proced* dapaucita d* intelleJìo Jmpeibo ta'buo 
mini ebe b anno gliocbi picoli e fuor2 eminenti banno lecorditcne 
fop radiche, 

PÈRCHE gliocbi picoli ebe fon molto mobili e lepalpebre palp i 
tano fignificano lbomo efferc peffjmo 

LACOMPLEXIONE fortemente calda e. ficca c.peffima come 
fopra e.ftato dicìote gliocbi piccoli fignificano deciti e'manccmé 
to de materia e«gliocbi mobili, fignificano cabdita Impero tali 
ocbi fignificano tal buomo effer de molto calda e. ficca complexioe 
& cofeguentemented* cattiua natura* 

PERCHE colui ebba le puppille degliocbi cbenel circuito dicjnel 
le apare una fimilitudine d' fuoco figno e, ebe tal buomo e,inuido 
loquace e timido 

QVELLA fimilitudine cP fuoco ebe apare nel circuito dclepupile 
degliocbi non procecF fe no da bumore melenconico generato per 
aduftione di collera :Ilquale bumore epoi indurato e fa in modo et 
un a fimilitudine cP fuoco :E percb limelenconici fono dm atura fua 
timidi e^inuidiofi percbe lainuidia no e. altro cb contriftarfi dclbe 
daltrui . e limenconici fono fempre trilli 8c etiam fono loquaci per 
ebe laloquacita procecP da paucita cF intelletto Impcbro hbuommi 
ebanno gliocbi cF tale puppilebanno leconditione dicle 
PERCHE gliocbi ebe fonno fimili agliocbi dele uacebe fignifica 
no demenzia e< pacia. 

TALOCHI fignifjcanolaeomplexione di quel buomo efiere firmi 
ala complexione delauacba e ebe tale complexione e, molto freda 
e bumida effendo gliocbi fuoi grandi perebe gliocbi grandi fonno 
di natura freda e bumida come e.ftato dicìo Impcrbo effondo laua 
eba anim ale pigro & effendo lacomplexione freda & bumida difua 
natura pgra dalaquale pigritia procecF ^roffeza de ingegno & ame 
tia tal ocbi delauaccbafignificano quello ebe e, flato diclo 
PERCHE lapuppillanegra:laqualeba un certo colore come fuf 
f e deaurata fignifica Ibuomo cattiuo e*bomicida cb uolerticra efiu 
defangue* 

QVESTO e.fcgno ebe tal buomo e. collerico molto e di calda na 
tura c. crudele tperebe talenegreza cum effo colore deaurato mtor 
nofignifica efferproceffo da bumore collerico ebefuma agliocbi 
elicollerici quafi tutti per loro furore e mouimento dieollera fono 
bomicidiebuominiuendicatornlmperbo equelocb contiene nel 



quefito. 

PARCHE gliocbi ebe tendono allinxuxo come gliocbi di bue gra 
di liquali etiadio fono roffi fignif ica lbuomo pazzo e facilmente ca 
derembebrieta* 

DiTTO e .flato fpeflo difopra cf> quando un buomo fc adornigli* 
ad alcbun animale mgliocbi che quelo feaflimiglia ctiam nela ccm 
piccione adeHo animale: Chi adonque fe «Somiglia albue ncglio 
cbi e*dcfimile complexione aquello & b a fuoi coitumi,e*ccfequè 
temente e . p azzo ♦ E laroflfez a degliocbi fignifica calidita e Cmilitu 
dine cum gliocbi d* ebrii Vnc? fignifica tal buomo facilmente cacf 
re i bebrieta per lafimilitudine ebe ba tal buomo cum liebni . 
PERCHE gliocbi megliore ebe pofl\ no efiere fono qlli cb fonno 
icolore tra ilnegro e'ilbiàco e ebe nò fono molti radioii e fplendjdi 
ne aneba apare rofleza negl'aio inquei, 

TAL oebi fono de optima natura e complexione ,temperatiffima 
laqual cofifte nela temperanza de glbuomini e perebe lacxtiemita 
di colurifignifica diftemperanza:lmpero ilcolore megio fignifica 
temperamento tVncV tal ocbi di megio colore temperanza neliku 
mori fidimoftratdallaquallebontadicoftumi ,e.di natura confe 
quita. 

PERCHE cbi ba moltitudie cF peli nele ciglie e dimolta cogitatce 
c < molta trftitia 8c babruto parlare» 

TAL bomini fono mclenconici d* natura per aduftióe di collera e 
digramcalidita ebe regna neli loro corpnperlsqualc feleuano mol 
ti fumi generatili molti pelli neh loro ciglietVnd* limelen conici 
fono còtinuamenti cogitabundióc pieni cP trifticia.Dalaltro canto 
talbuomini banno Iacanna dcpulmone afpera per laficcita »Sc am 
plaper lacalidita aduftiuatcFcbfeguita afpereza e*dformita cV uo 
ce e cofequentemente feditaci* loquella. 

PERCHE colui ebe baleciglie lungbe* e* arrogante e, fenza uer 
gogna* 

L ALONGIT VDINE elle ciglio procec? da gra? calidita e? compie 
xionedalaqualeprocec? airogantia e cb lbuomo cinuerecundo co 
mee.decfto e? fopratVnc? qui e«danotare cbelamoltitudni e lalun 
gbeza àie ciglie quafi femprefignifica cali dita cF còplexione come 
la paucita d* quelle e breuitafignifica complexione freda, 
PRCHE uede meglio lbuomo uno obiecìo ferrando meggio glio 
cbi o.uer cbiudendo uno e tenendo laltro aperto come fanno quii 
licbfagittano* 

QVANTO lefpetie mfibile più f c unii cono :tanto meglio le uea 



lobiecìo cfimilmente quanto fefa negliocbi manco mouìmento p 
che un mouimento inpaza laltro E perche ferendo megio ghodbi o 
uer chiudendo uno più fe uniflc lefpetie uifibile oucr màco inmuta 
tione fe fa negliocbi dal obietto :Impero fe uect meglio ì tal forma 
che tenendo gliocbi intuto aperti ♦ 

PERCHE lbuomo cieco e , de più focile intelledo ebe lbuomo cB 
uede* 

ELCIECO no e*occupato nel uedere deche lauirtu fefitiu a 8c ani 
male non fi diuerte acanti obiecli come nel buomo ebe uede percb 
nò e*fentiment© cBpiufe extenda adiuerfe cofe:comefa iluedere: 
Imperbo eflendo Iointelleclo e lauirtu del cerebro feperata dala oc 
cupatiòe deli obiecfti uifibili remane più Itèta e unita ad altre fpecu 
latione efubilitadecbe liciecbifono denobile iudicio e ingegno 
PERCHE quelli cb e uedeno m ale f criueno littere picole 6c aparc 
erroneo ebe quelli che uedeno male fcriuano lclitcre come quei cB 
uedano bene* 

LECOfe grande apreffo de gliocbi che uedeno male apareno pico 
le:Vndeper inbecilita del uedere fcriueno littere picole, e* quilli 
ebebanno buon uedereferiueno lelittere picole perebe leuedeno 
benetc quelli ebe uedeno male le fcriueno non cerne quela cofa cB 
dritamente uedeno «Ma folo per inbecilita del uedere come e,ftato 
diulo* AncB.quelli ebe uedeno male chiudendo alquanto lepal 
pebre del uedere fuo deche Iobiedo imprime minore ipetie nel oc 
bso mejo ferrato eba fel fufle tutto aperto* VncF apare minore Chi 
adonque uede male no f critie f enon quanto iluede^E perche ìluedf 
Iacofa fottD minore quantità chela non e, per larafionc di&atlmpe 
rho tal buomo fcriue littere minute, 

PERCHE cjllicb uedeno male ferrano alquanto gliocbi quando 
no^eno uedere una cofa 

PER LAdebilitadel uedere ilrenge fempre lbuomo lochio E que 
fio e. perche meglio fe uniffelifpfriti uifiui e lcfpecic cB reprefenta 
no lobietfro cFche più fe fortifica iluedere come fa lbuomo che uole 
uedere la cofa dalalunge deche per debilita del uedere chiude alq 
to gliocbi o uerfe pone lamano denanci dagliochiarocB lauirtu ui 
fiuafia pia unitale cuffifa lbuomo cbuecF curto e male che intencP 
de fortificare lauirtu debilitata cum ilebiudcre alquanto gli 
ocbii* 

PERCHE ilforte exercitfo nuoce aluedere. 

FLFORTE exercitió denccalabumidita delocbiotcome defica an 
che tutto ileorpo : Vnde deficcando lochio f e uiene ad idurrife lapu 



pila perlaqualeduritiadouentaìndifpof ita aluecTrc comeacad* nei 
uecbi ebeperficcita clou ent al acute aipera e crefpuda cJapupilact 
locbio indurata: deche manca N illoro uedere. 

PERCHE quando f eguarda uerfo illume dela lucerna o.uct 
fo ilfolefeued e meglio mettendo lamano denanci dalocbi ebe 
fenz^a* 

ELLVME delfole e dela lucerna fa debile iluectreper ilmodo eh 
ftato fopra diclo Vncf ponendo lamano fopra delocbio probib.de 
tal lume cadere incontinente aldritto fopra degliocbi Impero 
non fediffolue nefedebilitailuedere tenendo lamano fopra 
iluedere, 

PERCRE lamano «eJi piedi banno differenza dala parte dextia 
alapartcfmiflra^oe cbel aparte dextrafe adiuta meglio & e. più fot 
te ebe laparte fmiftra.Ma liocbì e leorecbie fono umfoime e et una 
medesima uirtu cutTi dafimftra parte come dala dextra . 
CHE ladntapartefiapiu forte cbelaftancba quefto e per confue 
tudine perebe noi ufamo più nei noftri exercitii j aparte dnta ebe la 
ftancba:cb fenoi ufaffeno culli lafiniftra comeladextra tanto feria 
fotte luna come laltra come feuede malcbuni mancini ebe bano pi 
gliato più lufo dala parte ftaneba eba dala dnta. Ma iluedcre e lau 
direnonreceuenoqueftadiuerfita ebe noi ufamo più ildrito ebe Io 
fianco. ma tutti dui cqualmerte* Et anebe nonfi diuerfifica le 
cofe ebe confifteno nel partire ebe lepaffiue uirtu fon e quali :Ma le 
uirtu acfh'uc fe diuerfificano Cunciofia adonque ebe lif er. rimonti fi 
ano uirtu pafliue e materiale :e loro operatione non confifte fenon 
inreceuerc lefpeticfenfibile dali fuoi obiecfh; Imperbo non receue 
no diuerfita alcbuna più da una parte eh dalai tra Ma lauirtu ci lem a 
no e di piedi . e.acftiua tlmperbo può receuere diuerfita nele fue ope 
ratione più da un a parte ebe da laltra per lncafione dela confuetudi 
necbeftata di#a* 

PERCHE ìlnoftro uedere e.megliore nei coleri uerdi ebe ncibia 
cbi e nei negri* 

OGNI obiecflo extremo debilitailfentimcnto & ,ilmegiote tempe 
rato conforta perebe li extremi mouano diftempatamente lorgano 
eli fentire come iltropo biàco m oue dif gregado ilforte negro moue 
tropo uniendo epaucificando.Ma ilcolore megio come e.iluerde 
temperatamente moue ne tropo defgregando ne tropo uniendo * 
Impero conforta molto iluedere, 
PERCHE ilfumo morde più gliocbi e. nuoce squilli, 
LOCHIO fepiu debile e palTibile ebe nefuno altro membro extc 



riorepercbec dfubfl:antiapiurarai8c balefueporrofitapiu aperte 
Elfumo adonque penetrando per ledicìeporrofita alle parte interi 
ore de locbio induce mordicatione doue fel non penctrafle non 
f aria quello come noi uedemo ebe loaceto e ciafeuna altra cof a mò 
dicatiua alle parre ótfuoranon mordicama aproximata alleparte 
intcriore induce mordicatione, 

PERCHE locbio nonna mai fredo e*tntti li altri membri alerone 
fe refredano . e. doueria efler ilcontrano clTendo locbio molto palli 
bile*e. debile e,d* rara fulìantia come*e«ftato dicìo* 
SOTTO dia prima tunica del ocbio chiamata congiontiua .ed* 
molta pinguedine ebe tiene forte e*unito ìlcaldo naturale d' locbio 
reuerberldolo aleparte dentro •Eteflido etiam effa congiontiua di 
grotfa fubftantia t VncP edendo ìlcaldo delocbio forte per lecafion 
diefte non può receucrc fredo ne rigore *Et aquefto adiuta anebe cft 
lifpiriti uifiui 31 ocbio fono lucidi :e e? natura ignea* Fece adon 
cure lanatura locbio d* molta pinguedine e. groiTezanele parte exte 
rioreazocbel caldo efpiriti e? locbio fe confortaffenote confequcn 
temente ebe locbio nonpatiflene fredo ne rigo re. 
PERCHE lelacrimed* colui ebe piange fono calde e lelacrime di 
colui ebba gram dolore fono frect 

L AHVMIDITA digefta e.caldate laldigefta e freda L alacrima di 
colui adonqj cb patirfe dolore* e .indigefta per ladebilita delauirtu 
ebefa effo dolore :V net* debilitato ìlcaldo nonfe può refcaldare la 
bumidita ebe uienc agliocbi come accacP nei fuduri fredi ebe proce 
etno per idigeftione e . debilita c? uirtu e, per quefto molto fono ilau 
dabili.Malelacrimcdi colui ebe piange non fono ind;gcftc perebe 
ìlcaldo naturale nonfe debilita in quello ancipiu tofto feifiama de 
ebe tal caldoe.bcnfufficiente arefcaldarelelacrime cFgliocbi. 
PERCHE lafronte piana ebe non bacrefpa lignifica ibuomo liti 
giofo e cbuoluntiera monerixe» 

CHI ba dura carne ba groffeza de intelledo per clìer fuoibucmri 
espiriti molto grotti E laduritie dcla carne fa lafronte piana cb per 
fuadureza nonfe può pigare ma Ila diftefa: Vnde glbuomini eba 
no tal fronte fono groffi dintellecfto Et etiam dalaltro canto tali bo 
mini fonno molto caldi e,ficci d* natura laqual calidita e ,ficcira fa 
lafronte durae.tefa. Cunciofia adonque ebe Ibuomo de groflo 
itellecT:o e. et molta calda e, fica còplexionefiabomorixofo percb 
Ibuomo ebe amalelite non fa queftofenon perpocco cognofcime 
to e p Iacollera ebe regna in lui Jmperbo cbiba lafronte piana fen 
za rnge e .buomo litigiofo* 



PERCHE larrote crcfpa o ucr rugofa ifilìó amegio colleda fignifi 
ca Ibuomo effer irafibile» 

LAIR A proced* da calidita de complexione cum fubtilita e? bumo 
ri cB tofto fe infiamano Cumciofia adonque ebe lafronte rugofa fi 
gnifica calidita eh a deficato Inumidita ebe teneua tefo eflo fronte: 
ri oltra di quefto fignifica che e cY fubfhntia fubtile percB altrame 
te non fencrefparia come e flato dicìo defopra lmperbo tale fronte 
figmfica lbomo d* calda e iubtile complexione e confcquentemen 
te e*irafibile* 

PERCHE lafronte fuperebiamente rugofa fignìf ica Ibuomo inue 
recundo « 

QVANDO e. debilitato Ibuomo dclauirtu aprefiua e cb nò dif C cr 
rie bene iluero dalfalfo albora e.fenza uergogna e cbiba laparteà 
tcriore del cerebro molto bumida ba tale uirtu debile & , e,buomo 
{ enza diferetionc per lagrancF bumidita ebe regna in quella parte 
e doue*e*tanta bumidita iui e molta molicie dacbe feguita rugofita 
VncF nota cb cufli dal forte bumido :come dal forte fico può p 
uenire rugofita nelafronte*ma e, differentiatpeicbc larugofita ebe 
procccFdal tropo ficco non e«tamanta:8c non tiene tucto ìlfronte: 
ÒC e ; cum afpereza e quefta fignifica irafibilita:e laltra fignìf ica ira 
cundia. 



ERCHE colui ebe alaboca grane? e, audace e«guIofo. 

CHI mangia molto bifogna bauere gra^ ftomaco eh fia 
capace di. quello cb lui mangia E fe loftomaco e. grand* fabifogno 
ebe labocca fia grand* perebe e, laporta de eflo ftomaco per laqual 
ilftom aco fe impiflfe.Ligulofi adonque banno gram bocca E percB 
da molto mangiare figenera molti bumori e fpiriti daiquali jpcede 
laudacia:Imperbo cbi ba laboccba grande confequementc e, 
audace* 

PERCHE cbi balelabra grotte cpazo. dintellec'to e p igro. 
LASTVLTITIA procecV da grotfeza dintel 1 ceto :8t queiefe bano 
lelabra gro(Tc banno grollo lomtelleclo^percbe lagiofleza dilabra 
non*efenon j> multitudine egrofleza di materia dalaquale ,pcect 
molta carne e grotfa e còfeqntemete da talgrofleza emoltitudìe di 
carne ,pced* grofleza 3 itelecìo oebe fe lo frumento del intellec1:o 
e.groffo etiam bifogna ebeeffo intellecìo nelafuaopcraaionefia 
groflo* 



PERCHE colui ebe non può tropo bene ftringerelelabranon.e* 
tropo fano del corpo» 

ELNON poflerftringere lelabranon procecP fenon da Abilita de 
uìrtu e «de natura ebe non può retener e lelabra o ,uer labocadricìa 
E quilli ebe banno lauirtu e natura debile non fon fani :ma f acilmé* 
te cadeno in infirmita: pereb lanatura forte e4<juella cb reffifte alle 
infermità cladebile non lipuo refiftere: 

PERCHE lidentitemeno efentenopiu elfredo cbilcaldo eJacar 

ne il contrai io, 

ELDENTE difua natura e. f redo, placarne e-calda Ancbe ilden 
te e, molto poroffo Seba leporrofita aperte E ìlfredo refifte alcaldo 
dC ìlcaldo refifte alfredo .Effendo adonqj lidentifrcdi:c3c bauendo 
leporrofita aperte tofto penetra ilfredo ale radice de quilli doue^e 
poco caldo cb non può refiftere aquel fredo E pero receueno nocu 
mento affai :8c elcado non cuffi ipcrebe fon frcdi e per tal fredo refi 
fteno alcaldo. Ma lacarne effendo calda per quefta medeffima rafi 
one più tofto fc duole del caldo cb del fredo * 
PER CHE cbiba lidcnti debili minuti e. rari e.dcbreue uita. 
UDENTI fono fa#i5e banno origine, dal cerebro e.dala materia 
fpcrmaticatlaquale fe conucrte in bumido radicale di tutto ìlcorpo 
Effendo adonque hdenti debili pocbi e«minuti fignific3 Ibumido 
radicale del corpo effer poebo e confequentemente lauirtu delara 
tura effer debile dacfr proced breuita cP uita Cbi ba adonque affai 
denti in bocca e * gran di, e, quafi fempre di longauita:8c e.ilccntra 
rio cbi nba pocbi e. minuti. 

PERCHE colui ebe b a lidenti canini lungbi e firmi e • gulofo :8c e 

audace. 

UDENTI canini fono facfli dalanatura alquanto lungbi arempere 
ucibo c maxime ncli animali cF rapina ebe banno admfràgere cofe 
dure Qu andò adonque un buomo fe fimiglia atale animale rapace 
nei denti canini fon fimili ctiam aqueineifoi coftumi aliquali ba et 
putato lanatura tal denthlmperbo effondo alcbuni buomini fimili 
atal animali bifogna ebe fiano gulofi e confequen temete audaci co 
m" fono an ebora quei animali 

PERCHE lbuomo»e, dcfimili coftumi comefe afo miglia lafu a fa 
eia zoe cbi ba laf acia fimile alebrio fede inebriare e cbi lafimile al 
iraenndofe debbe fpeffo corruzare e cuffi delealtre cofe. 
LADISPOSITIONE d i tutto il corpo et Ibuomo più fe dimoftra ne 
la f .iza ebe innefuno altro luogo perebe lafaza e. un membro nobi 
le alqual manda lanatura molto f angue efpìrito Secundo adonq< 



iafimilitudinedelafazanolbauerno aìudieareladifpofitione e.eof 
turni eie tutto ilcopo Cbi adonque fe afimìglia al ebrio :o « uer iracu 
do nella tazza debbebauere Cimili coftumite difpofitione. 
PERCHE colui ebe ba lemaxille grofle di carne e di grotta natura 
cìcintellecfto* 

PERCHE lacarnegrofla fegeneracV bumori groffi e da bumori 
roffi fegenera fpriti grotti deebe procede grofleza de intelle&o 
ERCHE cbi bafubtile faza e, de molti pèfieri;& e, molto cogita 

bundo» 

LASVBTIL1TA étlafaza procede da fubtilita de bumori dacb e 
ctiam procecFfubtilita defpiriti perlaqualfubtilita continuamente 
f e reuolge ileerebro e lintellecto apenfare:8c intendere diuerfe co 
fc Imperbo tal buomini fonno cogitabundn 
PERCHE colui ebeba lafazalungae.inuerccundo» 
CHI ba lafazalòga^e.di calda còplexioe:pcf> deraxone del caldo 
e, di allongare cebi balacomplexione molto calda e*inuerecundo 
come e«ftato dicìo defopra. 

PERCHE cbibalafaza piccola e.cattiuo caldo e, adulatore. 
LAF AZA piccola confeguita capo piccolo tilqual e.fcgno d' cati 
ua complexione del cerebro come enfiato dicìo :& alcapo picolofe 
guita calidita de cuor perebe ilpiccolo cerebro non può refrenare la 
calidita cF etto cuore. Impero alafaza piccola feguita calidita cV com 
pi exion e e , m alitia e? coft umi . 

PER CHE cbi ba laf aza deforme e, bruta non può ettere buono fe 
non rareuolte. 

LABONTA cF lanima feguita labonta dcla complexione e Jacatti 
uita cP lanima feguita. lacatiuita cP etta complexione :E perebe lade 
formita e.bruteza dela faza nonprocecP fenó da mala complexiòe 
e? tutto ileopro Imperbo fignificatal faciafopra lamalatia delanìa 
dcebe tal buomo rare uoltc può eflcr buono* 
PERCHE cbi ba laf azarotunda e. buomo di poco intellecìo. 
LAFAZA rotunda feguita ilcapoefler rotando laqual rotùditafa 
luomo dipoebo intelletto come*e,ftato dicìo difopra* 
PERCHE af aza rolla fignifica calidita c? coplexione e.labiancbe 
za fignifica frigidità :e quella ebe etrailbianco erotto fignifica tem 
peramento e qualità nela complexione, 

ELCOLORE della f azza fediuerfificafecundo lauerieta delfan 
guee.otlfpirito da liqli piglia ilfuo colore : Quado adòcp ilf angue. e 
ì a collera abunda fa laf aza rotta e conf equentemete fignifica domi 
nio cF calidita E quando abonda ilflegma o«uer lbumore melenco 



nko falafazatiancbao.ucrpalìJae confcqucntcmetc fignìfica fri 
giditae quando e*de mcgio colore trai rollo e. biàco fignìfica equa 
lita e temperamento et complexione* 

PERCHE colui eh a ilcolore come una fiama de fuoco e inftabile 
efuribundo. 

PERCHE queftoe.fegno de una gram candita ebe moue e. non 
latfa ftare firmi Iifpiriti del cerebro;decbe feguita iftabilita e. tal ca 
lidita accendendo ilcuore fa lbuomo pieno dira e, de furore. 
PERCHE lafaza di colore rotto chiaro fignìfica lbuomo efler uer 
gognofo- 

LA VERGOGNA non procede fenon da bontà cP complexione 
ed* mtellecfio perebe tal buomini temono fempre difare cofa litor 
ni auergogna e quefto non e*fcnon bontà àt mtelletf o E,pcrcB tal 
colore cflafazafignifica bona complexione. Impcrfco fignìfica tal 
buomo e(Ier uergognofo. 

PERCHE ilcolore gialo & iluerde & ilnegro de lafaza lignifica 
lbuomo efferiracundo.&ilcoloreroffocbiaro fignìfica lbuomo ef 
fere iocundo*e.gaudiofo« 

ELCOLORE citrino fignìfica dominio de collera e lauirìdita e ne 
greza fignifica aduftione di collera 5c anebe magior cabdita figr ifi 
ca ebe ilcolore citrino o, uer gialo :decbe feguita irafibilita«ma ileo 
lore rofTo cbiaro fignìfica abundantia difanguc ilqualc. e. dolciere 
confequentemente fa lbuomo tutto benigno e gaudiofo. 



ERCHE fe rompe leorecbie, acoloro ebenodano nel 
mare. 

CHI noda nel mare ritiene ilfiato per laquale retentione 
leorecbiefeinfiano e.tumefanno e poi foprauenendo lapercuflio 
ne delaqua ebe e più dura ebe non e.laiere.fe rompeno perebe la 
cofa emfiata manco refifte alacofa dura eJacofa dura da magior £ 
cu(Iione eba la molle, 

PECCHE leorecbie fetompeno manco aquei ebe nodano nel ma 
re fe prim a infundeno del olio nele orecbie o uer fe tengono un po 
co de f ponga circa quelle, 

LESPONGHE polle circa leorecbie fiprobibiffeno lapereuffione 
del mare aquelle e lolio inf ufo nele orecbie fa lubricare lacqua ebe 
ua aquelle e laqua lubrica e molliflimaper lolio non può fare gra$ 
percuffione deche non feguita rottura. 



PERCHE labruttura delle orecbie e*amara. 
ELSVDORE e.difua natura falfo e, quando fe putrefa douenta 
amaroXaforditie adonque dele orecbie effendo facìadefudore cb 
ftando nelaprofundita dele orecbie e non potendeno ufeire fe pu 
trefa bifogna cflere amara* 

PERCHE la orecbia ftàcba fecofolida più tofto quando fuffe £ 
forata ebe ladncla* 

LAOREHIA ftaneba e-piubumida ebe ladriefra & effendo di fua 
natura calda uienc areceuerepiu tofto confolidatione ebe ladnttat 
laqual e< manco bumida benebe fia più calda ebe lamaca:Percb al 
la confolidatione fa più lbumido ebon um proportionato caldo cb 
jlpiu caldo cam lomanco bumido.e quefto noi uedemo cb lacarne 
delgiouene f e confolida più tofto ebe quella del uecbio e. quella et 
laf emina ebe quella del mafcbioVnc? perquefta rafìonelcrecbia 
ftaneba fe confolida più tofto cb e 1 adritta 
PERCHE limutti elpiudeleuoltefon fordi o tier odeno male* 
LORGANO del audito e, molto contiguo e, molto comunica cuj 
lorgano dela loquela zoe cum lalingua e»lacannac?l pulmone:Ef 
fendo adonque lorgano del audito nel principio dela generatione 
de Ibomo off efo fe uiene acb ad offéderfe lògano dellaloqla come 
membri cb fono fa<fti de una medeflima materia* 
PERCHE quando lbuomo tiene lamano alorecbia apare uno mol 
lino cbefbufmi e foni dentro* 

LAN AT VRA ba f acìo lorgano del audito in modo c? uro tor 
cbio edentro aquella concauita glipuoflfe un certo aere connaturai 
aquello: e fece quelle tortuofita in lorecbie primo perebe tal aiere 
non fe partifle mafteffe iui rcncbiufo tSecudario cbefcl gli cadelTe 
cofa alcun a in lorecbia no poteffe intrare détro e nuoc ere alògano 
e tale aiere fu neceflario perebe fenza quelonon fepotria audire co 
ciofia cbeilfuono elauoccfiaobiecìo decffo audire E ilfuono e «la 
uocenofiafenòpeuflio 31 aiere elaere peoffo pcotelaltro ecufi e 
ctpte i pte p fino cbluegna apcuotere laicre cb e*dètro ctlorecbia 
ilqle peoffo d al a f peti e ctl fono o.uer et lauoce repfeta ejlla fpecie 
alorgano del audito e in quefto modo noi audimo. E perebe tal 
aiere ebe e.rencbiufo dentro dela orecbia fe moue de uno moui 
meto circulare nò forte tlmperbo tenendo lamano fopra 3 lorecbia 
fefente tal mouimento de aiere doue non liponendo lamano non 
fi fente per liforti mouimenti ebe foni difuora ebe impedifeono ql 
debile e fanno eh non f e ode, 

PERHE ilgram fuonooueruoccguaftaaleuolteloauditoeilfuo 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



no molto piccolo non fc ode* 

LOB1ECTO Jeciafcunauirtufenfitiua<?efferproportionato fel 
deconferuaretal uirtuinfuo eflfer:6c ancb prò dure iadebita opera 
tione:percbe ogni fentimento fittene ìlmegio tra Ieextremita di foi 
obiedìnSc Imperbo ogni cofa che remoue tal fentimento dal megio 
e dala debita proportione fe corrópe e guafta ìlfuo organo Adò 
que ìlfuono molte forte moue laicre terribilmente in modo ebe fa 
un grande mouimento nelaiere ebe e. dentro e confcquentemente 
delta laproportione e temperanza delaquale e.conftituito lorgano 
per Iagram percuffione materiale ebe fa laiere in e{To„ Ma ilfuo 
no molto piccolo non può tanto mouere laiere cbl poflfa mukiplica 
relefpeciefue allaudito imperbo nonfifente 

PERCHE molte uoltefefente un tinnito o.uer fono in modo du 
no mollino nela orecbia, 

MOLTE uolteabunda una uentofita nel organo del audito ebe fe 
moue molto in ordin atamente cercando lexito e non potendolo li 
beramentebauererepercutealorgano dellauditoific mi appare ci 
ferunfuono duno mollino o* altro fuono fecundo ladiucrfita del 
uento ingrofleza 8c in fubtilita Vnd* limedici poneno lobo cB nfol 
ue lauentofital fimili tinniti o.uer fuoni* 

PERCHE quando Iacqua e intrata dentro dela orecbia Iaqual nò 
può ufeireben fuora afupeiinfùderli de olio nela orecbia fa più to 
{lo e meglio ufeire di<fta aqua. 

LOLIO .e.uifcofo e lubrico uncTp fuauifcofita laqua fitiene aqnel 
lo & ufeendo lobo fuora etiam uf ade curri cito laqua E da Ialtro ca 
to lobo fa lubricare per fua ueluofita lacqua fucra dcla orecbia, 
PERCHE nò fode tropo bene quando fe fbadacbia 
LAIERE ebe entra dentro de labocca nel fbadacbiarc feneua etia 
dentro nele orecbie c fa leuare fuxo il paniculo cum loquale fe ode 
in modo ebe non 1 afta entrare ìlfuono nelaorecbiatVnde manca 
laudito. 

PERCHE lbuomo cb ba lorecbie grande e,ftolido ma e, di lunga 
utta. fc 
LORECHIA e molto cartilagìnofa per laquale cartilagine e di cò 
plexione melenconica:Signo adon^ue e, db tal buomo e, di tal na 
tura come noi uedemo ebe lianimali decomplexione melcnconica 
comefonlafmo e. lalepora liquali animali etiamdio fonno ftolidù 
Imperbo lbuomo ebe fe fimiglia atali animali nela grandeza delle 
orecbie e . ftolido . E perebe lbuomo ftolido e pazo uiue fenza peff e 
ro ebe e cafione delungbeza de uita:Imperbo tal buomo quanto a 



qfto ba luga ulta ben cbel repugna ala coplexio c fua VncF bifogna 
fare compcratione tra lbuomo ebe ba le orecbia grand* e «lbuomo et 
melenconica complexione cbenonleba cuffi grand*. 
PERCHE lbuomo ebeba letempie infiate e.leuene e .leartarie de 
quelle groffe e«irafibile« 

TAL HVOMO e, de collerica complexioneperebe tal inflatione 
c grofleza di uene nonproced fenon dacalidita e moltitudine d' fpi 
rito e , def angue che emfìa e in grolla dette uene ♦ 



ERCHE lbuomo ebe ba le extremita del nafo fottile , e 
buomo ebe ama lelite 

SIGMO e. ebe tal buomo e, di complexione collerica £ 
ebe lafubtilita e lam agreza proced* elpiu dele uolte da abundanaa 
decollera :8c anebe tal buomini ebe banno fottile la extremita del 
nafo banno libufi del nafo (trecci tdecbe non fi può tirare pur aflai 
aiere arefrigerare ilcuor e:Impero rimane ilcuore quafi fépre cai 
do; ebe e.cafione de accendere collera e »di mouere lite. 
PòRCHE colui ebeba elnafo grande egroflo e, buomo di pocca 
Capienti a. 

LAGROSSEZA delnafo procede dagroffeza de cartilagine e cV 
lacarne ebe lacircunda e talgroffeza procede da groffitie de burr.o 
ri ebe e. cafione d* denigrare lifpiriti grofli e confcquentemente * e - 
cafione degroffeza cP intelleelc. 

PERCHE lbuomo ebe ba libufì del nafo largbi e, luxurìoxo & ir a 
feibile. 

ELC ALDO e* cafione daprire ogni meato tcomeilf redo. e. cafioe 
de ftrengeretCbiba adonque limeati del nafo largbi & aperti e, d* 
coplxiòe caldatdacbe ,pcede colbomo e«luxurriofo eiraf cibile Ma 
e,cj dinotare ebe lalargbeza de meati del nafo e lafticftura fignifi 
cano fopra lacalidita del cuore differentemente pereb ilnafo ftric 
to difua natura fignrfica frigidità de cuor :Ma perche non fc può cV 
bitamente eucntare douenta accidentalmente calda, Ma ilnafo lar 
go fignifica efifentialmente pebe ilcaldo di cor e qllo ebe ba àplirto 
quei meati largbi afine ebe e] 1 cuor caldo meglio fc poffa refrigera 
re tirido pur affai aere* 

PERCHE fe inf unde laf aza daqua acbi patifee ilfluxo del f angue 
del nafo* 

ELFREDO repercuteilf angue dentro co e, caldo efallorctlrarei 



«Jrietotcome uno contrario ebe fuge Ialtro & ariete lacqua freda Te 
ingrana elfangue Vnct non corre cuffi come faceua quando era cai 
do e Cottile* 

PERCHE lbuomo tra glialtri animali molto ftranuda* 
LASTR.ENVTAT10NE non e.altrocbeunauentofaacbefege 
nera dala bumidita cB e. recbiufa neli meati del n afo cB cum impe 
to ufiflfe fuora.E perebe lbuomo ba quei meati ampli e larobi pm 
ebegha ltri animali licjli f acilmètee molte uolte fe rempieno debu 

midita lacjuale conuertendofi in uento ftimula lanatura : Vnde effa 
f e muoue cum impeto acaciarla fuora Strenutatione adonque non 
e. altro ebe exito impetnofo de una uentofitaperloqual mouimen 
toufciffe anebe fuora de molta bumidita catarrale Maglialtn ani 
m ali banno quei meati più ftretti :ÒC anguftì capaci de poca bumidi 
ta e i uento <decr> non fe fa tanto impeto in quei perebe non e tan to 
ftimulato lanatura, Et anebe lbuomo ba curto nafo arifpeflo di 
altri animali: VncF quella bumidita refcaldata e reducla in ueto po 
tofto ufeire fuora ebe negli altri animali eflendo quei meati più lun 
gbi quella bumiditaferinfredaprima ebe efcaEperbo quel uento 
f e rimete per ilfredo: Adonque per quefte doi rafione lbuomo più 
ftranuta ebeneffuno altro animale, 

PERCHE el più dele uolte f e ftranuta doe uolte una drieto alatra 
e non una uolta o .più ebe dueuoltc 

DOI Conno limeatidel nafo adoque fecundo tutti edoi ef eie i T uen 

to cum impeto ebe fa le ftranutatione VncP fe ftranuta per tute dee 

lenare una dopo laltra incontinenti £ ebe quel uento prima efeie da 

luna e poi dalaltra e quefto e. elpiu dele uoltejpercbe quando gJie 

demolta repletione debumidita e, uento non può albora lanatu 

r a in do e uolte caciare fuora quell a bumidita : e uento « bifogn a ado 

que ebe più uolte albora f e ftrenuti . 

PERCHE feftranuta meglio guardanbo nelfolc. 

ELSOLE per Tua calidita muoue labumidita eh e . nele uie delnafo 

e. quella reduce auento decbefeguitalaftrcnutatione come,e,ftato 

dieìo. 

PERCHE afregare Iocbio fa ceflare dalftrenutare. 
ELSTRENVTO procede da moltitudine de bumido c da un cer 
to caldo ebe conaerte diela bumidita in uento . Effendo adonque lo 
ebio apreffo limeati delnafo per lafricationc ebe fef a nel ocbio fe 
diuerte quella bumidita daquelle uie e fi laconuerte in lacrime^ 
anebe Iafncatione de Iocbio induce calidita laquale e.molto più fò 
te ebe quella ebe esattone del ftrenuto e lamaggiore calidita con 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



fumalaminoretflc inquefto modo uiene atti ancate ilcaldo cf> tace* 
ilftrenuto e confcquentementep lafricatiOne et locbio cefifa leftre 
nutatione. 

PARCHE penfanoglbnominicbc laftrcnutationefia uno augii 
no de qualche cof a che babia auegnire :Ma glialtn mouimenti co 
mee.latofle*e.fangbiozo non penfaro effere augurio. 
ELSTRENVDO procededa capo che e membro diuiniffimo do 
ue fé funda larafione delintelledo Jmpeibo come mouimento de 
lacofa diuina chiamano liuulgari quel mouimento efler pieno et aa 
guru come fato da una cofafacra ma glialtxi mouimenti non proce 
deno da membri cuffi nobili comee.ilcapo: T mperbofe dice quan 
do lbuomo ftrenuta dio te aiuti ad.moftrare ebe quelo mouimento 
babbia afignificare qualche cof a . 

PERCHE alhuomo quando ha ftrenutato uiene alcbunifgriflom 
EVACVASSE nelftrenuto unuentoSc aiere caldo dai meati del 
nafo alqual poi fuccede laiere frecP acio non fé dia uacuo e. quella 
(rigidità defaiere e*cafione de indure tal fgnfore:come anche per 
quefta cafione accact nel urinare quando lbuomo ha ormato p lo 
ingreffo del aiere f redo alle uie doue era laurina calda uiene certi 
fgriflori. 

PERCHE liuechi cum difficulta ftrenutano. 
LIME ATI per liquali folcua ufire lauentofita caufatiua delftranu 
to in liuechi fonnoreftrec!li:Imperho quella uentufita caufatiua 31 
ftrenntoin liuechi fonno reftrec1:i:lrnpcrbo quella ucntofita cum 
difficulta efeie fuora:3c anche ilcaldo del uechio nele parte fuperio 
re e, molto remido deche non può bene conuertere quella bumidf 
dita di quei luochi auento, 

PERCHE lifurdi elpiu dele uolte parlano in elnafo* 
LORGANO dellaudito comunica cum elpulmone:Imperbo alle 
più uolte lafordita procede darepletione de humidita che e*nel lor 
gano de cflo auditp :8c confequentemente e«replctionc circa lepar 
te del pulmone e. quando effo pulmone e, repieno de humiditano 
può bene (ormare lauoce ma lbuomo fa forza cum Impeto cF man 
dare fuora lauoce. VncF lamanda cu^ quel Impeto ali meati del na 
fo:8C in quefto modo f e uiene ap arlare nel nafo ìlfurdo quando la 
furdita procecF da repletione de humori 

PERCHE nonfeftrenutadormendotmafolamente uegbiando. 
ALSTRENVTARE f e rechiede ilcaldo circa limeati del nafo eh 
conuerta Iabumidita in uento come, e flato diclo Et anche bifogna 
chelfemoua lorgano delodorato nel ftrenutare; E perche nel fora 



po laffa ilcal do lep arte del capo: e ref eraffi dentro alle parte del uè 
tre Jmperbo non e, f uffici ente caldo nel fomno alle parte del nafo 
per ìlftranuto . E anebo nel fomno quiefeono tati lifentimenti e nò 
femoueuocomeferecbiede alftrenutare eneluigilare e ìlcontraio 
di quelle cofe. 

Phi^CHE lbuomo ba peggiore odorato che neffuno altro 
animale, 

LODORE e. un fumo ebe euapora dala cofa odorabile:dal qua T q 
fumo difperfoperlaiereremultiplicalafpecie allorgano del oifato 
Quanto adonque eflo organo e . più ficco ♦ tato f ente meglio ledere 
perebe ba m aggiore fimilitudine cum quel fumo ìlquale anebe e di 
natura ficca: e figno decio e . ebe più fe fenteno liodorì altempo del 
caldo e. del ficco ebe attempo del fredoede Ibumido: VrcF quan, 
to lbomo bapiu caldo e,ficco ilcerebro tanto traglialtn e. et meglio 
re odorato* Et perebe lbuomo traglialtn animali ba pm grande 
cerebroperrefpecìodela fua quantità :Ilqual cerebro. e. di Tua 
naturafredo e bumido:lmperboba lbuomo ìlcapo più f redock bu 
mido cbeneffjnoaltroanimaleidecbeconfequentementeba peg 
giorc odorato per lacafionedicla* 



ERCHE quando lebraze fonno tante lunrbe ebe lema 
no tocano legenocbia figmficano futilità cF animo :6c ar 
rogantia e . ebe tal buomo e cupido di regn are ♦ 
LEBR AZE lunghe procedeno da calata & bumidita de cuore c. 
confequentemente de tutto ìlcorpo tperebe de raxione del caldo , c 
di elongare:5c extendere effendoli lumido proportionato:E percB 
dalacalidita del cuore & bumidita fi genera Jifpiriti fubti li. e confe 
quentemente prouene lafuttilita del animo e delinteleclo :E perch 
anebe da calidita del cuor procede arrogantia:e còfequentemente 
defideriodefignorezaretlmperbo talbuomini ebe hanno lebraza 
molto Iungbefonno fottili dingegno arroganti e cupidi de fignore 
giare. Et anebeper una fimilitudine come quilli ebe regnano hi 
fogna ebe tengano molte cofe foto lcfuebraza della fua poffanza 
cuffi quih ebe hanno lebraza lunghe e.fegno ebe ba fatto lanatura 
ebe effi uogliono tenere molte cofefotto lefue braza perche lanatn 
ra non fa alebuna cofa fenza canone: VncF per quello fono cupidi 
di regnare. 

PERCHE lbuomo che ba lebraza molte corte, e ♦timido carnato 



re del male^ 

COME hlungbezadellebraza procede da ealiditacP compi exion 
cufli labreuita Se quelle procede da frigidità «Percbe deraxione del 
fredo e,d* abreuiaretcome della calidita alongaretEpercfc dala fri 
gidita procede timoretcome dala calidita audacia Jmperbo tali bo 
mimfonno timidi de natura. E percblitimidicontinuamente teme 
no de non effere offeffi.Imperbo defiderano ebe glialtri patifeano 
ficbe laloropoflanza e forza fia diminuita tanto ebenon pofforo 
effere off efi: Vnde per qucfto continuamente defiderano limale 
delproximo, , 
PECCHE lemano molliCCimee.fottilefignifìcanomoltafapientia 
e buono intellecto» 

ELMAGIQR E temperamento cbefia nel buomo e rcla palmacF 
lamano e poi nel refiduo et quella . Percbe inquella cofifte iltoccare 
(opra tutti glialtri membri E percbe iltoccare confitte nel tempera 
mèto deglelementi diebe ìlfegno, e, ebe quanto lbuomo e.piu tem 
perato ba megliore fentimento de tacìo :lmperbo nela m ano fema 
nifefta più laeomplexione et lbuomo ebe in neffuno altro membro 
quanto altocare percbe fe lamano e.molliffima e*cbefia tempera 
ta e defuttili bumori e.fpirititdacbe procede fapientia.e.futtilita 
de intelledo E fel amano e afpera e dura nel tocare ludicamo cb la 
complexione de quel corpo . e. fa^ra de bumori groffi e fimilmente 
difpiriti rudi: deebe procede groffez a de intellecto. Lamano adon 
que fattile e .moiliffima fignif ica temperamento de complexion . e 
e duttilità de bumori e confequentemente bontà de intellecfto e fut 
tilita de ingegno. 

PERCHE lemano molto carte fignificano {rultitia e lemano mol 
to lungbe fignificano lbuomo effer tyramno, 

LABREVITA cP lamano procede dafrigiditatcome lalìtgbeza ^ 
cede dacalidita:Cbiba adonque lamano tropo curtaba lacomple 
xione molta freda e libumori molti grofli deebe procede rndita de 
intelleclotcome. e.ftato dicftotE latyramnia procede da molta cali 
dita ebe fa lbuomo inftabile nele fue f antafie e fallo cupido e defi 
derare quel ebe non de e fallo etiam crudele :VncF tutte queftefo^ 
leconditioneebe apertengono altyramno.Et anebe g 1 buomini cb 
banno lemano molto lungbe fe fimigliano aglianimali ebe uiueno 
de rapinai 8C banno lidigiti ,e*lcungbe molto grandetacio ebe me 
glio poffino rapin are Similmente ba fato lanatura lem ano lungbe 
aglbuomini tyramni ebe uoleno uiuere de rapina ♦ 
PERCHE lanatura a facìo alcbunc linee 8c alcbunifigni nelama 



no te. non neglialtri membri, 

LAMANO bafacìolanatura come inftrum eneo et tuti liinftrume 
ti 8c organo de tutti gliorgani cf 1 corpo bumano che ba aferuire atu 
te leparte del corpoilmperbo nelageneratione et lamano concorre 
lauirtu de tutti limembri come aquella cofa ebe e, neceffaria aqueli 
Eperboe.giaftato diclo ebe nelamano fi manifeftalacomplexion 
di tutto ìlcorpo* Adonque ci afeuno membro ba produco qualche 
Cigno nelamano, o grand" o piccolo fecundo lapoflanza e .uirtu di 
quel membro e perbo lamano . e , Cign ata: Vnc? fopr a t al fign i iudi 
cano glbuomini per fcìentia chiamata Cyromantia ctla complexió 
cP lbuomo e. de tutti glialtri accidenti cb fuccedano nela uira cPlbo 
mo:come gfigm ebeba facfto lanatura alprmcipio dcla gcneiatòe 
de lbuomo per lauirtu data alamano da tutti limembri* 
PERCHE fonno quatro lelinee principale e, grande def cripte ne 
lamano . 

TRE Tonno Iimembri principali nelbuomocbe fonno agouerna 
re e , reggere e , conf eru are ilf uo eflere cioè ilcuore ebe e pnn cip io et 
lauita e. del calore naturale, Elfecundo e.ilfigato ebe e, principio 
de nutrire e de reftaurare tuto ileorpo Elterzo e'ilcerebro cb prlci 
pio di darefentimento edelmouere albuomo, Adonque queftì tre 
membri danno ciafeuno diloro un fegno n clamano «EI cu ore adon 
que cum lafua uirtute produce una linea nelam ano :1 aquale Si cbia 
ma linea diuita: come e(Io cuore e*principio delauita.e .per quefta 
linea del a uita Hcognofcc quanto dee uiuere lbuomo e quante infir. 
nvta dee bauere:3cba principio quefta linea tra. ildito groffo 
e.ìoindiceeprotencF giofo uerfo Iarefcieta cHamano-E ùmilmente 
clfjgato preduce lafua linea come ba f arto ilcuore :& ba fuo princi 
pio dala linea delauita cum laquale fa uno angulo e, protède alde 
feenfo dela mano. Laterza procede dalcapote .cum quelle due 
altre dieìe fa uno triagulo nelamano . E perebe ilftomaco comu 
nica cum iIcapo:8c ba conliganza cum effotlmperbo anebora talli 
nea procede dal ftomaeo* VncF cbiamafi linea capitale, e. ftomaca 
le Laquarta procede dala uirtu di tuto il corpo :8c e, chiamata me 
falc e, comincia tra loindice e lodito demegio e defeenet giofo apro 
pinquadodi alquanto ala giontura deliditióc e. detta menfale per 
eh tra quela elalinea del figatofe conftituiffe nelamano uno fpatio 
mmododeunamenfa.Etba anebe quefta linea fignificatione fo 
pra lamilza dalaqle poneno alcuni bauere prkipio Sono poi al 
cune altre linee piccole lequale fono manco principale ebe nafebo 
no da quelle. 



PERCHE lauita de lbuomo e più lunga quando lalinea del cuor 
e.lungba.e-groffa Se indebita dittanti ad ala linea del figato come 
iudicano licy romantici. 

QUANDO lauirtuuitaledelcuore e forte produce lalinea della ui 
ta lungba egroffate quando e debile laproduce curta o uer minuta 
6C Cottile Perche dalla cafione forte procede forte effetto e grande 
6c dalla debile procede effetto debile dt piccolo Quando adunq* 
lalinea delcore e.luga e groff a fignifica lauirtu uitale effer de gram 
uigore:8c ileontrario qdo e. minuta e curta. Bifogna anche che die 
ta linea fia continua e non dilcontinua perche lacontinuita proce 
et dalfague cB j> fuabuldita cotinua«unct fignifica ^pportòe e tèoa 
mèto neh bamon E bécfc lalinea del core fuffe gract e, grolla e fuffe 
difcotinua fignificaria lauirtu uitale Ipricipio effer ftata foite.ma 
ebe improceffo fuffe m ancata per diftemperamento del fangue e et 
libumori Bifogna acb cf> labbia debita proporfror.e indiftantia e 
propinquità alla linea del figato zoc ebe non fia tropo remoto daq 
la ne anebe tropo propinqua:Percbe effendo tropo remota figmfi 
ca cbel figato fe remoue infua natura dal cuore e cbel non ba debi 
ta couenientia cu^ quello e cbelfangue ebe fegenera nel figato nò 
e. conueniente ne proportionato alnutrimento del cuore Et anche 
fe lafuffe tropo propinqua fignificaria gran moltitudine cP fangue 
che fuftocaria el calore del cuore. Quelle doe linee ador.que et 
no effer in mediocre diftantia. Bifogna etiam che lalinea di figa 
to non fia tropo lunga ne tropo curta Percb effendo tropo lunga fi 
gnificariagram calore nelfigato che extinguiria 1 anatura :Et effen 
do molto curta fignificaria mancamento de caldo naturale nel f ga 
to e chel fangue generato ineffo non feriaproportionato nutrimèto 
alcuore e*atutto ilcorpo-Concludamo adonque che lhuomo ad cf 
f ere di lunga uita bifogna che lalinea del cuore fia lunga groffa e co 
tinua indebita diftantia dala linea 31 figato e che effa linea del figa 
to fia de debita quantitade, 

PERCHE quando feretruoua tra lalinea del cuore «e .lalinea del 
capo doipuntti fatti amodo duna littera^o. iudicano liciromantici 
che til buomo de perdere tutti dui gliocbite fe folamente glinefuf 
fe fenon un puntto de perdere unocbio < 

LALINEA del cuore circa ilfuo principio fignifica afeenfote circa 
larecepta della mano fignificadefcenfo te malete lalinea del capo 
fignifica tutte lecof e ebefonnoin effo capote li puntti fatti come 
una littera o .repref entano g-ìocbi Vnde quando tal puntti fonr o 
nel dfenfo dela mano lignificano detrimento e fditione negliocbi 



perche quel luocbo. e.luoco de damno e de depreffione.Signo.e* 
adonque che lauirtu deghocbi non ba potuto produrre Iifegni Tuoi 
fenoninluocbo mie ♦ e.depreffo: decbe frgnificain eCIi graue 
cafo. 

PERCHE rare uolceferetruoua tal puncìinela mano «c.dcueria 
effer incontrano percbe da ogni membro fi de decidere ilftio fegno 
nela mano come cftato ditto. Se adonque tal puntti fon fegm de 
gliocbi doueria apparerein ogni mano cb aparere deno o in loafce 
io o*uer nel defcenfo delamano* 

LEVÌRTV del corpo fono recete e.gubernate dai cieli è dale fue 
intelligentietcbe moueno quilli e.quatro fono leuirtu cbe fono ne 
ceffane aleflere delbuomo zoe lauirtu uitalc del cuore lauiitunatu 
rale del figato lauirtu animale del cerebro e. lauirtu regittiua de bit 
to ìlcorpo cB refulta daletre prime Qi elle fono lepricipalc flirto d 1 
corpo :Lealtre uirtu tutte et certi membri fon più tofto debene ctfet 
cbe de effe: come lauirtu deeliocbi. Lanatura adonque uniuer(a 
le del ciclo ba un a grani follìcitudine circa leuirtu principale et prò 
d:irle:ÒC anebe Lfuoi fegniliquali fe producono per forteza cF qlle 
Madele alt;e uirtu cbe non fanno aleffer del corpo de neccffjta no 
ba tanta folicitndme lanatura difopra:Impcrbo non produce fcrn 
pre hfegni di quelle, nela mano. ma folo quando uuol demoftrare 
unograndebene,o*uno grande male in quel membro «Imperbo 
nos uedemo cbe inciafeuna mano alcoatinuo fonno lequatro prin 
opale linee diclc. ma lealtre linee allcuolte glifonno;Sc alleuolte 
non . E quando glifonno banno fempre afignificare qualcfe cofa o 
d; bene, o. di male Vnde laciromantia.e.fcttopofta alla aftro 
logia 

PARCHE quando dala Lnea de! cuore nafeoro alcune lince pico 
le cbe uano uerfo ìlmonte del pollice e.Iafcenfo de lamano figmfi 
ca quel buomo effer infortuna di bene riebezza de bonorc & eolico 
trano fe tal linee uano alctfeenfo dela mano uerfo larefcetta* 
LACASION decio e, manifefta perebe lafcèfo dela mano de ilm5 
te delpolicefignifica fortuna e, bonore. Et ìldefcenfo dela mano 
uerfo larefcctta fignifica ileontrario come eftato dicfto, Vnde qua n 
do til Knee fe parteno dala linea del cuore afeendendo fignificano 
cbe lacomplexione di quel buomo «ebuona e. cbe lanatura loadiu 
tcraadafcendere8Cad impire quel cbe luiuorra ccufifi fe tal linee 
defeendeno fignificano ileontrario, 

PERCHE eflendolalineadel cuore groffa e, lunga e, ben propor 
tionata alla linea del figato eflendo lahnea del capo fottile e -picco 



la fignifica lnuomouiuere pur affai ma effere pazzo e. de pocco in 
tellecto. 

LACASIONE e.giaftatadicìacbeffendo lalinea del cuore bej p 
portionata e. formata e «fegno di lunga uita:8c eflendo lalinea del 
capo Cottile e breue lignifica lauirtu del cerebro effer cibile doue jp 
cede ftultitia e paudta de intelletto 

PERCHE quando lalinea del capo alafua fine uerfo larcfcettafe 
inforca e. nò continua ildnto fignifica lbomo effer idoi ftati e cbel 
no può tenere ìlcuorefuo fermo in un ftatoma mpiu fe diuolge, 
QV ANDO non e. continuatone in una linea ma fc obliqua ÒC in 
forca figno e. che lauirtu ebe produce quella linea e «ci bile e.impo 
tente tSignifica adonque ebe lauirtu animale del cerebro . e debile 
e confequentemente talbuomo e infenfato e nó può tenere ilcuore 
fermo ma e.buomo inconftante cbelifuolata ìlceruello . 
PERCHE quando lalinea del figato e .lunga e, groffa .e- continua 
e roffafignifica longa uita e bona conplexione & ìlcontrario f egli e 
breue. e, minuta non effendo contìnua ne anche colorata, 
ELFIGATO e. uno di principali membri aconfeuare lauita dalql 
^pccct ilfàgue cB nutrica tuto ilcorpo.S e adócjj lalinea cb ba origie 
eda effo figato ebé ^ducìa fignificaeffo figato eèrbé cóplexióato 
edifpofto agérarc bò fàgue come e. ftato dicto nele altre doe linee 

f>rcipalecjdoifuoimèbnfon de forte natura. Ma larcffeza diefta 
ineafignifica ilfangue effer puro e. netto e confequentemente to 
na nutricatone e reftauratìone del corpo dacbe procec? longa uita 
E cuffi ìlcontrario fe effalinea e. debile breue o.uer difcontinua:e* 
fenza colore ebe fignifica breue uita e*mala complexione e molte i 
firmita ebe procedeno da effo figato per male f angue ebe fc genera 
in effo, 

PERCHE quando lalinea del figaro e*dif contìnua e-breue cum 
molta roffeza nela parte ebe e.ucrfo lalinea del capo fignifica in f ir 
mitanel capo laquale procede dal figato e.fe tal roffezacnrl prin 
cipio doue continua cuj lalinea dela uita fignifica infirmita del cuo 
re procedete d a eflo figato . 

OVANDO lalinea de if igato e, dif continua breue e - minuta Tigni 
f ca mala complexiòe del figato come e. ftato diefto e ebe fe genera 
fague corruptodoue e. adonque» laroffeza dela dicìa linea mi figni 
fica effere abondantia de tale fangue e.cbe comunica aquel mébro 
de tal cortuptione.Effendo adonque roffo circa lalinea del capo cu 
le prediche conditione fignfica tal mancamento e coruptione de fa 
gae comunicare alcapo E fe in tal ftato defeedeffe una linea dala li 



\ 



0 



area «Seleapo aHatinea del fjgatof adendo iuiuna eroxef/gnificaira 
«una apoftematione nel capo cbeprocede da abondantia d fangue 
corrotto efimilmète eflendo tale roflera o uer tal linea circa lalinea 
Jel cuore fedebe iudicare deleinfirmìta ebeproeedeno dal fia a to 
ad etto cuore, ° 

PERCHE quando iltriangulo delamano ebenproportionato j c 
ledicTre tre linee fignifica bon a complexione c bono intelkdo e lo 
ga uita et e ìlcontrario quando fonno difproportionate, 
■QV ANDO lauirtu regitiua di tutto ìlcorpo e forte e bene difpofta 
fignifica longa uita e tutte leoperatione dclcorpo efler debitamen 
tefa&e.Epercbequefta uirtu e quella ebe guberna tutto ileorpo 
c diftnbuilTe laperf celione atutte leuirtu dellimembri principali fe 
efla e forte diftnbuilTe equalmente adeffimèbri principali lafua 
perfezione e uirtu . Si ebe tutti fonno de equale fortitudine e natu 
ra del Tuo genere. Et impeibo fe producono cqual linee da efifi :M a 
quando lelinee de effo triangulo fonno inequale ebe una e più lon 
gacbe laltrafignificanocbe lauirtu del tutto non e fiata forte adi 
ftribuire equalmente lauirtu aciafcuno membro principale: Decbe 
fon facìe I elinee inequale: Imperbo non frgnifica bona complexio 
ne te confcquentemente malitia de intelleclo e maximamente qua 
do fonno tutte inequale de una grande inequalita* 
PERCHE quando langulo douefe congionge lalinea della uita 
cum lalinea del figato e acuto fignifica acuita de ingegno fe lalinea 
del a uita e totalmente feperata dalla linea delfigato j ficbeiui non 
fia anguTo alcunoifignificalbomo effer inuido inftabile e traditore 
QVANTO meglio fecongiongono lelinee delcuore cum lalinea 
delf igato tanto fgnifica effer migliore proport'one tra ilfigato e il 
cuore e confcquentemente tra ìlcaldo e lbumido del corpo doue co 
fifte lauita- Eflendo adonque langulo acuto de quelle due lince :bi 
fogno fa ebe lefiano molto congionte e unite diebe fe dimoftra op 
tima proportione e conuenientia trai figaro cilcuore e tra ìlcaldo e 
lbumido e confequentemente temperamento de complexione :da 
ebe procedebonta e acuita de intelletfo . E per ileontrario quando 
quefte linee fonno difeontinuc lignifica indebita propotione del 
caldo cum lbumido e del figato cum locuore . Equefta difcorttnui 
ta procede da troppo ficco e tali buomini fonno di natura melcnco 
lieitperebe coffi come labumidita e caxone della continuatone de 
elinee tcoffilafiecita e caxone della difcontinuatione:Vnde tali bo 
mini fono di mala natura dacbe feguitanoliuitii predici cioè luidia 
instabilità e tradimento* 



PERCHE eflfendo lalinea menfale dritta grotta clungafignifica 
bona uirtu e . difpofitione del corpo . 

VNA medeflTmarafione e* curri lealtre linee ebe fono (late norma 
te perebe quefta linea procede dala uirtu de tutto ìlcorpo ilmperbo 
fedi&almea.e^bemfiguratafignificabonauirtucr 1 tutto ileorpo: 
di cilcontrario quando e»malefiugrata come e, frate diclo nele al 
tre» 

PERCHE quando lalinea menfale entra lo indice e Iodito de me 
gio fignifica percuflione nel capo dela quale feguita morte» 
ELMONTE del dito de megio cdelo indice f gnifica fopra di ca 
po teldefèfo dela mano fgnifiea fopra laparte deli mimici: perche 
cufli come quei montifono in lafupcriore parte dela mano cuffi ci 
capo c»nelafupenore parte del corpote linimici fono contrarli al 
bonore 8c exaltatione de lbuomo:& eldefenfo delamano c.contra 
rio alo afcenfo.Imperbofe cogliono linimici dala inferiore parte cY 
lalineamenfale doue4eildefenfo dela mano» .Quando adorcg 
tal linea menfale procede dal defenfodcla mano per (ino almonte 
del indice intramctcndofi tra quello 8c ildito de megio fignifica cb 
lmimici fi uigOrano fopra alcapo e- lbonore detalcbomo-E cuffi 
come elmontc del md.ee e.d uifo da tal linea cufli fignifica elcapo 
efler diuifoÒC uulnerato *VncF glbuomini ebano tal fegno fe deno 
guardare da gucrare cum fuoi nemici perebe fignifica ebe feranno 
ninti e. morti daquilli. * 

PERCHE quando lalinea menfale fealonga uerfo almrntc del in 
dice fignifica Ibuomo efler bomicida crudele e^proditoie 
OGNI efTeclo ebe procede nel corpo da fuperabur dantia de colle 
r a e. proportionato amarte doue fe piglia ogni crudeltà Se bomici 
dio perebe marte fc tiene del corpo et Ibomo lofelle e. Ibi more col 
lerico e. quando la elongatione e moderata e medocre fgnifica ef 
fere facladal caldo naturale stemperato E quando laelongatcne 
deunalinea »e .fnperflua & alluoco doue non dctbc ardare 
fignifica efler f acla da fuperfluita de calore E perebe lalinea me 
{ale de comenzare fotto almonte del indice e circundare tutti I mo 
ti deli digiti. Ma non de comenzare ficbe uada almonte de effo'in 
dicefe ella e-debitamente facla: Quando adonque afeend' elditfo 
monte fignifica abondantia de calidita e ebe tal buomo e. marciale 
e* eh uuol Signorezare cum crudeltà e bomicidio come e» natura dì 
collerici e marti ali :e talbomini fonno molto dafebiuarc da non co 
uerfare cum efli. 

PERCHE quando lalinea menfale fe alonga dalindice e^uaflencr 



uerfo lalineadel capo.o*uerfe eongionge cum quela'fignìfica Ibo 
mo adulatore «e -mendace e deceptore che dabuoneparolc,e,fa il 
contrario» 

QVANDO lelinee della mano non fono ben proport onate fccu 
d j lifuoi Citi naturali cfegno de debilita & irpotentia de caldo n 3 
turale & abondantia de caldo preternaturale, Quando adóque lali 
nea menfale fe parte dal fuo fito e prolcgafle ueifo lalinea delcapo 
fignifica defeco del caldo naturale eli corpo ilquale comunica ad 
eilo capo tdccbe tali buomini fono de poco intellecìo e diferetione 
& bannofalfeimaginationecumlequalc continuamente cercar o et 
inganarce quefto e-per lagrandeiiccita del cerebro cBproced da 
fuperflua caudata preternaturale, 

PERCHE quado nel fine dalla linea menfale gliforo più linee cf> 
feramificano amodo deunoramo darbore Significa moltirucLne 
de inimici e fecundo lamoltitudine de tal linea lignifica tanti in.mi 
ci E fe tal linea non ba iui ramo alcbuno fignifica tal buomo nò ba 
uere inimico, o . non baucréfenon uno 

LALINEA menlale procede dala uirtu <F tuto ileorpo come e.fta 
to dufto.Imgbo da qlla fe colle tutti liaccdenti ebe eueoeno nel cor 
po e perebefon date doi uirtu alanimale cmaximamente albomo 
zoe uirtu irafcibile per laqual fe fcbiua linocumenti exteriori e laui 
tuconcupifcib.le per laqlc fe feguita lecofe delecfteuole e iuuat.ue 
E dal a uirtu irafcibilcfc pigliano linimici dai quali procederò lino 
cumenti: T mperbo e. attribuito lapartc inferiore de dieta linea a 111 
inimicite laparte fuperiore alla uirtu intrinfeca :deeffo cuore dala 
quale fe pigliano leinclmntione fuc naturale :6c anebequefta linea 
procede molto dala milza fecundo liciromantici: Vrc? fjgnificafo 
pralbuomorc melanconico dalquale procede ogni difccnfione.c 
discordia 8c inimicicia e pertanto fecundo lonumero di rami cF effa 
linea nela inferiore parte fe piglia il {tato deli inimici e, fecundo la 
fuperiore parte ilftato de etto corpo ebe fe ladecìa linea nela parte 
inferiore e più grotta e meglio f acìa ebe laparte fuperiore fignif ica 
linimici cflfer più forti e tal buomo ettcr fuperebiato da etti maxima 
mète fe tal linea entra tra lindice e ìldito di megio tcomc e .flato die 
to E fe laparte fuperiore fuffe più grotta ebe laparte inferiore fignì 
fica uicloria de etto fopra linimici fuoi e fe Iefutteno equale fignifi 
ca 1 mga pugna:8c equal pottanza, 

PERCHE quando lamenfa dela mano ebe e^rra lalinea del caco 
e etta linea menfale e ftri<fta fignificalbuomo efì"erauaro equando 
elarga molto fignificalbomo ettcr prodigo *M a quado e. medio ere 




C 



lignifica lbuomo efier liberai 

LAMENSA dellamanofignificalaeomplexìoncde efTobuomo 
fecundo ebe luiba inclinationeadiuerfeccfe:Percbe cornee. flato 
ditto lalineamcnfale lignifica tutto ileorpo: Quando adoruquela 
linea del capo fc aproxima molto alla linea menfale:quefto non p 
cede fe non dj difetto del caldonaturale ebe non ba potuto debita 
mente allargare le ditte linee E cufli e.ilcontrario quando fono tro 
po allo ngate lignificacelo caldo eflerfupfluo. E. quando fono me 
diocrcmente fep erate fignif ica ilcaldo efler temperato : come adon 
que lauaritia procede dalacomplexione troppo fredacutfi laprodt 
galita prò ced e d alla complexione troppo calda : e 1 aliberalita dalla 
compiexione temperata* 

EPkCHE quando lamenfa dela mano e,larga nel defeenfo zioe 
uerfo ìldigito piccolo e dritta nelafcéfo uerfo loindice fignifica lbo 
mo etfer prodigo nel pneipio dela uita:6c auaro nela f ine:& e, ileo 
trarlo f e lafufle ftretta nel defeenfo :e* larga nelafcenfo figmfica lo 
mo cfler auaro m giouentude e:prodigo nela uecbieza .E quando 
ditta menf a e. larga nel afeenfo e. nel defeenfo e.ftritta nelmegio 
f ignif ica prodigalità nel principio e*nella fine:& auaritia nel me 
gio dela mta . 

ELDESCENSO delamano fignifica ilprincìpìo dela uitaperebe 
lbuomo naf eie pìccolo e baffo • ccctiunamente procede crefeendo 
nelfuo intelletto e.nele fue operatione in fino alla morte:Tmpero 
e d~fcenfo dela mano fignifica ìlpnncipio della uita e .loafccnfo 
latine zoe lauecbieza E ilmegio dela mano tra latcenfoidc ildc(ccti 
(o fignifica ilmegio de cflfa uita, Doue adonque Iepreditte linee 
fono ampie in quel tempo ebe fignif ica quella parte lignifica Ibuo 
mo effer largo cdouefbno ftritte in quel tempo fignifica lbuomo 
effer auaro 

E QVESTO batti quanto alle fignìficatione dela maro lequa 
le fono fundate fopra lelinee e parti principali de efla mano perco 
lealtre linee ebe non fono piincipale non banno cuflfi uera fjgnifi 
citione neaebe felipuo dare naturale rafione:comein quelle cb fo 
noprincipale:delle quale b a più cura c.folicitudine lanatura. 



ERCHE lipiedi ebe fono molto carnofi:3c banno lacar 
ne dura fignif ica lbuomo efler de groflb intelletto* 
LACARNE dura non procede fenon da groffeza p bu 



Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuestLLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 



morite Ja bamori groffi fe generano fpirìti groffi Vndc non poffo 
no deferuirc ben al intellccfeo e. quello e.fimile acolui che ba lema 
no carnofe e ♦dure cB fignificagroflezza et itellec1:o|> ladicìarafióc* 
PERCHE Ibuomo ebe balipedipico li e. belli .e ♦fornicatore, e. 
iocofo- 

QVANDO Ibuomo fe afomiglia ad uno animale libidinofo in al 
ebuna parte del corpo etiam dio fe affimiglia alquanto in complexi 
one e coftumi aqllo *E pcB lafemia ba ìlpiect picolo e formofo & e 
molto libidinofa.Imperbo Ibuomo cbebatal piedi*c, molto forni 
catore clibidmofo e piaceli ilgiocare come ad effafemina* 
PERCHE lbomo cbebailcalcancofuttile e. timido e,cbibailcal 
caneo groffo e, forte e. audace, 

LATIMIDITA procede da diminutione de caldo come laudacia 
e, fortitudine dal caldo forte, Inondamento de tutto ileorpo fono 
lipiedi e,maximamèteilcalcaneo DicB effedo lanatura debile gene 
ra debile fundamento alcorpo 6c effendo forte fa diclo furdamen 
to groffo & forte anebe Ibuomo ebefifentebauere debili c alcanei 
non f e confida et* fe medeffimo non bauendo buono fondamento: 
Vnde fono timidi et ilcontratio fentendofi ditto fondaméto groffo 
c forte ebe fono forti et audaci. 

PERCHE lbomo cbebalecbauicbiedipiedieleganbegroffe e bu 
omo groffo e inuerecundo . 

LAFEMINA ba le cauiebie di pedi e leganbegroffe fecondo lama 
giore parte Se e groffa e inuerecunda .Lbuomo adonqua ebe f afomi 
glia allafemina nelle cauiebie e ganbe, e, anebefimile allei neliiTu 
oi coftumi 4 

PERCHE quando leoffa delle coffe fono più aperte etbano magi 
or fpaciofita e diftantia tali buomini fono audaci e forti* 
NOIuedemoincolloro ebe uoleno giocare alle brada allargano le 
coffa per fortificale bemtquando adequa Ibuomo .e comporto da 
lanatura \ quello modo delle coffe de effer forte p ebe naffe in quel 
fito ebe, e. più idoneo e conueniente afoftenire il corpo e dalli forte 
za imperbo tale buomo e forte e confequentemente audace » 
PERCHE lbomo ebe fa li p affi tardi e grandi cfpatiofo e benignio 
E lbomo ebe fa lipaffiueloci e brieui. e.nellefue cofefeftmo e mol 
to folieito lequale non fa difponer ne inquelle confegliarfe, 
L ASPATIOS1T A e benignità de lbomo procede da bontà e tem 
peranza di complefione eia uelocita e folicitudine de lecofe cu nò 
fapere difponere quelle procede da calidita e complefione colerica 
E perche lipaffi briem e ueloci fignifica fopraladitta complexione 



colerica \ 3c lip alti tardi e brenì f ignìfica foj>ra "eomplefione meleco 
nica o .flegrnatica e lipaffi ueloci e lunghi fignificano lacomplexio 
ne temperata : Vnd* per quefto appare lauenta del quefito quanta 
atutte cioè le parte. 



jiiofo. 



ERCHE lbuomo ebeba ilcollo corto .e valido ,t*wgt 



LACAL1D1TA o uer aftuti a Se ingegno prouene dalauirtu anima 
le del capo e .come e.ftato dicfto deiopra ìlcollo groflb e inrubicun 
do procede dala uirtu generatiua ebe e forte & ba molto fpirito ebe 
concurre ala generationede eflo collo, L quando lauirtudel capo 
c .forte produce meglio lefue operationc e • fa lbucmo ir gignefo , e 
aftuto. Dalaltro canto quando ilcollo e, corto afcer.deno pio pf 
to li f piriti del collo alcapo c!oue f e conuerteno ifpirJti animali: Vn 
de quàto lauia.e-piubreue dal cuore alcapo tanto meglio influifle 
fu a uirtu alle parte defopra e confequenttmete e fio erpo, e ♦meglio 
admtato dal cuore aproducere lefueoperatione* 
PERCHE lbuomo ebeba ìlcollo lungo e.fotile e.ftolido e.Ioqua 
ce e* timido, 

QV ESTO procede dala cafione contraria de quelo ebe e ftato die 
to:primopercbeba lauirtudel capo molto debile fecundo perebe 
ìlfuo capo e.moltc dittante dal cuore deebe poebi fpiriti fono man 
dati ad e(fo cuore a »receue da quello poeba uirtu . Vrd per queffco 
non banobon giuditio ne intelIec f to:]mperbo tali bcm.ri fono fto 
lidi. Dacbe procede ebe fono nugaci:cbe tutto ìlzorro zarzaro 
non f ano quel cbefidìcono tuto ilgiorno contendeno e.ron fano 
dcebe e fono confequentementc timidi per paucita e mancamento 
defpiriti ebe non po(Tono comunicare dal cuore ad cflo C3po. 
PERCHE lbuomo ebe ba ilcollo grefifo forte e duro e iracundo*e 
feftino nefaclifuoi 

LA1RACVNDIA e. feftinatione prouene da fortitudine de uirtu 
come 2 e* in tali buomini : Vnde f ignif ica f ortez a del corpo :1 aqu ale 
procect da calidita da laquale nafeieiracundia e*feftinatione:Vnct 
conf idandofi nela fua fortitudine fono iracudi perebe uoleno elTer 
©dediti* 

PERCHE lbuomo cbebaIecofteforte*e, molto carnofe. e. molto 
furiofo e*pazo« 

LACARNE fe genera da calidita laquale tira de molto fangue e* 



fflocoagnla o .att conuerte in f angue e fimilmen te Iaforteza SI mi 
bto pcejì da cahdita Quado adéqj lecofte fono forte e molto carno 
le f.gmfica molta cal.dita regnare nel cuore:dalaqual exceffma ca 
lidtfa douenta Inuomo funofo laqual furiafi folle Jintellecìo deck 
fonomezo pazi. 

^w R A nJÌI la 1 { ' ubtlllta de,e cofte %^ca debilita de cuore, 
yVANUO aiebun membro piincipale-e, debile leparte anebe 
ebe fono circunft ante aquelofono debile,Quido adonque lecofte 
iono iubtile e debile fignifica che ileore e; debile effendo effe cofte 
toopertorio del core, 

PERCHE lalargbezadelafcbinafignificaforteza de corpo arro 
gantia&iracundia r 

DACALID1TA del core procede Iargbeza de fcbina eJibuomini 
ebe barino ilcuore caldo forino elpiu delle uo Ite forti arroganti:©* 
iracundi, & 

d 9ìlu Ia / Cb,1 ? a m r edlocre & c< ì uaIe ^ fegno buono nelbuomo 
rbRCHh tal qualità lignifica temperanza de complexione delco 
re dalaquale procede temperanza de complexione # tutto ìlcorpo 
laqual temperanza e.cafione de tute lebuone operatone- 
PERCHE quando lbomo ebe balafcbinacuruao.uer piegatale* 
buomo de ma li coftumi, 

LAC ALID1TA del corereflecìandofi alle parte della fcbina non 
poffendoli liberamente afeendere induce curuitain eflafcbina.E. 
f ebe dala calidita del cuore procede malitia e prefteza cu animofi 
ta nelefacendefueemaximamente quando anta! corpifono lifpiri 
tiTubtiliimperbo tali bomim fono malitiofi:p e rcbe fono calidicP 
complexione et banno libumori fattili dacbe procede tal curuita d* 
fcbina, 

FSSSS !h° m ° cb *kalefpallelargbe e di buono intelletfo. 
LAbrALLA 1 argba fi genera dalla uirtu del ceruelIo:dalquale ba 
iua origine , Vnde effondo effa uirtu del cerebro forte genera limi 
bri uicini forti e grandi-Effendo adonque lauirtu delcerebro forte 
iuccede poi bontà de intelecfto, 

PRCHE lbuomocbebalefpallelongbeet elleuate efubrilepar 
ticipadeftultitia. 

TALE complexione defpalle procede da debilita de cerebro :cf> 
non ba potuto produre effe fpalle in debita groffezza e forma e an 
ebe ìlcollononba potuto produrre groffo ma fattile fopra ilquale 
ìlcapo comprimendolo £ fua grauitatuiene adindinare ilcollo ali 
giofotPerlaqual complexione ftanno lefpalle elleuate: Decbeeffe 



«!o lauirtu del capo debiletfalbuomo fluito e di pocbo intellecìo. 

PERCHE lagrandezzadeluentrefignifica baLudantiade libidi 

li e e qui ("intende iluentre ebe e dalumblico infino alpetenecbio . 

LAGRANDEZZA deluentrc procede dacalidita de tefticuli e cY 

le parti genitaletdacbe nafeie libidine. 

PER.CHE lafubtilita delcorpo fignifica mo T ta aftutia* 

L AST VTIA cioefuttilita dingegnio prouiene da fubtilita de fpir 

ti :!aquale fubtilita fi genera da bumon fubtili come fono licolenci 

Tali kuomini adonque: ebe fonno di complexione colerica fonno 

fubtili e macri e fonno molto aftutiper efler liloio fpiriti molto fut 

tilì e facilmente mobili* 



ERCHE lauoceinalcbunie.grand ; 8cinalcbuni e, pie 
colatln alcbuni altri e.groiTa&in alcbuni i e.fubtile cAi 
milmente in alcbuni e. equale & in alcbuni altri e, rauca 

te afpera. 

TR E cofe principalmente fe recbiedeno allauoce come e. flato di 
to defopra. Vna e, lauirtu del pulmone ebe difeaccia laicre fuora e 
reueiberalo alepiglioto c uer parte dela gola e canna del pulmone 
Lafccnnda e.eflo aierefeacciato c.reuerberato .Laterza e.lacanna 
del pulmone Se epiglioro:dcue fe rcuerbera dicìo aiere. Qran 
do lauirtu adonque uocale e. forte cbefcaccia molto aiere e-lacan 
na del pulmone e, ampia che pur affai ne receuc. AIkora e .lauoce 
grande e piccola quando lauirtu e. debile 6c effa canna del pu T mo 
ne e. lincia. Lafubtilita Et acuita dela uoceprocede quando la 
uirtu mouc uelccemente laicre e. lagroffeza procede quando lamo 
ne cum tardità Quando adonque lauirtu moue manco aiere tanto 
lauoce e più fottile 5c acuta. Percbe lomoue più uclocemente e qu? 
to lapiglia e. moue più aiere tanto lauoce e. più grotta perebe lomo 
ne cum più tardità ♦ L afpreza dela uocc procccr 1 dafpreza e .fico 
ta dela canna del pulmone e . laraucedine della uoce procecF da hu 
miditafuperflua ebe defecnde dal capo ad ella canna del pulmone 
ebe non lalTa liberamente penetrare laiere: e laequalita e dolzeza 
dela uoce procecF da equ alita e temperamento cF ella canna quan 
do non, e troppo ficcane anebe tropo bumida. 
PERCHE lauoce di putì e.dele temine e. futtile e. acuta e olla de 
li gioueni o-ucr buomini facii e.groflfa 

L AVIRT V uocale di putti e dele f emine piglia pocco aiere per ef 



ferelaloro uirtu debile elacanna JclpuImoncìlriAa cIauìrtuuo<i 
le di gioueni o uer buomini facili effendo forte e lacanna delpulmo 
aie larga piglia pur affai aiere tVnct per larafione dicfla nelaliro que 
{ ito * cb e lauirtu moue più uelocemente ilpocco aiere cb e lo affai ap 
pare ebe lauirtu cP pucìi e dele temine et effer fubtile e quella ci huo 
mini de effere groff a* 

PERCHE lauoce di coloro cb ufano ilcobitoe-grofla douc prima 
era lottile. 

ELCOITO refcaldailcorpo econfequentemete amplifica limeati 
delauoce:liquali amplificati receueno magiore quantità daeirc:la 
^uale cum più tardità rnoue lauirtu come citato di&o 
PRCHE lauoce del tauro e. più fottile e acuta ebe quella della uac 
ca e nel buo perfe&o ebe nel uidello . 

ELTA VRO balacannadel pulmonepiu ftricfla ebe lauaccaben 
ebe lauirtu fua fia più forte deebe piglia manco aicre ebe effa uacca 
e fi lomoue cum magiore uelocita e quello non e. altro ebuoce acu 
tae fjmilmente e.neibuo perfecloanfpedo del uidello cbbalauo 
ce più acuta :j? ebe nel buoperfeclo e, molto magiore lauirtu e,moI 
to più crefcitiua atanto per tanto cbelacanadelpulmone nò e ampli 
ficaea:Impero in quella non cape tanto aiere ebe quella uirtu fua fo 
te non poffa mouore cu^ uelocita e. confequentemente fare lauoce 
acuta. Ma nel uidello lacannadel pulmone e, molto più ampia in 
fi cbenon*e.lauirtufua fortetlmperbo mouepiu aiere atantoper 
tanto e cum più tardità ebe non fa ilbuo perfeeto deebe lauoce fua 
e. più groffa* 

PECCHE quando lbuomo fe caftra douenta lauoce fua più 
fottile, 

LOMD caftrato e et più freda e 3 bile natura come e flato dicfto 3fo 
prò nel primo libro e, quanto lauirtu e«piu debile piglia manco aie 
re e confequentemente lomoue cum più uelocita e quefìo fa lauoce 
acuta nei caftrati* 

PERCHE atempo del Iinuerno lauoce ♦e.piu gioffa ebe altem 
po dellaftade» 

LAMIERE altempo delinuerno e«pm groffain noi:6c etiam quello 
ebe e fuora de noi perebe e ripieno di uapori:Iiquali Jgroffano die 
to aiere e quanto I aiere e più groffo:imperbo cu più tardità fi muo 
uetebe quando e futtile* 

PERCHE coloro: ebe piangono e licontriftati fano lauoce filtrile 

e accuta e coloro e ebe ridono fano lauoce grofla* 

QV ANDO laiere femandafuora i nqultita fa lauoce grolla :pcb 



corne e {lato ditto femuoueeum più JiflicuTta, Coloro adòque :tt> 
piangeno e ebefonno meftì e triiti mandano laiere in poca quanti 
ta pereb fe rinfredano dale parte dentro e lauirtu fife debilita, imp 
ho f ano lauoce acuta e Cottile Ma quelli che rideno mandano fuora 
de molto aiere unde fano lauoce grolla* ? 
PARCHE liuecbi decrepiti e. liconualefcentì hanno lauoce acu 
t a e. Cotti le, 

LA V1RT V debile non può (cacciare affai aiere ma poco:<ome e. 
lauirru di decrepiti e d) conualef centi ebe per lainfirmita: Vnde g 
lerafione fpeffo dicle tali buomini non poifono fare lauoce grotfa: 
rnafoctilc, 

PERCHE quando uno buomo debile uuole gridare forte. e*non 
feode quafi lafua uoce. 

QVÀNDO Ibuomo.di debile uirtucF uuole gridare forte aduna de 
tro aflai aiere nlquale poi per iua debilitano può f cacciare fuora di 
che fe pde lauoce*Ma quando adunapocco aieie alboralopuo ma 
dare e reuerberare alla canna del pulmone e conf e qu ente mente fe 
genera uoce:E per quefta rafion e appare molte uoltc quando lbuo 
mo uole gridare forte limar ca lauoce perebe uuole madare più aie 
re fuora ebe non patiffe lafua uirtu: Vnde non poflendo man 
calauoce* 

PERCHE lbuomo ebebagram uoce. e. caldo denatura, 
LA VOCE grande procede da gran quantità daiere ebe fe meue 
dalle parte del pulmone alleparte dela golacquefto non pioccd* 
fe nò da calidita de natura perche ìlcaldo naturalmente moue f orte 
ogni coffa . bauendo adonque lbuomo gram uoce non procede fe 
non dacalidita del pulmone e. del cuore:8c effendo leparte fpirtua 
le calde 8c confequentemente lauirtu de tuto ilcorpo etiamd;o 
calda, 

PERCHE meglio fe ode de nocìe ebe de di 

ELD1 bainfepiumouimcntie.uariifoni e ftr epiti e 1 ano ci e e più 
quieta 6c ogni cofa tace e.fta quieta e perebeuno fuor.o nò laffa bé 
udire laltro ma meglio fe ode quando ogni cofa ft a quieta: Impero 
fe ode meglio una cofa dinocìe ebe di giorno. E lacafiòecV mol 
ti mouimenti cidi fie laprefentia del fole fopra della terra ebe cum 
fuoi ragi moue laiere e fareuegliare ogni animale doue p fua atfen 
tia remane laiere priuato de mouimenti:8c ogni animale cerca fom 
no cripofo» 

PERCHE laqua freda fa fuono più fottile caf cando giofo ebe no 
fa lacqua calda ♦ 



QVANTO lacofa e. più grauc tanto più lido cernente defeende c 
piuuelocementemouelaiere de confequentemente failfuonopiu 
acuto erottile che lacalda. 

PERCHE in quelli che ufano de molte uigilie e . ebe dormeno po 
co lauoce e.pm afpcra e rauca* 

PER lotroppo uegbiarefefa cattiua digeftione e generaffe et mol 
te fuperflmta:Iequalefeunifcono poi nela canna ctl pulmone :do 
ueba apaflare laiere*Sicbe liberamente nò poflendo paflfare £a A 
perita e raucedine de uoce* 
PERCHE ilfale gettato nel fuoebo fifuona, 
LAIERE moffo cum impeto e.cafione de tutti lifuoni e uoce,Elfa 
lebaalquato bumido nlquale per lofuoco fe fottiglia c«rarifica e* 
coucrtele in aiere:elquale cu$ uiolentia fencF effo fale & efeiefuora 
e . quefto nò e altro ebe fuono . Cuffi fa lacaftagna quando non « e* 
caftrata ebe eflendo molto bumidaperlocaldo del fuoco fe fotiglia 
c douenta uapore aereo nlquale non potendo ftare in cufii piccolo 
luocoe.non ntrouando fpiraculo fencF per foiza ilcortice e.cuu o 
lentia efeie fuora facendo gra^ fuono :doue fe e, caftrata quel uapo 
re ba lauia del fuo refpiro . 

PERCHE dopo mangiare lauoce e. più afpera. 
ELCIBO refcalba leparte anteriore traber.do ilcaldo aquelle :8c il 
calio tira nnebe affi più bnmidita deebe quelle parte foro àebe più 
bumicP Jmperbo linftrumenti delauoce abondano più de bumidi 
ta:Iaquale e cafione de afperita deuoce e per quefta cafione noiue 
demo ebe molte uoltc Ibomo dopo ilmangiare udendo cridare fó 
te fe 1 interdice lauoce* 

PER CHE fuon più balbutenti liputti ebe glbominifacìi. 
LH VOMO ba quefta prerogatiua traglialtri animali de parlare 8c 
bauere laloquella determinta de uoce littere e.fillabe laqualedeter 
minatione riebiede lalingua eflere fin cera e*fenza babundatia de 
bumidita fuperflua. Quanto adonque lalingua e più pura e noeta 
de bnmidita extranea parla più determinatamente nel fuo proferi 
re lalingua adonque di putti quanto fono più piccoli de età tanfo e 
piubumidajlmperbo balbotteno non proferando ben^e leparole: 
e quanto uengono più nela età deficcandofli più quella bumidita 
«engono aparlare meglio • 

PERCHE feritrouano anebe dellibuomini facto cbefonnobal 
butientì* 

DADOE cafion e può quefto prouenìreuna e»p defecfìo demufeu 
li e lacerti ebe moueno lalingua quando fono contratti o uer bricui 



o • indurati o* altramente difpofli:Sicbe lauirtu non può liberameli 
te mouere lalingua mediante quilli.Laltra cafione e. quando effali 

f;ua e .comporta da groffi bumori nela fua generatione che refulta 
alingua molto groflatper laqual grofleza non può lauirtu mouere 
dicìa lingua e confequentemente non può articulatamente parlare 
PERCHE libalbutientinon poffono parlare piano» 
QVANDO lalingua e impedita non può facilmente 1 auirtu moue 
refe non cum qualche (forzo & impeto tVndetardado ìlparlare o 
non poffere mouere lalingua liberamente: Volendoffi fforzare cuj 
impeto dimouerla manda fuora laiere dalpulmone & i quello mo 
do pai la forte* 

PERCHE in quilli ebe fe exercitano fortemente 8c in Iitimorofi tre 
ma lauoce. 

MO VESSE licore de più moaimenti è trema in quelli ebe fe exer 
citano e*nel timore dalquale cuore procede lauoce: Vnde treman 
do licore laiere ebe fcacciato dala uirtu ebe e nel cuore femoue fecu 
do ilmommento de effo cuore. fa adone» più reueiberatione come 
f a ancbeilcuore de molti batimenri neffuo moto tremulo. 
PERCHE LHVOMO fadepmmanciredeuocecbenefluno de 
gli altri animali. 

LA VOCE delbuomo aduegnia ebe fia una*materialmente niente 
dimeno fe diuerfifica fecondo diuerfe ctarticulatione ebe nò poffo 
no fare li altri animali «Imperbo lbuomo ba diuerfe uoce perche di 
uerfifica lauoce fua cum diuerfi modi de proferire 
PERCHE alcbuni animali parlano et articulatamente Se alcbu 
ni non. 

ALPARLARE dearticulatamente doe cofe richiede: Vna e, la im 
maginatione laqual moue lalingua adexpnmere lafua fimiLtud ne 
Lafecundae:lorgano debito de effa lingua Idio adonque e. lanatu 
rabafacìo lallgua nelbuomo adoi fini: Vno e. comune atutti glial 
tri animali che hanno lalingua acio che congreghi e aduni laf aliua 
nelaboccba : laquale mediante fegufta ilcibo e.quefto fine e.cV effe 
tia e? tale animale acioebeguftando ilcibo lopigli cum defiderio e. 
di quello fe nutrfca.Laltro fine e.particularenelbomo ad exprime 
re liconcepti dela mente fua per uarii concepti che lui banel fuo in 
telicelo enonbauendo lianimali bruti anima intelleeìiua non ban 
no bifogno di loquella.E imperbo ba f aefro lanaturalaloro lingua 
groffa 8C ìepta adeiote qlla de lbomo ba f acìa forile e difpofta alpar 
re E feWono altri animali che parlino quefto non e cu imaginatio 
ne ma bauendo lalingua alquanto lottile udendo parlare lbuomo 



fe uuole affimigliare aquello e fare lauoce con fumile eie arti cui atìoe 

come lhuomo ma non intendeno quello che dicono* 

PER CHE ode meglio coloro ebe tengono ilfiato : e quefto noi ue 

demoneli cacciatori che comandano douere tenircilfiato quando 

uoieno udire futilmente o «uccello o . altra faluaticma 

QV ANDO fe retiene il fiato lorgano delaudirofe apropinqua più 

alle parte defuora e confcquentemente meglio può lauoce ,o .uere 

ìlfuono aproximarfe* Ancb percbilfiato fa fuono dafmlquale 

iuono li probibiffel audire ♦ 

PERCHE cbi butta un pocco defalcnelgramfuocofuona manco 
ebe fel fuffe gittato nelfuoco minore • 

SELSALE debbe fare fuono bifogn a ebe lbumido ebref erato de 
tro cum uiolentia efea fuora e feinda effo fale «Quando ador cjj ilfa 
le e, gittato nel gram fuòco fe confuma e .bruf a prima lbumido de 
effo ialeebe efea fuora cum uiolentia e cuffmon può fare gram fuo 
no come fel fuffe gittato in uno f uocbo mediocre ebe non ba tanta 
portanza debruf are e.confumarefi tofto:ma prima fottiglia Ibi-mi 
do efi loconuerte in uapore ebeufeendo fuora cum uiolentia 
fa fuono. 

PARCHE lalingua in ogni animale e «priua depinguedine«o.ucr 
degraderà. 

OGNI cofa graffa e denfa e.fpiffa lalingua de fua natura e rara. e* 
fpongiofa fe ladebbe effere inftrumento debito del guftare non co 
uiene adòque lagraffeza cum lacomplexione delalingua. 
PERCHE folo lbuomotra glialtri animali douenta muto» 
LHOMO traglialtri animali douenta furdo e leffer muto ,fcep da 
uno medeffimo fundamento:dalquaIe procecF lafurdita?pcrcbe la 
lingua e colligata cum loinftrumento delaudito debe offcfolorga 
no delaudito fe offcncF lorgano del parlare;Cumciofja cblanatura 
ba fatto ilparlare ordinato a laudire deebe mancando laudire man 
ca etiamdio confequentemente laloquella. Ancb laloquella nò 
còfifte folonela uoce.manele delarticulatione de più uoce & effer 
muto e. amancare delloquella e«non e. amancare deuoce.percbc a 
ebe uno muto ba uoce aduegna ebe nò babbi loquella. perebe adu 
eba lianimali brutti non hanno loquella imperbo anebe non poffo 
no douentaremuti* 

PERCHE meglio feocF un fuono fuora decafa effendo in cafa efe 
effendo fuora de cafa e uegnendo ilfuono o»ueruoce deesfa. 
r A VOCE o .uer ilfuono unito nel organo delaudire meglio feod' 
ebe quando e difgregato e difunito, Vegnendo adonque ìlfono fo 



ra de cafa fe unifle nela eoncauita dela cofa Tmperbo fe o de meglio 
Ma ucgnendo ìlfuono de dentro fuora benco fia unito per lacor ca 
uitadella cafafe uiene adefunire e.diuidere :Impeibo feede 
tnanebo. 

PERCHE ilporrogiouaallauofe. 

ELPORRO ba una certa bumidita uifcofa purgatiua abfleif ua,e 
mundificatiua della canna del pulmone ÒC imperbo darifica 
lauoce» 

PRCHE feocF meglio unauoceo*uer un Tuono defuxoirg ofo co 
degiofo infuxo, 

PER doerafione accade quefto:Vn a fiecb lauoce non e^altrocfr 
exito delaiere fuora di animale reuerberando ala canna del pulmo 
ne. E perebe cum quel aiere e acompagnata certa bumidita ebe fa 
laiere graue per lagnai grauita pm tofto defcencP ebe afcencF e ce fc 
quentemete meglio fe ode defuxo ingiofo ebe degiofo fuxo • la 
fecunda rafione decio , e eh lauoce bendar do natalmente ratro 
uando laiere ebe ref (Tre fe rcpercute allingiofu : VncP refranger d« f 
fi non fe ode cufTì bene :eome defeendar do perebe laiere r or. fa ri 
ta refiftencia.E lacafione fundamcrtale de tutto quefio e, ebe la e 
re di fua natura più toflo defcéde ebe afcecP 

PER CHE lauoce palla per cofe folide e denfe e lacofa ebe fruect 
non lipuo pattare comete laluce e doueria ettere Scontrano perefr 
laluce e.piu fpirituale e - fottillc eh laudto e confequétemète lofuo 
obiecìo ebe laluce e. più fpintuale e fot ille ebe lauoce cfc e obiecìo 
de etto aud.to . Ma perebe lacofa ebe fe uede nò multlplica l)fi 01 ra 
g^ aluedere fenon per eldrito e. quando rituoua in quella drirnra 
ilmeg-o cbìaro e diapbanotzoe trasparente penetra f;no a T ocbio 
ckiui produce uifionetcbefe latrouafe un megio derfo no tranfpa 
rente non poria penetrare allocbio e.eonfequenremente non fe po 
ria uedere :De natura adoncp dello obiecìo uifualc e . fe lui de mul 
tiplicare fua ima^ine allocbio ebe tra quclo e locbio fia uro me^'o 
tranfparentcc.diapbanobecbctalmeg ; o futte erotto e, denfo-co 
me appare del uctro ebe non e porrofo & e grotto e fimilmentc la 
qua cbenonetropoporrofaSCe.moIte uolte grotta e nietedimcro 
feuedeno lecofr per eluetro e per laaua 5c e rafionc della hocco. 
nerfuono amultiplicare fua fimilitudine allaudito per megio e ba 
bia porrofitano obftate ebe fi a no dinpbanc ne trar.fparente e ; p C r 
o^ni modo e .uia e non folo per ladrittura come fa lobieeìo del uifo 
Imperbo fe ode lauoce per ogni luoco ma non fi uede fe non aldrit 
to. Diciamo adonquecbelauoccpenetraperilmcgio nontranf 



parente effendo porrofo epoflo che tal megìo nonbaucffeporrofi 
tainfio.baueffenepocbee,fuffe alla drittura dellaudito fiche lauo 
ceno potette bene penetrare per etto megio allauditotnientedime 
no anche fe auderia perche non poffendo pattare lauoce per ildnt 
to pattarla per altro luoco come e, di Tua rafione ad andare allaudi 
to per ogni luoco:c*daogni parte e. quello repugna alla natura 
della coi a che fe ued\ 

PERCHE non fe ode nel aquama feuede* 

L AQuA e «corpo tranfparente e diaphano : V nd' per lacafione die 

ta fe può uedere lacofa che e,nelaqua*Ma effendo laqua non poro 

fa non può penetrare ne il fono neilauoce g etta:Impho non fe po 

audire per laqua come p debito megio, 

PERCHE colui che ha lauoce grande & alta e, audace, 

LA VOCE grande de alta procede da calidita decuore ccme.e.fta 

to dicìo e dal a calidita del cuore procecF audacia. Ancb lacalidi 

ta e.cafione de amplificarci allargare lacanna delpulmone dacb 

procecF lauoce grande* 

PERCHE lbuomo cbebalaloquella uelocee fcftina,e,dcpocbo 
tnteHecfto fiC cirafcibile.e.depraui coftumi* 

OGNI uelocita e. feftinatiòe procede da fuperbabundantia d' cai 
do talihuomini adòqua fcftini cueloci nela loquela fua fono rrol 
to caldi e. mutabili nele fue fantafie e opinione e. non baro ìlcapo 
ftabile deche non poffono hauerebuono intellecto. Dalaltro 
canto parlano ueloccmente e, non confiderano quel che dicoro, e 
per queftarafione fono irafibili e de cattiui cofttimi percb fono bo 
mini che uolentieri ingannano Scompagno p lauacillatione di fuo 
intellecfto che non fta fermo ♦ VncF effendo laloquella figno dela in 
tentióecF lanima8c ettèdo ueloce cfeftina Qrefto non e.fenccbc 
etta anima e.inftabile e molto mobile nelle fue operatione, 
PERCHE chi ha lauoce grotta e* non grande e. febiauo del fuo ué 
tre cioè non ebuomo eh fi afatichi, ma folo cura defi medeffmo . 
LA VOCE grotta che non e, grande procccF da debilita 3 uirtu eh 
non può infuri! are molto aierene mouere limufculi di pedo dbita 
mente e da queflro procede pigritia. e che tali huomini per fua pon 
derofita non faff aticano» 

PERCHE lbomocheba lauoce afpera e.inuido e, tienemale nel 
cuore fuo ♦ 

LA1NVIDIA procec? da triftitiacheha lbuomo del bene cV altri e 
lacafione di eio.e.lbumoremelenconicotVnd' linuidiofifono me 
Icnconici e .la afpcreza della uoce prouenc da afpcrita della canna 



del pulmonetlaquale fe genera da frigidità € Siccità <P complexice 
come forino limelenconicitEpercblimelenconici naturalmente fo 
no timidi Imperboilmalee.leiniquitacDelli banno nel cuore fuo 
non lemanifeftano o timore. ma leriteneno nel cuore» 
PERCHE lbomo cbbalauocefuaue amodod'donnae.fegno di 
poca f apientia & ìntelleCÌo ♦ 

LACASIONE dicioe,ftatafpeffeuoltedicìa:cbelbomocfefe af 
fimiglia alanimale depoebo intellecìo inqualcb membro o,uer ac 
to e.fimile alui ancbe in coftumi:Cbi feaf ornigli a adonque allafe 
mina che esanimale de poebo ìntelleclo inqualcb acìobifogna an 
cbecbefecundoilcorfo dellanatuxa fiadepoccbo intellecto ;e, 
prudentia* 



ERCHE bafaclolanaturain alcbuni animali elpulmo 
ne& alcbuni non* 

ALCHVNI animali fono di tanto calda natura ebbifo 

?;nono c? molto refrigerio alloro cuore perebe non fe infiammi ilea 
ore uitale:perlaqual infiammatone tofto uenga amancare Ibi mi 
do fubftantìale et effo cuore :Bifogno fu adonque alanaturadarli ìc 
fngeno per doe uie. Vna per leparte cutanee attrabendo laiere per 
leartarie eh confinano cum ledile porrofita p refrigerare illoro co 
re. Laltra uia fiemediante lacanna di pulmonc attrabendo l?ie 
re prima ad effo pulmone e poi infurila quello aiere nel cuore Sor o 
poi alcbuni altri animali ebe non fono cr 1 tanto calore ebe bifogna 
no ditanto refrigerio m a fololib afta lama cF refrigerare & euetare 
il cuore per leparte cuttanee e leuie arterialelmperbo tali animali 
non bano pulmone. Ancbe lanaturaba f atto ilpu^mone come 
un mantaxe areccuere prima laiere e quello receuuto infufflarlo nel 
cuore acioebe laiere non off end effe il cuor e perfua frigidità, ma pri 
mafe alteraffe alquanto nel pulmonee cuffi alterato e d fpofto per 
uegniffe alcore e quello debitamente refrigeraffe fenza alcbuno 
nocumento 

PERCHE alcbuni animali refiatano 8c alcbuni non c.fimilmcnte 
alcbuni bano noce & alcbuni non ♦ 

OGA1 animale eh ba ilpulmone ba ancbe anbelito e. cbi maneba 
de pulmone manca anebo de anbelito perebe comee.ftato iié\o il 
pulmone tira affi laiere per refrigerare fi e il cor e, L anbelito adonqj 
non e«f ac*to fe non per e£Io pulmone e. finalmente per effo cuore» 



Inanimali adonque ebe non bannobifogno cf tropo refrigerio ne 
banno anche bisogno ne de pulmone:ne anebe ci" anbclito. Ma li 
ba proueduto lanaturaper altro modo come nomedemo nclipifci 
co nòrefpirano:Cucioiiacb eflédo fridi d* nrànò bario bifogno<£ 
Tefpiratòe^cofeqnteméte dpulmócMa lana liba dato cete ale leq 
le cotenuametemoueno £ tirare 1 ealealfuo debito refrigerio e c i 
tobafta aconferuare ìlfuo caldo naturale qualee, molto debile E fi 
milmente lianimali ebe bano pulmone bario ancb uoce Se e ilcótra 
cbi mancbadepulmonemancba anebe deuoce, 
PRCHE alcbuni animali efimilmentebominipoflono più lorgo 
tempo retenere lofiato cb nonfe furto cano nelaquao.ucrper altra 
cagione fuffocatiua:Sc alcbuni altri non poflono ftare tiopo fenza 
anbelito: ma tofto fe fuffocano 

OVANTO laminale e*piu caldo denatura tanto più babifogno 
derefrigerio e. cCfequentemente può manco ftare fenza fiato e.tof 
to fe fuftoca.Lbomo adoncjue ebe e. di calda natura tofto fe annie 
ga nellaqua molto più ebe lbuomo di natura freda E per queft a me 
delTima rafione lbuomo ebe e .impecato per lagola quanto ba ileo 
re più caldo more più tofto :e firnilmente cbi more de appcplcfia*c 
tier de male degozola. 

PERCHE iipulmone del fanciullo quando c.neluentre della ma 
dre e«ro(Io e^quando e*nafciuto e.biancbo, 
LAIERE e*cafione defbiancb are iipulmone ilquale de fus natura 
c roffo: VncF efTendo lacreatura nel uentredela madrenon refpira 
e. confequentemente laiere non teca iipulmone diebe remane rof 
fo come e. ftato creato. Ma ufeiendo fuora comincia arcfpirare e ti 
rare laiere ad eflo pulmone per ilquale aiere fiuiene adimbia 
care. 

PERCHE nafeie ilgraffo & una certa aqua circa ìlcuore eflendo d* 
calda ♦ e «ficca complexione perbo ebe lagrafleza & aqua fe genera* 
dal fredo e. non dal caldo* 

LAN AT VR A ba facto ogni eofa per lomeglio & abon fine ba fa 
to adonquelaqua e.lapinguedine circa licore, arefrigerarlo e probi 
birlo da in£lammatione*e.deficcatione ebe uegneriadal fuomoue 
re continuo ebe lui fa nel dilatarfe e.conftringerfe e dalifpiriti e ia 
gue caldi ebe fono in lui E tale grafleza & aqua fi genera dalla frigi 
dita del aiere cbeinfpira aquelle parte e, dal a frigidità dcla caflula 
eh contiene il cuore come fuflefuo tabernaeulo: 
PERCHE nel f ebriente ilpolfo douenta ale uolte grand & alcuol 
fpeffo e.ueloce più cb altempo di fanita e, doueria effer ileontrario 



percbe lauirtu e. più debile nelinf ermo ebe nel fano» 
HLPVLSO receue tre differente infi zo e. grand' e piccolo freque 
te e.rareuelocee<tarcF.e quefte differentieprocedcno datre cafice 
zoedaloagente cbe<uirtu motiua e.pulfatile e.dalo infhumcto eh 
e . lartana e dal fine ebe e • fecundo laneceflita de refrigerare ìlcnore 
Aleuolreadoque lauirtu motiua e, debile ma crefe e Iareccffita 
del refrigerio :Vnd* non polìendo lauirtu mouere lartaria e dilatar 
la grandemente bifogna che ìlrefngerio elqupl douerìa fare in una 
uolta attrabendo molto aiere lof aza m più uolte attraendo quelo 
aiere alcorein più uolte eh baucria facfto fel fufle flato forte in una 
uolta come accacF nelpeftilentiato ebe lauirtu douenta debiLff ma 
cFco ilpulfo e piccolo ma frequète e ueloce p lacafiOne dicìa A 1 
leuolte lauirtu e. forte e. lartana obediente ma laneceffita crefcedl 
refrigerio In quefto cafo crefeie ilpulfo intutte tre lediff crcntie ree 
gràdeza frequenta e. uelocita pofto cbelacalidita crefciut.. fi: mol 
tapercb e(Iendopoccafuccurreria lan atura alfuo kfegro fo!o ma 
gnificando ilpulfo e non lofrequentando ne uclccitar do c quàdo 
non può fuccurrere alfuo b.fogno cum una d fterertia filli (netto e 
alboracum piudifferentie come accacF nelfebrierte eh non e pcfti 
lentiato nel quale lauirtu fia forte, Allcuolte lauirtu e,dcbile 
c, lo i rifinimento c.Iobidiente ma lancceffita di refrigerio crefe uta 
c.albora ilpulfo e<piccolo e tardo ma frequète come e*rellct co e, 
confumpto ebe le artarie fon tante indurate per lagran d'ficcrtio 
netlmperko fono inobrdicnte alauùtu e rcfifteno fjcke lanor Jipo 
molto eleuare ne anebe in breue tempo : Vnd' ilpulfo rem ane pico 
lo c rarotenon poffendo proued~re lauirtu alfuo bifogno cum ue 
locita egrandezalifuccurre cum frequentano demorando troppo 
tra luna pulfationc e.laltra* 

PERCHE ba facìo lanatura. litigato lamilza8c ilfclle nclli 
animali» 

ELC ALDO naturale continuamente confuma e deficca ;bumido 
fubftantif ieo del corpo dcebe aconferuare lauita bifogna de refbu 
rationcballi dato adonque lanatura prirna labocca perlaquale lani 
m ale piglia ilnutrìmento 8c balli dato fecundario ilftomacbo donc 
feba acuocere tale cibo e. nutrimento ilquale co(fto e digeftido ba 
faclo terf'o ilfigato ebe babia atirare affi laparte fottile di quello la 
fando lagrotfeza e quella parte babbia aconuertrla inquatro burro 
ri zoe fangue collera flemma e melenconia: Vnd* della parte più te- 
parata nefafangue e della parte più calda e fottile ne fa collera.e* 
della parte più frigida 8c bumida ne fa flegma e della parte più ter 



rcftre melecoma" E pcbe ilfague cu Iialtri bumori no feria puro 
ne idoneo nutrimento anutricare ìlcorpo fe prima non fufie alqui 
to mundificato dalli didii bumori fuperf lui. Impcrbo ba fa&o lana 
tura lamilza ebe ba atirare afi lbumore melenconico e ctpurare ìlfa 
gue daquelo di ba fa<ftn ìlfellecbe tira afi lacollera e punf cbi ìlfan 
gue daquella.Manonbafacìo alcbuno membro cbefia deputato 
apurgare ìlflegma da elio fangue perebe ìlf legma e, conuertibilc i 
f angue quando ìlbifogn affé Impero lo ba fado paffare infieme cu 
effo fangue alle uen e :& anebe jrebe labia ad bumettarelimembri 
quando per quale o cafione fuffeno tropo deficcati. 



ERCHE incontinenti lbuomo come b a mangiato ceffo 
la (arac. 

LAFAME non e» altro ebe ur a trifta e dolorofa (etiCnti 
one della boeba del ftomacbo ebe proced dacofumptióe cY lbumi 
do fubftatifico come uoleno alcbuni:o . uer bumido cbilolo:come 
uoleno altri pelaquale confumptione leparte del ftcmacfco douen 
tano rugofe e. afpre e. luna tocca Ultra e cum quella exafperatóre 
e* corrugatone procecP uno mouimerto doloiolo alla boceba ccn 
Garrendoli lbumore melenconico dalla milza ebe anebora più cxa 
fpera e. corruga ledufìe parre Quando adonque lbomc ba man 
giato alcbune parte fottile del cibo tira affi lanatur:» dal ftomarbo 
e rempie quelleparte corrugate e*uacue per lacjualerepletione nò 
fi commette più quella fricatione ne moto doloxofo deiedidepaiti 
VncP p quefto ceffalafame* 
PRCHE lecofe acetofe inducono fame» 

OG NJI cola acetofa ba uirtu deficatiua : e confequen temente ba uir 
tu cF exafp erare e, corrugare leparte del ftomacbo dacbe feguitafa 
me come e.ftato diefro, 

PERCHE ìlftomacbo fredo cF complexione meglio apetifee ebe il 
ftomacbo caldo ma manebo padiffe eh quello 
LAFRIGID1TA del ftomaco uniffe e ftrenge prima leparte ci 1 fto 
maco e. per quella conprexione fiuiene adufeire lbumido fubftàtifi 
co e cbilofo e. confequenteméte fi corrugano & exafperano diete p 
te come noi ueetmo in un a fponga piena daqua eh compreffa e ftre 
d:a dala mano efeie fuora didla aqua e .remane lafponga deficc ata 
8C afpera cufli accacP nel ftomacbo frigido. & Imperbo lapetito fuo 
e. grand* ♦ Ma macho padiffce perebe ladigeftione fi famedianteil 



calào e,corrumpcÌ'i o loFrcdo Incótrario eoicl itomacbo caldo cB 
p fua calidua paduìc bene m a lafua candita d.floluc molta bumidi 
ta e «quella fa correre allabocba-del ftomacbo per laquale remane 
lapetitofaciombeuendofli quellanelcparte del ftomacbo cinque 
fio modomaneba lapetito ebe non e. culli exccffiuo nel ftomacbo 
caldo comce.nelftomacbofrigido* 

PERCHE alleuolte uieneuno apetito canino ebe quanto p;u Ibu 
omo m angia tanto più uori a mangiare : 

LAPET1TO e .ftatodicfto proce<f da confumptione delbumido 
fubftantifi co del ftomacbo corredoli una certa qualità : cbecxafpc 
ra e confrica leparti delftomacbo infierne , Da due cafione adonb 
principale prouiene tale appetito canino: Vna e grande frigidità 
delabo^ba delftomacbo ebe comprime et exprime Ibumido iubfta 
tiale e cbilofo continuamente. E laltra cafione e una gràde callidità 
cum grande cuacuatione de tutti Lmcmbri delcorpo :perlaqual cai 
lidita effendo euacuati tirano molto dalftomacbo e fciugbano lbu 
nudo fubftanfale diquello Vnde per laprima caxiore noi uede 
mo ebe bbuomini flegmatici ebebanno di molto flegma uifcofo e 
uitreo nelftomacbo mangiano difperatamente e più ebe Lbucmini 
di calda natura* E per 1 afeconda cafione noi uedemo : ebe licon 
ualefcenti e quelli ebe fonno molto euacuatibanno cetmuamentc 
fame e ben mangiando non fe laponno torre tanto tirano forteli 
membri circunftanti ìlnutnmento dalftomacbo.. 
PERCHE alcbuni animali ebe danno linuerno nelle cauerne no 
barino fame ne fete • Vndenon mangiano ne beuenoper tutto c^to 
linuerno come fonno alcbuni ferp enti. 

SONNO alcbuni animali ebe fono molto bumidi debumidita uif 
cefa e tenace e fonno dinatura molto freddi ebe foprauenèdo ilfi e 
do delinuerno tilfuo poebo caldo tanto fe debilita ebe ne può rifol 
uere ne deificare molta quantità di quel bumido . Anzi ftàno comò 
mezzi morti et alcbuni perifcono:tàto feuiene adebilitare ilfuo cai 
do Percbe adonque Ibumido fubftatifico dimembn m tali anima 
li non fe confuma nellinuerno dallo caldo naturale per debilita di 
quello e per la uifcofita delbumido :Impero non cadeno infeme co 
me altempo delcaldo:nelqualeilfuo caldo naturale mortificato fe 
mene a reuiuire e confortare fopra ilfuo bumido e confequenteme 
te cqnfuma quello in modo ebe feguita fame, 
PERCHE coloro^cbebanno lafcb re : nò banno elpiudelleuolte 
appetito ♦ 

DALCALDO naturale procederlo tutte lebuoneopexatione e na 



tarale: quando e "ben temperato e proportionato alfuobumido E» 
dalcaldo preternaturale i e impidifcono pch c,dftcmparato.e,d;f 
proportionato al corpo* Effe ndo adonebe ilcaldo febrilcdifptopor 
lionato alftomaco ìmpedife loperatòne delapetito & uniuerfalme 
te tutte leoperatione naturale ebe fono come ìlpadire attrabere afi 
ilnutrimento retenerlo debito tempo e f cacciar fuora Iefuperfluita 
PERCHE 1 iputtibanno manco fete cbeligioucni e ebe liuecbn e» 
doueria effere ìlcontrario perche hanno più fame liputi cbniffuno 
diquelli elafameprouene per confumptione ctbumido fubftantifi 
colliquale e» molto più tenace e difficile dariffolucre cbelbumido 
rorido:dalaquale confumptione procecP fete, 
QV ES TO quefito non dimanda lenoncbe effendo lbumido rori 
do più facilmente refolubile ebe lbumido fubftantifico perebenó 
tuenepiu tofto fete allanimale ebe fame anci noi uedemo ebe lepiu 
nolte primafebafamecbfete^Lafolutione dicioe.cbel caldo nata 
xale e. fundato nel Lbumido fubftantifico e non ne lbumido rorido 
Impero fe fa magiore confumptione cF lbumido fùbftantifico dal 
caldo naturale cbecP lbumido rorido .ma falle .magiore confumpti 
one d* lbumido rorido dal caldo extnnfeco ÒC acCidètale ebe cP lhu 
mido fubftantinco:VncF noi uedmo ebe nela eftate uicnc pm fete 
ebe fame per ebe il caldo extrieco e. magiore e, più forte cbel caldo 
naturale;elquale caldo extrinfeco rarifica e. lottigli a dcficcae.ccn 
fuma attrabendo affi lbumido rondo pel corpo dcebe proa d fi te 
perche non e* cuffi fonie abile e reflolubile lbumido fubftantifico 
dalcaldo de fuora feerfua tenacità come e. lbumido rorido, Ma ne 
Iinuerno fefortifica ilcaldo naturale dentro in eflo bumido fufcftà 
tifico: Vnde fe fa gram cofumptione dicuello dacke feguita gì ;m 
fame e.faffepocca refolutione de bumido rondo: Vrd' fi fa pocca 
fetee.ancbe acio adiutano lebumidita ebe for no referate allinucr 
no nel corpo ebe probibifconolafete:fe adonque ilcaldo naturale 
f uffe equalmente applicato albumido rorido ÒC albumido fubftan 
tifico feguiteria bene ebe prima douefle uenire lete ebe f ame :Ma p 
ebe più le applica albumido fubftatifica nelqle e.fundato cerne e 
ftato d;cT:o e nonne lbumido rondo, Imperbo e«piu fame ebe fete 
Diciamo adon que percb ìlputto ba più forte ilcaldo naturale e lbu 
nudo fubftantifico più futile ebe lealtre Imperbo incorre più fame 
E perche b a de molto bumido rorido e e? molte altre bumidita effe 
do bumido di natura :Per queftecafioneraro liuiene fete» 
PRCHE liuecbi banno più fete ebe ligiouene doueria effere ileon 
trano perche nel uecbio abonda molta bumidita e, continuamente 



irrora 8c bume £ta limembri. 

NELSTOMACHO di uecbi abonda un certo f legma nitroffo cf> 
continuamente deficca e. imbibe lbumido rorido di quei : Vr àt sd 
uegna ebe neiuecbi abonda molta bumidita nientedimeno quella 
aquifta una nitrofita ebe còtiuaméte deficca lbumido rondo cerne 
etftatodieìo e.confequctemetefa ucgnirefete* 
PERCHE quando lbuomo mangia gliuiene fete* 
ELCIBO imbeueinfi lbumido rondo come fa lafponganelaqua 
e.cufli uiene adificcare elio bumido deebefe caufalete 
PERCHE alleuolteperinfpirationedelaiere fredo come e.arefia 
tare l'opra delacqua freda f equità fete, 

ALLEVOLVE lafece procede da lnflamatione e. gram calidita et 
1 eparte fpirtuale peri aquale fedeficca lbumido rondo del ftomaco 
& inducclTe anebe ìflamatòrein eflo.Epetbo togliendo uia quda 
calidita di membri fpirtu ali mediante lainfpiratione del aiere fi ed 
do feuiene attoglicre anebora lainfhmmatione d* elTo ftomacbo e, 
lacaf/one ebe confuma lbumido rorido de quello. 
PERCHE lacieto caccia uialafetc. 

DO E fono lecafione ebe fanno uignirefete:Vna e corfurrpticne 
de lbumido rorido come e.ftato dufto.Laltra e infiammano re e ca 
lidica induclanellabocba dlftomacbo dallaquale icctincntt pioce 
de e(Ta fete. Vncr 1 aduengba ebe lift-fle cefumptior e de bumido io 
rido non fe faria nientedimeno fete fe prima non ic imfl^maile e* 
nfcaldafTe cdo ftomacko. Perlaquale infiammatene (e iv.ducc una 
tnftafenfatione ebe no e altro ebe fete percb culTi come lavarne nò 
e altro ebe dolore corrofiuo dellabocca dcliìcmacbo ebe preede p 
confumptione d bumido fubftantifico mediante lafrigidita ir due 
ti dal bumorc melenconico -cutfi lafete non e. altro ebe uro dolor 
ifhmmatiuo cbe procecF per confumptione e? lbumido rondo ime 
diante lainf lammatione ebe e. induca da quel caldo:o uer dalle £ 
te circunftante o .uer de effo ftomacbo o,ucr per caldo cxtnrfcco. 

Laceto eiTendo adonque fredo remoue lainflamatione e* calidi 
ta delftomacbo.per laqualefe cauf a fete .e. confequentemente re 
mouendofli 1 acaf ione feuiene aremouere leff ecfto • l L il 



ERCHE tagliato leuene cb fono dopo letempie douen 
talanima Aerile* 
ELSPERMA fecondo lapiu parte della fua corpulenti a defeende 



dal cerebro mediante leuene cb fono circa Ietempìe Impero taglia 
te quelle non può defeendere quella bumidita dalatefta* *Non 
deicèd* adonque dicìabumidita Spermatica perf acciamente alliluoc 
bi dela generarione S eh non fe può fare pf ecfta generatone : VncF 
P quello remane lbuomo fterile- 

PARCHE ponando cofe narcotiche e, ftupefadue fopra litefticuli 
douenta lanimalefterile* 

LECOSE ftupefatiue infpiffano lifpiriti del membro 8c alterare 
lafua complexioneimodo ebe diminuifcoro ilfuo caldo naturale: 
6C oppilla limeati e leuie doue dfeendeno lifpiriti e.lealtrc bumidi 
ta:Ponendo adonque lecofe ftupefattiue fopralitefticuli come «e« 
loppio elamandragolaefimile cofe feoppilla e reftrmge leuie per 
lequale defeende ilfperma allitefticuli ÒC altera lafua complexìone 
ficbe non pono dare uera forma prolificata ad eflo fpeima polio à 
cboracbelpoteffe defeendere :bencb ariftotile uolgia cbelaforma 
prolifica del fperma non f e piglia neh tefticuli ma nei uafi fpeima 
ticiiuoluti: VncF uole ebe lafrigidita eftupore d tale cofe ftxpef ati 
uepcruegna ìfino allidicìi uafunuoluti e.probibifca lageneratione 
per quel modo ebe e .ftato eliclo ponendo ìlfp erma pigliar forma 
nei tefticuli come uole galieno* 

PERCHE quando bruitici uolglionofc genera uno agnello maf 
cbio ligano iltefticulo ftanebo del montono e quando uogliono fe 
mina ligano ildritto. 

ELMASCHIO e*piu caldo ebe lafeminatVndelepiu uolteilma 
febio fi genera nel lato avito e lafeminanel fianco llfeme adòque 
ebe Va altcfticulo drito e molto più caldo ebe quello cbeuaalftan 
co e quello e c?fione a produre lbuomo mafcbio . Ligando adeque 
iltefticulo manebo corre tutto ilfeme cum lofpirjtoginitmo aldnto 
doue piglia caliditate e uigore affai ebe e cafone de produre ilfexo 
uirile* 

PERCHE alcbunì putì o putte fe aflomigliano alpadre & alcburi 
altri ala madre e apare cB ogni feto fe doueria affomigliare alpadrc 
e non ala madre. perche ilfeme del padre concore come a cimo efò 
male 8c ilfeme dela madre o uerilmeftruo concore comepaffmoe 
materiale 8c ogni fimilitudine e per rafione del formale e non del 
materiale* 

FACILE cof a feria a foluere quefto quefito tegnendo laopinione 
de Galieno ilquale uolfe ebe nò folo lofperma 3* lbuomo concoref 
fe ala generatone del feto ma anebora quelo d lafemina e uoleua 
ebe tutti doifpetmati concoreffeno adiue e pafliuezoe formalmen 



te e materialmente aduegna cbcl fpcrmadel Ibomobauefle più 31 
formale e acfbuo e quello della femina bauefle pm del materiale, e 
paffiuo. Ma fecundo lauia de ariftotile cbeuolfe ebe folamente 
ìlfperma et lborno concorrere acftiue e formalmente e c6 ìlmeitruo 
delaf emina concorrere palline e materialmente e *cbe ìlfpeima de 
lafemina per niente concurra ala generation e perebe inueronon 
cfpermama e fuperfluita cb e Colora cbelamatnce tira ali e abracc 
la ilfperma de lbuomo per ladele&atione ebe (ente lafemina nel 
a ciò del coito Ma quefto non enecelTano fecundo lui perciò e «mol 
tobem podibile ebe lafemina concepifcareceuendo ìlfemedc lbo 
mo feza ebe lei fe corrumpa fecundo quefta dicìauiacP ariftotile» e 
molto più difficile afolucre come lacreaturafe afomiglia ala madre 
Diciamo adonque fecundo ella uia de Ariftotile laquale e uera 
ebe per tre caf ione in tri modi f 1 può aiTomigliare lacreature alla 
madre* Vna. e.perqualcbe fortiflima conftellatione ebe regna in 
quellabora della conceptione per lamadre e non perilpadre: per 
laquale conftclattone fe imprime nel feto laimagine efimilitudine 
de ella m adre come dice Ptolomeo ebe lef ace e .t gure ci quefto mò 
do fono f ubi ede alle face e figure del cielo *L afecui. da caiione apf 
fo de Ariftotile e laforte imaginatione ebe ba lafemina inquel a<fto 
perlaquale fe imprime Iaefigie fecundo quellafpetie e imaginatoe 
ebe lei ba ne lamentefua. Laterza caf ione e una grande debilita cb 
e nela uirtn informatiua del fperma de lbuomo ebe alboranon pof 
fendo quella uìrtu imprimere lafimilitudine e figura delpadie nel 
meftruo dela femina£ accidente produce Iaforma alaquale epiu i 
cimata ditto meftruo. Ebe cbeqftauiacP Ariftotile fia più uera ni 
cntedimeno quela di Gallieno quàto alfentimento e più manifefta 
E quefto badi quanto a quefto capitulo :bencbe multi altri quefiti 
fi pofleno addure de quefta materiabaftino quefti alprefente E cu 
fe alaude de idio imponiamo fine a quefta opera e.bonore de fu a 
maiefta 8C a gloria e celfitudine del Magri animo Iclyto e generofo 
caualiero Millere Ziouanni di bentiuogli e» de tutta lafua gloriola 
Profapia* >? 

r * FINIS LAVS DEO AMEN; 

RONONIAE IMPRESSVM PER ME VGONEM RVGERI 
VM ET DONINVM BERTOCHVMREG1ENSES ANNO 
DOMINLMXCCC.LXXI1II.DIE , PRIMA IVLIL 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 




Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18 





Early European Books, Copyright© 201 1 ProQuest LLC. 

Images reproduced by courtesy of the Biblioteca Nazionale Centrale di 

Firenze. 

Pai. D.7.5.18